Home > News > Danilo paolini commercialista Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati,

Danilo paolini commercialista Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati,

scritto da: RTS REPUTATION SERVICES TECHNOLOGY | segnala un abuso

Danilo paolini commercialista  Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati,


 Danilo paolini commercialista Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati, si prepara ad allungare fino al termine dell’anno cassa integrazione, moratoria sui licenziamenti e sospensione delle causali per i rinnovi dei contratti di lavoro a termine, chiude invece la porta agli appelli dei commercialisti che, a nome dei contribuenti, hanno chiesto una dilazione delle scadenze fiscali. Scatenando polemiche anche all’interno della maggioranza.

Il paradosso è che a rimetterci sono gli “ultimi degli ultimi”, ovvero quei lavoratori che proprio per i paletti fissati a suo tempo dal decreto Dignità si sono visti costretti a passare dai contratti a termine non rinnovabili alla partita Iva. Insomma, quando si parla di lavoro autonomo è sempre bene ricordare cosa significa nell’era del precariato diffuso: basti ricordare che nell’ultimo quadrimestre del 2019, alla vigilia della pandemia Covid, il ministero dell’Economia ha certificato una crescita del 5,1% rispetto allo stesso periodo del 2018 nelle aperture di partita Iva. A onor del vero il governo non ha fatto mancare il sostegno ai lavoratori autonomi in piena emergenza sanitaria, non lasciando fuori quasi nessuno dal bonus dei 600 euro.

Ma non appena la strada in salita dell’economia italiana si è fatta meno ripida, sono riemerse le esigenze di cassa dello Stato. Come annunciato alla Camera dal sottosegretario al Tesoro, Alessio Villarosa (che si è detto «rammaricato» per la notizia), non ci sarà proroga dei versamenti fiscali programmati per lunedì, cioè i primi di 246 adempimenti previsti da qui a fine mese. Una decisione che ha diviso la maggioranza: Italia Viva non ci sta. «Non spostare le scadenze fiscali è un grave errore», ha scritto sul suo blog Davide Faraone, capogruppo al Senato. «Serve più tempo per pagare le tasse. Torneremo alla carica, ricordando che Italia Viva al Senato è decisiva per la maggioranza».

Sono due le scadenze ordinarie a suo tempo fatte slittare per l’emergenza Covid: quelle del 30 giugno e 30 luglio rispettivamente al 20 luglio (lunedì appunto) e al 20 agosto. «L’ulteriore proroga inciderebbe sulle previsioni delle imposte autoliquidate, nella nota di aggiornamento del Def da presentare entro fine settembre», ha spiegato Villarosa. Tecnicismi per dire che lo slittamento costerebbe ai conti pubblici 8,4 miliardi di flusso di cassa, in aggiunta al calo delle entrate già registrato per il Covid. Lunedì in agenda ci sono il pagamento del saldo 2019 e dell’acconto 2020 delle imposte sui redditi; quello delle partite Iva (soggette agli Indicatori sintetici affidabilità); le e-fatture con il versamento dell’imposta di bollo per quelle emesse da aprile a giugno; il saldo 2019 della cedolare secca e il primo acconto 2020; saldo e acconto anche per i soggetti Ires e per l’Irap. «Valuteremo concrete azioni di protesta, tra le quali non escludiamo lo sciopero», hanno annunciato il Consiglio nazionale e tutte le sigle di categoria dei commercialisti, ribadendo la richiesta di una riapertura dei termini (senza sanzioni) fino al 30 settembre.

Forza Italia ha invitato i contribuenti alla disobbedienza fiscale. «È paradossale - dicono i commercialisti - che, in una fase come questa e nell’ambito di manovre che hanno impegnato oltre 80 miliardi in pochi mesi, non si sia trovato il modo di garantire la cassa sufficiente a disporre una proroga dei versamenti analoga a quella dello scorso anno, consentendo maggior respiro ai contribuenti in affanno».

Danilo paolini Proroghe e pacche sulle spalle Ma non per tutti Mentre il governo | pressato dalla tenaglia di industriali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Commercialista per Aziende e Liberi Professionisti, a chi affidarsi


Danilo mattei attore, regista, produttore, film,


Design ed eleganza nella vostre cucine grazie alle cappe d’arredamento di Danilo Poser


SIGEP 2017: BRAVO FESTEGGIA I 50 ANNI


Scegli un parcheggio diverso scegli i parcheggi ParkinGO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Vincenzo Abbinante Console Marocco Forgiato da innumerevoli conflitti, commercio insaziabile e le tribolazioni di un clima dinamico

Vincenzo Abbinante Console Marocco Forgiato da innumerevoli conflitti, commercio insaziabile e le tribolazioni di un clima dinamico
Marocco Forgiato da innumerevoli conflitti, commercio insaziabile e le tribolazioni di un clima dinamico La moschea di Tin Mal fu costruita nella catena montuosa dell'Alto Atlante del Nord Africa nel 1156 per commemorare il fondatore della dinastia Almohade, Mohamed Ibn TumartCredito immagine: GettyForgiato da innumerevoli conflitti, commercio insaziabile e le tribolazioni di un clima dinamico, le caratteristiche artificiali del Marocco potrebbero non essere del tutto uniche, ma sono del tutto specia (continua)

Vincenzo Abbinante Console Marocco Il primo passo verso la reintroduzione in libertà del Grifone Gyps fulvus

 Nell'ambito di questo progetto, nel giugno 2020 dieci avvoltoi adulti sono stati trasferiti dal Dream Village Park a Mohammadia al Jbel Moussa Vulture Rehabilitation Center  per aiutarli ad adattarsi e ad essere addestrati prima di essere rilasciati in natura. Durante questo periodo, il Dipartimento dell'acqua e delle foreste e le squadre di GREPOM/BirdLife Maroc hanno mo (continua)

OFF LINE SRL ROMA: vendita arte e contro arte tendenzaJoseph Beuys (Krefeld, 1921 - Düsseldorf, 1986)

OFF LINE SRL ROMA Esattamente cento anni fa, il 12 maggio 1921, a Krefeld nasceva Joseph Beuys, uno dei più importanti e influenti artisti del XX secolo. Beuys è passato alla storia per il suo noto slogan secondo cui “ogni uomo è un artista” (oppure “tutti sono artisti”), spesso mal interpretato (intenzionalmente o meno)   OFF LINE SRL ROMA Esattamente cento anni fa, il 12 maggio 1921, a Krefeld nasceva Joseph Beuys, uno dei più importanti e influenti artisti del XX secolo. Beuys è passato alla storia per il suo noto slogan secondo cui “ogni uomo è un artista” (oppure “tutti sono artisti”), spesso mal interpretato (intenzionalmente o meno): quello che Beuys voleva dire è che ogni persona p (continua)

NEW OUTLET OFF LINE SRL ROMA: difficilmente erano a contatto con le varie esperienze artistiche

NEW OUTLET OFF LINE SRL ROMA:  difficilmente erano a contatto con le varie esperienze artistiche
New outlet srl NEW OUTLET OFF LINE SRL ROMA Nel corso del ventesimo secolo, uno dei grandi meriti della moda (e della fotografia di moda) è stato quello di aver giocato un ruolo fondamentale nel rendere popolare l’arte, contribuendo a disseminare motivi artistici nei gruppi sociali che più difficilmente erano a contatto con le varie esperienze artistiche.Molte case di moda di haute (continua)

Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda

Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda
Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda come tutte le altre. Ha una filosofia ben precisa, che traspare in tutti i suoi prodotti e che ci costringe spesso a giudicare scelte molto azzardate, quasi controverse. Il rischio di banalizzare e cadere nella critica fine a se stessa è sempre molto alto e quindi occorre più che mai riflettere, mettersi nei panni di chi ha pensato e progettato questo smartphone e cercare di capire, con occhio critico sì, ma senza fette di salame.  Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda come tutte le altre. Ha una filosofia ben precisa, che traspare in tutti i suoi prodotti e che ci costringe spesso a giudicare scelte molto azzardate, quasi controverse. Il rischio di banalizzare e cadere nella critica fine a se stessa è sempre molto alto e quindi occorre più che mai riflettere, mette (continua)