Home > Altro > Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione


La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso.
Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Christine Lagarde, presidente della Bce. La numero uno della Eurotower ha raffreddato ancora gli animi, ribadendo che l'ipotesi di un rialzo dei tassi il prossimo anno "è molto improbabile".

Cosa è successo sui mercati europei

mercati europeiTra la principali piazze europee, quella milanese è stata la migliore. L'indice Ftse Mib segna in chiusura +0,69% a 27.377 punti, sui nuovi massimi a 13 anni mentre.
A Madrid spetta la palma della peggiore tra i vari mercati europei azionari (-0,92%). Parigi segna +0,34%, mentre il DAX di Francoforte è rimasto pressoché stabile, pur rimanendo a breve distanza dal record storico.
Alla Borsa di Milano il controvalore degli scambi è stato pari a 2,47 miliardi di euro, invariato rispetto a ieri. I volumi scambiati sono passati da 0,6 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,62 miliardi.

Come si sono mossi i singoli titoli

Sul listino milanese il titolo migliore è Ferrari, che aggiorna i massimi storici con un balzo del 3,99% dopo la trimestrale. Inizialmente era stata accolta con scetticismo dagli analisti dei mercati europei e dagli investitori. Il Cavallino Rampante ha leggermente rivisto al rialzo la guidance mentre il nuovo ceo Vigna ha anticipato che il nuovo business plan si terrà il prossimo 16 giugno.
Bene Leonardo (+2,57%) che si rafforza nell’elisoccorso Usa. In moderato rialzo Stellantis (+0,46%) nonostante ad ottobre fatto peggio del mercato in Italia.

Banche su, tranne Intesa Sanpaolo

In generale su tutti i mercati europei si sono mosse bene le banche, con lo spread sceso ulteriormente a 120 punti. Su alcune di esse si può fare trading con i broker opzioni binarie no UE. Scende però Intesa Sanpaolo (-0,4% a 2,502 euro) nonostante dai conti trimestrali emerge che l'utile netto ha superato le aspettative. La maggiore banca italiana infatti evidenzia un utile a 983 mln di euro nel terzo trimestre (consensus era 810,5 mln).

Petrolio e titoli oil

Deboli i titoli del comparto energetico, penalizzato dal rallentamento del petrolio per via del rialzo superiore alle stime delle scorte americane e dall'attesa delle decisioni dell'Opec+. Il Wti dicembre cede il 3,2% a 81,2 dollari al barile e il Brent gennaio scende del 2,7% a 82,36 dollari. Sull'azionario il titolo Eni segna -1,28%, Saipem -0,81% e Tenaris -1,28%.
Le peggiori performance hanno invece colpito il titolo DiaSorin, che ha chiuso a -1,47%.

Sul listino FTSE MidCap brilla intanto Tinexta (+6,90%), ma ottime performance riguardano anche Sesa (+5,15%), Reply (+4,19%) e Saras (+3,62%).

mercati | borsa | dax |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Investitori, è di nuovo massima allerta sulle prossime mosse della FED


Federal Reserve pronta alla marcia indietro? Probabilmente, ma non da subito


La Federal Reserve si avvicina al taglio dei tassi. Dollaro in discesa


ANNO 2022: Una Newsletter di Finanza davvero DISSACRANTE E IRRIVERENTE !


Federal Reserve messa all'angolo da Trump


Dollaro, la settimana comincia con il freno a mano tirato nel Forex


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato dell'auto, l'Europa ha vissuto un altro anno flop

Se consideriamo i diversi principali Paesi dell'Unione Europea, l'unica che può sorridere è l'Italia, dov'è stato registrato un aumento del 5,5% In Europa il mercato dell'auto continua a vivere una situazione problematica. La crisi pandemica e la carenza di semiconduttori che blocca i processi produttivi, hanno innescato una nuova frenata nell'Europa occidentale.I numeri negativi del mercato dell'autoIl mercato che raggruppa i paesi della UE, il Regno Unito e l'Efta hanno infatti chiuso l'anno 2021 con un bilancio nuovamente negativo. In b (continua)

Miliardi che vanno in fumo nelle Borsa, penalizzate dalle minute della FED

La diffusione dei verbali dell'ultimo meeting di politica monetaria della FED hanno affossato le Borse. La banca centrale americana si è rivelata più falco del previsto, preannunciando non solo delle strette monetarie ma anche la riduzione del bilancio da 8.800 miliardi di dollari. Dopo il netto calo di Wall Street avvenuto ieri e quello delle piazze asiatiche arrivato nelle prime ore di questa g (continua)

Investimenti, i mercati azionari viaggiano in moderata salita

Giornata di acquisti sui mercati azionari del Vecchio Continente. Anche se comunque si è trattato di sessioni blande, perché il clima vacanziero ha prodotto volumi bassi di investimenti e neppure dal calendario economico arrivavano grandi spunti. Pesa anche la chiusura di Londra, oggi e domani. Nel mondo sono rimaste chiuse anche la Borsa di Hong Kong e quella australiana. A dare una piccola spin (continua)

Fallimento, per Evergrande la srtada sembra ormai tracciata

Evergrande, l’agenzia di rating Fitch ufficializza il default. Pechino lavora per scongiurare un effetto dominoLa crisi del colosso cinese Evergrande è sempre più profonda. Quasi definitiva. Siamo infatti sull'orlo del fallimento, come ha sancito l'agenzia di rating Fitch declassando ulteriormente la società immobiliare del Dragone (e delle sue sussidiarie Hengda Real Estate e Tianji Holding).Ever (continua)

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)