Home > Sport > Campionato parapendio: titolo italiano 2021 non assegnato

Campionato parapendio: titolo italiano 2021 non assegnato

scritto da: GustavoVitali | segnala un abuso

Campionato parapendio: titolo italiano 2021 non assegnato

Nessun campione italiano di parapendio per il 2021 – Assegnati i premi per il Trofeo 100 Laghi abbinato al campionato e aperto ai piloti stranieri – Ottima prova dei padroni casa come risultati e organizzazione: Michele Boschi il migliore


Il brutto tempo ha funestato lo svolgimento del campionato nazionale di volo in parapendio a partire dal forte vento che ha obbligato gli organizzatori a posticipare di un paio di giorni la prova d’esordio.

Per inderogabili questioni di sicurezza si è dovuto dolorosamente rinunciare all’utilizzo del decollo ufficiale a 1584 metri sulle pendici del Monte Caio nel comune di Tizzano val Parma e ripiegare sulla più modesta quota del Monte Ciumè a 750 metri sopra Langhirano. Atterraggi a Torrechiara sotto la collina sulla quale si erge l’omonimo castello in un contesto storico spettacolare soprattutto se visto dal cielo.

Grazie alla formula aperta anche ai piloti stranieri in lizza per il Trofeo 100 Laghi, erano presenti un centinaio di piloti provenienti da una dozzina di nazioni oltre che dall’Italia, compresa una sparuta pattuglia di quote rosa che non si è tirata indietro di fronte ai maschietti.

La competizione si è svolta solo su tre manches delle sette previste, per lo più ridotte a percorsi minimi rispetto alle potenzialità di mezzi e piloti, rispettivamente 43, 66 e 30 km. Fallita la prospettiva di un quarto volo l’ultimo giorno, non è stato possibile omologare il campionato e assegnare il titolo, come previsto dalle norme FAI, cioè la federazione internazionale, sotto la cui egida si svolgono le principali competizioni.

Sono stati, invece, assegnati i premi per il Trofeo 100 Laghi con la vittoria di un pilota di casa, il giovane Michele Boschi, in odore di maglia azzurra, la nazionale italiana di parapendio campione del mondo in carica. Ha lasciato il secondo posto al veneto Loris Berta e il terzo al polacco Michal Gierlach.

Sul podio femminile la francese Sandra Antony, davanti alla milanese Silvia Buzzi Ferraris, pluricampionessa della nazionale, e all’ungherese Katalin Juhasz. Per la classe “sport”, cioè piloti che volano con parapendio meno performanti, al primo posto l’italiano Ionut Ulici davanti al polacco Grzegorz Fiema e Giulio Testolin di Thiene (Vicenza) Infine per la classe “serial” al primo posto il parmigiano Andrea Terenziani, seconda Sandra Antony e terzo Tommaso Carlini di Roma.

Organizzazione a cura dell’Aero Club Gaspare Bolla di Parma insieme al Paraclub Monte Caio – Deltaclub Melloni. Patrocini dell’Associazione Pro Schia-Monte Caio, dell’Ente Parchi del Ducato, dell’Unione Montana Appennino Parma Est, della Provincia di Parma e della Regione Emilia Romagna.

Gustavo Vitali – Ufficio Stampa FIVL

Associazione Nazionale Italiana Volo Libero (registro CONI n. 46578)

il volo in deltaplano e parapendio - 335 5852431 - skype: gustavo.vitali

FOTO

informazioni sul Campionato Italiano di parapendio – Trofeo 100 laghi (Val Parma)

Volo Libero Monte Caio – Delta Club Melloni - sitopagina facebook

sito ufficiale con risultati e classifiche

addetta stampa Barbara Valla – barbara (AT) artistisenzanome.it – 338 5823373

Tutti i comunicati stampa FIVL


Fonte notizia: https://www.gustavovitali.it/pagine/comfivl/italiani-para-03-08-2021-fine.html


volo | volo libero | val parma | parapendio | pilota | campionato |



 

Potrebbe anche interessarti

Prossimi appuntamenti di volo in deltaplano e parapendio


In Val Parma i campionati italiani di parapendio 2021


Valerio Marchetti, Campione italiano di volo in parapendio classe Sport


Scuole yoga online: la nostra selezione


Grande successo per la VI Edizione del Festival delle Arti Noi per Napoli 2021


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Volo in deltaplano: Italia e Alessandro Ploner campioni d’Europa

 Volo in deltaplano: Italia e Alessandro Ploner campioni d’Europa
Concluso in Umbria il Campionato Europeo di deltaplano dopo nove giornate stupende per il volo libero - L’Italia domina la gara fin dalle prime battute, Germania seconda, Repubblica Ceca terza - Alessandro Ploner campione per la terza volta - Christian Ciech medaglia d’argento, al tedesco Primoz Gricar quella di bronzo - Ottime le prove degli altri azzurri Continua la serie positiva di titoli internazionali vinti dal team azzurro di volo libero in deltaplano.Dopo i dieci mondiali, l'ultimo nel 2019, quest’anno è stata la volta del sesto titolo europeo vinto dopo nove entusiasmanti giornate di volo nei cieli del Monte Cucco sopra Sigillo in Umbria. Una decima task è stata annullata per meteo avversa. Due settimane fantastiche per il volo senza (continua)

Deltaplani di tutta Europa nei cieli dell'Umbria

Deltaplani di tutta Europa nei cieli dell'Umbria
Piloti di tutta Europa si contendono il titolo continentale a squadre e individuale - Oltre 20 nazioni in gara - L'Italia si presenta come campione europeo e mondiale in carica Dopo lo stop forzato a causa della pandemia, i deltaplani tornano a volare nel cielo del Monte Cucco, sito considerato la culla per volare con questo mezzo senza motore inventato dagli australiani Bill Moyes e Bill Bennet nei lontani anni ‘60. Pioniere in Europa è stato Alfio Caronti che il 4 novembre del 1971 spiccò per primo il volo dal monte Murelli per atterrare nelle acque del lago di (continua)

Quando a Venezia fu inventato il ghetto

Quando a Venezia fu inventato il ghetto
Le prime comunità ebraiche in terraferma - Le conseguenze della guerra di Cambrai - Istituzione, allargamento, urbanistica e regolamentazione del ghetto - La forza del ghetto e l'autogoverno degli ebrei - Rinnovo delle “condotte” - Da straccivendoli a ricchi mercanti Un rapporto complesso quello tra la comunità ebraica e l’antica Venezia, ma proficuo per entrambe: per le le casse della Serenissima da una parte e per la tolleranza sconosciuta nel resto d’Europa che gli ebrei trovarono a Venezia. Le prime comunità in terraferma Pare che una prima testimonianza della presenza ebraica nel territorio veneziano risalga al 932 a Mestre dove nel 1152 si censi (continua)

In Altro Adige e a Milano i titoli italiani di parapendio

 In Altro Adige e a Milano i titoli italiani di parapendio
Cieli veneti affollati da oltre 100 parapendio per la conquista del titolo tricolore - Dopo quattro manches la spuntano i campioni uscenti Silvia Buzzi Ferraris e Joachim Oberhauser - Ottima organizzazione e grande festa finale in quel di Pedavena (Belluno) Sono l’alto atesino Joachim Oberhauser di Termeno e la milanese Silvia Buzzi Ferraris i nuovi campioni italiani di volo in parapendio. Succedono a se stessi, avendo vinto identici titoli del 2020, mentre nel 2021 il campionato non ha avuto luogo, causa le note vicende sanitarie.La competizione si è svolta in quattro manches con decollo dal Monte Avena. Da qui 115 piloti hanno spiccato il vo (continua)

Quando a Venezia la si faceva a cazzotti

Quando a Venezia la si faceva a cazzotti
Rivalità tra Castellani e Nicolotti - Il sestiere di Dorsoduro e il "doge dei Nicolotti" - Il “Ponte di Pugni” - Il Malcanton e i contrabbandieri Castellani e NicolottiIl sestiere di Dorsoduro a Venezia resta affacciato a settentrione sul canale della Giudecca, isola una volta chiamata Spinalonga per la sua forma di pesce. Il cambio del nome era dovuto al fatto che il governo dell’antica Serenissima un bel giorno decise di confinare lì chi veniva condannato per reati minori contro lo stato, “zudecá” in lingua veneta, cioè “giudicato”. Invec (continua)