Home > Altro > uvTECH by mcGEAR, una nuova tecnologia che combatte il COVID-19

uvTECH by mcGEAR, una nuova tecnologia che combatte il COVID-19

scritto da: OrbisComunication2020 | segnala un abuso

uvTECH by mcGEAR, una nuova tecnologia che combatte il COVID-19

L’azienda tecnologica mcGEAR ha messo in campo un nuovo sistema di sanificazione di ambienti in grado di contrastare il COVID-19 e non solo


MILANO. Porre in essere soluzioni efficaci per fronteggiare la diffusione del Covid-19 è obbligatorio, oltre che necessario, sia per le piccole sia per le grandi aziende. E’ da questo presupposto che nasce l’esigenza di agire in maniera efficace, veloce, pulita ed economica così da evitare impatti irreversibili del virus sulle attività svolte. 

Un concept rispettato alla lettera da mcGear, che ha sviluppato la linea uvTECH, la quale prevede una sanificazione 4.0 contro tutti i virus, batteri, muffe, spore, funghi, insetti, roditori e volati. Il tutto grazie all’utilizzo esclusivo di tecnologie con chiare evidenze scientifiche di efficacia. Anche il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore della Sanità si sono espressi favorevolmente rispetto alla tecnologia a UV-C.

Un aspetto fondamentale della lotta contro il Corona Virus, come contro qualsiasi altro virus o batterio, è rappresentato dalla sanificazione dei siti e degli oggetti in essi contenuti. Questa operazione viene normalmente effettuata mediante la vaporizzazione di sostanze disinfettanti e risulta sicuramente efficace. Vanno però tenuti presenti i limiti dovuti ai danni che il fluido vettore vapore può provocare a locali ed oggetti in essi contenuti, oltre al pericolo che i disinfettanti o i veleni, in esso veicolati, possano rappresentare per l’uomo. 

I Ricercatori GDRPARTNERS (Spin off Università degli Studi di Genova), in concerto con mcGEAR hanno concettualizzato, ingegnerizzato e prodotto delle macchine che consentono di godere di tutti i vantaggi dati dalla disinfezione con le tecnologie a raggi UV-C e OZONO, evitando gli svantaggi generati dal vapore e dalla vaporizzazione di sostanze. Questi ultimi sono rappresentati anche dalla non applicabilità delle sostanze su scrivanie per incompatibilità con la carta e conduttori elettrici, oltre alla necessità di ripulire una volta terminata la pratica.

METODI OPERATIVI - Alla base vi è lo studio di sistemi operativi: sanificazione rapida a raggi UV-C e riproduzione, negli ambienti da sanificare, del ciclo di Chapman. Tale processo parte dall’O2 contenuto nell’ambiente da trattare e, attraverso opportuna modulazione della lunghezza d’onda dei raggi UV-C, viene prodotto ozono allo stato gassoso e, come tale, asciutto nella quantità e per il tempo necessari alla sanificazione. Al termine dell’operazione, l’ozono viene nuovamente convertito in O2, lasciando in breve tempo l’ambiente riabitabile da esseri umani e animali domestici. L’operazione ha costi e tempi contenuti. Si tratta quindi di una vera e propria rivoluzione della quale tener conto, per la lotta al Corona Virus 19 e, in futuro, verso altre eventuali altre minacce che, in un mondo globalizzato, dovremo essere pronti a contrastare. Per lo sviluppo delle macchine è stata avviata una campagna di ricerca a livello planetario che ha permesso di individuare tecnologie idonee e certificabili. Grazie ai principi e ai metodi utilizzati, oggi è possibile progettare una serie di macchine, una per ciascuna applicazione specifica, in grado di consentire di operare sanificazioni pulite (ossia senza vapore, né sostanze) a costi accettabili e tali da non arrecare danni a persone, animali da compagnia e cose.

Sono state concettualizzate, progettate e realizzate le seguenti macchine: piantane a doppio stadio (UVC-O3) per la sanificazione di infrastrutture con letti; piantane a doppio stadio (UVC-UVC) per la sanificazione rapida di uffici e di infrastrutture; piantane mono stadio (UVC) per la sanificazione di uffici e di infrastrutture;  applique a parete (UVC) per sanificazione diretta ambienti ridotti; Applique a soffitto (UVC) per sanificazione di ambienti ridotti; box per la sanificazione di oggetti; cassetti per la sanificazione di mascherine, chiavi, portafogli, cellulari, denaro; cassoni su ruote per la sanificazione di scarpe e strumentario; armadi per la sanificazione di tute, camici, abiti e indumenti vari. 

Tali macchinari sono predisposti per elementi fondamentali di Industry 4.0 quali: IOT (monitoraggio e controllo tramite Internet) e WEB portal (con interfacce dedicate accessibili da qualsiasi device autorizzato come PC, laptop, desktop, smatphone); sensori e telemetria per una gestione del processo automatizzata e affidabile; analytics per l’integrazione e l’analisi del dato e la trasformazione dello stesso in informazione fruibile.

Oggi, è così possibile monitorare, istante per istante, l’efficacia dell’attività della sanificazione condotta e stampare una ricevuta che attesti l’esecuzione del ciclo. Una vera rivoluzione per sanificare in modo corretto, sicuro e notevolmente economico ogni spazio.

Maggiori info su www.uvtech.it


Fonte notizia: https://notizia24ore.blogspot.com/2021/03/uvtech-by-mcgear-una-nuova-tecnologia.html


mcgear |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

COVID e Cuore: nuovo portale web per supportare gli specialisti


Covid-19 Le prestazioni dei Poliambulatori Lazio korian


COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione


Gli effetti a breve e lungo termine del Covid-19: dolore, alterazione del sonno, ansia, paura


Emergenza Coronavirus e le difficili condizioni di noi medici lavoratori: la lettera aperta delle RSA ANMIRS


Si può battere sul tempo l’infezione da Sars Cov 2 grazie agli antivirali e ad una nuova organizzazione del territorio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Rossano Fasano, Professional Make-up Artist: 20 anni di carriera da festeggiare e un nuovo progetto professionale

Rossano Fasano, Professional  Make-up Artist: 20 anni di carriera da festeggiare e un nuovo progetto professionale
MILANO. Rossano Fasano, professional make-up artist, lavora da quasi 20 anni nel mondo del make-up. Dopo il diploma all’Istituto D’Arte di Lecce, appassionato di storia dell’arte e attento osservatore del bello, concretizza i suoi progetti iscrivendosi nel 2000 all’Accademia Nazionale del Cinema di Bologna indirizzo Make-Up. Inizia subito a collaborare con MacCosmetics prima a Firenze, poi a Milano e a Bologna. MILANO. Rossano Fasano, professional make-up artist, lavora da quasi 20 anni nel mondo del make-up.Dopo il diploma all’Istituto D’Arte di Lecce, appassionato di storia dell’arte e attento osservatore del bello, concretizza i suoi progetti iscrivendosi nel 2000 all’Accademia Nazionale del Cinema di Bologna indirizzo Make-Up. Inizia subito a collaborare con MacCosmetics prima a Firenze, poi a M (continua)

Rosso Valentino, il nuovo angolo televisivo di successo per Valentino Odorico

Rosso Valentino, il nuovo angolo televisivo di successo per Valentino Odorico
MILANO. Giornalista, imprenditore, docente universitario e presentatore televisivo: Valentino Odorico rappresenta il perfetto connubio tra originalità, freschezza e tradizione. Nuovo volto italiano del piccolo schermo, dopo numerose esperienze all’estero, Valentino approda nella sua terra natìa, parlando di moda e lifestyle. Oltre a guidare con successo la sua società di comunicazione “Nazca”, lo abbiamo visto, la scorsa primavera, curare tutte le settimane, con successo, la rubrica focalizzata sulla moda eco-sostenibile all’interno del programma “Ogni Mattina” su TV8, t (continua)

“Diamo un calcio alla fame”, grande partecipazione per evento organizzato da “L’Italia s’è desta” e Sindacato “Itamil Esercito”

“Diamo un calcio alla fame”, grande partecipazione per evento organizzato da “L’Italia s’è desta” e Sindacato “Itamil Esercito”
TORINO. Nessun vincitore, ma tutti vincenti. Nella giornata di sabato 30 ottobre 2021, si è tenuto a Torino, presso il campo sportivo dell’ F.C. Torinese 1894 (ubicato in via Gladioli), il torneo “Diamo un calcio alla fame”, organizzato dall’associazione “L’Italia s’è desta” e il Sindacato Itamil Esercito (Comitato Regionale Piemonte). L’evento rappresenta simbolicamente l’inizio di un ciclo di incontri tematici focalizzati sulla Costituzione Italiana promossi dalle due realtà. Con il presidente dell’F.C. Torinese 1894, Dott. Sante Squillace, ed il Banco alimentare Piemonte è stato svolto un lavoro in sinergia che ha portato alla raccolta di  300 kg di alimenti, l'equivalente di 600 pasti, per sostenere i cittadini in diffi (continua)

“Gli elementi”, Adriana Volpe è nuova Beauty Ambassador

“Gli elementi”, Adriana Volpe è nuova Beauty Ambassador
“gli elementi” si arricchisce di una nuova linea di potenziatori e sublimatori di bellezza, i Booster Straordinari, accompagnati dal volto luminoso e raffinato di Adriano Volpe NAPOLI. La bellezza radiosa e luminosa di Adriana Volpe, nuova testimonial “gli elementi” ci accompagnerà per la stagione con il suo volto solare, vero esempio dsplendore e armonia, eleganza e raffinatezza. E’ stata presentata la nuovissima linea “Booster Straordinari”, 3 booster ultra-innovativi ad alta concentrazione di principi attivi: Filling Prodigioso, con collagene, per una pelle più nutrit (continua)

Lucrezia Bandini, la promessa italiana del tiro a volo

Lucrezia Bandini, la promessa italiana del tiro a volo
Forte di un medagliere di argenti e bronzi conquistati, Lucrezia Bandini, con tenacia ed entusiasmo, si afferma in questa particolare disciplina e diventa portavoce dei suoi valori positivi dove aggregazione, natura e autentica passione si uniscono BRESCIA. Lucrezia Bandini, classe 2004, è la giovane promessa dello sport italiano nella disciplina del Tiro Al Volo. Figlia di genitori imprenditori e sportivi, la passione per le armi e lo sport è inscritta nel suo DNA: dalla madre, appassionata di tiro dinamico con la pistola e grande giocatrice di squash, ai due fratelli ex rugbisti fino al padre, ex pilota di auto e sciatore. E proprio il rug (continua)