Home > News > Infrastrutture, Corradino: "Riformare il Codice appalti, modello Genova non sia sistema di riferimento"

Infrastrutture, Corradino: "Riformare il Codice appalti, modello Genova non sia sistema di riferimento"

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Infrastrutture, Corradino:

Parla Michele Corradino, ex consigliere dell'Anac e presidente di sezione del Consiglio di Stato


"Il modello Genova non può diventare il sistema per gli appalti in Italia. Il codice degli appalti va solo semplificato, ma non buttato via". Un consiglio per Draghi? "Basta con gli appalti tuttora cartacei, digitalizziamo tutto per poterlo controllare". 

Sono le parole dell'esperto di gare pubbliche Michele Corradino, ex consigliere dell'Anac e presidente di sezione del Consiglio di Stato, in una intervista per Repubblica.

“Il modello Genova è una storia di successo e come tutte le storie di successo va preso in considerazione. Tuttavia non possiamo ignorare il fatto che lì c'era una situazione molto particolare. C'era una spinta popolare, tutti eravamo d'accordo sulla necessità di fare subito il ponte, sulla localizzazione, sul come farlo grazie al progetto di Piano e i fondi erano già stanziati. Nella fase dell'esecuzione si è lavorato giorno e notte. Ma quella era una condizione del tutto straordinaria e non è detto che si possa ripetere. Gli appalti sono aumentati di numero e di valore a partire dal 2016 - prosegue Corradino -, proprio l'anno in cui è stato approvato il codice degli appalti, perché non riusciamo a passare rapidamente dalla fase dell'aggiudicazione a quella dell'esecuzione. Sono necessari degli aggiustamenti in termini di semplificazione. E tuttavia non credo che la struttura del codice possa essere modificata radicalmente. Soprattutto il codice andrebbe applicato integralmente perché alcuni pilastri non sono mai stati attuati. Penso per esempio alla qualificazione delle stazioni appaltanti, cioè al fatto che non tutti possono fare tutto, come accade oggi, mentre per gestire una gara è necessario dimostrare di avere strutture adeguate e personale preparato. Se il codice fosse stato utilizzato interamente ne sarebbe derivato un grande investimento sulla Pubblica amministrazione in termini di formazione del personale e di ammodernamento delle strutture. E il codice stesso sarebbe stato applicato più rapidamente e con minore contenzioso. In Italia gli appalti sono ancora cartacei per almeno un terzo,  bisogna digitalizzare tutto e poi bisogna pensare in grande, perché nel codice non ci sono solo restrizioni, ma anche strumenti modernissimi, di derivazione comunitaria, che consentono un dialogo forte e diretto tra impresa, mercato e pubblica amministrazione", conclude Corradino.

infrastrutture | modello genova | michele corradino | codice appalti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Appuntamento di aprile con La Tavola delle Imprese.


Fabrizio Palenzona in una lettera al Sole 24 Ore: Infrastrutture per la crescita del Paese


TERMINAL ISONZO 2: INAUGURATA OGGI, MERCOLEDI' 13 LUGLIO 2011, LA NUOVA STAZIONE CROCIERE DI VENEZIA


A giugno la Conferenza Annuale sull’Information Warfare 2013


DATA4 ANNUNCIA LA PARTNERSHIP CON NLYTE SOFTWARE PER I SERVIZI DI COLOCATION DI PROSSIMA GENERAZIONE


Premio di giornalismo “Brancati”, tra i premiati Massimo Giletti e Corradino Mineo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo: "Questo è il risultato delle faide interne"

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo:
Dichiarazione al quotidiano “Il Tempo” di Fabrizio Cicchitto, Presidente Riformismo e Libertà Caro direttore,arrivati a questo punto vale la pena di collocare in un quadro generale gli episodi incresciosi che si stanno succedendo uno dopo l’altro nell’ambi- to della magistratura. È inutile nascondersi dietro a un dito, dal 1992 ad oggi la magistratura ha sostanzialmente conquistato il potere nel nostro paese, con l’annichili- mento dei vecchi partiti e la riduzione ai minimi termini di que (continua)

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons
Presentazione in conferenza stampa Venerdì 7 maggio alle ore 16:30 Mood Italia Radio, la web radio nata da un gruppo di appassionati ed esperti della comunicazione, inizia in questi giorni la sua avventura. “Segui il tuo mood”: questo il claim ufficiale della Radio che prende il via ufficiale dopo due mesi di sperimentazione e aggiustamenti tecnici per entrare in sintonia con gli ascoltatori. Mood Italia Radio è già seguita da tanti appassionati grazie alla sua p (continua)

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita” - Intervista a Max Rendina

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita”  - Intervista a Max Rendina
Intervista a Max Rendina Max Rendina, lei ha raccontato la sua vita in un libro, pubblicato dalla Male Edizioni di Monica Macchioni. “La storia di un campione di periferia” è il sottotitolo. C’è tanta periferia nella sua esistenza e anche tanto dolore?La mia periferia viene dopo un abbandono. A tre anni i miei genitori m hanno rinchiuso in un collegio. Un luogo senza tempo e senza spazio. Ci sono rimasto fino a dodici ann (continua)

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”
Intervista con l'ex-deputato, oggi presidente di Polo Sud Amedeo Laboccetta, lei si è imbattuto personalmente nella malagiustizia dei Pubblici Ministeri, quella di cui parla Luca Palamara nel libro intervista di Alessandro Sallusti. Una malagiustizia che ti vorrebbe condannato sic et stantibus, a prescindere dall’esito di un eventuale processo…Io credo che tutti gli italiani siano vittime del Sistema descritto da Palamara. Perché tutti direttamente o ind (continua)

Caos Procure, Palamara: "Riformiamo la giustizia perché la legge sia uguale per tutti"

Caos Procure, Palamara:
"La favoletta della fuga di notizie che è colpa solo degli avvocati non regge più. Dobbiamo riformare la giustizia perché se la legge deve essere uguale per tutti deve avere lo stesso impatto sia il fascicolo che coinvolge la persona nota o la persona ricca che la persona non nota."  Lo dichiara Luca Palamara durante la presentazione del suo libro a Lagonegro. "E' il momento di fare una (continua)