Home > News > Infrastrutture, Corradino: "Riformare il Codice appalti, modello Genova non sia sistema di riferimento"

Infrastrutture, Corradino: "Riformare il Codice appalti, modello Genova non sia sistema di riferimento"

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Infrastrutture, Corradino:

Parla Michele Corradino, ex consigliere dell'Anac e presidente di sezione del Consiglio di Stato


"Il modello Genova non può diventare il sistema per gli appalti in Italia. Il codice degli appalti va solo semplificato, ma non buttato via". Un consiglio per Draghi? "Basta con gli appalti tuttora cartacei, digitalizziamo tutto per poterlo controllare". 

Sono le parole dell'esperto di gare pubbliche Michele Corradino, ex consigliere dell'Anac e presidente di sezione del Consiglio di Stato, in una intervista per Repubblica.

“Il modello Genova è una storia di successo e come tutte le storie di successo va preso in considerazione. Tuttavia non possiamo ignorare il fatto che lì c'era una situazione molto particolare. C'era una spinta popolare, tutti eravamo d'accordo sulla necessità di fare subito il ponte, sulla localizzazione, sul come farlo grazie al progetto di Piano e i fondi erano già stanziati. Nella fase dell'esecuzione si è lavorato giorno e notte. Ma quella era una condizione del tutto straordinaria e non è detto che si possa ripetere. Gli appalti sono aumentati di numero e di valore a partire dal 2016 - prosegue Corradino -, proprio l'anno in cui è stato approvato il codice degli appalti, perché non riusciamo a passare rapidamente dalla fase dell'aggiudicazione a quella dell'esecuzione. Sono necessari degli aggiustamenti in termini di semplificazione. E tuttavia non credo che la struttura del codice possa essere modificata radicalmente. Soprattutto il codice andrebbe applicato integralmente perché alcuni pilastri non sono mai stati attuati. Penso per esempio alla qualificazione delle stazioni appaltanti, cioè al fatto che non tutti possono fare tutto, come accade oggi, mentre per gestire una gara è necessario dimostrare di avere strutture adeguate e personale preparato. Se il codice fosse stato utilizzato interamente ne sarebbe derivato un grande investimento sulla Pubblica amministrazione in termini di formazione del personale e di ammodernamento delle strutture. E il codice stesso sarebbe stato applicato più rapidamente e con minore contenzioso. In Italia gli appalti sono ancora cartacei per almeno un terzo,  bisogna digitalizzare tutto e poi bisogna pensare in grande, perché nel codice non ci sono solo restrizioni, ma anche strumenti modernissimi, di derivazione comunitaria, che consentono un dialogo forte e diretto tra impresa, mercato e pubblica amministrazione", conclude Corradino.

infrastrutture | modello genova | michele corradino | codice appalti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Fabrizio Palenzona in una lettera al Sole 24 Ore: Infrastrutture per la crescita del Paese


TERMINAL ISONZO 2: INAUGURATA OGGI, MERCOLEDI' 13 LUGLIO 2011, LA NUOVA STAZIONE CROCIERE DI VENEZIA


A giugno la Conferenza Annuale sull’Information Warfare 2013


DATA4 ANNUNCIA LA PARTNERSHIP CON NLYTE SOFTWARE PER I SERVIZI DI COLOCATION DI PROSSIMA GENERAZIONE


Premio di giornalismo “Brancati”, tra i premiati Massimo Giletti e Corradino Mineo


Gianfranco Battisti: da FS Italiane piano di investimenti per AV e infrastrutture in Italia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pizzolante: “Suicidi fisici e suicidi morali. La macchina mediatica-giudiziaria uccide le persone”

Pizzolante: “Suicidi fisici e suicidi morali. La macchina mediatica-giudiziaria uccide le persone”
Pizzolante, la vicenda drammatica della dirigente del Ministero dell’Università e della Ricerca Giovanna Boda, che ha tentato il suicidio dopo un avviso di garanzia, lascia sgomenti. Ancora una volta in Italia un’ipotesi di reato equivale, o rischia di equivalere, a una condanna a morte. Che ne è della presunzione di innocenza fino alla condanna definitiva?E’ la macchina mediatica-giudiziaria che (continua)

Una nuova amicizia, un’altra umanità - Considerazioni di Pino Esposito, parroco di Cosenza

Una nuova amicizia, un’altra umanità - Considerazioni di Pino Esposito, parroco di Cosenza
A sei mesi dall’uscita, riflessioni a margine dell’enciclica "Fratelli tutti" Non chiedersi mai “chi?” prima di dichiarare il proprio amore. Non esigere comprensione piena e immediata delle persone di cui ci sentiamo amici. E se fondassimo la politica, la nostra società su questo genere di amicizia? – su quest’amore indeciso e vulnerabile, che non distingue l’amico dal nemico.Si lancerebbe un messaggio folle: “Non c’è nessun nemico!”. Ci lascerebbe insicuri con quel disatte (continua)

Caso Palamara, l'avvocato Rampioni: "Finti scoop di Corriere e Repubblica"

Caso Palamara, l'avvocato Rampioni:
"Finalmente anche Corriere della Sera e Repubblica parlano della vicenda Palamara. Lo fanno però evitando il lettore su una notizia che notizia non è, attribuendole valore di scoop. Oscurano tuttavia il contenuto informativo reale, i temi oggetto dell'audizione di Luca Palamara, chi sa come e da chi loro rivelato, con il gossip".Lo dichiara Roberto Rampioni, legale di Luca Palamara. "L’incontro no (continua)

Consip, Romeo Gestioni vince gara “Grandi Immobili”

Consip, Romeo Gestioni vince gara “Grandi Immobili”
La Romeo Gestioni è risultata prima classificata nella gara Consip denominata “Grandi immobili” per la gestione del patrimonio immobiliare della pubblica amministrazione. La società ha partecipato a 8 dei 24 lotti, essendo previsto tale limite massimo, ed è risultata ampiamente prima nel punteggio tecnico – con progetti che hanno distanziato di molto i secondi classificati – ed nell’offerta econom (continua)

Editoria, Cicchitto (ReL) a Il Giornale: “Caro Direttore siamo colpevoli per aver fatto informazione”

Editoria, Cicchitto (ReL) a Il Giornale: “Caro Direttore siamo colpevoli per aver fatto informazione”
“Caro Direttore, questa volta ci hanno beccati tutti con le mani nel sacco. Per cui rischiamo an che una incriminazione per associazione per delinquere.Lei ricorderà la affollata assemblea svoltasi presso la redazione del suo giornale per orchestrare «una campagna giornalistica a contenuto denigratorio, descritta ai capi che precedono, con la quale veniva offesa la reputazione di Esposito Antonio, (continua)