Home > Cultura > All’Oratorio di San Giorgio riprendono vita gli affreschi trecenteschi di Altichiero da Zevio

All’Oratorio di San Giorgio riprendono vita gli affreschi trecenteschi di Altichiero da Zevio

scritto da: Giuseppebettiol | segnala un abuso

All’Oratorio di San Giorgio riprendono vita gli affreschi trecenteschi  di Altichiero da Zevio

Giunge a compimento il “restauro percettivo” dell’Oratorio di San Giorgio, la “cappella degli Scrovegni all'altra estremità del Trecento” affacciata sul sagrato della Basilica del Santo di Padova. Grazie al sistema illuminotecnico innovativo, promosso dalla Veneranda Arca di S. Antonio con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e di iGuzzini illuminazione che ne ha curato anche la realizzazione i visitatori potranno sperimentare una nuova percezione degli affreschi trecenteschi di Altichiero da Zevio.


Risplendono di nuova luce le straordinarie decorazioni pittoriche dell’Oratorio di San Giorgio, edificio che si affaccia sul sagrato della basilica di Sant’Antonio a Padova. Commissionato come cappella sepolcrale di famiglia da Raimondino Lupi di Soragna, guerriero e diplomatico al servizio della Signoria dei Carraresi, i lavori di costruzione iniziarono nel 1377 per essere conclusi nel 1384 con la realizzazione del ciclo di affreschi dipinti da Altichiero da Zevio.

Preziosa testimonianza dell’impatto della pittura di Giotto a Padova e nel secolo dei Carraresi, le storie affrescate dei santi Giorgio, Lucia e Caterina d'Alessandria, la nascita di Gesù e la Crocifissione, presenti sulle pareti dell’Oratorio riprendono oggi vita grazie all’installazione di un sistema di illuminazione innovativo, promosso dalla Veneranda Arca di S. Antonio con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo edi iGuzzini illuminazione spa, azienda leader nel settore dell'illuminazione architetturale, che ne ha curato anche la realizzazione sotto la direzione dell’Architetto Antonio Susani.

La precedente illuminazione, con ingombro visivo tale da disturbare un’adeguata percezione della grandiosità degli affreschi, è stata sostituita da un impianto che si integra perfettamente nell’architettura, garantendo un effetto di assoluta omogeneità della luce. Incassi Laser Blade illuminano i soffitti a botte dell’Oratorio, mentre proiettori Palco e Robin ne esaltano rispettivamente le pareti più corte e l’altare; un prodotto speciale, infine, illumina in maniera radente le pareti laterali. Tutti gli apparecchi, installati su un binario che corre lungo la struttura lignea perimetrale, sono dotati di temperatura colore di 3000K e indice di resa cromatica pari a 97 per garantire elevato comfort visivo ed esaltare la ricchezza cromatica degli affreschi. L'intero sistema illuminotecnico è inoltre gestibile tramite il sistema di controllo Quick BLE e una pulsantiera Bluetooth.

«La realizzazione di questo progetto – dichiara l’avvocato Emanuele Tessari, Presidente Capo della Veneranda Arca di S. Antonioconsente all’Oratorio di San Giorgio di essere il primo dei siti che partecipano alla candidatura UNESCO ad adottare un sistema illuminotecnico ispirato a quello della Cappella degli Scrovegni contribuendo a rilanciare l'idea di un sistema condiviso di illuminazione per i siti coinvolti aumentandone l'aspetto di coerenza, qualità, coesione, e unicità, quali indicatori di eccellenza. Voglio quindi ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e iGuzzini illuminazione per il loro contributo. Il risultato straordinario di questo lavoro ci ha convinti, inoltre, a realizzare, direttamente e attraverso la ricerca di nuovi sponsor, il “restauro percettivo” anche degli altri due cicli di affreschi presenti in Basilica che partecipano alla Candidatura UNESCO: la cappella di San Giacomo, con le opere di Altichieri da Zevio, e gli affreschi di Giusto de' Menabuoi nella Cappella del Beato Luca Belludi. Tra gli obiettivi della Veneranda Arca di S. Antonio vi è la promozione di iniziative di carattere culturale volte a incrementare le occasioni di scambio tra la Basilica e la città e tra la Basilica e il resto del mondo. Ogni atto concreto che mostri l'interesse della città verso i luoghi candidati, dunque, diventa un indicatore importante del coinvolgimento della comunità tutta».

L’Oratorio di San Giorgio può essere considerato una “cappella degli Scrovegni all'altra estremità del Trecento”. La decorazione pittorica, affidata ad Altichiero da Zevio ha un punto di riferimento ineludibile nell’impresa giottesca della cappella Scrovegni e come questa culmina in un cielo stellato su cui campeggiano clipei raffiguranti personaggi sacri. In controfacciata sono dipinte le storie della nascita di Gesù (Nascita, Adorazione dei magi, Fuga in Egitto, Presentazione al tempio), sulla parete dell'altare la grande Crocifissione e, sopra, l'Incoronazione della Vergine. Sulle pareti lunghe si svolgono episodi della storia di san Giorgio, di santa Caterina d’Alessandria, e di santa Lucia. Nella parete sinistra, inoltre, ampio spazio è dato alla scena votiva in cui Rinaldino Lupi e la consorte Matilde, genitori del committente, seguiti da altri esponenti della famiglia in vesti militari, si inginocchiano alla Vergine, introdotti da san Giorgio e al cospetto di numerosi santi. Al centro dell’oratorio si ergeva la complessa struttura architettonico-scultorea dell’arca funebre del fondatore, di cui si conserva ancora il sepolcro lapideo.

Riportati alla luce nel 1837, gli affreschi sono stati oggetti di un importante restauro tra 1995 e 1997. Ed ora sono pronti ad accogliere i visitatori che potranno ammirarli sotto una luce nuova.


Fonte notizia: http://www.arcadelsanto.org/


arte | restauro | benni culturali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Quartiere Prà e Roberto Papaverone: 15 anni fa il restauro della Parrocchia del Quartiere


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


LO SPECCHIO ATTRAVERSATO


L’Itinerario delle Rocche nella provincia di Pesaro Urbino: viaggio tra i capolavori di Francesco di Giorgio Martini


Le telecamere che riprendono il "furbetto della spazzatura"


NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Basta la Gorgiera” ospita l’attrice Beatrice Schiros

“Basta la Gorgiera” ospita l’attrice Beatrice Schiros
Sabato 20 febbraio nel secondo appuntamento del podcast “Basta la Gorgiera” il Teatro de Linutile ospita sui propri canali Spotify e YouTube l’attrice Beatrice Schiros, vincitrice del Premio Mariangela Melato, del Premio Hystrio e migliore attrice al Roma Web Festival 2017 per la serie Caronte di Emanuele Sana. Se, citando Gigi Proietti, il teatro è il luogo dove “tutto è finto e niente è falso”, la costruzione del personaggio da parte di un attore, indipendentemente dal fatto che si trovi in sala, in un set cinematografico o televisivo, risulta fondamentale all’interno di quel processo collettivo che è la messinscena. Risulta quindi naturale chiedersi quale sia il lavoro che un attore deve fare, qu (continua)

FAI un Giro in Villa, Quarta edizione online per il Festival Laboratorio del Vivere la Villa Veneta

FAI un Giro in Villa, Quarta edizione online per il Festival Laboratorio del Vivere la Villa Veneta
Venezia – 15 febbraio 2021– Torna il festival “FAI UN GIRO IN VILLA”, organizzato dalla Presidenza FAI Veneto e dai Gruppi FAI Giovani della regione. La quarta edizione sarà interamente digitale e si svolgerà dal 20 al 28 febbraio con nove diversi appuntamenti ospitati su piattaforme digitali di videoconferenza Torna il festival “FAI UN GIRO IN VILLA”, organizzato dalla Presidenza FAI Veneto e dai Gruppi FAI Giovani della regione. Questa quarta edizione sarà interamente digitale e si svolgerà dal 20 al 28 febbraio con 9 diversi appuntamenti ospitati su piattaforme digitali di videoconferenza e sarà possibile partecipare accreditandosi nel portale https://www.fondoambiente.it/fai-un-giro-in-villa/« (continua)

Young Pop Rock Music Award: nasce la borsa di studio dedicata a Stefano D’Orazio

Young Pop Rock Music Award: nasce la borsa di studio dedicata a Stefano D’Orazio
Prima in Italia, la borsa di studio, ideata dal Maestro Diego Basso, direttore Artistico di Art Voice Academy e da Roby Facchinetti dei Pooh, darà annualmente, a partire dall’Anno Accademico 2021/2022, la possibilità ad un giovane talento del canto, di frequentare il percorso accademico in canto pop dell’Accademia, per ampliare le proprie capacità professionale e acquisire esperienza nelle modalità di gestione della propria performance in palcoscenico. Si esibirà inoltre in concerto con l'Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana diretta dal Maestro Basso in occasione degli eventi AVA LIVE Dare la possibilità a giovani cantanti di età tra i 14 e i 30 anni, di qualsiasi nazionalità, di crescere musicalmente e professionalmente attraverso il percorso accademico in canto pop rock del Centro di Alta Formazione per lo Spettacolo Art Voice Academy ed esibirsi dal vivo portando avanti il ricordo di Stefano D'Orazio, batterista e compositore dei Pooh, recentemente scomparso. Nasce da (continua)

Un gioiello per padre Placido Cortese

Un gioiello per padre Placido Cortese
In occasione della Giornata della Memoria e della posa della pietra d’Inciampo in memoria di Padre Placido Cortese, la Veneranda Arca di Sant’Antonio d’intesa con il rettore della basilica, p. Oliviero Svanera e la comunità francescana del Santo, collocherà all’interno del Museo Antoniano un “Reliquiario-Testimonianza” a lui dedicato. L’opera, donata dall’artista Paolo Marcolongo, conterrà al suo interno alcune schegge del muro del bunker in cui Padre Placido fu imprigionato a Trieste dalle SS nel 1944 e un frammento di carta dove padre Placido appuntò la parola “santo”. Era l’8 ottobre 1944, verso le ore tredici e trenta, quando Padre Cortese venne chiamato, con l’inganno, fuori del complesso della Basilica di Sant’ Antonio e catturato dalla SS tedesca per essere portato nella sede della Gestapo a Trieste, dove venne sottoposto a ripetute torture per estorcergli i nomi dei collaboratori del “Fra.Ma”, organizzazione clandestina sorta durante la Resistenza, di (continua)

Art Voice Christmas Songs 2020

Art Voice Christmas Songs 2020
Domenica 20 dicembre alle 18.00 l’appuntamento con il tradizionale concerto di Natale del centro di alta formazione per lo spettacolo diretto dal Maestro Diego Basso nel settecentesco Teatro Accademico di Castelfranco Veneto sarà trasmesso online “in prima visione” sui profili Facebook e YouTube di Art Voice Academy e del Teatro Accademico. Il concerto sarà ulteriormente impreziosito dal collegamento video con Roby Facchinetti. Torna anche quest’anno a Castelfranco Veneto l’Art Voice Christmas Songs, il tradizionale appuntamento di Natale firmato dall’Art Voice Academy, il centro di alta formazione per lo spettacolo diretto dal Maestro Diego Basso.L’evento, organizzato da Art Voice Academy in collaborazione con il Comune di Castelfranco Veneto (TV), il patrocinio della Regione del Veneto e i soci sostenitori dell’Acc (continua)