Home > Esteri > L'italia riprenda il suo posto nel mediterraneo : una lezione di Bettino Craxi

L'italia riprenda il suo posto nel mediterraneo : una lezione di Bettino Craxi

scritto da: Mbaratto | segnala un abuso

L'italia riprenda il suo posto nel mediterraneo : una lezione di Bettino Craxi

Questo proprio perché l'opinione pubblica che è ben cosciente dello stato di necessità capisce perfettamente che le logiche politiche , di apparenza geopolitica sono ormai un retaggio del passato e se l'Africa e il mondo arabo che è stato la vittima della "guerra fredda" il luogo in cui le vecchie superpotenze hanno giocato fin dalla fine della Prima Guerra mondiale il loro gioco oggi, il mondo è cambiato e le apparenze a categorie mentali antiquate devono essere superate con pragmatismo per il bene del mondo arabo e della pace nel Mediterraneo


"In Marocco il segretario socialista è stato accolto da Moulay Ahmed Alaoui, ministro di Stato e cugino del re, dall' ambasciatore italiano a Rabat, Antonello Pietromarchi e dall' ambasciatore del Marocco a Roma Yahia Ben Slimane. In una breve dichiarazione, ripresa dall' inviato dell' Ansa a Rabat, Craxi ha detto di compiere questa visita su invito di re Hassan II. Una visita decisa nel quadro dell' importanza che l' Italia accorda al progetto di edificazione del Grande Maghreb. Craxi ha reso omaggio al Marocco per il ruolo di avanguardia che svolge negli sforzi tendenti a realizzare questo progetto"  Questo pezzo è stato ricavato da un quotidiano del 22 Settembre 1988 e ricorda la visita del Segretario del Partito Socialista Italiano, Bettino Craxi in Marocco e del ruolo che il Segretario del PSI e Primo Ministro italiano stabilva nei rapporti con il Mediterraneo
Craxi capiva che il ruolo dell'Italia era nel Mediterraneo anzi che l'Italia era il ponte tra Europa e Mediterraneo . Aveva capito che i paesi della sponda meridionale del Mediterraneo potevano essere una risorsa per l'Italia e per l'Europa . Il disegno dell'Unione del Magreb Arabo era una occasione in cui il segretario del PSI credeva non solo in chiave di possibilità economiche e sociali per l'Europa ma anche e soprattutto per il bene delle nazioni interessate
 progetto dell'Unione del Magreb Arabo, che coinvolge Libia, Tunisia, Marocco ed Algeria sarebbe la vittoria del mondo arabo . Una vittoria che farebbe finire le inutili tensioni che oggi come oggi non hanno senso e che sono un danno per il mondo arabo. Gli Arabi della sponda meridionale del Mediterraneo devono vincere la cultura della diffidenza tra di loro e trovare la via dell'unità. 

Il Magreb Arabo se unito sarebbe tra le regioni economicamente più ricche e attrattive sul piano economico ma per realizzare questo serve porre fine a divisioni artificiali e guardare oltre i propri interessi di politica interna
Certo ogni Nazione si trova ad affrontare problemi diversi ma non vi è nulla di male quando si riceve un aiuto dirlo apertamente.
Il vicino Marocco non ha mai negato di aver ricevuto vaccini dalla Cina o dalla Russia come i due vaccini occidentali .Questo proprio perché l'opinione pubblica che è ben cosciente dello stato di necessità capisce perfettamente che le logiche politiche , di apparenza geopolitica sono ormai un retaggio del passato e se l'Africa e il mondo arabo che è stato la vittima della "guerra fredda" il luogo in cui le vecchie superpotenze hanno giocato fin dalla fine della Prima Guerra mondiale il loro gioco oggi, il mondo è cambiato e le apparenze a categorie mentali antiquate devono essere superate con pragmatismo per il bene del mondo arabo .

E' l'invito che mi sento di rivolgere a tutto il mondo arabo, costruite il futuro non su logiche di contrapposizione che sono figlie del colonialismo ma costruite sulle basi della comune apparenza religiosa, cultuale che permetterà stabilità e sicurezza per questa regione. Allo stesso tempo riscopriamo come italiani l'importanza di avere solidi alleati nel nord africa , seguendo o riprendendo il pensiero di uomini come Bettino Craxi



Marco Baratto

studioso di geopolitica del mediterraneo



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L'autonomia vaccinale del Marocco la nuova versione della solidarietà

Il Marocco promotore di una nuova politica della solidarietà In questi giorni il Re del Marocco ha dato istruzioni affinché fosseroinviati in Tunisia un considerevole quantitativo di vaccini . Lo scopo è quello di aiutare i tunisini a fare fronte alla crisi sanitaria da covid19 che ha colpito la repubblica tunisina.Non è la prima volta che il Marocco affronta un piano di aiuti sanitari ed umanitari. A tal proposito basta ricordare l'aiuto al popolo libanese (continua)

Il Marocco agisce a tutela dei minori marocchini non accompagnati: Più fiducia da parte della UE

Il Marocco agisce a tutela dei minori marocchini non accompagnati: Più fiducia da parte della UE
Il Marocco si dimostra un paese dialogante, e su temi delicati come immigrazione illegale e situazione dei minori non accompagnati anche fondamentale. Il provvedimento citato nella nota è vero riguarda minori marocchini ma questo approccio pragmatico potrebbe essere utile anche nei confronti di altri minori stranieri " Sua Maestà il Re Mohammed VI," ha chiesto "ai Ministri responsabili dell'Interno e degli Affari Esteri al fine di che la questione dei minori marocchini non accompagnati, in una situazione irregolare in alcuni paesi europei o definitivamente risolto. Un comunicato stampa dei Ministeri dell'Interno e degli Affari Esteri, La cooperazione africana e i marocchini che vivono all'estero indicano che S (continua)

Pragmatismo nel campo dell'immigrazione: Stabilire buoni rapporti con il Nord Africa

Pragmatismo nel campo dell'immigrazione: Stabilire buoni rapporti con il Nord Africa
Le migrazioni non sono un "fenomeno" come spesso la politica italiana considera questo evento. Sono un fatto ormai strutturato . L'Europa non può permettersi il lusso di continuare con una politica improntata al modello della "Guerra Fredda" , ad un mondo che non esiste più . Deve , anche nel campo migratorio trovare la compensazione tra il diritto di emigrare e fare in modo che questo avvenga nel modo più ordinato e regolare possibile. Per questo non può che vedere nel Marocco un alleato sicuro . Non solo , per usare le parole di Papa Francesco per " accogliere, proteggere, promuovere e integrare" ma anche per ragioni geografiche. Le migrazioni non sono un "fenomeno" come spesso la politica italiana considera questo evento. Sono un fatto ormai strutturato . L'Europa non può permettersi il lusso di continuare con una politica improntata al modello della "Guerra Fredda" , ad un mondo che non esiste più . Deve , anche nel campo migratorio trovare la compensazione tra il diritto di emigrare e fare in modo che questo avvenga nel (continua)

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco
Estendere la collaborazione nel campo sociale, medico, universitario e della transizione ecologica "Il Parlamento europeo sottolinea la natura strategica delle relazioni UE-Marocco e raccomanda un maggiore sostegno al Regno da Bruxelles Mercoledì il Parlamento europeo ha sottolineato la natura strategica delle relazioni tra il Marocco e l'Unione europea (UE) e ha raccomandato un maggiore sostegno al Regno. In una relazione sul discarico sull'esecuzione del bilancio generale dell'UE per l'eserci (continua)

La Spagna conosce purtroppo il peso del separatismo sia più solidale

La Spagna che ogni giorno deve lottare contro le forze centrifughe del separatismo sa bene cosa significa e le parti della Spagna che amano il loro Paese e la Monarchia non possono accettare forze separatiste Come già osservato più volte la società moderna, ed in generale anche gli operatori economici considerano tra le ricchezze di una Nazione non solo i beni che essa produce, le risorse del sottosuolo ma anche il rispetto dei diritti umani . E quella che il definisce “L’economia sociale di mercato” ovvero   un modello di sviluppo dell’economia che si propone di garantire sia la li (continua)