Home > Economia e Finanza > Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola

Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Gli investitori digeriscono il rischio di frenata dell'economia cinese e le mosse preannunciate dalla Federal Reserve


Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola
L'umore degli investitori è decisamente cambiato negli ultimi giorni. Sui mercati finanziari già da qualche giorno si è abbattuto l'uragano Powell, che con le sue dichiarazioni ha preannunciato una svolta molto aggressiva da parte della Federal Reserve. Ma pesano enormemente anche i timori riguardo alla frenata cinese.

Lo scenario sui mercati finanziari

mercati finanziariIl capo della Banca Centrale americana ha sottolineato la necessità di domare l'inflazione ed ha preannunciato che sul tavolo del Fomc a c'è l'aumento dei tassi di interesse per 50 punti base a maggio. Le probabilità che questo avvenga adesso sono schizzate al 97%, rispetto al 68% del mese scorso.
Un simile cambio di prospettiva non poteva non avere effetti importanti sui mercati finanziari.

Il dollaro corre

In special modo stiamo assistendo alla marcia da rullo compressore del dollaro statunitense. Mentre I rendimenti dei Treasury sono su livelli che non si vedevano da 3 anni, l'indice del dollaro è schizzato oltre la soglia dei 101 punti, formando una engulfing bullish. Non era così forte da marzo del 2020.

Il cambio Euro-Dollaro è precipitato a quota 1,07, come non succedeva da aprile 2020. Neppure la vittoria alle presidenziali francesi di Macron è riuscita ad evitare che l'euro perdesse ancora quota. In teoria il successo del presidente uscente, essendo un segnale di stabilità, avrebbe dovuto essere molto apprezzato dai mercati finanziari. E invece...

La forza del dollaro si esprime anche rispetto alla sterlina e ancora di più rispetto allo Yen Giapponese. La valuta nipponica è penalizzato soprattutto da un atteggiamento molto accomodante della Bank of Japan.

La paura innescata dall'economia cinese

I mercati finanziari sono inoltre agitati dai timori riguardanti l'economia cinese. Pechino è stata costretta a varare nuovi e prolungati lockdown per arginare la ripresa dei contagi da covid. Da più parti si respira il timore che una situazione del genere possa ulteriormente frenare la crescita cinese, creando problemi alla supply chain globale in un contesto già complicato.
Gli effetti della frenata cinese si vedono ad esempio sui mercati delle materie prime. Il petrolio è sceso fin sui 100 dollari al barile, perdendo decisamente quota rispetto a qualche giorno fa. Adesso ha disegnato un pattern triangolo trading.

Questi timori affondano le Borse cinesi: l'indice Composite di Shanghai segna un tonfo del 5,13%, a 2.928.51 punti, mentre quello di Shenzhen perde il 6,48%, crollando a quota 1.790,03.

E poi c'è la guerra...

Sullo sfondo inoltre i mercati finanziari continuano a vivere con grande incertezza l'evoluzione del conflitto in Ucraina. Le speranze che tutto potesse risolversi tramite i negoziati non hanno avuto soddisfazione. Dopo circa due mesi di conflitto ancora non si vede uno spiraglio di uscita. Ciò comporta inevitabilmente delle conseguenze anche per l'economia globale.

mercati | engulfing bullish bearish | Pattern triangolo trading |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La coppia di valuta AUD/USD


Dollaro in ripresa, Trump rassicura i mercati sui dazi


Dollaro troppo forte? Il primo a temerlo è Donald Trump


Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino


ANNO 2022: Una Newsletter di Finanza davvero DISSACRANTE E IRRIVERENTE !


Ad Arvier la Solidarietà passa dalla cruna di un ago | 7 settembre Giornata Mondiale per la distrofia muscolare di Duchenne


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Economia Argentina, cambia il ministro in una situazione difficile

Piove sul bagnato per l'economia argentina, che ha dovuto sostituire il Ministro Guzman, dimessosi a sorpresa durante il weekend. Era considerato da molti come l'artefice del salvataggio del Paese dall'insolvenza, e per questo il suo addio crea molte preoccupazioni.L'ultima scossa per l'economia argentinaGuzman aveva lavorato duramente al negoziato di rifinanziamento di un debito con il Fondo mone (continua)

Criptovalute, crescono sempre di più gli imbrogli su internet

I malintenzionati possono sfruttare il fatto che la maggior parte delle persone ancora non ha grande familiarità con il funzionamento delle cripto Il mondo delle criptovalute continua ad essere un terreno minato per gli investitori sprovveduti. Lo dimostra un allarmante dato di fatto: nel corso del 2021 ci sono stati episodi truffaldini sulle crypto per un miliardo di dollari.La cifra è ancora più allarmante, se si pensa che nel 2018 era 60 volta più piccola.Il terreno di caccia sulle criptovaluteAl crescere della diffusione delle valute dig (continua)

Economia giapponese, il calo del PIL affonda lo Yen giapponese

Il PIL è sceso dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, mentre la valuta sprofonda contro il dollaro USD Arrivano segnali poco incoraggianti dall'economia giapponese. In base agli ultimi dati statistici, il PIL è calato dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, dopo una crescita dell'1,0% nel quarto trimestre 2021. La nota positiva è che il calo è minore rispetto ai dati flash, che prevedevano una discesa dello 0,3%.Lo stato di salute dell'economia giapponeseSu base annua l'economia giapponese si è c (continua)

Investitori recuperano un po' di buonumore. A Milano il FTSE Mib segna +1,6%

Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura, con Piazza Affari che fa meglio delle altre.I temi caldi per gli investitoriL'andamento di questi giorni conferma un umore oscillante, a causa di un’inflazione aggressiva e di un quadro geopolitico che continua a generare incertezza. Nel frattempo gli (continua)

Banca Centrale USA, Powell confermato alla guida della Federal Reserve

La Banca Centrale statunitense nel corso del meeting di marzo ha alzato il costo del denaro di un quarto di punto Come era ampiamente prevedibile, la Banca Centrale Americana avrà per un altro ho mandato al timone Jerome Powell. Il Senato federale ha infatti confermato il numero uno della Fed, con un forte slancio bipartisan. I voti infatti sono stati 80 favorevoli contro 19 contrari.Ancora alla guida della banca centraleScelto una prima volta da Donald Trump per guidare la Fed, il 69enne Powell ha lavorato c (continua)