Home > News > La profilassi antitrombotica a domicilio nei pazienti affetti da Covid-19, il modello Cremona

La profilassi antitrombotica a domicilio nei pazienti affetti da Covid-19, il modello Cremona

scritto da: GiadaRossi | segnala un abuso

La profilassi antitrombotica a domicilio nei pazienti affetti da Covid-19, il modello Cremona


Formazione continua ai medici di base per permettere agli ospedali di accogliere solo i casi che necessitano di un immediato ricovero (e non solo per il Covid-19) e in particolare corsi sulla profilassi antitrombotica per trattare i pazienti a casa, fanno di Cremona un modello da replicare, anche grazie al sostegno di Italfarmaco. Lo spiega Sophie Testa, Presidente della Federazione Centri per la Diagnosi della Trombosi e la Sorveglianza delle Terapie Anticoagulanti.

 

La realtà vissuta a Cremona – uno dei fronti principali della pandemia –ha permesso al personale sanitario di accumulare velocemente grandi esperienze soprattutto in funzione del fatto che l’ospedale, nel giro di pochi giorni, si è riempito di pazienti Covid con 650 posti letto occupati.

 

Subito ci si è resi conto che l’infezione da Covid-19, con espressione di una grave insufficienza respiratoria, aveva due caratteristiche salienti: da una parte, come in molte condizioni infettivologiche acute, esponeva i pazienti ad un rischio tromboembolico venoso elevato (e di questa si aveva già conoscenza rispetto ad altre situazioni), secondariamente c’era lo sviluppo di una malattia infiammatoria acuta che determinava poi le lesioni microvascolari polmonari tipiche della fase più avanzata della malattia.

 

Nel considerare l’aspetto trombotico legato al tromboembolismo venoso, viene messa in atto la profilassi eparinica. Con la medicina generale, sono stati strutturati degli incontri in quanto i medici stessi chiedevano aggiornamenti ed informazioni al fine di poter gestire a domicilio quei pazienti che non erano giunti ad ospedalizzazione, che non trovavano posto in ospedale, che non erano in fase di insufficienza respiratoria acuta, ma che comunque meritavano un trattamento che non fosse la semplice osservazione o il semplice controllo della temperatura corporea e dell’ossimetria. A seguito di questa esperienza e della letteratura disponibile vengono oggi presi in considerazione tra i fattori di rischio, l’immobilità a letto (o comunque l’ipomobilità), eventuali precedenti eventi trombotici venosi, l’obesità, un trattamento ormonale in atto, l’età, eventuali malattie concomitanti (es. cancro) e viene assegnata la profilassi eparinica. Inoltre si sottolinea l’importanza di una buona idratazione.

 È stato un percorso che è partito dall’evidenza della prevalenza di complicanze tromboemboliche e della conseguente necessità di profilassi precoce domiciliare, profilassi da proseguire in alcuni casi anche dopo la dimissione ospedaliera; nella seconda e terza ondata questa pratica si è consolidata.

 

Una raccomandazione per il futuro è quella cercare di avere sempre controllo e conoscenza dell’emocromo e della funzionalità renale per escludere condizioni di controindicazione assoluta alla profilassi. Se questo aspetto è stato difficile da gestire nella prima ondata, passati i primi due mesi si è organizzato un servizio domiciliare anche per controllare l’assetto emostatico e la creatinina, sempre memori che dell'indispensabilità della modulazione del trattamento”. 


Fonte notizia: https://tgsocialpress.wordpress.com/2021/04/20/la-profilassi-antitrombotica-a-domicilio-nei-pazienti-affetti-da-covid-19-il-modello-cremona-2/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Daiichi Sankyo Astrazeneca: pazienti affetti da tumore HER2 positivo o mutato. I risultati presentati ad ASCO 2020


Lixiana lancio Italia edoxaban il nuovo anticoagulante di Daiichi Sankyo


Studio Nemawashi: Congresso SIFO primi dati sui nuovi anticoagulanti orali (NAO)


Intervento Coronarico Percutaneo: Presentati i risultati positivi di ENTRUST-AF PCI


Daiichi Sankyo nuovi dati sul farmaco anticorpo-coniugato [fam-] trastuzumab deruxtecan


Fibrillazione atriale, i pazienti diabetici e insulina aumenta rischio di ictus


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dantebus, la rivoluzione della Tecnologia al servizio dell’Arte!

Dantebus, la rivoluzione della Tecnologia al servizio dell’Arte!
Dantebus Edizioni è la prima casa Casa Editrice che nasce da un Social network per artisti ed offre strumenti professionali altamente tecnologici ed a basso costo, come App personalizzate e Gallerie 3D, per la diffusione dell’Arte Dantebus Edizioni è la prima Casa Editrice nata da un social network per artisti: Dantebus.com. Dantebus.com (online dal maggio del 2016) è un social tutto italiano ed offre uno spazio professionale di condivisione per Scrittori (poeti e narratori), Fotografi, Pittori, Fumettisti, Artisti digitali. Il social, che ad oggi conta più di 100mila artisti iscritti con 500/1000 accessi unici al gior (continua)

Open Innovability: nuova sfida Enel all’insegna della Data Monetization

Open Innovability: nuova sfida Enel all’insegna della Data Monetization
Data Monetization. Letteralmente, Monetizzazione dei dati. È questo il tema della nuova sfida lanciata da Enel sulla sua piattaforma di crowdsourcing Open Innovability®. Enel Innovation Hubs – società del Gruppo che si occupa, tra l’altro, di Business Incubation  – è alla ricerca di modi innovativi per sfruttare i dati interni e quelli esterni al fine di generare nuovi flu (continua)

Endovir Recovery, nasce il nuovo integratore alimentare multivitaminico completo

Endovir Recovery, nasce il nuovo integratore alimentare multivitaminico completo
Un nuovo INTEGRATORE ALIMENTARE formulato attraverso un dosaggio vitaminico iper-concentrato: ENDOVIR RECOVERY è il secondo prodotto della innovativa linea che è stata lanciata da Ebtna-Lab. Dopo il successo ottenuto nei mesi appena trascorsi con lo Spray Orale ENDOVIR, l’azienda ha deciso di puntare con decisione su prodotti derivanti dall’alta tecnologia biotech.Nel caso di ENDOVIR RECOVERY, che è un MULTIVITAMINICO COMPLETO, l’obiettivo, che è stato raggiunto dai tanti ricercatori che lavorano quotidianamente per scopi scientifici, è stato quello di abbinare all’interno di un (continua)

LG presenta i nuovi moduli fotovoltaici serie NeON H e NeON R

LG presenta i nuovi moduli fotovoltaici serie NeON H e NeON R
LG Electronics porta anche sul mercato italiano l’ultima generazione del solare ad alto rendimento. La società ha lanciato le serie NeON H e NeON R, moduli fotovoltaici caratterizzati da alti livelli di potenza e affidabilità LG Electronics porta anche sul mercato italiano l’ultima generazione del solare ad alto rendimento. La società ha lanciato le serie NeON H e NeON R, moduli fotovoltaici caratterizzati da alti livelli di potenza e affidabilità. “I nostri nuovi prodotti sono la soluzione più affidabile ed efficiente che LG abbia mai realizzato”, spiega Kevin Kim, vice presidente e a capo dell’unità En (continua)

Ecco AGNES, l'hub energetico verde per il Mare Adriatico

Ecco AGNES, l'hub energetico verde per il Mare Adriatico
Il progetto, firmato Saipem, mira a riconvertire le piattaforme offshore al largo delle coste di Ravenna per creare un maxi distretto marino integrato a base di rinnovabili Riconversione, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili. Sono tre dei pilastri della Transizione ecologica e sembra proprio che al largo delle coste ravennati coesisteranno tutti in uno degli hub energetici più avanzati d’Europa. Dalla partnership tra Saipem e Quint’x, azienda italiana specializzata da più di 20 anni nelle energie rinnovabili, nasce Agnes (Adriati (continua)