Home > News > Relazioni sociali in tempi di pandemia, il docente Marco Francesco Eramo: "Perse normali abitudini umane, quale il nostro destino?"

Relazioni sociali in tempi di pandemia, il docente Marco Francesco Eramo: "Perse normali abitudini umane, quale il nostro destino?"

scritto da: OrbisComunication2020 | segnala un abuso

Relazioni sociali in tempi di pandemia, il docente Marco Francesco Eramo:


ROMA. "La pandemia da Covid19 ci sta dimostrando, in maniera alquanto drammatica, l’importanza delle relazioni  sociali che, ormai da più di un anno, mancano tra le normali abitudini umane". È la riflessione del docente di scienze umane e filosofo, Marco Francesco Eramo.

"Purtroppo, l’eco ricorrente in questa lunga e quasi interminabile emergenza sanitaria, è la necessità del distanziamento sociale: stare lontano dagli altri non è più, come veniva considerato un tempo, motivo di  asocialità, ma una misura efficiente per la salvaguardia della nostra salute - ha detto Eramo -. Senza le relazioni ed i contatti stretti con le persone a noi care, infatti, il virus non può essere trasmesso. 

Dunque, più stiamo da soli, più abbiamo la probabilità di neutralizzare il virus. È questo, allora, il destino che ci aspetta? Un futuro privo di relazioni e di importanti contatti affettivi? A cosa giova una vita senza più un contatto diretto con i nostri simili? E l’empatia? Saremo degli humans cold destinati ad interagire soltanto con i computer. L’esperienza dei continui lockdown ha cambiato radicalmente la nostra esistenza: la vita dello stare in casa ha inevitabilmente portato ad un passaggio alla vita online, siglando una rottura inevitabile con le realtà sociali. Lo smartworking, la didattica a distanza e lo shopping online hanno preso il posto delle naturali e genuine relazioni umane.

Non è solo il covid a renderci l’esistenza più complicata - continua il docente -, ma anche l’essenza di rapporti interpersonali, con mancanza di baci, carezze, abbracci. Al di là delle situazioni difficili che ci troviamo a fronteggiare a causa delle vigenti restrizioni, l’assenza del contatto fisico sembra la più dura da affrontare. Che un abbraccio possa donarci un grande sollievo è una cosa ormai nota. Fin da quando veniamo al mondo sentiamo il bisogno di sentirci protetti, tranquilli. È  per questo che ci leghiamo in maniera inconfondibile con chi ci da carezze. Senza contatti con altre persone aumentano stress ed ansia.

Continuamente psicologi e psichiatri lanciano allarmi sul rischio di pesanti malattie mentali dovute al perdurare dell’assenza di contatto fisico - sottolinea -. Ultimamente gli stessi medici che curano i malati di covid19 nelle terapie intensive hanno palesato l’importanza del rapporto interpersonale. I baci, gli abbracci, le carezze, le parole, gli sguardi dal vivo possono essere parte integrante della cura per il risanamento fisico. La presenza di un congiunto, sia esso marito o moglie, figlio, amico, è una condizione essenzialmente terapeutica, che riduce lo stress e quindi il  carico farmacologico. Per questo motivo alcuni ospedali hanno allentato un po' le misure restrittive per la visita ai malati, naturalmente sotto massima procedura di sicurezza. La vita di noi tutti è scandita dalla presenza dell’altro che ci aiuta a migliorare, a cambiare, ma soprattutto a vivere. Lo scrittore e monaco cristiano statunitense, Thomas Merton, nel suo saggio 'Nessun uomo è un’isola', ci insegna come ogni uomo è una componente integrante dell’umanità, una parte di un tutto che, per la propria sopravvivenza, ha bisogno degli altri con cui poter parlare, comunicare, interloquire e scambiare emozioni ed affettività. 

Nella conferenza stampa di qualche giorno fa, il Presidente del Consiglio Mario Draghi, in concerto con il ministro della salute Roberto Speranza, ha illustrato il piano di riapertura delle attività commerciali, sociali e ricreative. Una decisione indubbiamente necessaria per la ripresa economica del nostro paese, ma il provvedimento eclatante resta comunque la riapertura delle scuole che dal 26 aprile prossimo vedranno di nuovo gli alunni impegnati nella didattica in presenza. Un modo più sicuro e garantito - conclude -, per una essenziale ripresa psico-sociale".


Fonte notizia: https://notizia24ore.blogspot.com/2021/04/relazioni-sociali-in-tempi-di-pandemia.html


sociale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Giornata mondiale dell'autismo, il professor Marco Francesco Eramo: "Non pratichiamo l'indifferenza, persone autistiche vanno accettate e mai isolate"


“BRAIN AT WORK” – FESTIVAL DEL LAVORO E DELLE NUOVE PROFESSIONI


Francesco Pavolucci, intervista sui rischi e sicurezza sulle strade


Unionbirrai: riparte UB Academy


PER TE è il secondo singolo estratto dall'album CANZONI SEGRETE, il nuovo lavoro dei TEMPI DURI dopo 30 anni di silenzio


PER TE è il secondo singolo estratto dall'album CANZONI SEGRETE, il nuovo lavoro dei TEMPI DURI dopo 30 anni di silenzio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ninaì, una cantante “attivatrice di processi” e progetti che non si fermano alla sola musica

Ninaì, una cantante “attivatrice di processi” e progetti che non si fermano alla sola musica
Dare voce e visibilità al suo territorio, il biellese, e all’intera Italia, con uno sguardo attento alle realtà piccole e artigiane con le quali condividere messaggi, valori e costruire sinergie ROMA. Ninaì, cantante, pianista e compositrice, ha all’attivo un primo Ep “Musica in testa”, uscito nel 2020 e prodotto dalla “Maninalto Records”, dal quale sono stati estratti tre singoli e i relativi video: “Musica in testa”, “Feel it” e “Senza di te”. Nella sua musica convergono molteplici influenze, che l’hanno portata ad esibirsi con le crew di DJ e rappers hip hop, fino alla musica popolare (continua)

Vittime della strada. “N’ergastolo e dulore”: la canzone dedicata da Agatino Crisafulli al fratello Mimmo

Vittime della strada. “N’ergastolo e dulore”: la canzone dedicata da Agatino Crisafulli al fratello Mimmo
CATANIA. Un ergastolo di dolore. E’ questo il titolo della canzone che Agatino Crisafulli ha cantato per il fratello Mimmo, scomparso il 6 marzo del 2017 (ore 22:43) in un incidente stradale avvenuto all’altezza dell’incrocio da via Del Bosco e via De Logu, nel quartiere Barriera di Catania. Per il giovane 25enne, padre di due bambini ed in sella al suo scooter Honda SH, fu fatale l’impatto con una Smart Fortwo. A distanza di poco più di quattro anni, continua la battaglia della famiglia, contrariata per la sentenza pronunciata contro l’imputata Anastasia Conti dal Giudice dell’udienza Preliminare. La conducente della Smart Fortwo, a seguito di richiesta di patteggiamento accordata dal PM, fu condannata a 5 mesi e 10 giorni di reclusione, con la condizionale, per omicidio stradale. A fronte del rifiuto de (continua)

Giovanni Improta karateka, Fiamme Gialle per un giorno

Giovanni Improta karateka, Fiamme Gialle per un giorno
TEVEROLA. Era il 15 febbraio del 2015 quando Giovanni Improta, reduce dalla conquista della terza cintura di campione del mondo professionista di Kick Boxing, fu ospite presso il centro sportivo della Finanza. Un evento possibile grazie alla sensibilità del colonnello Pariniello, comandante del centro sportivo “Fiamme Gialle” di Monte Porzio Catone, in provincia di Roma. Nell’occasione fu pre (continua)

Punti operativi del Gen. Paolo Serino, Itamil Esercito esprime soddisfazione: “In piena linea con noi, continueremo senza sosta a rappresentare nostri colleghi. Onorevole Guerini pensi ai militari”

Punti operativi del Gen. Paolo Serino, Itamil Esercito esprime soddisfazione: “In piena linea con noi, continueremo senza sosta a rappresentare nostri colleghi. Onorevole Guerini pensi ai militari”
ROMA. Addestramento, personale, sistemi, infrastrutture e organizzazione. Sono queste le linee programmatiche che si è posto il nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano, Pietro Serino, e che ha esposto alle commissioni di Camera e Senato. L’attenzione è rivolta al riconoscimento delle specificità dei militari, alla valorizzazione delle competenze professionali, alla formazione, all (continua)

Cimitero di Aversa, buche e strisce blu; è cambio di assessore. Alberto Pallotti (presidente A.I.F.V.S. ODV); “Attendiamo ancora convocazione per firma protocollo”

Cimitero di Aversa, buche e strisce blu; è cambio di assessore. Alberto Pallotti (presidente A.I.F.V.S. ODV); “Attendiamo ancora convocazione per firma protocollo”
AVERSA. Nella giornata di sabato 24 aprile sono avvenuti diversi cambiamenti all’interno dell’amministrazione del comune di Aversa targata Alfonso Golia. A fronte delle dimissioni rassegnate, nella giornata di mercoledì 21 aprile, dal vicesindaco con delega ai Lavori pubblici Benedetto Zoccola, dall’assessore con delega all’Urbanistica Eleonora Giovene di Girasole e da Mario De Michele, deleg (continua)