Home > Cultura > Scuola e dad, parte un progetto abruzzese finanziato dalla Ue

Scuola e dad, parte un progetto abruzzese finanziato dalla Ue

scritto da: Riccistampa | segnala un abuso

Scuola e dad, parte un progetto abruzzese finanziato dalla Ue


Si chiama L’occhio del testimone il progetto finanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione europea che punta a migliorare i risultati scolastici degli studenti, nonché alla maggiore gratificazione dei docenti nello svolgere la professione. Il tutto nella scuola ai tempi della pandemia. Con L’Italia come paese proponente e coordinatore e la città di Pescara come punto di riferimento dell’iniziativa, in programma nei suoi primi step dal 24 gennaio al 6 febbraio, negli spazi del Circolo Aternino. Per proseguire poi fra Spagna, Macedonia del nord, Bulgaria, Svezia, Norvegia e terminare nell’aprile 2023. Il tutto a cura dell’abruzzese Fabrizio Paluzzi, project-manager associato del Centro studi Metiva Academy, con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura del Comune di Pescara, per le iniziative che coinvolgono il capoluogo adriatico.  

Un progetto che unisce le esigenze della scuola che cambia con il Covid e quelle degli operatori del mondo dello spettacolo, di fatto senza lavoro per la pandemia. “Siamo partiti dall’analisi del contesto critico e delle risposte date dai singoli Paesi coinvolti - spiega Fabrizio Paluzzi (foto) -. Nel campo dell’istruzione sono emerse esigenze legate alle competenze digitali dei docenti delle scuole primarie e secondarie e alle capacità e agli strumenti in loro possesso per catturare e mantenere alta l’attenzione, specie in Dad. Inoltre, categorie importanti e fondamentali per un Paese, come quelle di tutto il comparto arte e cultura, con il relativo terziario legato alla creatività e interconnesso con l'istruzione, sono state praticamente dimenticate. E quindi sono parte integrante del progetto”.

Gli obiettivi principali del lavoro, dunque, coniugano le necessità di docenti ed educatori di stimolare l’attenzione degli studenti in questo contesto critico, sia nella didattica cosiddetta in presenza che da remoto, con quelle degli operatori culturali e degli artisti.

“Docenti ed educatori saranno beneficiari diretti di nove moduli didattici audiovisivi che serviranno loro per sviluppare percorsi creativi mediati da teatro, musica, danza e pittura a sostegno dell’istruzione, suggerendo attività che supportino sia la Dad che la didattica in presenza” aggiunge il progettista.

Per questa prima fase di L’Occhio del testimone, dunque, si incontrano al Circolo Aternino dieci studenti di diverse scuole abruzzesi, tra gli 11 e i 16 anni, per avviare la realizzazione dei primi moduli. Lo staff è composto da operatori del mondo dello spettacolo, anche loro tutti abruzzesi. I prodotti finali saranno quindi i moduli, un documentario didattico focalizzato sul mondo dei ragazzi e una miniserie di dieci episodi, tutta incentrata sulle peculiarità dell'adolescenza. Il titolo scelto per la miniserie è ispirato al latino “ad alere” vale a dire “nutrire” da cui appunto il termine adolescenza. Le attività si svolgono a porte chiuse ma sono trasmesse in diretta streaming sul canale YouTube The Witness’ Eye - L’Occhio del testimone.

Il progetto è stato selezionato fra le quasi sessanta proposte arrivate da tutta Italia. Fabrizio Paluzzi, 58 anni, diplomatosi prima in Solfeggio e poi all’Accademia d’Arte drammatica di Bologna, ha una carriera artistica ricca e variegata. Lavora come attore, tecnico di palcoscenico, direttore di scena, direttore di produzione, nella prosa, nella lirica, nelle produzioni televisive, eventi live e concerti. E’ inoltre Counselor ad Orientamento corporeo e Operatore olistico professional Afe - Associazione filosomatica Europa, con formazione triennale sulla comunicazione non verbale. Lavorando a stretto contatto con giovani e studenti come Youth Worker, è definito “esploratore” alla ricerca di nuove metodologie e percorsi formativi trasversali, non-formali sulla Mediazione di metodologie e contenuti.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sovrapposizione, forme irriverenti, libere da condizionamenti: nasce il marchio eyewear made in Italy DADA’


Guarda “L’equilibrio”, il nuovo video di Dadàmo


Rischi e vantaggi della piattaforma digitale nazionale targata: MIUR


Gocce di verità: Il bilancio di Goletta Verde 2014 sullo stato di salute del mare italiano


Dadà presenta la special edition “Kiki”: omaggio all’iper femminilità con un tocco di spregiudicatezza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Butta via i fazzoletti: il volume dedicato all'universo delle allergie

Butta via i fazzoletti: il volume dedicato all'universo delle allergie
Un lavoro che parte da un'esperienza personale e propone la soluzione del problema alla radice, guardando alla terapia desensibilizzante, l’unica riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della sanità come la terapia che cura l’allergia alla causa. Appuntamento sabato 21 maggio alle 19 nella libreria emporio del benessere I luoghi dell’anima a Pescara, per la presentazione di Butta via i fazzoletti, volume dedicato all'universo delle allergie.Un lavoro che parte da un'esperienza personale e propone la soluzione del problema alla radice, guardando alla  terapia desensibilizzante, l’unica riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della sa (continua)

La mobilità green si dà appuntamento a Pescara

La mobilità green si dà appuntamento a Pescara
Appuntamento dal 6 all’8 maggio a Pescara per la quinta edizione di Ecomob, il primo grande evento del centro sud dedicato alla cultura ecosostenibile, ideato, organizzato e promosso da Ecolife A.p.s. Tre giorni, tre aree di interesse, fra mobilità sostenibile, turismo attivo ed ecologia ambientale, per un villaggio allestito nel cuore della città, vista mare, fra l’area di piazza della Rinascita (continua)

San Valentino è con Lettera per Amore

San Valentino è con Lettera per Amore
Nuovo appuntamento con Lettera per Amore, iniziativa dell'associazione culturale Hub-C. Dopo lo stop forzato a causa del Covid, con il San Valentino 2022, ci sarà la presentazione del lavoro realizzato in occasione dell’incontro del 14 febbraio 2020. Appuntamento dunque, a partire proprio da questo lunedì, negli spazi della Onlus Anffas Pescara, per incontrare di nuovo i protagonisti del lavoro re (continua)

Uscito il quarto lavoro degli Hexperos, una mescola di classica e atmosfere spirituali

Uscito il quarto lavoro degli Hexperos, una mescola di classica e atmosfere spirituali
Il lavoro è presentato con le illustrazioni dell’artista cileno Nicolás Menay Il canto e il flauto, l’arpa, il violino, le percussioni e il violoncello. Fino a campane tibetane, campane di cristallo e gong. Per una mescola di musica classica, neo-folk, atmosfere oscure e dark, spirituali e fantastiche con echi celtici e nord europei. Il tutto con testi originali, da sempre una parte fondamentale delle composizioni degli Hexperos, anche attraverso numerose citazioni. Senza d (continua)

A Pescara l'Archeoclub festeggia 50 anni di attività

A Pescara l'Archeoclub festeggia 50 anni di attività
A Pescara hanno scoperto il villaggio neolitico di Fontanelle e il sito protostorico di Colle del telegrafo, la necropoli di colle Pietra e quella dei Gesuiti. E poi individuato e segnalato gli affioramenti di diverse epoche dietro villa Mezzopreti, quelli romani sulla salita Rex e affioramenti dell’età del bronzo lungo la scarpata di via di Fonte Borea. Per non dire degli scavi con la Soprintende (continua)