Home > Sviluppo sostenibile > Consorzio Promozione Filati - CPF: Assessment 4sustainability® 2021

Consorzio Promozione Filati - CPF: Assessment 4sustainability® 2021

scritto da: Raffaella borea | segnala un abuso

Consorzio Promozione Filati - CPF: Assessment 4sustainability® 2021

Dopo aver promosso tra i propri associati una ricerca tesa a valutare l’approccio aziendale alla sostenibilità sulla base delle iniziative della roadmap 4sustainability®, il Consorzio ha elaborato una serie di progetti funzionali a incentivare un modus operandi sempre più sostenibile


Come gestiscono gli associati al

Consorzio Promozione Filati - CPF

il tema della sostenibilità? Quali le buone pratiche adottateperla riduzione dell’impatto ambientale, la tracciabilità dei prodotti e la transizione ad un’economia circolare? Quale l’attenzione riservataalla tutela dei diritti fondamentali, della salute e della sicurezza delle risorse umane?

Per avere una panoramica dello status dei propri consorziati, CPF ha affidato a ProcessFactory (società di consulenza specializzata nell’offrire a brand e filiera soluzioni integrate per lo sviluppo) la realizzazione dell’Assessment 4sustainability® 2021, strumento che consente ad ogni azienda di definire la propria roadmap di implementazione. La valutazione, che ha preso in considerazione 6 parametri emblematici – Materials, Trace, Recycle, People, Chem e Planet - ha portato a risultati incoraggianti: la maggior parte degli associati risulta infatti aver strutturato procedure per monitorare la qualità della materia prima e il prodotto finito anche in relazione alla compliance chimica; aver ottenuto certificazioni di prodotto con l’obiettivo di sostituire le materie prime con alternative sostenibili a minor impatto ambientale e sociale; aver attuato procedure interne per la gestione delle informazioni di tracciabilità della propria produzione ed aver assicurato ai propri lavoratori la tutela dei diritti fondamentali e buone pratiche di salute e sicurezza sul lavoro.

Il panel e i risultati più rappresentativi

Ad aver risposto all’Assessment 4sustainability® 2021 è stato un numero rappresentativo delle diverse tipologie di aziende associate a CPF: il 57% sono imprese con un numero di dipendenti compreso tra 10/49 e il 35% tra 50/249, il 65% ha fatturato compreso tra 10/49 milioni di euro, il 57% conta sulla presenza di un responsabile sostenibilità e il 74% ha ricevuto un audit sulla sostenibilità.

L’analisi delle risposte ha portato a concludere che in termini di “Materials” – capacità di implementare una strategia volta alla sostituzione delle materie prime con alternative più sostenibili, fino alla misurazione e alla riduzione dell’impatto ambientale di prodotto con metodologia LCA-Life Cycle Assessment –per più del 50% del campione il monitoraggio della qualità della materia prima acquistata e/o del prodotto finito avviene su richiesta del cliente, o attraverso un piano di controlli autonomo e preventivo. Per il 78%, inoltre, lo sviluppo di strategie di sostituzione delle materie prime con alternative “a minor impatto” socio-ambientale è frutto dell’ottenimento di certificazioni come GOTS, GRS, FSC, molto richieste dal mercato.

Per l’iniziativa “Trace” – governo delle informazioni di tracciabilità dei prodotti e delle condizioni con cui sono realizzati lungo la filiera tramite la creazione di un vendor rating di sostenibilità basato sulla valutazione di requisiti sociali e ambientali – lo studio ha rilevato che il48%  delle aziende è “in grado di assicurare la tracciabilità di tutti i lotti dei materiali ricevuti dai fornitori diretti e delle lavorazioni esterne utilizzate. Sono invece allo studio attività di monitoraggio della filiera in termini di performance di sostenibilità”.

Riguardo al passaggio ad un modello di economia circolare (“Recycle”), ad oggi, il 70% delle imprese gestisce e smaltisce i rifiuti in modo virtuoso, senza però intraprendere azioni volte alla limitazione dell'impatto derivante. Da sviluppare sono invece le procedure per la corretta gestione e riduzione della plastica.

Gli step per una crescita consapevole ed etica

Questo Assessment – spiega Federico Gualtieri, Presidente del Consorzio Promozione Filati - CPF – nasce da una doppia volontà: da un lato avere una visione chiara di come le nostre aziende operino in materia di sostenibilità nella pratica quotidiana, identificando il loro minimo comun denominatore e intercettando le eventuali difficoltà che devono fronteggiare; dall’altro il desiderio di fornire un supporto concreto per migliorare il loro operato in ottica sostenibile. L’analisi dei dati ci ha portato a progettare un triplice intervento che consentirà di puntare ad una crescita etica e consapevole. Il nostro obiettivo rimane quello di portare alla luce opportunità di sviluppo, offrendo soluzioni perché ciò possa avvenire correttamente”.

Soluzioni che, in ambito di sostenibilità, promuovono l’adozione di una Carta dei Valori comune alle imprese consorziate, la definizione delle linee guida per l’identificazione in ogni azienda di un vero e proprio Sustainability Manager e la sua formazione attraverso corsi mirati. I training, erogati da Process Factory quale partner del progetto, prevederanno anche il coinvolgimento delle divisioni marketing e commerciale, così da permettere lo sviluppo di una strategia di vendita che faccia della componente sustainability un punto di forza. Queste azioni concorreranno anche a favorire il potenziamento di tutte quelle “best practice” funzionali a migliorare parametri come “People” – capacità di fare delle risorse umane la chiave per lo sviluppo sostenibile, tutelandone i diritti fondamentali, la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e, parallelamente, sviluppando programmi volti alla valorizzazione, motivazione e benessere organizzativo - “Chem” – eliminazione progressiva dai processi produttivi delle sostanze chimiche tossiche e nocive per uomini e ambiente  –  e “Planet” (articolazione di una strategia di riduzione dell’impatto ambientale derivante dalle attività produttive con riferimento a variabili come emissioni in atmosfera, consumi di acqua ed energia e contaminazioni delle acque di scarico).

sostenibilità | sviluppo aziende | impatto ambientale | economia circolare |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ROICA™ - ‘ESTENDE’ I CONFINI PER I CONSUMATORI CONTEMPORANEI @ INTERFILIÈRE Parigi


Biagioli Modesto presenta il sito di filati per maglieria


A un anno dalla sua rinascita, il Consorzio Capo Sant’Andrea tira le fila delle attività svolte


ECOTEC® by Marchi & Fildi: Nuove Partnership dimostrano il successo Internazionale e la continua crescita


ECOTEC® BY MARCHI & FILDI BELLO, ITALIANO E GIUSTO


Re.VerSo™ racconta una storia di economia circolare e design a Première Vision Paris


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LES PETITES MADELEINES: UNA RICETTA PER UNA PASQUA DAI SAPORI INATTESI

LES PETITES MADELEINES: UNA RICETTA PER UNA PASQUA DAI SAPORI INATTESI
Giuseppe Lisciotto, chef de Les Petites Madeleines, per la festività suggerisce un piatto in cui la tradizione degli ingredienti viene attualizzata dall’utilizzo, garbato e mai invasivo, delle spezie “Raviolo di pasta fresca al prezzemolo ripieno di spalla d’agnello al Barbecue su crema di pomodori grigliati”: la Pasqua 2021 celebra la pasta fresca e si insaporisce dei gusti decisi di curry e paprika affumicata. La ricetta, da replicare facilmente anche nella cucina di casa, è frutto della sperimentazione di Giuseppe Lisciotto, chef de Les Petites Madeleines, e della sua brigata che, con (continua)

La Sala Luce di Tollegno 1900 si veste con i lupi di Cracking Art

La Sala Luce di Tollegno 1900 si veste con i lupi di Cracking Art
Con l'esposizione "Lupi di luce", Tollegno 1900 e Cracking Art si incontrano nel nome di art&sustainability. Condividono il forte impegno sociale e ambientale. Hanno origini comuni – il biellese – e sono da sempre attenti alla promozione del territorio. Li unisce anche la passione per l’arte, rappresentata sia dai luoghi in cui si sviluppa la loro attività (spazi di archeologia industriale), sia dalle opere, uniche per utilizzo dei materiali (plastica) ed ispirazione (natura). Tollegno 1900 e (continua)

Feel the Yarn: nuova immagine e upgrade dei servizi per www.feeltheyarn.it

Feel the Yarn: nuova immagine e upgrade dei servizi per www.feeltheyarn.it
Lanciata lo scorso anno, la piattaforma si evolve massimizzando parametri di utilizzo come funzionalità, facilità d’uso, dinamismo e massima visibilità per le filature. Obiettivo: diventare “il miglior luogo per avere le ultime informazioni sui filati italiani”. Non si fermano le novità di Feel TheYarn per il 2021. Dopo aver dato il via nelle scorse settimane al nuovo concorso internazionale “Feel The Contest”, il brand, sotto il cui cappello rientrano le iniziative promosse dal Consorzio Promozione Filati – CPF, si rinnova on-line con la versione avanzata della sua piattaforma digitale. Uno spazio moderno, dinamico, user friendlye di estrema visi (continua)

2021: FEEL THE YARN LANCIA “FEEL THE CONTEST”

2021: FEEL THE YARN LANCIA “FEEL THE CONTEST”
Sono 28 i giovani stilisti che prendono parte alla prima edizione di una nuova competizione internazionale che li vedrà confrontarsi nella realizzazione di 2 outfits in maglia con i filati forniti da 28 aziende associate al Consorzio Promozione Filati - CPF. Il vincitore assoluto, che dovrebbe essere decretato durante la prossima edizione estiva di Pitti Immagine Filati, potrà creare una sua capsule collection interamente Made in Italy. Si apre nel segno delle novità il 2021 diFeel the Yarn. Il brand, sotto la cui egida rientrano tutte le iniziative del Consorzio Promozione Filati – CPF, lancia “Feel The Contest”, evoluzione del fortunato “Feel the Yarn – The Contest”, concorso rivolto agli studenti provenienti dalle migliori scuole internazionali di moda che, nel 2020, ha girato la boa dell’undicesima edizione.Il nuovo f (continua)

CONSUNTIVO 2020 SANGALLI SPA: AUMENTANO FATTURATO E PERSONALE. CONFERMA PER GLI INVESTIMENTI IN R&S

CONSUNTIVO 2020 SANGALLI SPA: AUMENTANO FATTURATO E PERSONALE. CONFERMA PER GLI INVESTIMENTI IN R&S
Le difficoltà legate alla gestione dell’emergenza Covid—19 non hanno fermato l’azienda di Mapello, dal 1979 in prima linea nella realizzazione di lavori stradali, produzione di conglomerati bituminosi e calcestruzzi, urbanizzazioni e sviluppo di infrastrutture. Con un incremento del 20% delle risorse umane e del 25% del fatturato rispetto al 2019, l’impresa guarda al futuro in modo proattivo. “Un anno in salita, in cui le sfide si sono alternate alle complessità di gestione di una condizione eccezionale. L’emergenza legata al Covid -19, con le regole di distanziamento sociale e conseguenti nuove modalità operative, ha rappresentato uno tsunami che ci ha portato a rivedere paradigmi lavorativi consolidati, aprendo la strada a nuove prospettive”, commenta così Marco Sangalli, titola (continua)