Home > Ambiente e salute > Psicologo e Covid. Come la psicologia può aiutare ad affrontare questo tremendo periodo storico

Psicologo e Covid. Come la psicologia può aiutare ad affrontare questo tremendo periodo storico

scritto da: Comunicatistampa2020 | segnala un abuso

Psicologo e Covid. Come la psicologia può aiutare ad affrontare questo tremendo periodo storico


C'è un filo conduttore che ci accomuna tutti in questo periodo storico drammaticamente unico nel suo genere. Ognuno di noi ha la sua vita, la sua realtà, che è sicuramente molto diversa rispetto a quella degli altri, ma ciò che ci accomuna tutti, indistintamente, è che siamo tutti in una fase di elaborazione del lutto, perché tutti stiamo elaborando il lutto rispetto alla nostra vita precedente. La nostra vita precedente ci è stata portata via, non c'è più e quindi tutti stiamo passando e abbiamo passato esattamente le fasi di elaborazione del lutto: siamo partiti con la "fase della negazione" e quindi "non è vero, è solo un'influenza", "ce la vogliono raccontare", ecc… E quindi provavamo tutti, con tutte le nostre forze, a respingere questa realtà. Poi siamo passati alla "fase della rabbia": tutti arrabbiatissimi, e i social ne sono stati un esempio lampante. Tutti arrabbiati con gli anziani che escono lo stesso a comprare il pane, con il vicino di casa che non rispetta le regole, con il ragazzo che va a correre ma potrebbe anche farne a meno…. Tutti arrabbiati, arrabbiati, arrabbiati. Dopo la rabbia si è passati alla "fase del patteggiamento" e quindi, in un qualche modo, ci siamo fatti andare bene questa nuova realtà, cercando alla meno peggio di accettarla e riuscire a starci, scomodamente, dentro. Cosa succede ora? A un anno dall'inizio di questa pandemia, ciò che succede è che a livello sociale e governativo tutto continua a proseguire come allora, con aperture e chiusure alternate ma, fondamentalmente, senza troppe differenze di gestione. Mentre quello che avviene nella popolazione, stanca, provata ed esausta dal nuovo stile di vita imposto, è il grande rischio che caratterizza il "lutto non elaborato". Il rischio è quello di cadere in stati depressivi, il lutto non elaborato porta alla depressione.
Quello che possiamo fare, per evitare la depressione, è riorganizzarci. La "riorganizzazione" è la chiave, è l'antidoto. E' l'unico vaccino che abbiamo in mano per poter vincere la depressione. Riorganizzate la vostra vita. Se fino ad adesso ve la siete fatti andare bene, tirando il più possibile e accettando passivamente la situazione, ora è necessario accettarla attivamente. E' un paradigma completamente diverso! Rimanere apatici e continuare a rassegnarsi può anche essere andato bene fino ad adesso ma non è una modalità che può essere protratta per troppo tempo. Il rischio è davvero alto. E quindi, se vogliamo evitare il rischio concreto di andare in depressione e di cadere in stati depressivi, possiamo solo riorganizzare le nostre vite. Metterci lì e creare nuove quotidianità, ovviamente nel rispetto delle regole e di ciò che è possibile e non è possibile fare, ma inserire nelle nostre nuove vite cose che ci facciano stare bene. Perché non finirà domani. Finirà, perché il sole arriva sempre, perché tutto passa, perché c'è sempre un nuovo domani. Ma non sarà a brevissimo. Riorganizzate le vostre vite, iniziate a creare quotidianità delle quali essere comunque più o meno contenti alla sera quando andate a letto.

Se volete informazioni aggiuntive su come lo Psicologo possa essere utile ai tempi del Covid, potete visitare il sito della Dott.ssa Tania Braga: www.taniabraga.it

psicologo Bologna | covid conseguenze psicologiche |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Tavolo Tecnico Nazionale per la Psicologia dello Sport


Psicosomatica e Psicologia della Salute: intervista a Giovanni Garufi Bozza


SPORT COACHING E METODO EMDR:  INSIEME PER LA VITTORIA!


ANGELO MUSSO, 2021,RESILIENZA E BENESSERE, dallo spirito di adattamento alla capacità di resilienza. Affrontare: bullismo, mobbing, stress da lavoro correlato e sindrome antisociale. Enigma Editore, Firenze


La psicologia dello Sport e dell’esercizio fisico


Definizione di psicologia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mastoplastica additiva e la tecnica dual plane: i vantaggi della procedura chirurgica

Mastoplastica additiva e la tecnica dual plane: i vantaggi della procedura chirurgica
Come ogni settore della medicina e chirurgia, anche la branca della chirurgia estetica è in costante progresso, offrendo di anno in anno nuove procedure chirurgiche sempre più sicure ed innovative. A riguardo, un'ormai accreditata tecnica introdotta diversi anni fa nell'ambito della chirurgia plastica del seno è la procedura dual plane. Di cosa si tratta?Parliamo di una tecnica utilizzata per gli (continua)

Allattare dopo una mastoplastica additiva: cosa c'è da sapere?

Allattare dopo una mastoplastica additiva: cosa c'è da sapere?
L'allattamento è per ogni donna il momento di maggiore intimità con il proprio bambino; una funzione naturale che definisce il legame unico tra una madre e il suo piccolo. Data la sua importanza come esperienza unica per una donna, tanta è la preoccupazione di poter perdere questa funzionalità dei seni quando si sceglie di ricorrere alla chirurgia plastica per aumentare il proprio décolleté.Seppur (continua)

"RIFARSI IL SENO" GRAZIE ALLA CHIRURGIA PLASTICA: I VANTAGGI DI UNA MASTOPLASTICA ADDITIVA


Tanti i dubbi e tante le paura quando, per cambiare l'aspetto del proprio décolleté, si pensa di dover ricorrere inevitabilmente alla chirurgia plastica. Ad abbandonarli però ci vuole poco, soprattutto se si guarda ai risultati che offre un intervento di mastoplastica additiva, l'operazione di aumento del seno che conta ancora oggi il più alto numero di pazienti nel nostro paese.Un dato che (continua)