Home > Libri > Uno strano Natale favola di Giovanna Fracassi tratta dal libro Nel magico mondo di nonna Amelia

Uno strano Natale favola di Giovanna Fracassi tratta dal libro Nel magico mondo di nonna Amelia

scritto da: Alessia Mocci | segnala un abuso

Uno strano Natale favola di Giovanna Fracassi tratta dal libro Nel magico mondo di nonna Amelia

“Nel mondo magico di Nonna Amelia” è un libro di favole e filastrocche edito da Rupe Mutevole Edizioni nel 2021. L’autrice, Giovanna Fracassi, ha pensato di augurare Buon Natale a tutti i suoi lettori (adulti e piccini) con la pubblicazione della favola “Uno strano Natale”.


“Nel mondo magico di Nonna Amelia” è un libro di favole e filastrocche edito da Rupe Mutevole Edizioni nel 2021. L’autrice, Giovanna Fracassi, ha pensato di augurare Buon Natale a tutti i suoi lettori (adulti e piccini) con la pubblicazione della favola “Uno strano Natale”.

 

“Uno strano Natale” di Giovanna Fracassi

Oggi bambini, visto che ormai non manca più molto a Natale, vi voglio raccontare la storia di un bambino triste che però riceve un regalo straordinario.

 

Marco sta spiando il cielo, con il mento appoggiato sulle mani intrecciate sul davanzale della finestra della sua cameretta. Spera di veder cadere qualche fiocco di neve, almeno oggi che è la Vigilia di Natale. Vorrebbe tanto sentirsi allegro e felice, invece è ancora più triste degli altri giorni.

Quest’anno non ha chiesto nulla a Babbo Natale, non gli ha scritto nessuna letterina. L’anno prima gli aveva chiesto con tutto il cuore, un solo grande regalo: che i suoi genitori la smettessero di chiudersi in cucina a discutere e che tornassero ad essere allegri e scherzosi con lui.

Invece, proprio il fatidico giorno di Natale, suo padre lo svegliò la mattina presto per dirgli semplicemente che per qualche tempo se ne doveva andare via. Marco gli aveva subito chiesto dove sarebbe andato a lavorare questa volta, dato che era abituato ai lunghi viaggi del padre, ma lui gli rispose che non doveva fare nessun viaggio di lavoro. Si trattava di altro: non voleva più litigare con la mamma e l’unico modo per non farlo era andare a vivere in un’altra casa.

Marco ricorda molto bene quel giorno. I regali rimasero intatti sotto l’albero spento: né lui né la mamma avevano avuto voglia di aprirli. Se ne rimasero abbracciati, avvolti in un grande plaid sul divano, quasi fino a sera. Mamma piangeva e lui non sapeva più cosa dirle per farla smettere.

Adesso è a casa di suo padre, ma vorrebbe essere con sua madre. Quando è con lei però, vorrebbe essere con lui. In realtà sa molto bene cosa vuole: che loro tre tornino ad essere una famiglia. Senza quella Marta che fa sempre la carina con il papà “amore qui, amore là” e senza Enzo che arriva sempre per cena, dal venerdì alla domenica, con un mazzo di fiori freschi, tanto che il lunedì la casa sembra una fioreria.

Eh sì! Marco guarda il cielo e pensa: «Oh se almeno nevicasse! Potrebbe essere un bel Natale, nonostante tutto».

Ad un tratto vede qualcosa muoversi, proprio in fondo al giardino, sotto la panchina dove d’estate si mette a disegnare. Osservando con più attenzione scopre che si tratta di un grosso gatto arancione che, quatto quatto, perlustra tutto intorno il laghetto ghiacciato.

La tentazione ora è troppo forte.

Marco corre in corridoio, acchiappa veloce berretto e giaccone ed esce in giardino. S’impone di procedere piano per non spaventarlo, lo cerca dappertutto ma non riesce a trovarlo: sparito nel nulla!

Sta già tornando sui suoi passi, quando si sente chiamare: «Marco, ehi, sono qui!».

Si gira, si guarda attorno, chi mai può averlo chiamato? Non c’è nessuno! Ed eccolo lì, il gatto rosso! È seduto, tutto impettito, al centro della panchina, le orecchie aguzze sull’attenti e due enormi occhi verdi che splendono come fossero di giada e che lo stanno fissando impertinenti.

È una pazzia, eppure Marco ha la sensazione che a chiamarlo sia stato proprio il gatto. Gli si avvicina cauto, temendo di farlo scappare, ma quello invece sembra aspettarlo e appena gli è abbastanza vicino, strofina il suo grosso muso sulla sua mano, invitandolo quasi ad accarezzarlo e facendo immediatamente le fusa a mo’ di saluto, così alte e sonore che un uccellino, che sta beccando qualche briciola sul davanzale, se ne vola via spaventato.

«Non è possibile che tu sia un gatto parlante, vero? Ho le traveggole oppure la febbre alta!»

«No, affatto, io parlo e capisco tutto quello che dici, anzi, so anche cosa pensi. Ho saputo che quest’anno non hai scritto la letterina a Babbo Natale perché non vuoi nulla».

«Sì, è proprio così! L’anno scorso quello che gli avevo chiesto non è arrivato, ed era l’unica cosa che desideravo!»

«Quello che tu hai chiesto Marco, non te lo può regalare né Babbo Natale né nessun altro. So tutto e sono venuto a dirti che devi accettare di avere ormai due mamme e due papà. E poi, in fondo, se ci pensi bene, non è poi troppo male».

«Sarà, ma io ora mi sento molto solo e nulla, nella mia vita, è come prima!»

«Ecco perché sono venuto a cercarti! Mi chiamo Mischa e, se vuoi, posso diventare il tuo compagno di giochi. Starò sempre con te, finché lo vorrai. Poi quando avrai altri amici, sarai cresciuto e non avrai più bisogno di me, me ne andrò. Che ne dici?»

Marco emozionatissimo, prende in braccio Mischa e per la commozione lo stringe così forte al petto che il micione sospira un debole ma compiaciuto Miaooo!

Inutile dire che da quel giorno, quei due diventarono inseparabili.

Posso confidarvi che Marco è cresciuto, si è sposato e ha un bellissimo bambino: Eddy, ma non si è mai voluto separare dal suo amico micio e nulla lascia supporre che mai lo vorrà fare.

Chi trova un micio trova un tesoro!

 

Questa è la letterina che Eddy ha scritto, insieme al suo papà Marco, a Babbo Natale.

Caro Babbo Natale,

so che hai tanto da fare

perciò di tempo non te ne voglio rubare.

Nulla voglio farmi regalare

perché non credo

d’esser stato buono come dovevo.

Ti chiedo però un dono speciale

per il mondo intero:

vola con la tua slitta tutto intorno

e spargi un po’ d’affetto

della bontà senza difetto

tanta allegria senza dispetto

così che ogni cuore

sia sazio d’amore.

Con affetto

Eddy

 

 

Info

Acquista su Amazon “Nel magico mondo di nonna Amelia”

https://www.amazon.it/magico-Amelia-Favole-filastrocche-CD-Audio/dp/8865916664/

Facebook Giovanna Fracassi

https://www.facebook.com/giovanna.fracassi

 


Fonte notizia: https://oubliettemagazine.com/2021/12/01/uno-strano-natale-favola-di-giovanna-fracassi-tratta-dal-libro-nel-magico-mondo-di-nonna-amelia/


giovanna fracassi | uno strano natale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Giovanna Fracassi: vi presentiamo il nuovo libro “Nella clessidra del cuore”


Nel magico mondo di nonna Amelia di Giovanna Fracassi: il booktrailer diretto da Cristina Del Torchio


Intervista di Alessia Mocci a Giovanna Fracassi, autrice della silloge Emma. Alle porte della solitudine


“Nella clessidra del cuore” di Giovanna Fracassi: uno scenario di candido equilibrio


In libreria: La brace dei ricordi di Giovanna Fracassi edito da Rupe Mutevole Edizioni


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La brace dei ricordi di Giovanna Fracassi: il booktrailer diretto da Cristina Del Torchio

La brace dei ricordi di Giovanna Fracassi: il booktrailer diretto da Cristina Del Torchio
Fra tutte le poesie presenti nel libro è stata selezionata “Fiamma” per presentare nel booktrailer “La brace dei ricordi”. Con lo scorrere delle immagini di una danza di una ballerina classica in un’antica casa abbandonata lo spettatore potrà leggere i versi della poesia. “[…] Aspetterò/ per ascoltare/ il respiro della notte/ fra i crepitii delle pozze di ghiaccio/ quando l’erba sarà di candida rugiada/ ed i miei pensieri saranno la polvere dorata/ che incipria il bosco spoglio.// Allora il buio non farà più paura/ e il dolore non sarà più così aspro/ e i ricordi avranno il fruscio/ delle onde sui ciottoli/ e la carezza della terra argentea/ non sarà più un cu (continua)

Dramazon di Giulio Marchetti: il Natale in un’opera di forte contestazione

Dramazon di Giulio Marchetti: il Natale in un’opera di forte contestazione
“Dramazon” presenta l’istante prima di un possibile incidente stradale: un camion in consegna si muove veloce per la strada ghiacciata – i corrieri hanno tabelle di marcia controllate e gestite elettronicamente – sulle strisce pedonali Babbo Natale che istintivamente si libera del sacco dei regali da consegnare ai bambini per cercare di ripararsi dall’impatto. La scena è buia, notturna, mentre il camion è ben illuminato, i pacchetti sono quasi tutti ancora in volo. “Esistono due tipi di società, quelle che lavorano per provare a far pagare di più e quelle che lavorano per far pagare di meno. Siamo la seconda”. – Jeff BezosJeff Bezos, il fondatore di Amazon, è riuscito a fare di una idea geniale un vero e proprio impero finanziario e spesso è avvenuto, nel corso della civiltà umana, di osservare una particolare relazione tra l’incipit e la fine di qualsi (continua)

La letteralità e altri saggi sull’arte di François Zourabichvili: la presentazione di Cristina Zaltieri

La letteralità e altri saggi sull’arte di François Zourabichvili: la presentazione di Cristina Zaltieri
“La letteralità e altri saggi sull’arte” è uscito in Francia nel 2011 curato dalla filosofa francese specializzata nelle opere di Gilles Deleuze, Anne Sauvagnargues e pubblicato cinque anni dopo la morte del filosofo francese di origini armene François Zourabichvili (28 agosto 1965 – 19 aprile 2006) che, a soli 41 anni, ha deciso di interrompere la sua vita proprio come aveva fatto dieci anni prima Gilles Deleuze. È in uscita, nel 2022, per la casa editrice mantovana Negretto Editore, la traduzione di questa raccolta di saggi che raccoglie conferenze ed articoli selezionati da due amici di Zourabichvili, Philippe Simay e Kader Mokkaden. La quasi totalità dei saggi presenti nella pubblicazione sono inediti nei quali il tema centrale è l’arte. “[…] in molti di questi testi l’arte assume una centralità che si evidenzia in differenti modalità, sia divenendo oggetto di lettura filosofica in quanto considerata più capace della filosofia di essere all’altezza dell’evento reagendo ad esso in modo affettivo, immediato e non cognitivo; ma anche in quanto essa è una pratica di esperienza e di sperimentazione (le due stanno sempre intrecciate) a (continua)

Brain Friday di Giulio Marchetti: una provocazione per il Black Friday

Brain Friday di Giulio Marchetti: una provocazione per il Black Friday
“Brain Friday”, così come le altre opere di Marchetti, colpisce con ironia ma esilia il sorriso in uno stato di profonda inquietudine. Mentre la maggioranza della popolazione aspetta una giornata di sconti per acquistare prodotti che il più delle volte sono inutili – semplici accessori il cui scopo pare sia colmare il vuoto che si sente nel profondo – l’artista, nel suo angolo di mondo, rimugina e crea, guarda il presente con occhio lucido e traccia in modo preciso ciò che accade: il cervello che si acquista con i saldi nella giornata del venerdì nero. “Tu sei il consumista perfetto. Il sogno di ogni gerarca o funzionario della presente dittatura, che per tenere in piedi le sue mura deliranti ha bisogno che ognuno bruci più di quanto lo scalda, mangi più di quanto lo nutre, illumini più di quanto può vedere, fumi più di quanto può fumare, compri più di quanto lo soddisfa.” – Michele SerraLo scrittore e giornalista romano Michele Serra nel su (continua)

Nel magico mondo di nonna Amelia di Giovanna Fracassi: il booktrailer diretto da Cristina Del Torchio

Nel magico mondo di nonna Amelia di Giovanna Fracassi: il booktrailer diretto da Cristina Del Torchio
Un occhio che si espande mostra un antico tavolo in legno, una candela accesa e tre ampolle con all’interno del liquido blu, rosso e giallo arancio. In mezzo alla scena un quaderno rilegato a mano con l’immagine in intaglio di un sole.  “La nonna, la sera, dopo cena, ci leggeva una delle sue filastrocche buffe, che lei chiamava “filastrocche sbarazzine”, per farci ridere e dimenticare gli screzi della giornata. Poi ci narrava una delle sue storie.” – dalla prefazione dell’autriceIl booktrailer del libro di favole e filastrocche “Nel magico mondo di nonna Amelia” di Giovanna Fracassi, edito da Rupe Mutevole Edizioni nel (continua)