Home > Ambiente e salute > HIV: in Veneto bisogna puntare sulla prevenzione

HIV: in Veneto bisogna puntare sulla prevenzione

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

21 giugno 2021 – Nonostante l’impegno importante che si è portato avanti negli anni nella lotta contro l’HIV, il Veneto ha un’incidenza di 5,5 casi per 100.000 abitanti, mentre in Italia la media è di 4,2 casi.


21 giugno 2021 – Nonostante l’impegno importante che si è portato avanti negli anni nella lotta contro l’HIV, il Veneto ha un’incidenza di 5,5 casi per 100.000 abitanti, mentre in Italia la media è di 4,2 casi. Inoltre ha una percentuale più alta della media di pazienti diagnosticati a causa della tossicodipendenza e ogni anno si registrano tra i 180 e i 200 nuovi casi l’anno. 9 sono, sul territorio regionale, le Unità operative di Malattie Infettive che si occupano della presa in carico dei pazienti con HIV e AIDS. Durante l’incontro online “HIV: una pandemia silenziosa”, organizzato da Motore Sanità si è fatto il punto della situazione sullo stato dell’arte in Regione 

Secondo il Direttore Generale dell’Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto Luciano Flor: “Dagli anni 80 molte cose per fortuna sono cambiate quando si parla di Hiv e Aids. La legge 135/90 ad esempio ha permesso che si costruissero molti ospedali nuovi per le malattie infettive, ha fatto sì che nascessero i corsi obbligatori per il personale delle malattie infettive. Molto si è lavorato in Veneto a livello ospedaliero e territoriale. Il Veneto ha: 79 punti dove è possibile fare il test per l’HIV, 11 reparti di malattie infettive, ha un PDTA regionale che funziona. Ogni volta però che viene diagnosticato un nuovo caso bisogna dire che la prevenzione non ha funzionato. Dobbiamo lavorare molto su informazione, formazione e comunicazione per far passare il messaggio che il problema ci sia ancora, nonostante ci sia una cura” 

“La Regione Veneto si è mossa ormai da tempo nell’ambito dei PDTA dal paziente adulto affetto da HIV/AIDS. Dalle ricerche effettuate è emerso la gravità della presenza di comorbilità. Paradigmatico è il caso della presenza del diabete mellito nella popolazione HIV positiva. Nella popolazione HIV positiva il diabete mellito è sottotrattato e poco aderente agli standard di percorso. Bisogna quindi progettare nuovi modelli di cura per i pazienti HIV che hanno delle comorbidità, integrando la gestione dell’HIV delle comorbidità all’interno di percorsi di cura cronica standard gestiti dagli infettivologi”, ha dichiarato Annamaria Cattelan, Direttore UOC Malattie Infettive Tropicali, AOU Padova



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

HIV e COVID-19: “Prevenzione, diagnosi e cura, a che punto siamo?”


Nuove terapie per prevenire gli effetti tossici dei farmaci anti-aids


Su Easyfarma puoi acquistare il Self Test per L'HIV , rapido efficace indolore


La Callaltella : Vino IGT Veneto e Vino DOC Treviso


TRICOPIGMENTAZIONE DONNA: L’INFOLTIMENTO CAPELLI NON CHIRURGICO CON UN RIMEDIO SEMPLICE ED EFFICACE.


CAMPIONATI DEL MONDO WOC-WTOC 2014, A VENEZIA IL VERNISSAGE DELLA RASSEGNA IRIDATA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Oncologia: nello scenario della malattia oligometastatica, l’obiettivo è la guarigione “Oggi esistono molti esempi, come tumori del polmone con metastasi cerebrali che guariscono”.

23 luglio 2021 - In Italia ogni anno circa 270mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. 23 luglio 2021 - In Italia ogni anno circa 270mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo.Da qui la proposta di Paolo Pronzato, Direttore Oncologia Medica IRCCS San Martino, Genova e Coordinatore DIAR Oncoematologia Regione (continua)

ONCOnnection “Potenziare la figura del case manager come interfaccia tra il paziente e i membri del team multidisciplinare per garantire il corretto funzionamento del percorso di cura”

22 luglio 2021 – Sono 270 mila le persone colpite dal cancro in Italia ogni anno, di questi, fortunatamente, una metà vince la battaglia e l’altra riesce a vivere per un bel po' di tempo. 22 luglio 2021 – Sono 270 mila le persone colpite dal cancro in Italia ogni anno, di questi, fortunatamente, una metà vince la battaglia e l’altra riesce a vivere per un bel po' di tempo. Per affrontare però i problemi esistenti, è imprescindibile sia attivare reti oncologiche regionali per rendere omogeneo l’accesso alle cure ai pazienti su tutto il territorio nazionale sia accelerare l’uso della (continua)

Women for Oncology Italy al fianco delle donne per abbattere i muri delle differenze di genere

22 luglio 2021 - Si è tenuto nei giorni scorsi a Roma il “W20 Rome Summit”. Per tre giorni i diritti delle donne sono stati al centro del dibattito politico. Noi di Women for Oncology Italy, che da anni portiamo avanti la nostra battaglia contro il gender gap, plaudendo all’iniziativa, chiediamo che ora i riflettori non si spengano sulle tematiche che sono state trattate. 22 luglio 2021 - Si è tenuto nei giorni scorsi a Roma il “W20 Rome Summit”. Per tre giorni i diritti delle donne sono stati al centro del dibattito politico. Noi di Women for Oncology Italy, che da anni portiamo avanti la nostra battaglia contro il gender gap, plaudendo all’iniziativa, chiediamo che ora i riflettori non si spengano sulle tematiche che sono state trattate.Abbiamo apprezzato mo (continua)

Invito stampa - La nuova riforma sanitaria lombarda. Diamo voce agli operatori, alle associazioni e ai cittadini - 23 luglio 2021, Ore 11

venerdì 23 luglio, dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘La nuova riforma sanitaria lombarda. Diamo voce agli operatori, alle associazioni e ai cittadini’, organizzato da Motore Sanità. venerdì 23 luglio, dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘La nuova riforma sanitaria lombarda. Diamo voce agli operatori, alle associazioni e ai cittadini’, organizzato da Motore Sanità. Se il progetto di riforma cerca di salvare una parte dell’impianto della legge 23 coniugandola con il PNRR, da definire rimangono i modelli organizzativi con cui riempire le strutture (continua)

Vacanze all’estero sì o no? Chi rischia di più 5milioni di 60enni non vaccinati, giovani nel mirino per la variante Delta, una buona parte di italiani (il 35%) che non intende vaccinarsi: “così stiamo andando a schia

21 luglio 2021 - Questione vacanze estive: sia che si rimanga in Italia, sia che si vada all’estero, i media non sono molto tranquillizzanti in merito a quello che è l’andamento epidemiologico del Sars-Cov-2. Se da una parte l’Europa si è organizzata per avere una uniformità di atteggiamento, che però varia di giorno in giorno, più complicata è la situazione al di fuori dell’Europa, con addirittura la Farnesina che scoraggia le vacanze all’estero. 21 luglio 2021 - Questione vacanze estive: sia che si rimanga in Italia, sia che si vada all’estero, i media non sono molto tranquillizzanti in merito a quello che è l’andamento epidemiologico del Sars-Cov-2. Se da una parte l’Europa si è organizzata per avere una uniformità di atteggiamento, che però varia di giorno in giorno, più complicata è la situazione al di fuori dell’Europa, con (continua)