Home > Economia e Finanza > Profitti raddoppiati malgrado la carenza di chip e la guerra in Ucraina volkswagen può brindare

Profitti raddoppiati malgrado la carenza di chip e la guerra in Ucraina volkswagen può brindare

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La situazione del mercato dell'auto rimane molto incerta a causa principalmente della carenza di semiconduttori e delle conseguenze del conflitto in Ucraina. Nonostante questo Volkswagen è riuscito a raddoppiare i propri profitti nel primo trimestre.

Volkswagen vendite e profitti

profitti volkswagenIl colosso automobilistico tedesco quotato sull'indice DAX 40 è una delle società che ha alzato il velo sui conti del primo trimestre, evidenziando un balzo dei profitti.
Dai conti emerge che c'è stato un grosso calo del numero di auto vendute, circa un quinto. Le consegne sono state pari a 1,9 mln di vetture, in calo del 22%.
Tuttavia, c'è stato un aumento del valore delle vendite. Sono infatti salite dello 0,6% a 62,74 miliardi, anche grazie all'acquisizione del produttore di camion statunitense Navistar. Il consensus Bloomberg indicava ricavi per 63,54 mld.

Risultato operativo e utili

Il risultato operativo ha segnato un incremento da 4,8 a 8,5 miliardi, inclusi gli effetti positivi principalmente dalle attività di hedging, il cui valore in bilancio è aumentato significativamente in considerazione del forte rialzo dei prezzi delle materie prime e dell'energia.
Il margine operativo è addirittura salito a 13,5% (dal 7,7%).
Il numero che certamente sorprende di più riguarda l'incremento dei profitti al netto delle tasse. È stato Infatti da 3,4 miliardi di euro a 6,7 miliardi. Praticamente il profitto è raddoppiato rispetto al primo trimestre dello scorso anno.

Segmenti

Le cose sono andate bene soprattutto in alcuni settori. Il marchio Premium (Audi, Bentley e Lamborghini) ha aumentato il proprio utile operativo rettificato da 1,5 miliardi a 3,5 miliardi di euro, mentre le vendite sono rimaste all'incirca al livello dell'anno precedente. Porsche ha anche guadagnato di più dalle attività in corso, a 1,4 miliardi di euro (trimestre dell'anno precedente: 1,2 miliardi di euro). Le vendite sono cresciute da 7 miliardi a 7,3 miliardi di euro. Il gruppo VW ha recentemente dirottato quantità maggiori delle scorte di chip ancora disponibili ai marchi più redditizi e alla costruzione dei suoi modelli elettrici.

Annotazione: chi vuole negoziare le azioni di Volkswagen dovrebbe imparare prima il Parabolic Sar trading indicatore.

Previsioni sui profitti per il 2022

Grazie a questa crescita, Volkswagen può confermare le previsioni per l'intero anno in corso.
La dirigenza del colosso automobilistico tedesco si attende un incremento delle vendite tra l'8% e il 13%, mentre l'aumento delle consegne dovrebbe variare tra +5% e +10%. Volkswagen continua ad aspettarsi un ritorno operativo sulle vendite compreso tra il 7,0 e l'8,5%.
Ciononostante persistono le incertezze dovute alla carenza delle forniture di semiconduttori, anche se Volkswagen si aspetta però che ci sarà un miglioramento dell'offerta di chip nella seconda metà dell'anno. Tuttavia, il colosso tedesco rimarca come non sia ancora possibile valutare in modo conclusivo gli effetti del conflitto Russia-Ucraina.

volkswagen | profitti | parabolic sar | dax 40 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

concessioanria SEfCar: a S. Valentino prezzi e vantaggi strordinari su nuovo e usato


Recupero dati cellulare tramite Chip-Off Roma


-Germania Volkswagen über alles con l’Ottava Generazione Golf. Antonio Castaldo e rimembranze migranti. (Scritto da Antonio Castaldo)


Il sicuro contributo cinese per la pace in Ucraina. Di Giancarlo Elia Valori.


Marco Baroni (giornalista, Presidente UGEI): “Anacronismo e paranoia di Vladimir Vladimirovič Putin”


Una società di network di Ucraina ha presentato un pacchetto di canali televisivi per tutto il mondo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Economia Argentina, cambia il ministro in una situazione difficile

Piove sul bagnato per l'economia argentina, che ha dovuto sostituire il Ministro Guzman, dimessosi a sorpresa durante il weekend. Era considerato da molti come l'artefice del salvataggio del Paese dall'insolvenza, e per questo il suo addio crea molte preoccupazioni.L'ultima scossa per l'economia argentinaGuzman aveva lavorato duramente al negoziato di rifinanziamento di un debito con il Fondo mone (continua)

Criptovalute, crescono sempre di più gli imbrogli su internet

I malintenzionati possono sfruttare il fatto che la maggior parte delle persone ancora non ha grande familiarità con il funzionamento delle cripto Il mondo delle criptovalute continua ad essere un terreno minato per gli investitori sprovveduti. Lo dimostra un allarmante dato di fatto: nel corso del 2021 ci sono stati episodi truffaldini sulle crypto per un miliardo di dollari.La cifra è ancora più allarmante, se si pensa che nel 2018 era 60 volta più piccola.Il terreno di caccia sulle criptovaluteAl crescere della diffusione delle valute dig (continua)

Economia giapponese, il calo del PIL affonda lo Yen giapponese

Il PIL è sceso dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, mentre la valuta sprofonda contro il dollaro USD Arrivano segnali poco incoraggianti dall'economia giapponese. In base agli ultimi dati statistici, il PIL è calato dello 0,1% nel primo trimestre del 2022, dopo una crescita dell'1,0% nel quarto trimestre 2021. La nota positiva è che il calo è minore rispetto ai dati flash, che prevedevano una discesa dello 0,3%.Lo stato di salute dell'economia giapponeseSu base annua l'economia giapponese si è c (continua)

Investitori recuperano un po' di buonumore. A Milano il FTSE Mib segna +1,6%

Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura, con Piazza Affari che fa meglio delle altre.I temi caldi per gli investitoriL'andamento di questi giorni conferma un umore oscillante, a causa di un’inflazione aggressiva e di un quadro geopolitico che continua a generare incertezza. Nel frattempo gli (continua)

Banca Centrale USA, Powell confermato alla guida della Federal Reserve

La Banca Centrale statunitense nel corso del meeting di marzo ha alzato il costo del denaro di un quarto di punto Come era ampiamente prevedibile, la Banca Centrale Americana avrà per un altro ho mandato al timone Jerome Powell. Il Senato federale ha infatti confermato il numero uno della Fed, con un forte slancio bipartisan. I voti infatti sono stati 80 favorevoli contro 19 contrari.Ancora alla guida della banca centraleScelto una prima volta da Donald Trump per guidare la Fed, il 69enne Powell ha lavorato c (continua)