Home > Economia e Finanza > Dopo un 2020 difficile, Gruppo Riva riparte con un investimento da 88 milioni di euro

Dopo un 2020 difficile, Gruppo Riva riparte con un investimento da 88 milioni di euro

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Dopo un 2020 difficile, Gruppo Riva riparte con un investimento da 88 milioni di euro

88 milioni di euro è la cifra messa in campo da Gruppo Riva per ripartire al meglio dopo un anno e mezzo di pandemia e il fatturato ritorna su


Il primo operatore siderurgico italiano, Gruppo Riva, crede nella ripresa, nella quale ha investito 88 milioni di euro: i numeri del primo trimestre sembrano confermare che sia stata la scelta giusta.

Gruppo Riva: un anno e mezzo difficile per tutti

La pandemia ha messo a dura prova tutti i comparti economici, che hanno subito un brusco arresto. Nei primi mesi del 2021 si è potuto assistere ad una lenta ripresa e le realtà aziendali di grande spessore come Gruppo Riva hanno deciso di concentrarsi sul recupero anziché crogiolarsi sul passato. D'altronde, vista la situazione, un calo del fatturato e una diminuzione della produzione erano inevitabili, mentre era impossibile in piena emergenza Covid-19 raggiungere gli stessi risultati ottenuti l'anno precedente. Di solito, il fatturato di Gruppo Riva proviene per circa l'89% dalle controllate europee e per circa l'11% dalle società italiane (i guadagni in area extra UE sono poco rilevanti). L'operatore siderurgico, specializzato nella realizzazione di prodotti lunghi per l'edilizia, la meccanica, l'automotive e la cantieristica conta ben 16 stabilimenti produttivi dislocati tra Germania, Spagna, Belgio e Canada, ai quali si aggiungono i 5 sul territorio italiano.

Gruppo Riva riparte con un investimento da 88 milioni di euro

Con la lungimiranza che da sempre contraddistingue Gruppo Riva, la società decide di continuare ad investire nell'esercizio in attesa di una ripresa. Con una cifra che si aggira attorno a 88 milioni di euro, "il gruppo si è posto nelle condizioni di essere pronto a cogliere quella ripresa che si sta registrando nei primi mesi di quest'anno, puntando a mantenere nel medio e lungo termine la propria leadership nel segmento di riferimento a livello europeo", spiegano i vertici. In effetti, nel primo trimestre del 2021 la produzione è aumentata del 18% e il fatturato ha superato del 21% quello del precedente esercizio. Per il momento, sembrano esserci tutti i presupposti per una ripresa e, come affermato dall'azienda, "in assenza di eventuali e ulteriori interventi governativi limitativi delle attività produttive è ragionevole presumere per il Gruppo Rfe un risultato in deciso miglioramento rispetto all'esercizio appena concluso".


Fonte notizia: https://www.pressonlinews.com/2021/08/17/la-ripartenza-di-gruppo-riva-dopo-un-anno-e-mezzo-di-pandemia/


Gruppo Riva |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Gruppo Riva: la strategia dedicata alle fermate estive


Lesegno: il Sindaco soddisfatto per la riapertura in sicurezza di Riva Acciaio


Settore siderurgico: focus su Riva Acciaio, azienda leader in Italia


Siderurgia e made in Italy: la realtà produttiva di Riva Acciaio


Riva Acciaio: qualità e innovazione pilastri del successo


Gruppo Riva, pioniere nella produzione siderurgica in Europa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Cristiano Poponcini: la carriera nelle aree della consulenza aziendale, organizzativa e gestionale

Cristiano Poponcini: la carriera nelle aree della consulenza aziendale, organizzativa e gestionale
Cristiano Poponcini: la biografia professionale dell’esperto in consulenza aziendale, organizzativa e gestionale Cristiano Poponcini si occupa oggi principalmente di consulenza aziendale, organizzativa e gestionale, collaborando anche direttamente all'interno delle aziende clienti.Cristiano Poponcini: la formazione e l'inizio della carrieraCristiano Poponcini si laurea nel 1993 in Economia e Commercio (indirizzo "Professionale") presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Nel 2017 cons (continua)

Pietro Vignali a “Fatti e Misfatti”: assolto dopo 10 anni

Pietro Vignali a “Fatti e Misfatti”: assolto dopo 10 anni
Intervistato da Paolo Liguori a “Fatti e Misfatti”, Pietro Vignali racconta di come ha vissuto la vicenda giudiziaria che lo ha visto protagonista e che si è conclusa con la sua assoluzione dopo 10 lunghi anni Il 2010 ha rappresentato per Pietro Vignali l'avvio di un inchiesta che pose fine della sua carica da Sindaco in seguito a pesanti accuse che hanno messo in pausa la sua vita per dieci anni: l'archiviazione è arrivata nel marzo 2020.Pietro Vignali ricorda il suo calvario giudiziarioEra il febbraio del 2010 quando l'allora Sindaco di Parma ricevette l'avviso di garanzia per la presunta as (continua)

Nicola Volpi: partnership Horacio Pagani - PIF, il fondo affiancherà il leader delle hypercars

Il fondo affiancherà gli azionisti di minoranza Nicola Volpi ed Emilio Petrone nel percorso di crescita dell'azienda fondata dalla famiglia Pagani.Nicola Volpi: i dettagli dell'operazione PIF - Horacio Pagani S.p.A.Il Public Investment Fund, fondo sovrano arabo e uno dei più grandi al mondo, punta sulle hypercars della Horacio Pagani. L'accordo siglato lo scorso novembre prevede l'ingresso di PIF (continua)

SG S.p.A. commercializzerà più prodotti Apple

SG S.p.A. commercializzerà più prodotti Apple
Il 29,4% del fatturato di SG S.p.A. deriva da prodotti Apple: la società aumenta il numero di articoli con la mela distribuiti ai rivenditori italiani Nonostante il leggero calo di vendite registrato da Apple, il brand californiano continua a rappresentare un'importante fetta di mercato nel settore di riferimento: SG S.p.A. decide di aumentare il numero di prodotti distribuiti.SG S.p.A. annuncia l'ampliamento della gamma di prodotti Apple distribuitiLa società di distribuzione e commercializzazione di prodotti elettronici di consumo, il cui fatt (continua)

Intermediazione rifiuti e gestione impianti: il modello Ares Ambiente

Intermediazione rifiuti e gestione impianti: il modello Ares Ambiente
La gestione dei rifiuti è una responsabilità verso le persone e verso l’ambiente: la filosofia di Ares Ambiente, l’azienda guidata da Marco Domizio leader nel settore dell’intermediazione dei rifiuti Efficienza, economicità e trasparenza sono i principi intorno a cui Ares Ambiente orienta da sempre le proprie attività: l'azienda guidata da Marco Domizio gestisce in tutto il Paese lo smaltimento, il recupero e il trasporto di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi.Ares Ambiente: focus su attività e serviziIscritta presso l'Albo Nazionale Gestori Ambientali - Sezione Regionale d (continua)