Home > Lavoro e Formazione > Chi è e cosa fa un gestore di immobili

Chi è e cosa fa un gestore di immobili

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Il gestore di proprietà immobiliari? Può essere un solo professionista o una società. Oltre a doversi assumere tante responsabilità, deve avere competenze solide in più materie. Vediamo meglio perché...


Un gestore di proprietà immobiliari è un professionista o una società assunto per supervisionare le operazioni quotidiane di una qualunque unità immobiliare.
Sempre più spesso, proprietari di immobili e investitori immobiliari assumono gestori di proprietà quando non sono disposti, o non sono in grado di, gestire le proprietà in autonomia.

Quindi, il gestore della proprietà immobiliare agisce in nome e per conto del proprietario, con l'obiettivo di preservare il valore della proprietà mentre questa genera reddito.

Quali responsabilità ha il gestore di immobili

Le responsabilità del gestore della proprietà immobiliare potrebbero includere la supervisione e il coordinamento della manutenzione degli edifici, l'esecuzione di attività di pulizia, la risoluzione delle preoccupazioni e dei reclami degli inquilini, nonché la promozione per l'affitto delle unità immobiliari libere.

Ovvio che il gestore dovrà preoccuparsi di riscuotere gli affitti e comunicare al proprietario dell'immobile lo stato dello stesso. In pratica, per semplificare, il gestore della proprietà è gli occhi e le orecchie del proprietario: si assicura che i problemi siano affrontati in modo celere e che la proprietà stessa sia curata in modo professionale.

Quali competenze deve avere il gestore di immobili

La conoscenza del mercato immobiliare locale è fondamentale quando si tratta di offrire consulenza in questo particolare mercato.

Seppur importante, questa non è la sola competenza richiesta a un gestore di immobili. Un simile professionista, infatti, dovrebbe essere un buon amministratore finanziario, capace di tenere in ordine i bilanci e non farsi sfuggire nemmeno una virgola fuori posto. Dovrebbe avere anche ottime capacità di mediazione, per cercare di appianare eventuali litigi e incomprensioni fra il proprietario e gli affittuari dell'immobile.

In più, è bene che conosca tutte le novità in fatto di legislazione fiscale e tributaria. Deve anche saper coordinare altri professionisti e operai, qualora servisse il loro intervento per opere di manutenzione ordinaria o straordinaria.

Per concludere

Come vedi, il gestore di immobili ha grandi oneri da sopportare. La responsabilità di quel che accade nell'immobile a lui affidato è sua, per cui, se hai intenzione di affidare a qualcun altro la gestione delle tue proprietà, è bene scegliere qualcuno che abbia già dimostrato sul campo di meritare la tua fiducia.

Per simili esigenze, per esempio, puoi decidere di affidarti ai professionisti di RAM Group, il solo gruppo in Italia specializzato nell'offerta completa di servizi per immobili di ogni tipo e dimensione.

gestore immobili | gestore immobiliare | gestione immobili |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Immobili commerciali Bergamo


Il 2013: annus horribilis per il settore dell’edilizia


La pandemia abbatte il valore degli immobili richiesti: -5,4%


Emilia-Romagna: la pandemia abbatte il valore degli immobili oggetto di mutuo (-4,2%)


Liguria: la pandemia abbatte il valore degli immobili oggetto di mutuo (-8,2%)


Puglia: la pandemia fa diminuire il valore degli immobili oggetto di mutuo (-2,2%)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dichiarazione di Conformità MOCA: cos'è e chi deve farla

Dichiarazione di Conformità MOCA: cos'è e chi deve farla
La Dichiarazione di Conformità MOCA (Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti) è una certificazione che garantisce il rispetto di determinati requisiti in tema di igiene alimentare. I materiali e gli oggetti che richiedono la certificazione MOCA sono davvero molti e appartenenti a diverse categorie. Le attività soggette a rilasciare la Dichiarazione di Conformità MOCA sono di (continua)

Perché la carta termica sta sostituendo la carta comune per la stampa di scontrini e ricevute

Quando si tratta di eseguire pagamenti con carte di credito o bancomat, il venditore deve disporre di uno o più terminali di pagamento, noti come POS (Point of Sale). Questi strumenti sono equipaggiati con una stampante termica, attraverso cui è possibile emettere, in tempi molto rapidi, una copia della ricevuta che attesti l'avvenuta transazione. In situazioni simili, sarebbe impensabile u (continua)

Zucchero: quando la purezza te la dice il polarimetro

L’industria alimentare è, a ragione, uno dei settori che più di ogni altro fanno affidamento su accurate analisi chimiche e di laboratorio per definire la qualità dei cibi che ogni giorno le famiglie italiane portano in tavola. Tra gli alimenti sottoposti a rigide analisi, lo zucchero. Vediamo insieme in cosa consiste l’analisi di polarimetria e come si usa il polarimetro Come si usa il pol (continua)

Progettazione di edifici passivi: criteri e modelli

Progettazione di edifici passivi: criteri e modelli
Il termine casa passiva viene sempre più utilizzato in Italia: derivante dal Nord Europa, la Passiv Haus è un edificio che copre la maggior parte del suo fabbisogno energetico per il riscaldamento o il raffrescamento ricorrendo a dispositivi passivi. Il termine casa passiva viene sempre più utilizzato in Italia: derivante dal Nord Europa, la Passiv Haus è un edificio che copre la maggior parte del suo fabbisogno energetico per il riscaldamento o il raffrescamento ricorrendo a dispositivi passivi. In altre parole, è una casa che si assicura il benessere termico non attraverso caldaie, termosifoni, o normali sistemi di produzione e dist (continua)

Il rispetto per l’ambiente passa anche dalla logistica

Nell’ultimo anno le vendite e-commerce hanno subito una crescita esponenziale. Questa nuova realtà ha portato le aziende della logistica e del mondo dei trasporti a nuove consapevolezze. Una tra tante? La necessità di packaging sempre più sostenibili per il mondo di domani. Scopriamo insieme qualcosa di più Più acquisti, più imballaggi: un bene o un male?È proprio vero: a un numero sempre più alto di acquisti su piattaforme e-commerce, segue un aumento proporzionale degli imballaggi. Un dato negativo? Nì. La situazione che stiamo vivendo da un anno a questa parte ha in realtà accelerato un approccio che già da tempo molte aziende della logistica e del trasporto avevano deciso di seguire. Un numero se (continua)