Home > Musica > I venti del clubbing da Roma all’Europa? Sirocco e Zefiro

I venti del clubbing da Roma all’Europa? Sirocco e Zefiro

scritto da: Pivari | segnala un abuso

I venti del clubbing da Roma all’Europa? Sirocco e Zefiro


Soffiano venti nuovi quando il sound del clubbing romano impatta l’Europa al tempo del covid e ne esce vincente anche senza floor. Dopo il primo posto in Top10 Chart per genere Techno e Progressive House e in Top10 generale in première Beatport Exclusive, la nuova release REK Records – terzo EP dei dj capitolini DiscJoker e Max Beat – arriva sulle maggiori piattaforme di musica online per lo store e lo streaming come Amazon, Google Play, Soundcloud, Spotify, Tidal, Traxsource.

L’ottimo riscontro della première Sirocco e Zefiro malgrado la mancanza del floor necessario per la promozione è il miglior attestato di stima possibile in questo periodo “ma si fa sentire la mancanza dei live“. Il floor manca a ogni clubber e manca a chi la musica la crea e la produce. Manca a DiscJoker (Giuliano) e Max Beat (Massimiliano) alla loro terza collaborazione con questo EP: “Ci mancano i set live, le serate nei club romani. Viverci il giudizio del clubber direttamente sulla pista è una mancanza che si fa sentire! Questo è un ep da ballare, un viaggio tutto da scoprire, è il mondo del clubbing capitolino che incontra quello europeo mantenendo la propria identità. Abbiamo sperimentato, ci siamo divertiti, e abbiamo azzardato un nuovo livello di creatività immaginando a come sarebbe stato comunicarlo live“.

Sirocco è Techno dominata dall’incontro di suoni organici e synth. Zefiro è Progressive House in cui incalzano cambi di ritmo e bass line. “Queste due tracce le abbiamo prodotte con passione, amore, i nostri due Moog, la Tb 303, l’Access Virus TI e un bel po’ di virtual synts!” – racconta Massimiliano. Con Sirocco e Zefiro la sperimentazione e la ricerca di nuovi ritmi è anche “la personalizzazione del suono attraverso strumenti organici come le percussioni, grazie alla post-produzione e al mastering“, spiega Giuliano. Il risultato è un EP frutto di un lavoro di squadra prodotto in REK Records Studio, “lavorato in post-produzione dal Red Sky Sound di Rosa, co-founder REK, e in mastering dal Wale Studio Roma di Giuseppe“.

L’idea, l’azzardo, la sperimentazione… è stata quella di ispirarsi a due venti. “Ci siamo sentiti liberi di scatenare la nostra creatività, di esplorare divertendoci tra sintetizzatori, bassline e cambi di ritmom inseguendo, incalzando e cavalcando i venti di sud-est e dell’ovest. Un bel set live dopo tutto, come non ne facevamo da tempo, anche se privato e tra le quattro mura dello Studio“. Sirocco e Sefiro sono due venti che spingono i clubbers a immaginarsi nelle notti dei club romani e in un certo senso sono anche un tributo alla città eterna. “Euro e Zefiro non suonava tanto bene no?” – ci scherza su Giuliano – “Nell’antica Roma nessuno conosceva lo Scirocco ma tutti conoscevano il suo nome greco, Euro abbreviato, oltre a quello romano. Il vento di sud-est“. Sirocco è lo stesso vento di sud-est messaggero dell’aurora che era noto ai Romani, “Zefiro è il vento dell’ovest che annuncia l’arrivo della bella stagione. Le credenze antiche li consideravano venti fratelli tra i cinque principali…“.

L’idea è stata un’azzardo” – ci ride su Massimiliano – “Ma lo era stata anche quella che aveva ispirato la nostra seconda collaborazione Opal e Amber. Ci ha stimolato creare musica ispirandoci a due pietre trasmettendo quella che secondo noi era la loro essenza. Il riscontro è stato buono e allora ci siamo detti, perché no? Sentiamoci liberi di sperimentare ad un nuovo livello. Con Sirocco e Zefiro è stato come trovarci sulla console in pieno set live. Uno spettacolo!“. Il successo di questo EP in première era prevedibile? La risposta è unica. “Il sound romano ad esempio in melodic techno non ha nulla da invidiare a quello delle altre capitali europee. Due anni fa l’abbiamo raccontato con Eur, un viaggio sonoro in tre capitali europee. Il titolo di ogni traccia aveva quello di una fermata della metro. Siamo partiti da Roma e arrivati a Londra passando per Parigi e l’abbiamo fatto senza campanilismi, senza sfidare il sound delle altre capitali della musica elettronica. La musica non ha confini“.

Sirocco e Zefiro …in the wind

EP 040 REK Records

Produzione REK Records Studio

Post-produzione Red Sky Sound

Mastering Wale Studio Roma



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ale Big Mama: quarta vittoria ai Dance Music Awards come miglior Pr / Organizzatore di Eventi in Italia


Flavio Cattaneo (Terna): Progetto "Birdcam" i nuovi nati Brezza, Ariane e Zefiro lasciano il nido


Grande successo di Midea allo Spazio Cairoli: sbarca in Italia il condizionatore BreezeleSS+


Due chiacchiere con Andrea Raffa: "Hit With Barbara"... e tante idee per bella musica e party da non perdere


Marco Sessi presenta il romanzo giallo “Correggio, venti dal passato”


Il Red Zone di Perugia la prima discoteca 3D ai tempi del COVID-19


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mario Hubler introduce "Il Cantiere della Sinistra", intervengono anche Matteo Renzi, Elly Schlein, Roberto Speranza, Nadia Urbinati, Nicola Zingaretti

Mario Hubler introduce
Lo scorso 5 dicembre si è svolto l’evento di presentazione del numero 6 della rivista Italiani Europei. Mario Hubler, segretario generale della Fondazione, ha introdotto e moderato il dibattito trasmesso in diretta streaming. In occasione della presentazione del numero 6/2020 della rivista edita dalla Fondazione, il segretario generale di Italiani Europei, Mario Hubler, ha moderato  l’evento digitale di sabato 5 dicembre, trasmesso in diretta streaming sul canale YouTube della Fondazione e sul sito del Corriere della Sera. Mario Hubler ha introdotto il dibattito intitolato “Il Cantiere della sinistra” ringraz (continua)

Cessione del credito “Bonus Vacanza”: la ricetta di Fas Italia per la ripartenza di alberghi e B&B

Cessione del credito “Bonus Vacanza”: la ricetta di Fas Italia per la ripartenza di alberghi e B&B
Investire nel miglioramento della propria struttura ricettiva diventa complicato, in un momento in cui il turismo è messo in crisi dalla recente pandemia causata da Covid 19. La cessione del credito maturata attraverso il “Bonus Vacanza” può essere la soluzione per non rimanere indietro nel campo dell’ospitalità e dell’innovazione.Firenze, 6 ottobre 2020 – La recente pandemia di Covid 19 ha p (continua)

Il volto disumano della globalizzazione: Mario Hubler incontra Lula ex presidente brasiliano

Il volto disumano della globalizzazione: Mario Hubler incontra Lula ex presidente brasiliano
La Fondazione Italiani Europei ha intervistato, nel marzo 2020, l’ex presidente brasiliano Luiz Inácio “Lula” da Silva riguardo al tema della globalizzazione, in un momento antecedente alla diffusione della pandemia COVID19.L’intervista, dal titolo “Il volto umano della globalizzazione” è stata pubblicata sul numero 2/2020 dalla rivista della Fondazione, ed è disponibile online a questo (continua)

Mario Hubler, professionista impegnato costantemente nel progresso del Mezzogiorno

Mario Hubler, professionista impegnato costantemente nel progresso del Mezzogiorno
Le esperienze professionali di Mario Hubler mostrano una sensibilità nei confronti della crescita e della valorizzazione del Sud: ACN e Borgomeo. Quella di Mario Hubler, ingegnere meccanico dalla forte indole manageriale, è una carriera professionale volta alla crescita e alla valorizzazione del Sud Italia. Dopo aver occupato le fila della dirigenza del Comune di Napoli e della Regione Campania, ha vissuto in prima persona l’esperienza dell’America’s Cup Napoli (ACN) del 2013. La grandissima partecipazione della città e il significativo inc (continua)

Mario Hubler Segretario Generale della Fondazione Italianieuropei: fede, professione e cultura

Mario Hubler Segretario Generale della Fondazione Italianieuropei: fede, professione e cultura
Mario Hubler, l’ingegnere dalle spiccata vocazione manageriale, vive una quotidianità intensa, ricca di impegni, interessi e responsabilità Ha l’aria di un ragazzone cresciuto in fretta, Mario Hubler. Oggi ha 48 anni, occhi stretti e incuriositi, mani grandi e voce cadenzata, quando si racconta, parla di tanta fortuna e di responsabilità. Soprattutto le ultime, accumulate rapidamente.Con una laurea in ingegneria meccanica, ha ben presto maturato esperienze in campo manageriale, tecnico ed economico-finanziario. L’attaccamento all (continua)