Home > Sport > MARCIALONGA RUNNING, NO GREEN PASS!IL 5 SETTEMBRE SI CORRE SENZA PATEMI

MARCIALONGA RUNNING, NO GREEN PASS!IL 5 SETTEMBRE SI CORRE SENZA PATEMI

scritto da: Newspower | segnala un abuso

MARCIALONGA RUNNING, NO GREEN PASS!IL 5 SETTEMBRE SI CORRE SENZA PATEMI

Le disposizioni lo consentono ai runners della Marcialonga Coop Il 5 settembre la 19.a edizione della celebre corsa da Moena a Cavalese 26 km immersi nella natura lungo la pista ciclopedonale Campioni e semplici appassionati, una gara davvero per tutti, anche a staffetta


Le disposizioni per limitare la diffusione del Covid si susseguono di giorno in giorno, ma ce n’è una che, fortunatamente, libera dall’obbligo di possesso della certificazione verde, quella per i partecipanti alla Marcialonga Running Coop.

Le norme ora consentono infatti di partecipare alla 19.a edizione del 5 settembre liberamente, senza, appunto, il Green Pass. Valgono le regole comuni, ovvero indossare la mascherina nei primi 500 metri, presentare il modulo anti-Covid e per il resto… muscoli e fiato per affrontare i 26 km, gran parte in leggera discesa e falsopiano e con gli ultimi sparuti chilometri in salita, giusto per dare tono alla classifica. Del resto la Marcialonga Running è sempre stata così, quest’anno cambia poco, se non l’arrivo in Viale Mendini a Cavalese per evitare la zona pedonale e limitata di Via Bronzetti, e dunque con spazi un po’ più ampi e anche per ricordare l’arrivo (anche se in senso inverso) della gara invernale. Ci sarà anche un tratto nuovo da Predazzo a Ziano, tutto su pista ciclopedonale, che sicuramente creerà maggiore pathos.

Per chi gareggia abitualmente sarà importante anche il rilevamento intermedio della mezza maratona, a Masi di Cavalese, distanza tradizionale per tanti runners e soprattutto ben prima dell’inizio dell’ascesa verso il traguardo di Cavalese.

La partenza ritorna nelle consuetudini, in pieno centro a Moena. Il periodo di inizio settembre è sicuramente appagante con gli scenari dolomitici sempre affascinanti, brezza fresca ideale per correre e soprattutto l’atmosfera che Marcialonga infonde da sempre, un evento che si sviluppa lungo le due vallate di Fassa e di Fiemme col supporto di una marea di volontari. 

Per chi non è allenato alle distanze medio lunghe c’è sempre la possibilità di gareggiare nella staffetta, che ha anche scopo benefico, con tre frazioni di 8, 10 e 8 km, da Moena allo Stadio del Salto di Predazzo, poi ulteriore cambio allo Stadio del Fondo di Lago di Tesero, olimpico anche quello, con l’ultima frazione fino al traguardo di Cavalese.

La Marcialonga Running Coop è una gara tipicamente per amatori ed appassionati, ma c’è chi cerca anche un po’ di notorietà e soddisfazione puntando a vincere una competizione dal nome prestigioso. Negli anni l’albo d’oro ha registrato nomi di tutto rispetto, italiani e stranieri. Uno che nelle ultime edizioni ha fatto parlare di sè è il gambiano Ousman Jaiteh, primo nel 2018 e secondo nel 2019. Un runner dalla storia importante, arrivato in Italia con uno dei tanti barconi e che ha trovato casa e lavoro in Valsugana. Poi col Covid ha smesso di gareggiare, ma il richiamo della Marcialonga è forte e ora si sta allenando per rientrare. Un bel tris di podi sarebbe un’altra bella storia da raccontare. Già col pettorale addosso c’è Matteo Vecchietti, vincitore un mese fa della Primiero Dolomiti Marathon, e ci saranno anche Ismail El Haissoufi, 5° lo scorso anno, e Peter Lanziner, aficionado delle gare Marcialonga, collezionando un 3°, un 4° e un 5° posto alla Running Cup, ma in classifica anche nella Cycling Craft e nella gara con gli sci. Si sa però che i nomi che contano attendono gli ultimi momenti per iscriversi, soprattutto gli atleti dei grandi altipiani africani.

Tra le donne Ivana Iozzia non nasconde le proprie ambizioni: ha al suo attivo due primi, un 2° e un 3° posto. Ha già confermato anche Loretta Bettin, terza nel 2019.

Cha la Marcialonga Running Coop sia una gara “per tutti” lo confermano i grandi numeri del passato, con una buona quantità di staffette e tanti fondisti a confrontarsi nelle tre frazioni, ma ci sono anche concorrenti giovanissimi tra i quali anche due fondiste del 1999, Caterina Piller e Marta Gentile, e pure runners “consumati” …under 80, Nicola Binelli del 1943 e Liudmila Kolobanova del 1944.

Marcialonga Running Coop 2021, perché non esserci?

Info: www.marcialonga.it


Fonte notizia: http://www.newspower.it/MarcialongaRunning.htm


newspower | marcialonga running coop | marcialonga | corsa | running | val di fiemme | val di fassa | trentino alto adige | fiemme | fassa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MARCIALONGA: UN PATRIMONIO PER LA COMUNITÁ, L’IMPATTO DELLA SKI MARATHON SUL TURISMO TRENTINO


“The Heart of Kenyan Running”: Due settimane di sport, benessere, cultura


MARCIALONGA AL COSPETTO DELLA “MADUNINA”. ZORZI-BETTINI-CHECHI-ROSSI: CHE STAFFETTA!


TUTTO PRONTO PER LA MARCIALONGA DI FIEMME E FASSA, PRESENTATA OGGI LA 42.a EDIZIONE DELLA GRANFONDO


TRENTO SFOGGIA MARCIALONGA 2016, 43ª EDIZIONE PIÙ CHE MAI RICCA D’INIZIATIVE


È TEMPO DI MARCIALONGA… RUNNING. CAMBIO DELLA GUARDIA PER LA SOREGHINA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME
Pian piano si dispone l’attrezzatura per innevare i 70 km da Moena a Cavalese È la gara amata dai grandi campioni dello sci di fondo, con “ritorni” eccellenti Il 29 e 30 gennaio ce n’è per tutti i gusti con Light, Story, Baby, Mini, Young e Stars C’è ancora qualche posto, la corsa al pettorale sta per concludersi C’è un’equazione fissa che mette alla prova gli organizzatori della Marcialonga: basse temperature, produzione neve.È vero che il termometro in questo periodo fluttua su e giù dallo zero, è comunque tempo di spolverare i 26 ‘cannoni’ che gli uomini della mitica granfondo degli sci stretti, la cui 49.a edizione è in programma il 29 e 30 gennaio, hanno tolto dal magazzino. L’imperativo è iniziare la (continua)

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO
Sono sempre di più gli iscritti alla prima gara di stagione del fondo Gli organizzatori livignaschi hanno stabilito il tetto massimo di 500 unità Da sabato 23 ci si potrà allenare sull’anello frutto dello snow farming La “superstar” Klaebo di nuovo a Livigno per la preparazione in altura della stagione Olimpica Da Pauli Siitonen, il finlandese che ha avuto l’intuito, a Bill Kock, l’americano che per primo sviluppò la nuova tecnica negli anni ‘70. Lo skating è una disciplina dello sci di fondo che piace, frizzante ed esplosiva.La prima opportunità di stagione di calzare gli sci stretti e fare a gara col cronometro in tecnica libera è la storica Sgambeda, che sabato 4 dicembre è pronta ad alzare il sipario (continua)

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone
Seconda giornata del weekend di skiroll a Trento Luca Curti attende e poi scappa. Sul podio Tanel e Masiero Mortagna accende i giochi, poi paga e vince Beri davanti a Becchis Spettacolo dei giovanissimi. Organizzazione di Trento Eventi Sport e Team Futura Il Monte Bondone, la montagna di Trento per antonomasia, è sempre stato banco di prova per ogni genere di “scalatore”. Dalle auto alle moto, dalle bici al running, ma anche autentica “bestia nera” per gli skirollisti.Oggi confronto serrato sui tornanti del Bondone lungo quella salita che, non a caso, porta il nome di Charly Gaul, il lussemburghese che nel 1956 in una giornata da tregenda qui vinse (continua)

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno
L’11 giugno 2022 quarta edizione della Dolomites Saslong Half Marathon Un percorso di 21 km e 900 m. di dislivello tra Val Gardena e Val di Fassa Iscrizioni online con Enternow, la quota base è di 50 euro 600 posti per un’occasione sportiva intorno al Gruppo del Sassolungo Alcuni atleti nella scorsa edizione di giugno, disputata comunque nonostante i disagi della pandemia, dicevano di non riuscire a concentrarsi in gara, tanto la vista li affascinava. C’è da crederci. Forse un po’ meno per Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, outsider vincente tra le donne, autori di una gara velocissima.E così dopo gli entusiasmi per il successo e i complimen (continua)

A gennaio torna lo Skiri Trophy: sciolina alla mano per i giovani fondisti

A gennaio torna lo Skiri Trophy: sciolina alla mano per i giovani fondisti
Il 22-23 gennaio in Val di Fiemme appuntamento col 38° Skiri Trophy XCountry A Lago di Tesero (TN) classico happening dello sci di fondo giovanile Al via le categorie Baby, Cuccioli, Ragazzi e Allievi e quindi il Revival Un mix di iniziative per tutti gli appassionati: dai più giovani ai nostalgici Lo sci di fondo può guardare lontano con entusiasmo: quello che è comunemente definito il ‘mondialino’ degli sci stretti è confermato per l’imminente stagione: dopo l’annullamento dello scorso gennaio a causa della pandemia, il 22-23 gennaio prossimi la Val di Fiemme vedrà nuovamente i giovani atleti degli sci stretti darsi battaglia in occasione del 38° Skiri Trophy XCountry. L’evento è ormai una (continua)