Home > Economia e Finanza > Investitori nei prossimi giorni gli eventi clou saranno le elezioni in Francia e la BCE

Investitori nei prossimi giorni gli eventi clou saranno le elezioni in Francia e la BCE

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La settimana che ci aspetta sarà molto interessante, soprattutto per due motivi. Gli investitori attendono novità dalla Francia, dove sono in corso le elezioni presidenziali. E aspettano notizie da Bruxelles, dove si riunisce in meeting la Banca Centrale Europea.
Chiaramente sullo sfondo ci sono le notizie che giungono dal fronte della guerra, che resta il primo driver dei mercati.

Gli eventi chiave per gli investitori

investitoriIl primo turno delle presidenziali francesi ha in qualche modo sollevato l'umore degli investitori, che auspicavano un successo di Macron. Il presidente uscente dovrebbe vincere anche il ballottaggio che ci sarà tra due settimane, perché nessuno dei tuoi avversari politici ha dimostrato di avere l'appeal necessario per spodestarlo.

La BCE divisa tra falchi e colombe

L'altro evento clou che interessa agli investitori riguarda il meeting della Banca Centrale Europea. Nell'ultimo periodo si è fatto più acceso il confronto dialettico tra i falchi e le colombe. Soprattutto dopo che la Federal Reserve ha deciso di diventare più aggressiva, i falchi della BCE hanno alzato il tono mettendo pressione alla Eurotower.
Il timore di mosse eccessivamente azzardate è però fortissimo. Secondo molti esperti, non è il caso spingere sui tassi per contenere l'inflazione, perché questo significherebbe zavorrare la ripresa economica. Soprattutto adesso che ci sono i nuovi problemi legati al conflitto in Ucraina.

Del resto la stessa Christine Lagarde ha sottolineato più volte che Stati Uniti ed Europa si trovano in due situazioni molto differenti.
Le ultime minute della BCE hanno poi rimarcato che non c'è alcun automatismo tra la fine del quantitative easing e l'inizio delle strette monetarie.
Tuttavia secondo gli investitori la BCE potrebbe mettere mano ai tassi di interesse per ben quattro volte quest'anno. L'evento di giovedì servirà a capire chi conduce il gioco tra falchi e colombe.

Dati macro USA e altre banche centrali

Durante questa settimana gli investitori però guarderanno anche ad alcuni dati in arrivo dagli Stati Uniti. Ci sarà grande interesse per gli ultimi report riguardo alla inflazione, che l'ultima volta è stata vista salire al 7,9%. Ci si aspetta che possa ulteriormente il ritoccare il record di 40 anni. Anche in base a questo dato si svilupperanno i prossimi segnali forex gratuiti.

Nel panorama degli eventi che interessano gli investitori ci sono poi anche le riunioni della Banca del Canada e di quella della Nuova Zelanda. Da entrambe ci si aspetta una stretta monetaria. La Banca Centrale canadese dovrebbe ritoccare il costo del denaro di 50 punti base. Quella Neozelandese dovrebbe fermarsi a metà.

Il mercato azionario e gli utili

Non vanno poi dimenticati gli appuntamenti sul fronte azionario. Gli investitori sono in fibrillazione perché questa settimana comincia la stagione degli utili. La grande banca JP Morgan Chase sarà la prima delle grandi banche d'affari americane ad alzare il velo sui conti. Chi fa trading con fibonacci analisi tecnica è pronto ad esaminare la situazione che si innescherà. Il timore è che una stagione debole posso riflettersi anche sui conti.

bce | trading | segnali forex gratuiti | fibonacci analisi tecnica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La bufala del complotto francese contro l’Italia


L’introduzione di un euro digitale. Presupposti e considerazioni


BCE, ottimismo sul futuro ma nel breve termine c'è ancora da soffrire


BCE ancora dubbiosa, i trader non sanno cosa aspettarsi


BCE, anche Coeure avverte: "Rischio QE prolungato"


Tassi di interesse BCE, un sondaggio di Bloomberg rivela: "Negativi fino al 2020"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Economia Argentina, cambia il ministro in una situazione difficile

Piove sul bagnato per l'economia argentina, che ha dovuto sostituire il Ministro Guzman, dimessosi a sorpresa durante il weekend. Era considerato da molti come l'artefice del salvataggio del Paese dall'insolvenza, e per questo il suo addio crea molte preoccupazioni.L'ultima scossa per l'economia argentinaGuzman aveva lavorato duramente al negoziato di rifinanziamento di un debito con il Fondo mone (continua)

Criptovalute, crescono sempre di più gli imbrogli su internet

I malintenzionati possono sfruttare il fatto che la maggior parte delle persone ancora non ha grande familiarità con il funzionamento delle cripto Il mondo delle criptovalute continua ad essere un terreno minato per gli investitori sprovveduti. Lo dimostra un allarmante dato di fatto: nel corso del 2021 ci sono stati episodi truffaldini sulle crypto per un miliardo di dollari.La cifra è ancora più allarmante, se si pensa che nel 2018 era 60 volta più piccola.Il terreno di caccia sulle criptovaluteAl crescere della diffusione delle valute dig (continua)

Economia giapponese, il calo del PIL affonda lo Yen giapponese

Il PIL è sceso dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, mentre la valuta sprofonda contro il dollaro USD Arrivano segnali poco incoraggianti dall'economia giapponese. In base agli ultimi dati statistici, il PIL è calato dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, dopo una crescita dell'1,0% nel quarto trimestre 2021. La nota positiva è che il calo è minore rispetto ai dati flash, che prevedevano una discesa dello 0,3%.Lo stato di salute dell'economia giapponeseSu base annua l'economia giapponese si è c (continua)

Investitori recuperano un po' di buonumore. A Milano il FTSE Mib segna +1,6%

Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura, con Piazza Affari che fa meglio delle altre.I temi caldi per gli investitoriL'andamento di questi giorni conferma un umore oscillante, a causa di un’inflazione aggressiva e di un quadro geopolitico che continua a generare incertezza. Nel frattempo gli (continua)

Banca Centrale USA, Powell confermato alla guida della Federal Reserve

La Banca Centrale statunitense nel corso del meeting di marzo ha alzato il costo del denaro di un quarto di punto Come era ampiamente prevedibile, la Banca Centrale Americana avrà per un altro ho mandato al timone Jerome Powell. Il Senato federale ha infatti confermato il numero uno della Fed, con un forte slancio bipartisan. I voti infatti sono stati 80 favorevoli contro 19 contrari.Ancora alla guida della banca centraleScelto una prima volta da Donald Trump per guidare la Fed, il 69enne Powell ha lavorato c (continua)