Home > Altro > Open Seed: 10 punti deboli delle startup che fanno fare marcia indietro agli investitori

Open Seed: 10 punti deboli delle startup che fanno fare marcia indietro agli investitori

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

Open Seed: 10 punti deboli delle startup  che fanno fare marcia indietro agli investitori

Informazioni poco chiare, numeri fantasiosi, mercato troppo piccolo, lentezza nella scalabilità: ecco perché tante idee vengono scartate


Sui conti bancari italiani è presente una liquidità immobilizzata che ha superato i 1700 miliardi di euro. Eppure, dall’altra parte esiste un’economia reale composta da startup e pmi innovative che non riesce a trovare i fondi necessari per poter crescere ed evolversi». A raccontarlo è Lorenzo Ferrara, Presidente e co-founder di Open Seed, veicolo d’investimento nato nel 2016, con lo scopo di sostenere startup a elevato potenziale di crescita.

 

10 “consigli” per farsi scartare subito

Investire nelle aziende più promettenti quando sono ancora nelle prime fasi della propria vita, è il compito di Open Seed. Un lavoro non facile e frutto di una grande selezione. Infatti, solo una piccolissima parte delle startup che si candidano o che vengono presentate al team, viene poi portata a bordo e seguita dai mentor di Open Seed. Lorenzo Ferrara ci racconta i 10 motivi che più spesso fanno fare marcia indietro a un investitore nei confronti di una startup.

 

1) Vorrei spiegare a voce…

Qualche startup ci contatta senza dirci nulla dell’idea o del business, ma chiedendo subito un appuntamento per raccontarci tutto a voce. Questa cosa non ci piace. Fare lo “sforzo” di mettere nero su bianco un progetto per spiegarlo è un passo fondamentale per iniziare un dialogo.

 

2) Prima di parlare serve un Nda

Si tratta di un atteggiamento che indica chiusura. Eppure, ci sono casi di startup che pretenderebbero di far firmare un Nda a chiunque fosse disposto ad ascoltarle. Noi le scartiamo subito. Non c’è idea che tenga senza un buon team alle spalle.

 

3) Numeri fantasiosi

Sappiamo tutti che il business plan di una startup early stage è per forza di cose un grande esercizio di stile. Ma indicare numeri falsi relativi a un fatturato che non esiste, solo per ingolosire l’investitore, è uno dei primi motivi per fare un passo indietro.

 

4) Lavoriamo altrove ma se troviamo i fondi ci dedicheremo al progetto

Un cliché fin troppo diffuso. Costruire un progetto da zero è faticoso e rischioso, ma non può essere fatto nei ritagli di tempo libero. Se tu non ti dedichi a pieno alla tua startup, significa che non ci credi fino in fondo. Allora, come puoi pensare che ci creda io e ci metta anche dei soldi?

 

5) Scalabilità limitata

Una startup si differenzia da qualsiasi altra impresa per la sua capacità di crescere in maniera esponenziale. Se individuiamo un elemento che rallenta o blocca la scalabilità, per esempio richiede una consulenza professionale per ogni nuovo cliente, facciamo marcia indietro.

 

6) Limiti del team

La composizione del team è fondamentale. Una squadra composta solo da tecnici senza co-founder con competenze in marketing e sales parte con delle difficoltà evidenti perché non sarà in grado di pianificare una strategia di vendita e di promozione/creazione del proprio brand.

 

7) Stipendi stellari

Tutte le startup hanno bisogno di fondi, saperli amministrare bene è un’altra cosa. Quando ci rendiamo conto che i founder si attribuiscono stipendi importanti già durante la fase di pre-seed, quando cioè la startup non sta ancora fatturando nulla, capiamo che per noi non va bene.

 

8) La startup che non decolla

Se la fase di startup dura già da oltre un paio di anni e il business non decolla, forse ci sono problemi a monte che dal nostro punto di vista non vale la pena accollarsi. In genere tendiamo a investire su idee fresche e innovative in cui c’è anche entusiasmo e voglia di crescere velocemente.

 

9) Mercato troppo piccolo

Ci sono idee buone e team eccellenti che però decidono di lavorare all’interno di un mercato di riferimento troppo di nicchia o comunque troppo limitato che non offre margini di crescita. In quel caso si potrà creare un’ottima azienda, ma non è una startup sulla quale noi punteremmo.

 

10) Un business model troppo lento

La velocità di esecuzione è uno dei fattori che connotano una startup. Noi non puntiamo su progetti che si basano su modelli di business con tempistiche troppo dilatate. Il mercato è in continua mutazione e quello che funziona adesso, potrebbe non avere lo stesso successo fra un anno.

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cabbeen si affida al leader del mercato PLM Centric Software


Centric Software firma un contratto con il suo primo cliente australiano


Overfunding lampo per la campagna di Seed Money


Investire in startup? I 10 consigli dei business angel di Seed Money per scovare quelle migliori


IMAX, azienda produttrice per Max Mara, sceglie Centric Software


Centric Software celebra una doppia vittoria con Lotto Sport e Stonefly


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ricarica alla spina! GASGAS, inaugura una nuova stazione di ricarica e stringe un accordo con NEXTCHARGE

Ricarica alla spina! GASGAS, inaugura una nuova stazione di ricarica e stringe un accordo con NEXTCHARGE
«Dopo questa installazione siamo lanciati a tutta velocità verso il crowdfunding. La community cresce rapidamente, oltre 200 nuovi membri in una settimana» Alessandro Vigilanti, Ceo GASGAS Le “auto alla spina” (Plug-in Electric Vehicle, somma di BEV e PHEV) lo scorso maggio hanno toccato la quota di mercato più alta di sempre su base mensile, sfiorando il 9% dell’immatricolato totale. I dati di MOTUS-E, l’associazione italiana costituita dai principali operatori della mobilità elettrica, confermano l’esplosivo trend di crescita del settore. «GASGAS è pronta ad af (continua)

Swemax il biosensore che “legge” il sudore degli atleti,

Swemax il biosensore che “legge” il sudore degli atleti,
«Chi si allena o pratica qualunque tipo di sport, sa bene che per ottenere buoni risultati è importante monitorare il proprio corpo. Un calo di sali minerali abbassa le prestazioni, un calo eccessivo di liquidi superiore al 2% del proprio peso può avere conseguenze anche più gravi». A spiegarlo è Matteo Beccatelli, co-founder e Cto di Biometrica, la startup di Parma c (continua)

La rivoluzione della mobilità elettrica si chiama GasGas, la startup delle ricariche accessibili e sostenibili

La rivoluzione della mobilità elettrica si chiama GasGas, la startup delle ricariche accessibili e sostenibili
«L’interesse per la mobilità elettrica è enorme: tuttavia in molti rimandano l’acquisto di un’auto full-electric o ibrida plug-in perché i punti di ricarica sono effettivamente ancora pochi, e soprattutto situati in location scomode da raggiungere e prive di servizi e di alcuna attrattiva – spiega Alessandro Vigilanti, co-founder e Ceo di GasGas. Ricaricare l’auto elettrica richiede tempo. Questo (continua)

I turisti stranieri hanno voglia di Italia: 5 consigli di Welcomeasy per attirarli in struttura

I turisti stranieri hanno voglia di Italia:  5 consigli di Welcomeasy per attirarli in struttura
«La concorrenza è altissima, soprattutto da altri Paesi. Serve un’offerta turistica di alta qualità che si concentri sugli ospiti con maggiore capacità di spesa» Paolo Zennaro, Ceo di Welcomeasy Se il Governo permetterà alle regioni di ospitare, senza troppe restrizioni o quarantene, europei e americani, che già da febbraio stanno prenotando hotel e case vacanza nel nostro Paese, l’estate 2021 potrebbe rappresentare lo spartiacque tra crisi e inizio della ripresa per il settore turistico italiano. Si tratta di una buona notizia per l’intera economia nazionale. «Secondo l’analisi (continua)

Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro

Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro
“In un periodo come questo, il delivery può fare la differenza per la sopravvivenza di un locale, soprattutto per quelli più decentrati e non serviti dai grandi player. Noi abbiamo deciso di andare proprio lì, dove gli altri non arrivano”. Damiano Vassalli, TvbEat Nell'era dell'epidemia da Covid-19, caratterizzata dal continuo altalenarsi tra aperture e chiusure e dall’impossibilità di spostarsi, il desiderio di maggiori servizi a domicilio è esploso anche nelle numerose province italiane. Questa è la necessità che Damiano Vassalli e Andrea Togni hanno percepito, grazie agli anni di esperienza come imprenditori, nella loro provincia. Volendo supportare (continua)