Home > Economia e Finanza > D-Rating pubblica il suo report di rating 2020 delle banche europee salvo BPM, le banche italiane ottengono la sufficienza

D-Rating pubblica il suo report di rating 2020 delle banche europee salvo BPM, le banche italiane ottengono la sufficienza

scritto da: Business France | segnala un abuso

D-Rating pubblica il suo report di rating 2020  delle banche europee salvo BPM, le banche italiane ottengono la sufficienza

D-Rating (agenzia di rating delle performance digitali) ha publicato i risultati della sua campagna di rating 2020 sulle banche europee che misura la loro performance digitale in termini di servizi offerti ai correntisti, user experience e dinamica di trasformazione.


Tra le 70 banche di 15 paesi europei oggetto di un rating nell’anno fiscale, 6 hanno sede in Italia: Banco BPM, Che Banca!, Fineco Bank, Intesa Sanpaolo, UBI Banca e Unicredit. 

Le valutazioni attribuite da D-Rating vanno da A+ a BB- . La banca europea ad ottenere il miglior punteggio è Boursorama Banque (Francia) che si assicura lo score A-. 

Le banche italiane si suddividono tra BB- e BBB+.

Rispetto alla prima campagna di D-Rating realizzata nel 2017, c’è da registrare una progressione isoperimetrica in 2 livelli (da BB+ a BBB) di rating medio. 

 Ripartizione delle valutazioni delle singole banche italiane

Il rating di D-Rating si basa su tre criteri  principali

1 - La proposta digitale ossia quello che le banche offrono ai clienti (acquisiti o potenziali) in termini di percorsi digitali (apertura di un conto), canali di contatto (modulo di contratto, videoconferenza…), offerta, funzionalità disponibili sulle applicazioni mobile e homebanking.

Questo rating è basato sulla rilevazione dell’esperienza di clienti reali e potenziali (mystery shoppers) durante l’estate 2020.

Ad esclusione di Banco BPM, il livello di digitalizzazione del processo di apertura di un conto è piuttosto elevato, ma i tester di D-Rating hanno riscontrato dei bug tecnici, soprattutto con UBI Banca e Intesa San Paolo.

Con una sola eccezione (Banco BPM), le banche italiane hanno un livello di performance sui canali di contatto (disponibilità, rapidità e affidabilità delle risposte) superiore alla media europea.

Per tutte le banche italiane invece, la ricchezza in termini di funzionalità e accesso all’offerta sull’applicazione mobile è inferiore alla media del panel delle banche studiate a livello europeo ed in particolare rispetto alla spagnola BBVA che si afferma su questo criterio la più performante.

2 – User Experience (traffico, engagment e soddisfazione), riflette l’utilizzo dei clienti dei canali (web, mobile e social media) e la capacità delle banche di trasformare questo uso in un reddito aggiuntivo.

È da notare che le banche che erano nel 2019 le best performer rispetto a questo criterio, hanno nel 2020 dimostrato un miglior livello di resilienza in termini di Net Banking Income.

In merito all’esperienza di uso, le banche italiane si posizionano nella media delle banche europee, ad eccezione di Banco BPM, in basso, ma anche di Fineco Bank che presenta un buon posizionamento in termini di utilizzo del web e app mobile.

3 - La Dinamica di Transformazione valuta la capacità delle banche a  trasformarsi e il livello dei progressi degli operatori questo settore – con ad esempio la qualità dell’integrazione operativa, la capacità di attrarre talenti o gli investimenti nelle tecnologie innovative più adatte.

In questo settore, le banche italiane sono in ritardo rispetto alle loro omologhe europee sulla capacità di attrarre talenti (misurata attraverso le candidature pubblicate on line e le recensioni lasciate dai dipendenti su siti come Glassdoor o Indeed).

Al contrario, le banche italiane fanno meglio delle loro controparti francesi, spagnole o nordiche in termini di reputazione phygital (combinazione dei punteggi assegnati dai clienti alle performance delle agenzie e dai canali digitali.

Su questo aspetto, di nuovo Banco BPM risulta poco efficiente in tutte le aree di rating di D-Rating.

 

A proposito di D-Rating

Fondata all’inizio del 2017, D-Rating è la principale agenzia di rating delle performance digitali delle aziende. 

D-Rating fornisce a tutti gli operatori del mercato (investitori, analisti finanziari, gestori di fondi e imprese) un rating indipendente relativo alla competitività digitale delle società che può avere un impatto sulle loro performance a medio termine. 

Grazie ad una strategia innovativa basata sul metodo ‘data-driven’ – compresa l’analisi di oltre 700 indicatori - D-Rating è già diventata uno standard nel settore dei servizi finanziari. 

Ad esempio, i test eseguiti nell’ambito della campagna di rating 2020 includono:

- l’apertura di 240 conti bancari e l’analisi dei percorsi clienti associati,

- l’emissione di 460 bonifici,

- l’assistenza con circa 1.050 minuti di video conferenza con dei consulenti delle banche,

- l’analisi di 2.500 punti di contatto digitali (siti, app e social network),

- 1.100 test di reattività e di pertinenza dei canali e contatto messi a disposizione a clienti acquisiti o potenziali,

- l’analisi di 120.000 commenti di clienti e l’integrazione delle note di Google Shops di 20.000 agenzie,

- l’esecuzione di 1.200.000 test di tempo e risposta, e di 250.000 test di conformità di pagine web,

- la gestione di 2.500.000 dati provenienti da app store. 

La società è impegnata nello sviluppo delle sue attività a livello internazionale in vari settori d’attività.

Per maggiori informazioni:

D-Rating

Philippe Bailly

philippe.bailly@d-rating.com

Oppure : Business France Italia - Barbara Galli barbara.galli@businessfrance.fr

D-RATING | D-RATINGbanche europee | D-RATING banche italiane | D-RATING report 2020 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il rating di legalità a garanzia della professionalità con cui da anni opera Gico Systems


Secondo il Verizon 2016 Data Breach Investigations Report i cyber-criminali sfruttano la natura umana


Banco BPM e Viessmann Italia: plafond di 40 milioni di euro per l’acquisto di crediti fiscali dal Decreto Rilancio


Riforma Euribor? Sì, ma solo dal 2022


SEAWARDS UN DUO, UN EP, UN SINGOLO - “TICKLING”- PRIMO PASSO DI UNA NARRAZIONE DAL CARATTERE DECISO E DAL TIRO INTERNAZIONALE


Cyber-spionaggio e ransomware sono in crescita: è l’allarme lanciato dal Verizon 2017 Data Breach Investigations Report


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ProWein Düsseldorf 2022 : vini, liquori, sidri e rum pronti per essere degustati dai 600 produttori francesi

ProWein Düsseldorf 2022 : vini, liquori, sidri e rum  pronti per essere degustati dai 600 produttori francesi
Il mercato internazionale premia le esportazioni francesi Nel 2021 le esportazioni di vino francese nel mondo hanno registrato un aumento del +7,9% rispetto al 2020 e del +2,4% rispetto al 2019 (con 14,6 milioni di ettolitri esportati). Per quanto riguarda i liquori, la Francia è stata il secondo esportatore mondiale dopo il Regno Unito. Il cognac è il distillato più ricercato con il 75% di quota di mercato tra i liquori francesi esportati nel 2021. In crescita l’interesse per le birre francesi con un aumento dell’export del +8% in valore dal 2019 al 2021. (Source : Direction des Douanes Françaises) Il mercato internazionale premia le esportazioni francesi Nel 2021 le esportazioni di vino francese nel mondo hanno registrato un aumento del +7,9% rispetto al 2020 e del +2,4% rispetto al 2019 (con 14,6 milioni di ettolitri esportati). Per quanto riguarda i liquori, la Francia è stata il secondo esportatore mondiale dopo il Regno Unito. Il cognac è il distillato più ricercato con il 75% (continua)

Cosmoprof-Cosmopack 2022, la mobilitazione e l’entusiasmo delle aziende francesi è alle stelle!

Le imprese francesi coprono l’intera filiera del settore (profumi, make-up, prodotti per capelli, ma anche laboratori di formulazione, macchine e componenti e imballaggi) ed illustrano le grandi tendenze del mercato: lo sviluppo di prodotti naturali, l’aumento della cosmetica solida,le linee per uomo, la ricerca di imballaggi innovativi, sostenibili, economici e riciclabili.  Cosmoprof-Cosmopack 2022 La mobilitazione e l’entusiasmo delle aziende francesi è alle stelle!  Sono quasi 80 le imprese francesi della cosmetica che puntano sulla ripresa e partecipano a Cosmoprof-Cosmopack 2022, in programma a Bologna dal 28 aprile al 1 maggio. Dopo due anni, Business France (Agenzia nazionale per l’internazionalizzazione dell’economia francese) riunisce in pr (continua)

Perché è importante rilevare i fulmini e prevenire le fulminazioni

Perché è importante rilevare i fulmini e prevenire le fulminazioni
L’Italia è il paese europeo più colpito da questi fenomeni meteorologici estremi con ben 245 giorni di temporale e oltre 1,5 milioni di fulmini all’anno.  Comunicato stampa Perché è importante rilevare i fulmini e prevenire le fulminazioni L’esperienza di Météorage e del SIRF (Sistema Italiano Rilevamento Fulmini) I fulmini mantengono il campo elettrico del nostro pianeta e sono essenziali per la vita, ma sono anche fonte di rischi. Infatti, i temporali possono causare danni importanti nei siti industriali o nei luoghi aperti al (continua)

La French Tech al Mobile World Congress di Barcellona

40 le società della French Tech che hanno presenziato al MWC 2021 Le società francesi che Business France, l’agenzia nazionale per l’internazionalizzazione dell’economia francese ha riunito nel padiglione “French Tech” del Salone Mobile World Congress di Barcellona sono state 40.  Il Salone MWC è stato uno dei primi in Europa a ripartire in presenza, in un formato soft (continua)

Global Industrie 2019 l’industria europea si è riunita a Lione

Global Industrie 2019 l’industria europea si è riunita a Lione
Sotto l’alto patrocinio del Presidente della Repubblica francese Emmanuel MACRON Global Industrie 2019, evento unico in Francia, ha riunito tutti gli attori nazionali e internazionali del settore industriale, l’edizione 2019 che ha avuto luogo per la prima volta a Lione, ha riunito 2.500 espositori, il 40% dei quali internazionali, numerose le personalità del mondo industriale, politico ed e (continua)