Home > Economia e Finanza > Produzione di petrolio, l'accordo OPEC+ rassicura il mercato

Produzione di petrolio, l'accordo OPEC+ rassicura il mercato

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Dopo due settimane di grande attività diplomatica, lo strappo tra OPEC+ ed Emirati Arabi è stato ricucito. Nella giornata di domenica, il cartello ha finalmente raggiunto un accordo sui prossimi tagli alla produzione di petrolio.

Sviluppi della produzione di petrolio

produzione di petrolioDal mese di agosto ci sarà quindi un aumento di 400mila di barili al giorno nella produzione di petrolio. Il cartello quindi immetterà sul mercato circa 5,8 milioni di barili al giorno.
Inoltre il controllo dell’output da parte dell'organizzazione dei produttori, proseguirà fino alla fine del 2022.
Il pericolo di una guerra dei prezzi, vero rischio innescato dalla frizione delle ultime settimane, quindi sembra essere rientrato.

Sono quindi state parzialmente accontentate le richieste di Abu Dhabi, che voleva un sostanzioso aumento della produzione di petrolio, in virtù della ripresa economica globale e quella della domanda di oro nero, nonché della riduzione di scorte.
Gli Emirati potranno aumentare l'output a 3,5 milioni di barili, che sono meno dei 3,8 milioni richiesti, ma anche più degli iniziali 3,17 milioni inizialmente previsti. Proprio lo scontro su questa quota aveva portato allo scontro con l'Arabia Saudita, e alla cancellazione del meeting convocato per lunedì 7 luglio. In sostanza, minacciava la stessa sopravvivenza del cartello.

La reazione del mercato

Alla fine, sia pure con ritardo e un po' di turbolenza, l'accordo c'è stato e potranno cominciare gli allentamenti ai tagli all’offerta a partire da agosto.
Questa notizia ha immediatamente avuto una conseguenza su mercato. Infatti dopo l'intesa raggiunta domenica, i prezzi del greggio hanno cominciato in ribasso la settimana.
In base ai dati real time dei broker autorizzati Consob, vediamo che il petrolio Wti del Texas scende dello 0,91% a 71,1 dollari al barile mentre il Brent del Mare del Nord perde lo 0,8% a 72,9 dollari.
Le quotazioni scontano l'aumento dell'offerta che, in base ai termini dell'intesa, aumenterà di 400.000 barili al giorno a partire dal mese di agosto fino al settembre del 2022.

Nota operativa: per negoziare il prezzo del petrolio, uno strumento interessante di analisi tecnica è l'indicatore ATR trading.

L'impegno dell'OPEC+

Va ricordato che l'OPEC+ lo scorso anno ha varato un piano di tagli della produzione di petrolio senza precedenti. Infatti venne decisa una riduzione di 10 milioni di barili al giorno, per contrastare il crollo dei prezzi innescato dalla pandemia. A seguito della ripresa economica, parte di questi tagli sono stati ritirati negli ultimi mesi. In questo modo la riduzione dell'output è scesa a 5,8 milioni di barili al giorno circa, che in seguito sarà azzerata entro il settembre del 2022.

petrolio | broker consob | atr indicatore |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Prezzo del caffé, diversi fattori lo stanno spingendo sempre più in alto

I problemi produttivi e quelli della catena di approvvigionamento hanno colpito quasi tutti i settori produttivi. Non solo energia e metalli, ma anche il mondo del caffé, dove i prezzi sono in netta crescita e si avviano a raggiungere massimi pluriennali.Come si sta muovendo il prezzo del cafféI futures sul caffè Arabica hanno infatti esteso i guadagni a oltre $ 2,1 per libbra, avvicinandosi al ma (continua)

Mercati finanziari, in settimana rapporto sui nonfarm payroll e vertice OPEC+

I mercati finanziari guarderanno con attenzione soprattutto a due avvenimenti questa settimana. In ordine cronologico sono il vertice OPEC+ sul petrolio, e il rapporto sui nonfarm payroll negli USA. Ma in mezzo ci sono anche i meeting della Banca centrale d'Australia e quella neozelandese.Gli eventi clou per i mercati finanziariPartiamo dal petrolio. L'OPEC e i suoi alleati si incontreranno lunedì (continua)

Banca del Giappone senza sorprese: tassi fermi in terriotrio negativo

Con un voto favorevole di 8 membri contro 1 contrario, la Banca del Giappone ha lasciato invariato il tasso di interesse di riferimento a -0,1%, dove si trova dal 2016. La BoJ ha inoltre lasciato immutato il target di rendimento dei titoli di stato a 10 anni intorno allo 0%. La banca centrale ha anche affermato che inizierà a erogare prestiti per il cambiamento climatico a dicembre.Il meeting del (continua)

Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

L'oro è da sempre un metallo importante non solo per i consumatori e gli investitori al dettaglio, ma anche per le banche centrali. I caveau sono pieni di riserve auree (per lo più in lingotti), che rappresentano una garanzia di rimborso per i depositanti, i detentori di banconote e gli operatori commerciali. Ma il ruolo di tali riserve è importane anche al fine di supportare il valore della valut (continua)

Mercato azionario tedesco, si avvicina la svolta: listino principale a 40 titoli

Deutsche Boerse dovrebbe annunciare i nuovi entranti nell'indice blue-chip venerdì, mentre la variazione diventerà pienamente operativa a partire dal 20 settembre Si avvicina sempre di più il momento della svolta epocale per il mercato azionario tedesco. L'indice principale, il DAX, infatti passerà dagli attuali 30 membri a 40. Questo renderà più “vivace” l'indice stesso, oltre a portare uan ventata di aria nuova sul listino.  Cosa succederà al mercato azionario tedesco Il cambiamento è (continua)