Home > Arte e restauro > Chiara Calore / Giuseppe Gonella. Private Mythologies

Chiara Calore / Giuseppe Gonella. Private Mythologies

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Chiara Calore / Giuseppe Gonella. Private Mythologies

Mostra bi-personale di Chiara Calore e Giuseppe Gonella, a cura di Carlo Sala.


Sabato 5 giugno alle ore 19.00 inaugura la stagione espositiva della Galleria Giovanni Bonelli a Pietrasanta con Private Mythologies, mostra bi-personale dei pittori Chiara Calore (Abano Terme, 1994) e Giuseppe Gonella (Motta di Livenza, 1984), curata da Carlo Sala nello spazio di Nazario Sauro 56, un esempio di recupero industriale subito fuori le mura, nella via che costeggia l’accesso alla città.

In esposizione venti lavori tra dipinti, sculture e tecniche miste che fanno entrare lo spettatore nell’universo pittorico degli artisti fatto di archetipi visivi, figure ricorrenti, personali mitologie e profondi stati d’animo.

Nei dipinti di Chiara Calore sono rappresentati dei contesti in perenne mutazione dove il mondo animale si fonde a quello vegetale e la figura umana si lega al trascendente. Siamo di fronte a un magma pittorico dentro al quale le allusioni alla pittura classica e agli idoli antichi si uniscono a un immaginario contemporaneo fatto di immagini vernacolari tratte dalla rete; il tutto congeniato con il gusto narrativo tipico delle fiabe, dei miti e delle storie bibliche. Gli accadimenti che vediamo nei lavori della Calore sembrano voler destabilizzare il precario equilibrio del reale, rivelando così una sorta di narrazione favolistica fatta di improvvise epifanie dove il denominatore comune è l’incontro tra gli elementi terrestri e quelli celestiali. Nel dipinto DAMA e cavallo (2021) sono richiamate le fattezze del mirabile abito della protagonista del dipinto Las Meninas (1656) di Diego Velázquez, sovvertendone però l’austerità e ponendo la fanciulla in sella a un cavallo dalle dimensioni spropositate: le due figure sembrano così fondersi e dar vita a un centauro posto in uno scenario dai contorni grotteschi. Il dipinto La trama di Lana (2021) si arricchisce di ampie porzioni materiche cucite dall’artista che, pur usando dei materiali di riciclo, riesce a richiamare la perizia e bellezza delle finiture degli arazzi antichi. Nel suo caso però, la figura al contro della scena non ha l’intento celebrativo delle composizioni tradizionali, e al contrario vuole trasmettere allo spettatore un sentimento straniante. A chiudere l’intervento dell’artista sono una serie di sculture di piccole dimensioni allestite in modo da creare una personale Wunderkammer composta da curiosi personaggi in bilico tra ironia, estasi e follia.

Giuseppe Gonella presenta una serie di tele di grandi dimensioni dove il paesaggio assume una particolare valenza, divenendo il teatro espressivo di tutta una serie di tensioni umane. Nel dipinto Under the Skin of the Sea (2020) il pittore rappresenta un fondale marino che appare come un abisso ignoto, carico di fascino e mistero. Un turbinio di colori dentro cui farsi strada alla ricerca di quel senso del sublime che il filosofo Immanuel Kant definiva come una “continua meraviglia”. Un’idea di perenne moto, fisico e interiore, sottende anche al lavoro Path of the Gods (2020) dove le figure umane nella dinamica del viaggio sembrano compenetrarsi con la vegetazione del territorio creando una realtà sospesa e rarefatta. L’opera The Surprise (2018/20) rimanda a uno scenario nordico composto da ghiacciai, vulcani e montagne innevate dove i colori dell’alba fanno da sfondo all’incontro tra un uomo e una donna: sono due figure odierne, ma in esse vi è tutta la carica del mito, quasi fossero dei novelli Elena e Paride che si ritrovano in seguito a vari travagli della vita. In mostra sono esposti anche una selezione di ritratti dove i volti dei protagonisti appaiono come dei “campi di battaglia” della pittura: la mimesi delle figure femminili è prima delineata, per poi essere alterata, e a tratti negata, generando una marcata tensione formale. Tra questi spicca l’opera Traum eines Frühlingsmorgens (2018/19) ispirata al poema Sogno di un mattino di primavera (1897) di Gabriele D’Annunzio: nel lavoro di Gonella è espresso il medesimo sentimento dell’opera narrativa unendo in una sola figura amore, follia, morte e rinascita attraverso una pittura vigorosa che traspone il volto femminile caricandolo di un pathos malinconico e una tensione tragica.

La mostra rimarrà aperta in galleria fino al 6 luglio 2021, tutti i giorni con orario 11.00-13.00 e 16.00-20.00. Per informazioni: pietrasanta@galleriagiovannibonelli.it, www.galleriagiovannibonelli.com. La Galleria Giovanni Bonelli è presente a Pietrasanta con una ulteriore sede espositiva in Piazza Duomo.

Chiara Calore (Abano Terme, 1994), vive e lavora a Venezia. È stata borsista presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia. Tra le sue personali Io è un’altra (con Greta Ferretti), D3082, Venezia; Locus Amoenus e Genesi presso Villa Draghi a Montegrotto Terme, Speculum Mundi alla Galleria Davide Gallo a Milano. Tra le collettive Danae Revisited, Fondazione Fabbri, Pieve di Soligo; Milano Vetro al Castello Sforzesco a Milano; Opera viva alla Fondazione Bevilacqua La Masa Venezia; High Density ai Magazzini del Sale a Venezia: il Premio Mestre di Pittura al Centro Culturale Candiani a Mestre; Laboratorio aperto a Forte Marghera, Venezia Mestre; Biennale Giovani Trento, Gallerie di Piedicastello, Fondazione Museo Storico del Trentino, Trento.

Giuseppe Gonella (Motta di Livenza, 1984), vive e lavora tra Berlino. Tra le principali mostre personali: Dittico, MAC Museo Arte contemporanea, Lissone; Chasing lights, Galleria Giovanni Bonelli, Milano; Walking Home, Magic Beans Gallery, Berlino; Mente Locale, L’atlante/Der Blitz, MAG Galleria Civica G. Segantini, Arco; De aeterno reditu, Egbert Baquè Contemporary Art, Berlino; Involved, Galleria Giovanni Bonelli, Milano; No place left to hide, Casa dei Carraresi, Treviso; Suspended oscillation, Senart 284, New York. Tra le principali mostre collettive ricordiamo la partecipazione a: Praestigium/Imago mundi, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; Sommer frische Kunst, Bad Gastein; Map of New Art/Imago mundi, Luciano Benetton Collection, Fondazione Giorgio Cini, Venezia; Intersections, Egbert Baquè Contemporary Art, Berlino; XV. Premio Cairo, Palazzo della Permanente, Milano; (S)innehalten. Sense(s), L’espace de l’espace HB55, Berlino; In absentia, Correggio Museum - Palazzo dei Principi, Correggio; 54. Biennale di Venezia, Padiglione Italia al Palazzo delle esposizioni, Torino. Ha partecipato a varie esposizioni presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia vincendo un premio e l’assegnazione di un atelier. 


Fonte notizia: https://www.galleriagiovannibonelli.com/


Chiara Calore | Giuseppe Gonella | Carlo Sala | Galleria Giovanni Bonelli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il calore: da scarto a valore aggiunto


Green Termal Systems: Pompe Calore HYDROLution Quanto si può Risparmiare?


Contabilizzatori di calore Milano, per capire come e quanto conviene


Contabilizzatori di calore Milano scegliere il meglio per stare bene


Contabilizzazione di calore milano: il modo migliore per affidarsi ai migliori


CMP presenta la sua Heritage Ski Capsule ispirata a Mondrian


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Michelangelo Galliani. Nebula

Michelangelo Galliani. Nebula
Mostra personale di Michelangelo Galliani presso lo storico Palazzo del Medico di Carrara, promossa da Vôtre spazi contemporanei con Cris Contini Contemporary e Galleria Giovanni Bonelli   Nelle sale settecentesche del Palazzo del Medico di Carrara, ricche di stucchi, affreschi e decorazioni marmoree, sarà ospitata, dal 24 luglio al 15 settembre 2021, “Nebula”, esposizione personale dello scultore Michelangelo Galliani. Promossa da Vôtre spazi contemporanei, con la collaborazione di Cris Contini Contemporary e Galleria Giovanni Bonelli, la mostra sarà inaugurata saba (continua)

I Giorni: presentazione in anteprima del nuovo libro di Andrea Saltini

I Giorni: presentazione in anteprima del nuovo libro di Andrea Saltini
Tra le novità editoriali di Incontri Editrice si segnala il libro "I Giorni (la mia vita al tempo del Covid-19)" di Andrea Saltini, illustrato da Insetti Xilografi. Il volume sarà presentato in anteprima sabato 17 e domenica 18 luglio alle ore 11.00 presso l'Ex Mercato Coperto di Carpi (MO). Sabato 17 luglio, alle ore 19.30 è inoltre prevista la performance tratta da "I Giorni" dal titolo "(S)concerto per contrafforte molto scordato e pian(t)o solo". Tra le novità editoriali di Incontri Editrice si segnala il libro “I Giorni (la mia vita al tempo del Covid-19)” di Andrea Saltini, illustrato da Insetti Xilografi. Il volume è il riadattamento in versione cartacea di un diario personale tenuto da Saltini – pittore, poeta e direttore artistico – direttamente su Facebook durante la pandemia, dal 9 novembre 2020 al 17 febbraio 2021. Cento g (continua)

AltreterRE

AltreterRE
Alla scoperta dell’Appennino reggiano attraverso la rassegna d’arte contemporanea promossa da KAMart in residence APS Scoprire l’Appennino reggiano attraverso l’arte contemporanea. Si terrà dal 17 luglio al 15 agosto 2021, nei Comuni di Ventasso, Castelnovo ne’ Monti e Baiso, la prima edizione di “AltreterRE”, rassegna promossa da KAMart in residence APS. Curata da Francesca Baboni e Stefano Taddei, la manifestazione si propone di valorizzare luoghi meno noti della montagna reggiana, sostenendo gli artisti (continua)

Collectors Night 2021. La notte più amata dai collezionisti

Collectors Night 2021. La notte più amata dai collezionisti
A Pietrasanta, il 10 luglio, dal tardo pomeriggio alla notte, un florilegio di mostre proposte da nove gallerie d'eccellenza nel panorama italiano: Accesso Galleria, Barbara Paci Galleria d’Arte, Futura Art Gallery, Galleria Deodato Arte, Galleria Giovanni Bonelli & LIS10 Gallery, Galleria Poggiali, Galleria Susanna Orlando, Marcorossi Arte Contemporanea, Paola Raffo Arte Contemporanea, tutte iscritte all'ANGAMC. A Pietrasanta torna la “Collectors Night”, la notte più amata dai collezionisti. Sabato 10 luglio, dal tardo pomeriggio alla notte, nove gallerie d’eccellenza nel panorama italiano, tutte iscritte all’ANGAMC – Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, proporranno un florilegio di mostre dedicate a maestri storicizzati, autori internazionali e giovani promesse, offrendo (continua)

CARTA BIANCA. UNA NUOVA STORIA

CARTA BIANCA. UNA NUOVA STORIA
Un progetto di Valentina Ciarallo in occasione del White Issue Vogue Italia aprile 2020 “Carta bianca. Una nuova storia”: il progetto ideato da Valentina Ciarallo in occasione del White Issue Vogue Italia dell’aprile 2020 diventa una mostra. Dal 25 giugno al 29 agosto 2021, il Museo Gigi Guadagnucci di Massa (MS) ospita in anteprima le 49 copertine d’artista realizzate a partire dall’edizione speciale della nota rivista, uscita durante il primo lockdown con una copertina comple (continua)