Home > Cultura > Premio giornalistico nazionale 'Giuseppe (Bepi) Franzon' alla pesarese Paola Cecchini

Premio giornalistico nazionale 'Giuseppe (Bepi) Franzon' alla pesarese Paola Cecchini

scritto da: Paola Cecchini | segnala un abuso

Premio giornalistico nazionale 'Giuseppe (Bepi) Franzon' alla pesarese Paola Cecchini

È Paola Cecchini - giornalista professionista di Pesaro e redattrice di ‘Progetto Radici’ curato dall'Associazione Nazionale ‘Italiani nel Mondo’ (ANIM) - la vincitrice del quarto premio giornalistico dedicato alla memoria di Giuseppe ‘Bepi” Zanfron’, iniziativa quest’anno dedicata all’emigrazione italiana di ieri e di oggi, organizzata da Assostampa Belluno e Sindacato giornalisti Veneto, con il contributo del Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Piave appartenenti alla Provincia di Belluno e con il patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Belluno, del Comune di Longarone, della Fondazione Vajont e dell’Associazione Bellunesi nel Mondo.


È Paola Cecchini - giornalista professionista di Pesaro e redattrice di ‘Progetto Radici’ curato dall'Associazione Nazionale ‘Italiani nel Mondo’  (ANIM) - la vincitrice del quarto premio giornalistico dedicato alla memoria di Giuseppe ‘Bepi” Zanfron’, iniziativa quest’anno dedicata all’emigrazione italiana di ieri e di oggi, organizzata da Assostampa Belluno e Sindacato giornalisti Veneto, con il contributo del Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Piave appartenenti alla Provincia di Belluno e con il patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Belluno, del Comune di Longarone, della Fondazione Vajont e dell’Associazione Bellunesi nel Mondo.

La premiazione si è svolta sabato 23 ottobre, in municipio a Longarone, alla presenza del Ministro per i rapporti con il Parlamento, il bellunese Federico D'Incà. Sono intervenuti anche il primo cittadino di Longarone e presidente della Provincia Roberto Padrin, la segretaria del Sindacato Giornalisti del Veneto, Monica Andolfatto, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto, Gianluca Amadori, l’assessore regionale ad Ambiente e Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin e il presidente onorario dell'Associazione Bellunesi nel Mondo Gioacchino Bratti.

 La giuria -presieduta da Luca Zanfron, il figlio di Bepi - ha concordato nel giudicare l'articolo di Cecchini “La Marchigiana di Mendoza” il migliore tra i partecipanti con queste motivazioni: “Per aver saputo centrare il tema raccontando in un'intervista una intera esistenza, con le speranze, illusioni, disillusioni e la ricostruzione di una vita che ha mantenuto però un profondo legame con la terra natia, e per aver recuperato un pezzo di storia nazionale con uno degli esempi dell'emigrazione italiana degli anni '30 e '40, quando alla spinta economica si sommava anche quella ideologica del rifiuto del Fascismo”.

 Bepi Zanfron - il cui nome è indissolubilmente legato agli scatti della tragedia del  Vajont (1963)- ha raccontato con le sue fotografie innumerevoli pagine di vita e di cronaca quotidiana: fondamentale per ricordare la storia degli emigranti la sua collaborazione con l'Associazione Bellunesi nel Mondo, per la quale realizzò centinaia di scatti di emigranti bellunesi in tutto il pianeta.(FNSI)

 https://www.progetto-radici.it/2021/04/01/la-marchigiana-di-mendoza/

 


Fonte notizia: https://www.progetto-radici.it/2021/04/01/la-marchigiana-di-mendoza/


Premio | Bepi Franzon | Paola Cecchini | La Marchigiana | Mendoza |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Si scaldano i motori per MARCHE FESTIVAL

Si scaldano i motori per MARCHE  FESTIVAL
Nell’orizzonte musicale della nostra regione, si palesa una nuova rassegna, ‘Marche Festival’, che prenderà il via domenica 12 dicembre (alle ore 18) presso il Teatro ‘La Fenice’ di Senigallia. In scena il violinista Ugo Ughi e l'orchestra da camera 'I Virtuosi Italiani' Nell’orizzonte musicale della nostra regione, si palesa una nuova rassegna, ‘Marche Festival’, che  prenderà il via domenica 12 dicembre (alle ore 18) presso il Teatro ‘La Fenice’ di Senigallia.Progettato da Federico Mondelci e Antonella Cecere per conto dell’Associazione ‘Le muse’,  è patrocinato dal  Comune di Senigallia e gode del sostegno di enti pubblici e privati qu (continua)

L'elisir d'amore: note varie

L'elisir d'amore: note varie
‘L’elisir d’amore’ è la più celebre commedia di Donizetti, anzi forse il titolo più famoso del suo sterminato catalogo e certamente il più rappresentato nel mondo. L’elisir viene proposto dal Festival 2021 in una versione mai ascoltata in Italia: assolutamente integrale, per cominciare, nelle tonalità originali ed eseguita con gli strumenti storici, alla ricerca del suono ‘autentico’ dell’orchestra di Donizetti. Sorpresa garantita: ascoltare un’opera che crediamo tutti di conoscere ma che ‘suona’ in maniera del tutto diversa da quella cui siamo abituati. ‘L’elisir d’amore’ è la più celebre commedia di Donizetti, anzi forse il titolo più famoso del suo sterminato catalogo e certamente il più rappresentato nel mondo. La sua fortuna critica e di pubblico non è mai venuta meno a partire dal debutto, nel 1832. Un successo costante e indiscusso che stupì lo stesso compositore che all’inizio non si era reso conto di aver scritto uno dei suoi capolav (continua)

Medea in Corinto: note varie

Medea in Corinto: note varie
Uno dei capolavori di Giovanni Simone Mayr, considerato all’epoca un’opera ‘intellettuale’ e avanguardista, è ‘Medea in Corinto’, scritta su libretto di un giovane Felice Romani che nel 1813 trionfò al ‘San Carlo’ di Napoli e che rimane tuttora il titolo più celebre di Mayr e sicuramente il più rappresentato. Il “bavarese bergamasco” Giovanni Simone Mayr (1763-1845) è oggi ricordato soprattutto per essere stato il maestro di Gaetano Donizetti: maestro di cappella in Santa Maria Maggiore dal 1802, aveva istituito delle lezioni gratuite di musica per i ragazzi poveri di Bergamo. Mayr fu anche un grande operista, fra i maggiori della generazione pre-rossiniana, scritturato e rappresentato in tutta E (continua)

Adriana Lecouvreur al Teatro Comunale di Bologna

Adriana Lecouvreur al Teatro Comunale di Bologna
Bel successo al Teatro Comunale di Bologna per la messa in scena dell'opera 'Adriana Lecouvreur' di Francesco Cilea nell'ambito della stagione musicale 'Autunno all'opera' A seguito del successo in versione film-opera su Rai5 dello scorso marzo, ‘Adriana Lecouvreur’ di Francesco Cilea è stata ripensata per lo spazio del palcoscenico ed ha incontrato finalmente il pubblico del Teatro Comunale di Bologna domenica 14 novembre (repliche il 16,18 e 20)  nell’ambito della stagione musicale ‘Autunno all’Opera’.Belle le voci di tutto il cast, in particolare quell (continua)

INSIEME ALLA MUSICA (Forlì, autunno 2021)

INSIEME ALLA MUSICA (Forlì, autunno 2021)
Il 2021 è anche l’anno della ripartenza dello spettacolo dal vivo e ForlìMusica è stata tra le prime realtà in Italia a rendere di nuovo possibile l'incontro tra grandi musicisti ed il loro pubblico. La nostra rassegna musicale autunnale lo testimonia appieno’. (Danilo Rossi, direttore artistico di 'ForlìMusica) ‘Il 2021 è stato un anno molto   importante   per   la   nostra associazione e per tutto il mondo della cultura: ha segnato la nascita di ForlìMusica Aps, avvenuta grazie alla fusione dell’Associazione ‘Amici dell’Arte’ e Orchestra ‘Bruno Maderna’ dopo dieci anni di esperienza comune.Il 2021 è anche l’anno della ripartenza dello spettacolo dal vivo e F (continua)