Home > Ambiente e salute > IL PRIMO “URBAN SUN” AL MONDO DEPURA GLI SPAZI PUBBLICI DAL CORONAVIRUS PER INCONTRI PIU’ SICURI

IL PRIMO “URBAN SUN” AL MONDO DEPURA GLI SPAZI PUBBLICI DAL CORONAVIRUS PER INCONTRI PIU’ SICURI

scritto da: Itinera | segnala un abuso

IL PRIMO “URBAN SUN” AL MONDO DEPURA GLI SPAZI PUBBLICI DAL CORONAVIRUS PER INCONTRI PIU’ SICURI

Immagina un luogo migliore e più sano dove potersi di nuovo incontrare L’ultima installazione del designer olandese Daan Roosegaarde


IL PRIMO “URBAN SUN” AL MONDO DEPURA GLI SPAZI PUBBLICI DAL CORONAVIRUS PER INCONTRI PIU’ SICURI

 Immagina un luogo migliore e più sano dove potersi di nuovo incontrare

 L’ultima installazione del designer olandese Daan Roosegaarde

ROTTERDAM, Paesi Bassi - Ispirandosi alla luce del sole e alla ricerca scientifica, che dimostra come una nuova specifica emissione di luce ultravioletta a una particolare frequenza possa eliminare fino al 99,9% del coronavirus presente nell’aria, lo Studio Roosegaarde ha appena lanciato il primo “Urban Sun” (traducibile come “sole urbano” o “sole artificiale”) al mondo.

Daan Roosegaarde e il suo team di designer, esperti della materia e scienziati hanno sfidato se stessi e dimostrato come la luce possa essere usata per migliorare il nostro benessere.

Urban Sun, è un’installazione sospesa nell’aria, che genera un fascio di luce ultravioletta alla specifica lunghezza d’onda di 222 nanometri, che sanifica dal coronavirus lo spazio pubblico illuminato. È un’ulteriore modalità di protezione dell’ambiente, che si aggiunge alle attuali procedure di sicurezza del Governo olandese.

Urban Sun esalta la speranza di un futuro migliore e combatte l'impatto negativo dell'isolamento sociale, puntando a rendere più accessibili e sicuri i festival culturali, gli eventi sportivi, le piazze pubbliche, i cortili delle scuole e in generale i luoghi d’incontro.

Il lancio di Urban Sun è avvenuto nel luogo più iconico di Rotterdam, il ponte “Erasmus Bridge”, dove Roosegaarde, attraverso il video https://www.studioroosegaarde.net/project/urban-sun, ha rivelato il simbolo della speranza di un futuro più luminoso.

L'opera è stata valutata da ricercatori di tutto il mondo, tra cui la Columbia University e il Dutch Council of Public Health & Society.   

La scienza alla base di Urban Sun si basa su molteplici articoli redatti da scienziati della Columbia University e dell'Università di Hiroshima.

La ricerca mostra che la specifica luce ultravioletta (far-UVC) con la lunghezza d'onda di 222 nanometri può ridurre la presenza di virus, tra cui vari ceppi di coronavirus e virus dell’influenza, fino al 99,9%. Se la tradizionale luce UV da 254 nanometri è dannosa, questo raggio di luce specifico a 222 nanometri è considerato sicuro sia per le persone che per gli animali. *

Daan Roosegaarde: "Improvvisamente il nostro mondo è pieno di barriere di plastica e adesivi di distanziamento, la nostra famiglia ridotta a pixel sullo schermo di un computer. Cerchiamo di essere gli architetti della nostra nuova normalità e di creare luoghi per incontrarsi e interagire".

Progettare soluzioni

Lo Studio Roosegaarde ha studiato il potere della luce da molti anni. Il progetto autofinanziato Urban Sun è stato avviato già nel 2019, ma la pandemia di COVID19 lo ha reso molto più urgente.

Urban Sun può essere esposto in qualsiasi tipo di spazio pubblico e connette il design con la scienza per fornire soluzioni innovative. Urban Sun è una piattaforma per incontrarsi in un modo più sicuro e più vicino alle abituali relazioni umane.

Urban Sun è stato creato dal team di Roosegaarde, insieme ad esperti esterni e scienziati provenienti da Paesi Bassi, Stati Uniti, Giappone e Italia. La fonte di luce UV proiettata è misurata e calibrata dall'Istituto Nazionale di Metrologia Olandese VSL. Urban Sun soddisfa la Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti (ICNIRP).

Daan Roosegaarde: "Improvvisamente il nostro mondo è pieno di barriere di plastica e adesivi di distanziamento, la nostra famiglia ridotta a pixel sullo schermo di un computer. Cerchiamo di essere gli architetti della nostra nuova normalità e di creare luoghi per 

Lo Studio Roosegaarde ha studiato il potere della luce da molti anni. Il progetto autofinanziato Urban Sun è stato avviato già nel 2019, ma la pandemia di COVID19 lo ha reso molto più urgente. Urban Sun può essere esposto in qualsiasi tipo di spazio pubblico e connette il design con la scienza per fornire soluzioni innovative. Urban Sun è una piattaforma per incontrarsi in un modo più sicuro e più vicino alle abituali relazioni umane. Urban Sun è stato creato dal team di Roosegaarde, insieme ad esperti esterni e scienziati provenienti da Paesi Bassi, Stati Uniti, Giappone e Italia. La fonte di luce UV proiettata è misurata e calibrata dall'Istituto Nazionale di Metrologia Olandese VSL. Urban Sun soddisfa la Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti (ICNIRP).


Fonte notizia: https://www.studioroosegaarde.net/project/urban-sun


Innovazione | luce | raggi UV | coronavirus | speranza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’anno di maggior successo nella storia aziendale: Sun Contracting installa oltre 32 MWp di potenza fotovoltaica nel 2020


Sun Living affida al Gruppo Pubblimarket2 la comunicazione globale


Urban design: sai perché è importante?


Non c’è paragone: le energie fossili sono 40 volte più inquinanti delle rinnovabili


Sun Contracting in agitazione per il “fit for 55”: sarà una rampa di lancio per il prezzo del CO2?


L'Alieno di Alberto Nemo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’opera d’arte da 20.000 mq, intitolata GROW, di Daan Roosegaarde esalta la bellezza dell’agricoltura

L’opera d’arte da 20.000 mq, intitolata GROW, di Daan Roosegaarde esalta la bellezza dell’agricoltura
In un paesaggio da sogno, bagliori di luce blu e rossi si diffondono come onde su 20.000 mq di terreno L’opera d’arte da 20.000 mq, intitolata GROW, di Daan Roosegaarde esalta la bellezza dell’agricolturaLa nuova opera d’arte GROW del designer olandese Daan Roosegaarde è un omaggio alla bellezza e all'importanza dell'agricoltura. In un paesaggio da sogno, bagliori di luce blu e rossi si diffondono come onde su 20.000 mq di terreno agricolo, avvolti nell’oscurità. GROW si ispira alla scienza ed (continua)

Una linea di difesa nell'estremo nord dei Paesi Bassi

Una linea di difesa nell'estremo nord dei Paesi Bassi
Una linea di difesa lunga oltre 5000 km costruita nel nord dell'Olanda tra il 1942 e il 1945 per prevenire invasioni dal mare La storia della guerra nella regione del Mare di WaddenVisitando la zona del mare di Waddenzee, all’estremo nord dell’Olanda, le tracce di battaglie e guerre sono visibili ovunque. Qui sono infatti state costruite opere di difesa e combattute diverse battaglie. I Wadden si trovano in una posizione strategica già nota ai romani e ai vichinghi. Come Napoleone, i tedeschi erano molto interessati (continua)

Una linea di difesa nell'estremo nord dei Paesi Bassi

Una linea di difesa nell'estremo nord dei Paesi Bassi
Una linea di difesa lunga oltre 5000 km costruita nel nord dell'Olanda tra il 1942 e il 1945 per prevenire invasioni dal mare La storia della guerra nella regione del Mare di WaddenVisitando la zona del mare di Waddenzee, all’estremo nord dell’Olanda, le tracce di battaglie e guerre sono visibili ovunque. Qui sono infatti state costruite opere di difesa e combattute diverse battaglie. I Wadden si trovano in una posizione strategica già nota ai romani e ai vichinghi. Come Napoleone, i tedeschi erano molto interessati (continua)

5 proposte per il tempo libero nelle ex fabbriche Philips di Eindhoven

5 proposte per il tempo libero nelle ex fabbriche Philips di Eindhoven
Quando si pensa a Eindhoven viene subito in mente il design, la Philips e il calcio. Ma pochi sanno che la città è cresciuta e si è espansa all'ombra delle fabbriche del gigante delle lampadine e che si è improvvisamente trovata un'intera città industriale abbandonata quando l'azienda ha lasciato la città nel 1998. Ma lungi dall'immergersi in una profonda crisi, la città è riuscita a (continua)

Museo Boijmans e Ahoy insieme per una mostra drive-thru: un nuovissimo modo per visitare un museo

Museo Boijmans e Ahoy insieme per una mostra drive-thru:  un nuovissimo modo per visitare un museo
Inaugurata a Rotterdam una mostra drive-thru, dove i visitatori possono ammirare a bordo di auto elettriche o ibride oltre 50 tra opere d'arte e grandi installazioni della collezione del museo esposte nel padiglione di 10.000 m2 Il Museo Boijmans Van Beuningen e il centro Congressi Rotterdam Ahoy hanno stretto una partnership unica: una mostra drive-thru. Fino al 23 agosto 2020 è possibile visitare - alla guida di un’auto elettrica privata o a noleggio - il padiglione 1 di Rotterdam Ahoy: 10.000 m2 ricchi di oltre cinquanta opere d'arte di alto profilo della collezione del Museo Boijmans Van Beuningen.  &nb (continua)