Home > Altro > Come capire se la BI in azienda sta avendo successo

Come capire se la BI in azienda sta avendo successo

scritto da: Datamaze | segnala un abuso

Come capire se la BI in azienda sta avendo successo

«Sto adottando con successo la Business Intelligence nella mia azienda?» Questa è una domanda a cui non è semplice rispondere.


Come capire se la BI sta funzionando?

Alcune aziende, nel non saper rispondere, incrociano le dita e sperano che tutto vada per il meglio, probabilmente senza indagare oltre. Altre, nell’aver seguito le best practice, confidano che quanto fatto sia sinonimo di successo, convinti che il successo avvenga e basta.

Ovviamente non è così.

Lo scopo è importante, perché si tratta di giustificare l’investimento fatto per la transizione al digitale (digital transformationdel processo decisionale dell’azienda, che deve quindi essere guidata dai dati (data-drivenness) e che deve vedere gli utenti collaborare in un clima di fiducia verso il dato (data culture). È importante ricordare che questa trasformazione non viene fatta perché “va di moda”, ma perché ad oggi è requisito fondamentale per essere competitivi nel mercato.

Le tendenze da misurare

Sebbene non ci sia una formula matematica che calcoli il grado di successo della propria BI, si possono comunque misurare alcune tendenze nella propria azienda:

  1. Valutare il successo di introduzione della BI nei processi aziendali. Sono riuscito ad introdurre la BI in tutti – o quasi – i processi aziendali? Perché in alcuni sono riuscito, mentre in altri no? Sono riuscito a generare nuova conoscenza andando ad incrociare fra loro i dati di diversi processi aziendali?
  2.  Misurare l’accesso alla BI. Quanti e quali utenti hanno accesso al sistema? Chi ha bisogno della BI, ne ha accesso? Chi ha accesso, vede i soli dati che gli competono? Sto tagliando fuori chi effettivamente non è indicato all’utilizzo della BI?
  3. Misurare l’utilizzo della BI. Quanti utenti (che hanno accesso) usano la BI? Quanti di questi la usano in modo attivo, ad esempio creando le proprie visualizzazioni? Quanti la usano in modo esclusivamente passivo, ovvero consultando le informazioni e basta?
  4. Misurare la frequenza di utilizzo della BI. Quanto spesso vengono consultate le informazioni rese disponibili in BI? E quanto spesso vengono generate nuove analisi e visualizzazioni?
  5. Valutare la qualità di utilizzo della BI. Come viene utilizzata la BI? Ciò che viene prodotto dagli utenti, ha valore? O, al contrario, sono semplice copie senza arte né parte? (Suggerimento: non guardare alla quantità di cose prodotte!)
  6. Misurare l’eterogeneità dei sistemi informativi. Quanti sistemi informativi ci sono in azienda? Quanti di essi sono allo stato dell’arte? Quanti sono invece legacy? Sto centralizzando le mie fonti dati in chiave corporativa?
  7. Quantificare il lavoro automatizzato. Quanto del lavoro degli utenti che usano la BI è automatizzato, quindi già predisposta all’utilizzo finale? Quanto ancora devono intervenire manualmente gli utenti per produrre l’analisi o la visualizzazione di cui necessitano?
  8. Quantificare il tempo di risposta. Quando sorge un nuovo quesito legato agli aspetti più complessi e/o nascosti del business, quanto tempo di vuole per ottenerne la risposta? Chi e come è dovuto intervenire: l’IT con nuovi sviluppi ed integrazioni, o magari solo il business per “calcolare” la risposta?

Fonte notizia: https://www.datamaze.it/blogs/post/la-mia-business-intelligence-sta-avendo-successo


Business Intelligence | dati | business | data | data culture |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come scegliere il miglior consulente Amazon


L'atteggiamento mentale per riuscire nel network marketing


Network Marketing come un modello di business - Le 5 chiavi critiche di successo a lungo termine


LINKEDIN: Imprese collegate la migliore strategia per il successo


Mi piacerebbe lavorare in Network Marketing , ma……


Eleonora Bazzoni, runner: ho subito capito che potevo vincere la gara


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Introduzione completa a Microsoft Access

Introduzione completa a Microsoft Access
Access è un software per la creazione e la gestione di database, creato e fornito da Microsoft. Consente di creare basi dati, ovvero database, relazionali e programmi dedicati tramite interfaccia grafica sfruttando il Microsoft Jet Database Engine. Access supporta un linguaggio di programmazione basato su oggetti chiamato Visual Basic. Per cosa si usa Microsoft Access?L’applicazione principale di Access è la memorizzazione di dati in tabelle, con anche la possibilità di importare o di linkare dati da altre applicazioni e da altri database. Access riesce a gestire i database di grandi dimensioni offrendo funzionalità per inserire i dati in modo più semplice e veloce riducendo il margine di errore. Inoltre, mette a dispo (continua)

Le novità di SQL Server 2022

Le novità di SQL Server 2022
Microsoft ha annunciato l’uscita della nuova versione del suo RDBMS, SQL Server 2022, che verrà rilasciato in data da stabilire durante il prossimo anno, appunto il 2022. Questa release presenta numerose novità, in particolare per quanto riguarda la connessione e l’integrazione con il cloud Azure e nuovi livelli di prestazioni, sicurezza e disponibilità. Integrazione con le soluzioni AzureSQL Server 2022, definito da Microsoft “the most Azure enabled relase”, ovvero la versione di SQL Server più pronta all’integrazione con Azure mai uscita finora, si integra con tutta una gamma di servizi cloud come Azure Synapse Link e Azure Purview. Vediamo nel dettaglio le novità più significative già annunciate.Integrazione con Azure Purvie (continua)

PIVOT e UNPIVOT in SQL Server

PIVOT e UNPIVOT in SQL Server
Le operazioni di PIVOT e UNPIVOT son ben note a chiunque debba lavorare con strumenti quali Excel PIVOT e UNPIVOT in SQL ServerPIVOTCREATE TABLE Prodotto( [CodProdotto] varchar(10) , [Categoria] varchar(100) , [Anno] numeric(4,0) , [Prezzo] numeric(11,2))UNPIVOTLe operazioni di PIVOT e UNPIVOT son ben note a chiunque debba lavorare con strumenti quali Excel. In SQL Server, questi due operatori relazionali possono essere utilizzati per modificare un’espressio (continua)

Data culture e Business Intelligence

La data culture e il culture change sono indispensabili per un sistema di Business Intelligence che funzioni in azienda. Abbiamo già spiegato come la Business Intelligence sia nata per far sì che l’IT supporti il business nel prendere le corrette decisioni basandosi sulle inconfutabili evidenze fornite dai dati, e non più sull’esperienza maturata dal singolo utente. Questa collaborazione fra IT e business ha attraversato varie fasi storiche – alcune tecnologiche, altre organizzative – ed ogni fase ha portato all’evo (continua)

Perché scegliere Power BI per la Business Intelligence aziendale

Perché scegliere Power BI per la Business Intelligence aziendale
Scegliere un sistema per la Business Intelligence non è un'operazione semplice. Spesso ci si interroga su quale soluzione sia migliore oppure più adatta al tipo di attività aziendale. Una delle domande più frequenti che riceviamo infatti è se sia meglio Power BI a confronto con altre soluzioni come Excel, Qlik o Tableau. Ma perché conviene scegliere Power BI? Scegliere un sistema per la Business Intelligence non è un'operazione semplice. Spesso ci si interroga su quale soluzione sia migliore oppure più adatta al tipo di attività aziendale. Una delle domande più frequenti che riceviamo infatti è se sia meglio Power BI a confronto con altre soluzioni come Excel, Qlik o Tableau. Andiamo quindi a vedere quattro ottimi motivi per cui scegliere Pow (continua)