Home > Scuola e Università > Asilo Nido: 8 consigli per prepararsi al meglio a questa nuova avventura

Asilo Nido: 8 consigli per prepararsi al meglio a questa nuova avventura

scritto da: Mammacheavventura | segnala un abuso

Asilo Nido: 8 consigli per prepararsi al meglio a questa nuova avventura

L’Asilo Nido porta un grande cambiamento nelle abitudini dei nostri bambini e anche per noi mamme non è semplice affrontare questo distacco. Per quanti momenti possano esserci in cui non vediamo l’ora che inizi la scuola, quando poi, arriva realmente il momento si viene sommerse da tante emozioni contrastanti, specie se si tratta del primo anno. Forse questo non vale per tutte, ma per molte è così e una è proprio qui a scrivervi. Ecco una serie di consigli per affrontare al meglio l’inserimento al nido che mi sono stati di grande aiuto.


1. Fidarsi della struttura che abbiamo scelto

Il primo passo da compiere è conoscere l’ambiente, le educatrici e coloro che si prenderanno cura del nostro bambino in nostra assenza. Questo ci aiuterà ad avere fiducia nella struttura e in chi la gestisce. Contrariamente, sarebbe difficile, se non impossibile, sentirsi tranquille o tranquilli (facendo riferimento ad entrambi i genitori) nell’affidare nostro figlio ad un ambiente e a delle persone del tutto sconosciute.

Gli open day e ancora di più il periodo di inserimento che prevede anche la nostra presenza sono un’importante occasione per favorire un approccio positivo mettendo le basi per un rapporto di fiducia.

A questo proposito, è importante ricordarci che le educatrici non sono lì per giudicare il nostro ruolo o il nostro metodo educativo, ma sono nostre alleate quindi, qualsiasi dubbio o difficoltà che riscontriamo è bene condividerla in modo da creare l’opportunità di “lavorare” insieme ad una soluzione, così da facilitare il loro compito e rasserenarci.

2. Giocare in anticipo, preparandoci al cambiamento

Ph. Canva

L’inizio dell’Asilo Nido comporterà inevitabilmente uno sconvolgimento nelle abitudini di nostro figlio e anche nelle nostre. Dunque, per evitare disagi gli esperti consigliano di giocare in anticipo iniziando a preparare il bambino al cambiamento imminente. Si può iniziare adeguando i nostri orari a quelli che avrà al nido in modo da rendere più facile e soprattutto meno traumatica la fase di adattamento; inoltre, si può portare più frequentemente il bambino al parco, in modo da abituarlo alla socializzazione, specie se non è abituato a condividere il suo tempo con altri bimbi; e ancora, si potrebbe passare spesso davanti all’asilo così da rendere quel percorso a lui familiare.

3. Parlare del Nido ed esprimere pensieri positivi

Trovandomi in questa situazione, ho consultato qualche blog autorevole come Nostrofiglio.it e sono stata colpita particolarmente dallo spunto della pedagogista Roberta Balsemin rispetto all’esprimere ad alta voce messaggi positivi sull’Asilo Nido. Dire: “Ti porto in un posto sicuro dove potrai divertirti con altri bambini e la mamma sa che lì starai bene” – non solo rassicura nostro figlio, ma anche noi stesse perché nell’esprimere dei messaggi positivi siamo noi per prime a convincercene. Inoltre, renderlo sicuro del nostro affetto ripetendogli quanto gli vogliamo bene lo aiuterà ad accogliere meglio il nostro allontanamento temporaneo.

Continua a leggere cliccando su questo link


Fonte notizia: https://mammacheavventura.it/asilo-nido-8-consigli-per-prepararsi-al-meglio-a-questa-nuova-avventura/


Asilo nido | inserimento | scuola | bambini | pedagogia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Bonus Asilo Nido 2021: info utili per neo genitori


L'Arcobaleno - Il più bell'asilo nido privato a Monza


PRISMA: PREMIATA PER ASILO NIDO BLU.


Terna, inaugurato l’asilo aziendale MiniWatt: le considerazioni dell’AD e DG Stefano Donnarumma


Nido BLU partecipa alla Festa dell'Architettura di Roma – 9/12 giugno L'asilo aziendale di Prisma: un modello esemplare per l'architettura sostenibile.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Circa 200 euro per figlio: ecco tutte le info sull’Assegno Temporaneo

Circa 200 euro per figlio: ecco tutte le info sull’Assegno Temporaneo
Per la prima volta è stato approvato un aiuto che abbraccia un numero straordinario di famiglie italiane e nonostante la sua straordinarietà l’Assegno Temporaneo è passato alquanto inosservato, al punto che il Consiglio dei Ministri ha ritenuto poortuno prorogare i termini per le richieste con validità retroattiva fino al 31 ottobre 2021 e non più il 30 settembre come previsto inizialmente. In cosa consiste questo assegno temporaneo? A chi spetta e come presentare la domanda? Di seguito troverai tutte le risposte a queste domande e molte informazioni utili per accedere a questo sussidio. L’Assegno Temporaneo per i figli minori a carico,  previsto dal decreto 79/2021, è una misura a sostegno delle famiglie che non hanno accesso ad altri sussidi per il periodo di tempo che va da luglio a dicembre 2021 – ecco perché “temporaneo”- in attesa dell’Assegno Unico Universale previsto per il 2022.Grazie a questa misura, circa due milioni di famiglie p (continua)

Sesso dopo il parto: i problemi più comuni e l’aiuto della fisioterapia

Sesso dopo il parto: i problemi più comuni e l’aiuto della fisioterapia
Si sentono molte storie di donne che raccontano di una sessualità stravolta dopo il parto al punto da avvertire una sorta di senso di colpa verso il compagno, un disagio e addirittura una vergogna tale da portarle a chiudersi in sé stesse e a non ricercare una soluzione. Con questo articolo, realizzato dalla dottoressa Lorena Pastena, specializzata in riabilitazione del Pavimento Pelvico, innanzitutto evidenziamo quanto problemi relativi alla sessualità siano comuni tra le neo mamme e dunque non c’è nulla di cui vergognarsi, anzi, parlarne con un professionista può solo essere utile a ritrovare un benessere sessuale. La ripresa dei rapporti sessuali dopo il parto, purtroppo, ancora oggi è un argomento di cui si parla poco, anche durante i corsi pre-parto, sarebbe opportuno informare le neo mamme su ciò che potrebbe attenderle proprio per fornirle gli strumenti giusti per affrontare un eventuale problema, senza imbarazzi e paure. La riscoperta della sessualità per la neo-mamma, infatti, e tutt’altro c (continua)

VBAC: partorire naturalmente dopo il cesareo

VBAC: partorire naturalmente dopo il cesareo
Al di là di quelle che possono essere le convinzioni personali di ginecologi ed ostetriche, riguardo al VBAC ci sono delle evidenze scientifiche, fondate su studi e raccomandazioni delle autorità sanitarie internazionali che definiscono la scelta di un parto vaginale dopo un parto cesareo come “buona pratica clinica” invitando ad abbandonare il principio secondo il quale una donna che abbia partorito con taglio cesareo non possa partorire per vie naturali nelle gravidanze successive. VBAC è un acronimo inglese che sta per Vaginal Birth After Cesarean, ovvero parto vaginale dopo cesareo. Contrariamente a quanto sembra, non si tratta di un termine moderno, ma risale agli anni ’70 e si deve all'ostetrica del Massachusetts Nancy Wainer Cohen autrice del libro Silent Knife: Cesarean Prevention and Vaginal Birth After Cesarean ribattezzato dal Wall Street Journal "La bibbia del (continua)

Parto Cesareo: tutto quello che c'è da sapere

Parto Cesareo: tutto quello che c'è da sapere
Il parto cesareo non era proprio nei miei programmi, ma la vita con me si è sempre divertita a stravolgere i piani ed è così che nel giorno del nostro primo anniversario di matrimonio è venuta al mondo nostra figlia: una polpetta di 3800gr per 52 cm. Desideravo vivere un parto naturale, quindi, in assenza di rischi abbiamo aspettato tutto il tempo possibile, ma al termine della 40ma settimana senza nemmeno l’ombra di una contrazione, con una testina ancora troppo alta e un liquido amniotico in riduzione la decisione più saggia è stata sicuramente quella di programmare un parto cesareo. Nonostante non abbia avuto dubbi sulla decisione presa, mi sentivo smarrita e preoccupata di fronte all’idea di mettere al mondo mia figlia non in maniera “naturale”, questo probabilmente perché sul parto cesareo viene fatta poca informazione e soprattutto ruotano tanti pregiudizi attorno a questa pratica che, diciamolo: “menomale che esiste!” – se non esistesse Flavia e probabilmente nemmeno io sarei qui a raccontare il mio parto. Parto Cesareo: cos’è e come avviene?Il parto cesareo o anche taglio cesareo è un intervento chirurgico che permette la nascita del bambino per via addominale, attraverso un’incisione aperta artificialmente. Attualmente, l’incisione per raggiungere l’utero viene effettuata dal ginecologo in senso trasversale sul segmento uterino inferiore e le tecniche di sutura sono così precis (continua)

Festa dei nonni: stupiamoli con un lavoretto handmade

Festa dei nonni: stupiamoli con un lavoretto handmade
Manca poco alla festa dei nonni e anche se i nostri cuccioli non mancano occasione per dimostrargli il loro affetto, il 2 ottobre bisogna pensare a qualcosa di davvero speciale per celebrare il loro valore insostituibile. Tutto il mondo sa quanto sono importanti i nonni, al punto da aver pensato ad un giorno speciale tutto per loro, ma perché proprio il 2 ottobre? In questo articolo svelo qualche curiosità su questa dolce ricorrenza e se sei accorto di idee creative per la festa dei nonni allora non ti resta che leggere fino alla fine. Come nasce l’idea della Festa dei NonniI nonni sono una presenza fondamentale per la crescita emotiva di ogni bambino, ma sono anche un supporto importante per noi genitori e per la società intera. Sono un bagaglio di esperienza, una raccolta infinita di storie entusiasmanti, un pozzo inesauribile di pazienza e amore.Tutto questo ha spinto il Parlamento Italiano a istituire nel 2005 (continua)