Home > Arte e restauro > Rotonda dei fiori

Rotonda dei fiori

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Rotonda dei fiori

Giovedì 10 giugno, alle ore 17.30, sarà inaugurata la grande rotatoria realizzata da Dino Zoli Group all’ingresso della città con un’installazione dell’artista forlivese Massimo Sansavini. Saranno presenti le autorità cittadine. A seguire, si terrà l’opening della mostra “Prima-Vera. La natura fuori”, allestita presso la Fondazione Dino Zoli con il patrocinio del Comune di Forlì.


Giovedì 10 giugno, alle ore 17.30, sarà inaugurata la grande rotatoria realizzata da Dino Zoli Group all’ingresso della città con un’installazione dell’artista forlivese Massimo Sansavini. Saranno presenti le autorità cittadine. A seguire, si terrà l’opening della mostra “Prima-Vera. La natura fuori”, allestita presso la Fondazione Dino Zoli con il patrocinio del Comune di Forlì.

La rotonda, progettata dall’artista su commissione di Dino Zoli Group, vincitore del bando indetto dal Comune di Forlì nel 2015, sottolinea la vocazione “contemporanea” della città, attraverso un’installazione gioiosa e colorata che si ispira alle meraviglie della natura per parlare di ecologia, sostenibilità e rinascita.

Collocata tra viale Bologna e via Circonvallazione Nord-Est, a pochi passi dal quartier generale del Dino Zoli Group e dalla sede della Fondazione Dino Zoli (viale Bologna, 288), l’opera diventa, inoltre, un simbolo tangibile dell’impegno del Gruppo a sostegno dell’arte, della cultura e del territorio.

«Da sempre – dichiara il patron Dino Zoli – realizzo progetti accomunati dalla bellezza, ritengo che sia una qualità che porta benessere a chiunque abbia la possibilità di entrarci a contatto. Quando c’è stata la possibilità di partecipare al bando per la gestione della Rotonda ho pensato a come restituire al territorio un luogo in cui un’opera d’arte potesse accogliere con creatività e bellezza chi si appresta ad entrare nella mia città, Forlì. La vicinanza con le sedi delle aziende del Gruppo e della Fondazione Dino Zoli fanno di questo spazio un simbolo anche per le nostre attività».

«Ci siamo affidati a Massimo Sansavini – aggiunge Monica Zoli, socia del Dino Zoli Group – perché condividiamo i valori che caratterizzano i suoi progetti, come nel caso della mostra “Touroperator”, che nel 2017 aveva portato alla Fondazione Dino Zoli una serie di sculture costruite con i legni dei barconi naufragati nel Mediterraneo e depositati a Lampedusa. Oggi, il tema del “giardino fiorito”, che avevamo definito nel 2015 in concertazione con l’artista, si carica di nuovi significati, diventando testimonianza di gioia, rinascita e fiducia nel domani, dopo mesi particolarmente difficili. Una rotonda dei fiori, un inno alla Primavera, un’energia gioiosa, ricca di colori caldi, che si rigenera e rifiorisce in tutto ciò che ci circonda».

Sulla base della conformazione della rotonda e in relazione al contesto urbano, Dino Zoli Group e Massimo Sansavini hanno scelto di progettare un’opera composta da vari elementi, disposti a corona intorno ad un corpo illuminante centrale. Diciassette fiori giganti, con uno stelo di alluminio 4-6 metri di altezza, sostenuti da altrettanti basamenti in metallo. I materiali (alluminio e acciaio) sono tutti riciclabili e di provenienza locale. I pali e le sagome sono stati dipinti con vernici all’acqua. I tecnici e le maestranze specializzate che hanno eseguito l’intervento sono stati reperiti sul territorio.

Il tema naturalistico e floreale ricorre anche nella mostra “Prima-Vera. La natura fuori”, allestita dal 10 giugno al 10 settembre 2021 presso la Fondazione Dino Zoli. Il percorso espositivo comprende dieci opere a parete in lamina di metallo e pittura digitale appartenenti all’ultima produzione dell’artista intitolata “Supernatural”, accanto al una selezione di lavori sagomati del ciclo “Littlegarden”, disposti a creare una composizione.

«Ogni artista – spiega Massimo Sansavini – cerca di catturare l’attenzione dello spettatore facendolo riflettere, divertire o provocandolo. In questo contesto, ho cercato di fare riemergere il “fanciullino" che è in noi e che oggi, ancora di più, ha cambiato il proprio modo di vedere le cose. Naturale o innaturale? Le opere in questa mostra sono il frutto di un percorso che racconta quanto di finto ci sia in ciò che riteniamo naturale. Le opere delle serie “Supernatural” e “Littlegarden” ci fanno entrare in una sorta di Paese di Alice, dominato da una natura improbabile dai colori lucidi e sgargianti. Non tutto ciò che è bello, tuttavia, è anche buono…».

Negli spazi della Fondazione Dino Zoli sono, inoltre, presenti alcuni pannelli esplicativi che illustrano il progetto della rotatoria e le diverse fasi realizzative. A corollario della mostra di Sansavini, è presentata una selezione di dipinti a tema naturalistico provenienti dalla collezionedella Fondazione Dino Zoli.

La mostra è aperta al pubblico da martedì a venerdì con orario 9.30-12.30, sabato ore 9.30-12.30 e 16.00-19.00, domenica su appuntamento, chiuso il lunedì. Ingresso libero. Per informazioni: tel. +39 0543 755770, info@fondazionedinozoli.com, www.fondazionedinozoli.com.

Massimo Sansavini è nato a Forlì nel 1961. Si è formato all’Accademia di Belle Arti di Ravenna specializzandosi nell’uso di prodotti industriali applicati all’arte contemporanea. Ha collaborato con gallerie, network d’arte e case di moda. Ha realizzato scenografie per programmi televisivi e opere pubbliche monumentali. Nel 2017 è stato ospite della Fondazione Dino Zoli con la mostra itinerante “Touroperator”, che nel 2020 ha ottenuto l’alto patrocinio del Parlamento europeo.


Fonte notizia: http://fondazionedinozoli.com/


Dino Zoli Group | Fondazione Dino Zoli | Monica Zoli | Dino Zoli | Massimo Sansavini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Fiori da regalare per l'occasione di una nascita


Un Geranio, tante varietà


Approfondire la conoscenza del linguaggio di piante e fiori


La migliore carta da parati con i fiori


Come Scegliere I Migliori Adesivi Murali Floreali


I fiori in pelle tra moda e artigianato


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Michelangelo Galliani. Nebula

Michelangelo Galliani. Nebula
Mostra personale di Michelangelo Galliani presso lo storico Palazzo del Medico di Carrara, promossa da Vôtre spazi contemporanei con Cris Contini Contemporary e Galleria Giovanni Bonelli   Nelle sale settecentesche del Palazzo del Medico di Carrara, ricche di stucchi, affreschi e decorazioni marmoree, sarà ospitata, dal 24 luglio al 15 settembre 2021, “Nebula”, esposizione personale dello scultore Michelangelo Galliani. Promossa da Vôtre spazi contemporanei, con la collaborazione di Cris Contini Contemporary e Galleria Giovanni Bonelli, la mostra sarà inaugurata saba (continua)

I Giorni: presentazione in anteprima del nuovo libro di Andrea Saltini

I Giorni: presentazione in anteprima del nuovo libro di Andrea Saltini
Tra le novità editoriali di Incontri Editrice si segnala il libro "I Giorni (la mia vita al tempo del Covid-19)" di Andrea Saltini, illustrato da Insetti Xilografi. Il volume sarà presentato in anteprima sabato 17 e domenica 18 luglio alle ore 11.00 presso l'Ex Mercato Coperto di Carpi (MO). Sabato 17 luglio, alle ore 19.30 è inoltre prevista la performance tratta da "I Giorni" dal titolo "(S)concerto per contrafforte molto scordato e pian(t)o solo". Tra le novità editoriali di Incontri Editrice si segnala il libro “I Giorni (la mia vita al tempo del Covid-19)” di Andrea Saltini, illustrato da Insetti Xilografi. Il volume è il riadattamento in versione cartacea di un diario personale tenuto da Saltini – pittore, poeta e direttore artistico – direttamente su Facebook durante la pandemia, dal 9 novembre 2020 al 17 febbraio 2021. Cento g (continua)

AltreterRE

AltreterRE
Alla scoperta dell’Appennino reggiano attraverso la rassegna d’arte contemporanea promossa da KAMart in residence APS Scoprire l’Appennino reggiano attraverso l’arte contemporanea. Si terrà dal 17 luglio al 15 agosto 2021, nei Comuni di Ventasso, Castelnovo ne’ Monti e Baiso, la prima edizione di “AltreterRE”, rassegna promossa da KAMart in residence APS. Curata da Francesca Baboni e Stefano Taddei, la manifestazione si propone di valorizzare luoghi meno noti della montagna reggiana, sostenendo gli artisti (continua)

Collectors Night 2021. La notte più amata dai collezionisti

Collectors Night 2021. La notte più amata dai collezionisti
A Pietrasanta, il 10 luglio, dal tardo pomeriggio alla notte, un florilegio di mostre proposte da nove gallerie d'eccellenza nel panorama italiano: Accesso Galleria, Barbara Paci Galleria d’Arte, Futura Art Gallery, Galleria Deodato Arte, Galleria Giovanni Bonelli & LIS10 Gallery, Galleria Poggiali, Galleria Susanna Orlando, Marcorossi Arte Contemporanea, Paola Raffo Arte Contemporanea, tutte iscritte all'ANGAMC. A Pietrasanta torna la “Collectors Night”, la notte più amata dai collezionisti. Sabato 10 luglio, dal tardo pomeriggio alla notte, nove gallerie d’eccellenza nel panorama italiano, tutte iscritte all’ANGAMC – Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, proporranno un florilegio di mostre dedicate a maestri storicizzati, autori internazionali e giovani promesse, offrendo (continua)

CARTA BIANCA. UNA NUOVA STORIA

CARTA BIANCA. UNA NUOVA STORIA
Un progetto di Valentina Ciarallo in occasione del White Issue Vogue Italia aprile 2020 “Carta bianca. Una nuova storia”: il progetto ideato da Valentina Ciarallo in occasione del White Issue Vogue Italia dell’aprile 2020 diventa una mostra. Dal 25 giugno al 29 agosto 2021, il Museo Gigi Guadagnucci di Massa (MS) ospita in anteprima le 49 copertine d’artista realizzate a partire dall’edizione speciale della nota rivista, uscita durante il primo lockdown con una copertina comple (continua)