Home > Economia e Finanza > FEEL THE YARN: SHENZHEN E TOKYO PALCOSCENICI DI DUE WORKSHOP AD ALTO TASSO DI PARTECIPAZIONE

FEEL THE YARN: SHENZHEN E TOKYO PALCOSCENICI DI DUE WORKSHOP AD ALTO TASSO DI PARTECIPAZIONE

scritto da: Raffaella borea | segnala un abuso

 FEEL THE YARN: SHENZHEN E TOKYO PALCOSCENICI DI DUE WORKSHOP AD ALTO TASSO DI PARTECIPAZIONE

Cina e Giappone scelte come tappe di due incontri di caratura commerciale per la presentazione delle collezioni S/S 2022. Significativa la presenza degli associati del Consorzio Promozione Filati-CPF, a conferma del valore riconosciuto alle due iniziative.


Favorire le strategie di internazionalizzazione e di sviluppo commerciale dei propri associati affiancandoli nella presentazione delle collezioni a buyer asiatici, consentendo loro di accorciare le distanze con clienti già fidelizzati e di intercettarne di nuovi: con questo obiettivo, anche per il 2021, Feel the Yarn, sotto la cui egida ricadono le iniziative del Consorzio Promozione Filati, ha promosso l’organizzazione di due workshop tra Cina e Giappone.

Lo yarn tour ha preso il via da Shenzhen il 22/23 marzo con il “Workshop Feel the Yarn”, (sala Ballroom, Hotel Four Seasons) che ha visto la presenza di 28 filature italiane e di 346 visitatori (200 aziende, di cui 30 provenienti da Guangzhou), che oltre a visitare le postazioni dei diversi brand presenti, hanno dimostrato interesse nel partecipare alle due lectures sulle tendenze di stagione. Il workshop, organizzato da ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, ha rappresentato simbolicamente una nuova ripartenza dopo le limitazioni imposte dalla terza fase della pandemia che, come già avvenuto nell’edizione del 2020, ha imposto l’adozione di nuove regole per rispondere alle necessità di sicurezza per effetto del Covid-19.

Dalla Cina al Giappone il passo è stato breve grazie al secondo appuntamento “Workshop Filati Tokyo – Japan” (TOC di Ariake Convention Hall13 e 14 aprile) che, interamente organizzato e gestito dal CPFha permesso alle 23 aziende espositrici, di cui 22 socie di CPF, di mostrare i filati per la prossima primavera estate ad un parterre di oltre 200 visitatori in 2 giorni di presentazione.

“I numeri degli espositori ma soprattutto dei visitatori – commenta Federico Gualtieri, Presidente del Consorzio Promozione Filati – CPF  - sono la prima conferma del valore di questi workshop che, oltre ad essere da anni degli appuntamenti attesi dai nostri soci per presentare in modo mirato le proprie collezioni al mercato asiatico, in ogni edizione si dimostrano sempre più efficaci a fini commerciali. Un sistema rodato che ha permesso di affrontare anche le inevitabili difficoltà legate alla pandemia in modo strutturato ed efficiente. Forti di questi risultati attendiamo ora di vedere anche i riscontri del Nordic Countries Roadshow che ci vedrà in prima linea con due workshop il 15 giugno a Copenhagen e il 17 giugno a Amsterdam”.

Consorzio Promozione Filati | Filati | Feel the Yarn | Filature | moda | designers | workshop |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FEEL THE YARN TRADE SHOWS SS23: BILANCIO DI UN SUCCESSO


WORKSHOP WORLDWIDE e WECHAT: DUE ALTRE SFIDE VINTE DA CPF


FEEL THE CONTEST 2022: ELETTI I 5 FINALISTI


FEEL THE CONTEST: ELETTO IL VINCITORE ASSOLUTO


FEEL THE CONTEST: I VINCITORI ELETTI DAL SOCIAL


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LANA GATTO PE 2023: CARIBBEAN DREAM

LANA GATTO PE 2023: CARIBBEAN DREAM
Atolli incontaminati, acque trasparenti, vegetazione rigogliosa, sole abbagliante, luce intensa e voglia di vivere: le isole che separano il Golfo del Messico dal Mar dei Caraibi diventano muse per la collezione estiva dello storico brand di aguglieria Lana Gatto sinonimo, fin dal 1900, di filati pregiati e di alta qualità 100% made in Italy. Un tripudio di colori e di luminescenze, di giochi cromatici e di nuance intense per realizzare outfit e accessori di forte impatto estetico Cosa hanno in comune Martinica e Portorico, Bonaire, Cuba e Giamaica, Aruba e Grenada, Cayman e Saint Martin? Oltre ad essere 8 paradisi caraibici sono ispirazione della collezione “Fashion” per la primavera/estate 2023 di Lana Gatto. Le Isole Antille, con il loro mare cristallino, le lunghe spiagge bianche punteggiate da palmizi e hibisco, il sole bruciante e le nuance intense che dipingono (continua)

TOLLEGNO 1900 COLLEZIONE A/I 23/24: SPAZIO ALL’ESSENZA NEL NOME DELLA PROPRIA IDENTITA’

TOLLEGNO 1900 COLLEZIONE A/I 23/24: SPAZIO ALL’ESSENZA NEL NOME DELLA PROPRIA IDENTITA’
Due Book raccontano l’azienda attraverso i suoi filati iconici, invitando ad un wool journey carico di suggestioni visive e tattili. Con “Cosy” e “Soulful” spazio viene anche riservato alle novità che fanno del self care la loro forza. In prima linea rimane la sostenibilità come elemento La storia di un’azienda si legge anche nei suoi prodotti. Partendo da questo assoluto Tollegno 1900 afferma la propria identità, sviluppando per l’autunno/inverno 2023/24 una collezione che è sintesi ed espressione dei valori (ricerca, innovazione e sostenibilità) e delle abilità produttive che ne hanno fatto una delle protagoniste del comparto tessile italiano e internazionale. Forte di ques (continua)

FEEL THE CONTEST 2022: ELETTI I 5 FINALISTI

FEEL THE CONTEST 2022: ELETTI I 5 FINALISTI
Scelti tra 33 designers e studenti provenienti dall’Europa, dagli Stati Uniti, dal Sud America e dall’Asia in base ai voti raccolti dai loro outfit unicamente sul sito feeltheyarn.it, i 5 creativi puntano alla terza fase del Contest promosso ed organizzato da Feel The Yarn®: l’elezione del vincitore assoluto. Nel corso di Pitti immagine Filati 91, una giuria internazionale decreterà a chi attribuire il premio finale, consistente nella creazione di una mini-collezione principalmente in maglia per la stagione SS23, realizzata con il supporto delle filature associate al Consorzio Promozione Filati – CPF e la collaborazione di alcune maglierie italiane. Si chiamano Elena De Vita (abbinata a Zegna Baruffa Lane Borgosesia), Pietro Lo Presti (abbinato a Filati Biagioli Modesto), Lis Bazan (abbinata a Filpucci), Marion Lacroix-Desmazes (abbinata a Linificio e Canapificio Nazionale) e Marie Nardi (abbinata a Monticolor), grazie ai due outfit in maglia a tema “Feel the Green” che hanno realizzato, sono riusciti a conquistare la finale di “Feel Th (continua)

ASAcampus nuovamente coinvolto in un esperimento che si svolgerà sulla Stazione Spaziale Internazionale

ASAcampus nuovamente coinvolto in un esperimento che si svolgerà sulla Stazione Spaziale Internazionale
Le ricercatrici Dr.ssa Monica Monici e Dr.ssa Francesca Cialdai del Laboratorio Congiunto ASAcampus – nato dalla partnership tra la Divisione Ricerca di ASA e il Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali e Cliniche “Mario Serio” dell’Università di Firenze – prendono parte all’esperimento “SUTURE in SPACE” che si svolgerà durante la missione Minerva Dopo aver partecipato all’esperimento CORM (2017) e all’esperimento XENOGRISS (2019), le ricercatrici Dr.ssa Monica Monici e Dr.ssa Francesca Cialdai del Laboratorio Congiunto ASAcampus – nato dalla partnership tra la Divisione Ricerca di ASA e il Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali e Cliniche “Mario Serio” dell’Università di Firenze – prendono parte all’esperimento “SUTURE in SPAC (continua)

LIFE SOURCE A UNIQUE PLACE FOR MEMORABLE GREEN & HEALTHY EXPERIENCES

Il Polo ricettivo alle porte di Bergamo che ha fatto della sostenibilità il proprio tratto, tanto da essere certificato Leed Gold, per la stagione calda propone nuove esperienze immersive per il benessere del corpo e dell’anima e per l’appagamento del palato. Tutte le iniziative, oltre ad esprimere la vocazione “well being” dell’Hotel 4 stelle Superior, della sua SPA e dei suoi 3 spazi food, sono tese a valorizzare il territorio promuovendone le bellezze in chiave eco. Spazio dunque a circuiti guidati in ebike per conoscere Bergamo in chiave healthy e a pause di gusto affidate a menù stagionali che puntano anche su prodotti locali. Vocazione alla tutela dell’habitat, confermata dalla certificazione Leed Gold che garantisce un elevato standard di qualità tenendo in considerazione parametri come la sostenibilità del sito, la gestione delle acque, il consumo di energie, la qualità dell’aria, i materiali impiegati e l’innovazione progettuale. Centralità dell’ospite come protagonista di esperienze sensoriali ad alto coinvolg (continua)