Home > Cultura > Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Presentazione in conferenza stampa Venerdì 7 maggio alle ore 16:30


Mood Italia Radio, la web radio nata da un gruppo di appassionati ed esperti della comunicazione, inizia in questi giorni la sua avventura. “Segui il tuo mood”: questo il claim ufficiale della Radio che prende il via ufficiale dopo due mesi di sperimentazione e aggiustamenti tecnici per entrare in sintonia con gli ascoltatori. Mood Italia Radio è già seguita da tanti appassionati grazie alla sua programmazione ricca e stimolante. La conferenza stampa di presentazione si terrà Venerdì 7 maggio alle ore 16:30 su Zoom e sarà trasmessa sui canali social della Radio. L’evento sarà moderato dal giornalista Gabriele Fazio e vedrà la partecipazione dell’attore Sergio Vespertino e degli autori e conduttori dei programmi. Per chi volesse partecipare è sufficiente inviare una richiesta a mooditaliaradio@gmail.com o sui canali social della radio. Gli speaker di Mood Italia Radio sono giornalisti, esperti e appassionati di vari settori, professionisti liberi dal condizionamento di un editore e con una grande passione per la radio. Mood Italia Radio trasmette programmi di informazione, musica, cinema, salute, terzo settore, cucina, attualità, moda, approfondimento, viaggi e molto altro. La Radio trasmette solo musica in Creative Commons, ovvero libera da diritti di sfruttamento commerciale per la condivisione pubblica. Perché sono le idee e la creatività condivisa tra tutti i partecipanti la caratteristica principale della Radio. “La nascita di Mood Italia Radio è il risultato di uno straordinario lavoro di squadra portato avanti con grande entusiasmo da parte di tutti e in un tempo straordinariamente breve” commenta Ninni Ricotta, Direttore editoriale del progetto. “Siamo aperti a nuove collaborazioni. Attendiamo proposte da chiunque voglia partecipare e abbia una buona idea”. “Mood Italia Radio è un progetto innovativo, un network che trasmette h24 musica e programmi tematici rivolti a un pubblico eterogeneo, abbracciando tutte le fasce di età, interessi e gusti - aggiunge Davide La Cara, caporedattore e speaker -. L’idea nasce durante i lockdown che ci hanno costretti in casa. Sfruttando i sistemi a nostra disposizione siamo riusciti a realizzare qualcosa di straordinario lavorando a distanza, mettendo su una redazione digitale operativa ed efficiente”. E' Possibile seguire Mood Italia Radio tramite web sul sito www.mooditaliaradio.it e riascoltare tutti i programmi sui canali Spotify della Radio. Mood Italia Radio è inoltre su Facebook e Instagram.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

È di MOOD Management il modello apparso su Vogue per la nuova collezione Cruciani


MOOD Management, agenzia di moda e spettacolo con sede nella città di Milano


Safe Creative, il registro della proprietà intellettuale più grande del mondo nato 14 anni fa in Spagna, approda in Italia con un ufficio a Sapri (Salerno)


Bando aperto : Cerchiamo la Destinazione più Creativa d’Italia


Expottimisti: la guida per l’Expo “a portata di mano” sceglie le carte Arjowiggins Creative Papers


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo: "Questo è il risultato delle faide interne"

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo:
Dichiarazione al quotidiano “Il Tempo” di Fabrizio Cicchitto, Presidente Riformismo e Libertà Caro direttore,arrivati a questo punto vale la pena di collocare in un quadro generale gli episodi incresciosi che si stanno succedendo uno dopo l’altro nell’ambi- to della magistratura. È inutile nascondersi dietro a un dito, dal 1992 ad oggi la magistratura ha sostanzialmente conquistato il potere nel nostro paese, con l’annichili- mento dei vecchi partiti e la riduzione ai minimi termini di que (continua)

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita” - Intervista a Max Rendina

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita”  - Intervista a Max Rendina
Intervista a Max Rendina Max Rendina, lei ha raccontato la sua vita in un libro, pubblicato dalla Male Edizioni di Monica Macchioni. “La storia di un campione di periferia” è il sottotitolo. C’è tanta periferia nella sua esistenza e anche tanto dolore?La mia periferia viene dopo un abbandono. A tre anni i miei genitori m hanno rinchiuso in un collegio. Un luogo senza tempo e senza spazio. Ci sono rimasto fino a dodici ann (continua)

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”
Intervista con l'ex-deputato, oggi presidente di Polo Sud Amedeo Laboccetta, lei si è imbattuto personalmente nella malagiustizia dei Pubblici Ministeri, quella di cui parla Luca Palamara nel libro intervista di Alessandro Sallusti. Una malagiustizia che ti vorrebbe condannato sic et stantibus, a prescindere dall’esito di un eventuale processo…Io credo che tutti gli italiani siano vittime del Sistema descritto da Palamara. Perché tutti direttamente o ind (continua)

Caos Procure, Palamara: "Riformiamo la giustizia perché la legge sia uguale per tutti"

Caos Procure, Palamara:
"La favoletta della fuga di notizie che è colpa solo degli avvocati non regge più. Dobbiamo riformare la giustizia perché se la legge deve essere uguale per tutti deve avere lo stesso impatto sia il fascicolo che coinvolge la persona nota o la persona ricca che la persona non nota."  Lo dichiara Luca Palamara durante la presentazione del suo libro a Lagonegro. "E' il momento di fare una (continua)

Pizzolante: “Suicidi fisici e suicidi morali. La macchina mediatica-giudiziaria uccide le persone”

Pizzolante: “Suicidi fisici e suicidi morali. La macchina mediatica-giudiziaria uccide le persone”
Pizzolante, la vicenda drammatica della dirigente del Ministero dell’Università e della Ricerca Giovanna Boda, che ha tentato il suicidio dopo un avviso di garanzia, lascia sgomenti. Ancora una volta in Italia un’ipotesi di reato equivale, o rischia di equivalere, a una condanna a morte. Che ne è della presunzione di innocenza fino alla condanna definitiva?E’ la macchina mediatica-giudiziaria che (continua)