Home > Economia e Finanza > Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

scritto da: Elleny | segnala un abuso

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito


Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila.

Dove guarderanno gli investitori

investitoriI dati clou per gli investitori saranno i PMI flash relativi a Stati Uniti, Unione Europea e Regno Unito. Ma in calendario c'è anche un importante dichiarazione sui tassi della Reserve Bank della Nuova Zelanda, nonché la pubblicazione delle minute relative all'ultimo meeting di politica monetaria della Federal Reserve. Quest'ultimo appuntamento innescherà senza dubbio molti segnali forex in tempo reale gratuiti.

Dati PMI globali

Riguardo al clima generale che si respira il mercato, delle indicazioni importanti arriveranno dai PMI globali. Martedì sarà il turno degli ultimi dati sulla produzione economica dell’UE, con paesi come Germania e Francia, Regno Unito e Stati Uniti.
Gli investitori hanno messo in conto che ci sarà un probabile nuovo rallentamento della crescita. Ci sono infatti diversi fattori che stanno zavorrando la spinta economica. A cominciare dalla recrudescenza del Covid, passando per gli intoppi alla catena di approvvigionamento e la crescita robusta dell’inflazione.

Il meeting della RBNZ

Un altro appuntamento importante della settimana è quello con la riunione del board della Reserve Bank della Nuova Zelanda.
Quella neozelandese è stata una delle prime grandi banche centrali ad aumentare i tassi. Lo ha fatto a ottobre, dopo aver tenuto il costo del denaro al minimo storico per ben 7 anni.
Gli investitori credono che nonostante lo scenario globale, ci sarà un'altra mossa simile prima di fine anno. Probabilmente già giovedì, per contrastare la crescita dell’inflazione, che ha raggiunto il 2,2% nel terzo trimestre, superando le stime dell’1,4% della Reserve Bank.
Sulla carta, è possibile un aumento allo 0,75% ma non si esclude una mossa ancora più hawkish fino all’1%.

Annotazione: uno degli strumenti più interessanti per gli investitori sono le Onde di Wolfe Wave trading.

Le minute della Federal Reserve

Dagli Stati Uniti mercoledì sono in arrivo le minute del meeting FED del mese scorso. Investitori ed economisti attendono di conoscere il pensiero dei banchieri centrali americani riguardo l'aumento dei tassi in futuro. In special modo, si vuole capire quanto è profonda la divisione tra falchi e colombe della Fed.

La preoccupazione per la banca centrale, che ha appena varato l'allentamento del programma di acquisto di obbligazioni, si chiamano soprattutto inflazione e mercato del lavoro.
Finora il presidente Jerome Powell ha congelato ogni ipotesi di aumento dei tassi, perché la FED vede un mercato del lavoro ancora debole e una inflazione in gran parte temporanea. Ma tra quello che si dice e quello che si pensa può esserci molta differenza, ed è per questo che nelle mniute FED potrebbe essere possibile leggere il vero pensiero.

investimenti | wolfe wave trading | segnali forex gratis |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il metodo “focus group” per valutare il rischio stress lavoro correlato


Le piattaforme di equity crowdfunding possono collocare i minibond delle PMI


Quando il motore di ricerca è semantico, la ricerca è solo l’inizio


Registrazione società EAU: E’ online il nuovo sito di Trinity Corporate Services


Investire a Dubai, tutte le opportunità con Sergio Alberti Real Estate


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato dell'auto, l'Europa ha vissuto un altro anno flop

Se consideriamo i diversi principali Paesi dell'Unione Europea, l'unica che può sorridere è l'Italia, dov'è stato registrato un aumento del 5,5% In Europa il mercato dell'auto continua a vivere una situazione problematica. La crisi pandemica e la carenza di semiconduttori che blocca i processi produttivi, hanno innescato una nuova frenata nell'Europa occidentale.I numeri negativi del mercato dell'autoIl mercato che raggruppa i paesi della UE, il Regno Unito e l'Efta hanno infatti chiuso l'anno 2021 con un bilancio nuovamente negativo. In b (continua)

Miliardi che vanno in fumo nelle Borsa, penalizzate dalle minute della FED

La diffusione dei verbali dell'ultimo meeting di politica monetaria della FED hanno affossato le Borse. La banca centrale americana si è rivelata più falco del previsto, preannunciando non solo delle strette monetarie ma anche la riduzione del bilancio da 8.800 miliardi di dollari. Dopo il netto calo di Wall Street avvenuto ieri e quello delle piazze asiatiche arrivato nelle prime ore di questa g (continua)

Investimenti, i mercati azionari viaggiano in moderata salita

Giornata di acquisti sui mercati azionari del Vecchio Continente. Anche se comunque si è trattato di sessioni blande, perché il clima vacanziero ha prodotto volumi bassi di investimenti e neppure dal calendario economico arrivavano grandi spunti. Pesa anche la chiusura di Londra, oggi e domani. Nel mondo sono rimaste chiuse anche la Borsa di Hong Kong e quella australiana. A dare una piccola spin (continua)

Fallimento, per Evergrande la srtada sembra ormai tracciata

Evergrande, l’agenzia di rating Fitch ufficializza il default. Pechino lavora per scongiurare un effetto dominoLa crisi del colosso cinese Evergrande è sempre più profonda. Quasi definitiva. Siamo infatti sull'orlo del fallimento, come ha sancito l'agenzia di rating Fitch declassando ulteriormente la società immobiliare del Dragone (e delle sue sussidiarie Hengda Real Estate e Tianji Holding).Ever (continua)

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)