Home > Primo Piano > Una volta lo sport univa e rendeva felici, ora bisogna riorganizzarsi

Una volta lo sport univa e rendeva felici, ora bisogna riorganizzarsi

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Una volta lo sport univa e rendeva felici, ora bisogna riorganizzarsi

Una volta lo sport univa e rendeva felici, ora bisogna riorganizzarsi e non mollare. Sto approfondendo argomenti che hanno a che fare con la consapevolezza, passione, motivazione, mettersi in moto, costruire mete e obiettivi, realizzare sogni.


 

Una volta lo sport univa e rendeva felici, ora bisogna riorganizzarsi e non mollare. Sto approfondendo argomenti che hanno a che fare con la consapevolezza, passione, motivazione, mettersi in moto, costruire mete e obiettivi, realizzare sogni.  

Quello che raccontano tante persone è che lo sport rende felici, libera la mente da tensioni e problemi accumulati durante la giornata o nel corso di altre attività quotidiane meno piacevoli. Certo in questo periodo di pandemia tutto diventa più difficile. 

Tanti raccontano di sperimentare la gioia di vivere attraverso lo sport, vivere intensamente anche situazioni forti, superare crisi e problemi, uscire dalle situazioni più disperate e più difficili. Tutto ciò diventa una palestra di vita, si affronta la vita con più sicurezza, con meno ansie e paure. E infatti, in questo periodo di difficoltà e confusione bisogna mettere in campo tutto ciò che si è appreso nella pratica dello sport, soprattutto le tante crisi superate, per esempio in maratona e nelle ultramaratone, dove si sapeva che prima o poi sarebbe finita. 

Lo sport incrementa consapevolezza, sviluppa autoefficacia consolidando la fiducia in se stessi di poter far qualcosa, di riuscire in qualcosa; lo sport incrementa la resilienza, si affrontano e si superano meglio i problemi, le crisi, le difficoltà e gli insegnamenti ricevuti poi servono nella quotidianità ad affrontare le vicende familiari, lavorativi, relazionali. 

È importante partire da se stessi, notare se stessi, non dimenticarsi di sé, fare le cose ascoltandosi e osservandosi con attenzione a iniziare dal respiro e sensazioni corporee, per valutare i propri bisogni ed esigenze momento per momento e verificare se quello che si sta facendo è in linea con il proprio desiderio e il proprio bisogno.  

È importante e necessario contattare le proprie sensazioni in cerca del meglio per sé, considerando gli obiettivi che si vogliono perseguire con piacere, passione, motivazione, impegno con la consapevolezza che si possono fare grandi cose ma se arriva un impedimento bisogna essere resilienti e pronti al cambiamento, non abbattersi ma cambiare solamente gli obiettivi, rimodularli in base alle proprie condizioni fisiche attuali e riorganizzarsi.  

Bisogna avere la consapevolezza che per ogni problema c’è almeno una soluzione, chiuso un portone se ne possono aprire tanti altri e qualsiasi esperienza serve nel presente per conoscersi meglio cercando di andare avanti con pazienza, un passo alla volta, senza fretta. 

In linea di massima la passione per uno sport permette di sperimentarsi, condurre un sano stile di vita, salire su un treno fatto di fatica, gioie, relazioni, mete e obiettivi da costruire, situazioni da sperimentare che possono essere di riuscita, ma anche sconfitte e infortuni.  

Lo sport aiuta a elaborare situazioni e problemi, a trovare soluzioni, a progettare, a mettere in moto emisfero destro e sinistro; l’emisfero destro è più immaginativo, creativo, intuitivo, impulsivo; il sinistro è più razionale, calcolatore, pianificatore, programmatore.  

Ci vuole convinzione, grinta, forza, determinazione per dedicarsi ad un periodo di preparazione atletica che può richiedere sacrifici enormi, rinunce, spese, difficoltà, rischi, infortuni. La cosa importante è decidere le priorità, gli obiettivi e impegnarsi per il raggiungimento; più è alto l’obiettivo più è alto l’impegno. Il talento non basta per raggiungere l’eccellenza, l’impegno è di rilevanza fondamentale. 

 

sport | riorganizzarsi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dario Santoro, Campione Italiano Maratona: purtroppo lo sport non mi dà da vivere


Presentazione del libro “Lo sport delle donne" edito da Prospettiva Editrice


Viola Giustino e Dario Santoro vincono la “CORRENDO TRA I VIGNETI”


Marcia Muzzi, corsa: Il mio sogno è fare la maratona di Roma 2020!


Nicolas Forget, runner: Devo ascoltare il mio corpo e non superare il limite


Un mondo dietro lo sport, tanta fatica e impegno con passione e determinazione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fabio Giancarli: Un giorno per caso, appena dodicenne, ho scoperto la corsa

Fabio Giancarli: Un giorno per caso, appena dodicenne, ho scoperto la corsa
Non c’è un’età per iniziare a fare sport e non c’è un’età per smettere, si è sempre in tempo per scegliere uno sport o smettere di praticarlo, importante è lo spirito con lui lo si pratica che può essere giocoso da ragazzini e forse un po’ più competitivi da giovani e adulti per ritornare a giocare con il passare degli anni, con l’adultità. Fabio, amico di allenamenti che alcuni anni fa sono riuscito a coinvolgerlo nell’Atletica La Sbarra, racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Lo sport per me è un po’ come un incontro con me stessoMatteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Non c’è un’età per iniziare a fare sport e non c’è un’età per smettere, si è sempre in tempo per scegliere uno sport o smettere di praticarlo, importante è lo spirito con lui lo si pratica che può essere giocoso da ragazzini e forse un po’ più competitivi da giovani e ad (continua)

Ultrafranciacorta 12h, Paolo Bravi Campione Italiano 2021 con km 141,62

Ultrafranciacorta 12h, Paolo Bravi Campione Italiano 2021 con km 141,62
Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore corsa su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Il titolo italiano è andato a paolo Bravi, Grottini Team Recanati ASD, che è riuscito a percorrere nelle 12 ore di gara km 141,62, precedendo Stefano Emma km 136,72 e Mattia Di Beo km 132,57. Francesca Canepa SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottenendo anche il record italiano. Il podio femminile è completato da Lorena Brusamento km 121,71 che era detentrice del precedente record di 134,368 km ottenuto proprio nel 2017 nella seconda edizione di Ultra Franciacorta e completa il podio Elisa Bellagamba km 114,09. Ho immaginato che Mimmo (Domenico Strazzullo) mi incitasse, mi spingesse Matteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore corsa su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Il titolo italiano è andato a paolo Bravi, Grottini Tea (continua)

Ultrafranciacorta 12h, Francesca Canepa Campionessa Italiana e record

Ultrafranciacorta 12h, Francesca Canepa Campionessa Italiana e record
Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottenendo anche il record italiano. Il podio femminile è completato da Lorena Brusamento km 121,71 che era detentrice del precedente record di 134,368 km ottenuto proprio nel 2017 nella seconda edizione di Ultra Franciacorta e completa il podio Elisa Bellagamba km 114,09. Matteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottene (continua)

Ultrafranciacorta 12h, intervista a Francesca Canepa e Lorena Brusamento

Ultrafranciacorta 12h, intervista a Francesca Canepa e Lorena Brusamento
Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottenendo anche il record italiano. Il podio femminile è completato da Lorena Brusamento (GS Gabbi) km 121,71 che era detentrice del precedente record di 134,368 km ottenuto proprio nel 2017 nella seconda edizione di Ultra Franciacorta e completa il podio Elisa Bellagamba km 114,09. Matteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottene (continua)

Ultrafranciacorta 12h, Campioni Italiani Paolo Bravi e Francesca Canepa

Ultrafranciacorta 12h, Campioni Italiani Paolo Bravi e Francesca Canepa
Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore corsa su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Il titolo italiano è andato a Paolo Bravi, Grottini Team Recanati ASD, che è riuscito a percorrere nelle 12 ore di gara km 141,62, precedendo Stefano Emma km 136,72 e Mattia Di Beo km 132,57. Matteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore corsa su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Il titolo italiano è andato a Paolo Bravi, Grottini Team Recanati ASD, che è riuscito a percorrere nelle 12 ore di gara km 141,6 (continua)