Home > Economia e Finanza > Pagamento del gas in Rubli: Putin riceve lo stop anche dal fronte interno

Pagamento del gas in Rubli: Putin riceve lo stop anche dal fronte interno

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La provocatoria mossa di Putin contro l'occidente, ha segnato il primo momento in cui qualcuno all'interno del Cremlino gli ha dovuto dire la verità. L'idea di pretendere il pagamento del gas in rubli non è praticabile.
Gliel'hanno detto, ed è la prima volta che il dittatore russo si è trovato di fronte a un'opposizione interna. Che però ha avuto la meglio, tanto che Putin ha dovuto guadagnare tempo e trovare una via di uscita per non perdere la faccia.

La guerra e il pagamento del gas

pagamenti del gasLo scorso 23 marzo, Vladimir Putin aveva annunciato agli europei che il pagamento del gas russo doveva essere regolato in Rubli. Solo a questa condizione, Gazprom avrebbe continuato a fornire il gas.
La mossa avrebbe dovuto ottenere l'effetto di risollevare la moneta Nazionale. Il rublo infatti era crollato di oltre il 40% dall'inizio della guerra, e continua ad essere sotto pressione come si può vedere sui siti opzioni binarie.

Il ricatto

In base all'ultimatum, se il pagamento del gas non fosse stato fatto in Rubli, Putin avrebbe ordinato la chiusura dei rubinetti.
La scadenza era stata confermata anche dal portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, appena due giorni fa. Tutto sembrava molto credibile, tanto che sia il prezzo del gas che la quotazione della valuta russa si erano impennati, come si evince dai dati dei Consob broker autorizzati.
Ma quella scadenza è passata e non ci sarà per il momento alcun blocco delle forniture di gas di quei Paesi dell’Unione Europea definiti «ostili».

Il dietrofront russo

Cosa è successo?
Anzitutto è successo che Putin ha avuto il secco "no" da tutte le capitali europee. Nessuno ha ceduto alla sua minaccia. Gli hanno detto che né le compagnie nazionali né i governi si sarebbero piegati al ricatto.
Ma ancora peggio, Putin ha ricevuto segnali interni molto chiari: la strada che voleva intraprendere è sbagliata. Glielo hanno detto il vicepremier Alexander Novak e la governatrice della banca centrale Elvira Nabiullina (che peraltro nei giorni scorsi ha tentato di dimettersi).

Entrambi gli hanno fatto capire che l’idea di obbligare gli europei al pagamento del gas in rubli non stava in piedi. Ne' dal punto di vista tecnico (non ci sono abbastanza rubli sui mercati internazionali), ne' sul piano giuridico (i contratti sono chiari). Senza considerare il flop politico del progetto.
Inoltre portare avanti la minaccia avrebbe creato un grosso danno a Gazprom. Bloccare l'estrazione non è possibile, perché provocherebbe un danno ai giacimenti. L'alternativa sarebbe estrarlo comunque, ma bruciarlo subito dopo. In pratica mandare in fumo la risorsa economica più grande della Russia.

Cosa accade adesso?

Da qui nasce il dietrofront "mascherato" con problemi tecnici: "Il processo richiede più tempo dal punto di vista tecnologico". In realtà è una scusa per non perdere la faccia.
I paesi europei potranno effettuare i pagamenti del gas in euro o dollari a Gazprombank, che è esente dalle sanzioni, e quest'ultima converte i fondi in valuta russa.
Adesso c'è da capire se e quando i ”problemi tecnici" si risolveranno e la minaccia di Mosca diventerà di nuovo d'attualità.

gas | russia | siti opzioni binarie | Consob broker autorizzati |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I KIT NAIL CARE E SOLVENTI PROPOSTI DA MI-NY


LEASYS CRESCE IN EUROPA


Farm65: i gustosi appuntamenti di ottobre


Mario Putin e Serenissima Ristorazione tra i promotori di Villa Veneta come modello di cultura e impresa


Ristopiù Lombardia Al TuttoFood 2013 con Ursa Major Group Parola d’ordine: novità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Economia Argentina, cambia il ministro in una situazione difficile

Piove sul bagnato per l'economia argentina, che ha dovuto sostituire il Ministro Guzman, dimessosi a sorpresa durante il weekend. Era considerato da molti come l'artefice del salvataggio del Paese dall'insolvenza, e per questo il suo addio crea molte preoccupazioni.L'ultima scossa per l'economia argentinaGuzman aveva lavorato duramente al negoziato di rifinanziamento di un debito con il Fondo mone (continua)

Criptovalute, crescono sempre di più gli imbrogli su internet

I malintenzionati possono sfruttare il fatto che la maggior parte delle persone ancora non ha grande familiarità con il funzionamento delle cripto Il mondo delle criptovalute continua ad essere un terreno minato per gli investitori sprovveduti. Lo dimostra un allarmante dato di fatto: nel corso del 2021 ci sono stati episodi truffaldini sulle crypto per un miliardo di dollari.La cifra è ancora più allarmante, se si pensa che nel 2018 era 60 volta più piccola.Il terreno di caccia sulle criptovaluteAl crescere della diffusione delle valute dig (continua)

Economia giapponese, il calo del PIL affonda lo Yen giapponese

Il PIL è sceso dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, mentre la valuta sprofonda contro il dollaro USD Arrivano segnali poco incoraggianti dall'economia giapponese. In base agli ultimi dati statistici, il PIL è calato dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, dopo una crescita dell'1,0% nel quarto trimestre 2021. La nota positiva è che il calo è minore rispetto ai dati flash, che prevedevano una discesa dello 0,3%.Lo stato di salute dell'economia giapponeseSu base annua l'economia giapponese si è c (continua)

Investitori recuperano un po' di buonumore. A Milano il FTSE Mib segna +1,6%

Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura, con Piazza Affari che fa meglio delle altre.I temi caldi per gli investitoriL'andamento di questi giorni conferma un umore oscillante, a causa di un’inflazione aggressiva e di un quadro geopolitico che continua a generare incertezza. Nel frattempo gli (continua)

Banca Centrale USA, Powell confermato alla guida della Federal Reserve

La Banca Centrale statunitense nel corso del meeting di marzo ha alzato il costo del denaro di un quarto di punto Come era ampiamente prevedibile, la Banca Centrale Americana avrà per un altro ho mandato al timone Jerome Powell. Il Senato federale ha infatti confermato il numero uno della Fed, con un forte slancio bipartisan. I voti infatti sono stati 80 favorevoli contro 19 contrari.Ancora alla guida della banca centraleScelto una prima volta da Donald Trump per guidare la Fed, il 69enne Powell ha lavorato c (continua)