Home > Altro > Banca Centrale USA, Powell confermato alla guida della Federal Reserve

Banca Centrale USA, Powell confermato alla guida della Federal Reserve

scritto da: Elleny | segnala un abuso

La Banca Centrale statunitense nel corso del meeting di marzo ha alzato il costo del denaro di un quarto di punto


Come era ampiamente prevedibile, la Banca Centrale Americana avrà per un altro ho mandato al timone Jerome Powell. Il Senato federale ha infatti confermato il numero uno della Fed, con un forte slancio bipartisan. I voti infatti sono stati 80 favorevoli contro 19 contrari.

Ancora alla guida della banca centrale

banca centrale usaScelto una prima volta da Donald Trump per guidare la Fed, il 69enne Powell ha lavorato come funzionario al Tesoro sotto l'amministrazione di George H. W. Bush. Con una laurea in legge è uno dei rari non economisti a essere stato scelto per guidare la banca centrale USA.
La conferma di Powell è l'ultima in ordine di tempo, dopo quelle di Lael Brainard come vicepresidente, e di Lisa Cook e Philip Jefferson come governatori. Tuttavia resta da definire un altro vicepresidente, dopo che Sarah Bloom Raskin ha abbandonato la carica per via di un insufficiente sostegno.

La battaglia tra inflazione e Banca Centrale

La conferma di Powell era data per scontata, visto soprattutto il contesto attuale. La Banca Centrale Americana si trova in uno dei momenti più delicati della sua storia. Se da un lato l'inflazione galoppa senza sosta, dall'altro c'è il rischio recessione. Riuscire a calibrare bene le mosse di politica monetaria diventa quindi estremamente difficile. Era chiaramente sconsigliabile un cambio alla guida proprio in un momento come questo.

L'incubo dei prezzi

Quello che tiene in apprensione al FED è soprattutto la dinamica dei prezzi. In settimana il dato sulla inflazione ha confermato la galoppata dei prezzi su livelli che non si vedevano da 40 anni. Ad aprile è schizzata infatti all'8,3%. Questa corsa è cominciata con la pandemia, è proseguita con la ripresa economica post crisi infine accentuata con lo scoppio della guerra in Ucraina ti ha mandato alle stelle i prezzi di gas e petrolio.

Per un paio di anni la banca centrale USA si è mostrata assai colomba per aiutare l'economia, ma di recente ha adottato una svolta da falco, cominciando ad alzare i tassi di interesse proprio a causa di una infrazione inarrestabile. Questo ah dato slancio al dollaro, che è volato rispetto a tutte le valute del paniere. L'Index ha anche disegnato un two rabbits downside gap.

Annotazione: quando si opera sul mercato delle valute, occorre conoscere bene la media mobile trading online.

Le mosse della Federal Reserve

La Banca Centrale statunitense nel corso del meeting di marzo ha alzato il costo del denaro di un quarto di punto, in maggio di mezzo punto percentuale. Molti economisti sono convinti che nel prossimo meeting di politica monetaria potrebbe accelerare ulteriormente.
Tuttavia c'è la consapevolezza che la stretta della banca centrale potrebbe far scivolare l'economia americana verso la recessione.

fed | powell | two rabbits gap | media mobile trading online |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Federal Reserve sotto pressione malgrado continui a dire che l'inflazione è solo temporanea


Come la FED infuenza la politica monetaria


Federal Reserve pronta alla marcia indietro? Probabilmente, ma non da subito


Federal Reserve messa all'angolo da Trump


Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni


Assemblea dei Soci Banca della Marca, il Presidente Gianpiero Michielin: l’istituto è solido e sano e ha sempre risposto presente quando imprese e comunità ci hanno chiesto aiuto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investitori recuperano un po' di buonumore. A Milano il FTSE Mib segna +1,6%

Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura Gli investitori sono tornati a fare compere sul mercato azionario. I listini del Vecchio continente strappano tutti un segno positivo alla chiusura, con Piazza Affari che fa meglio delle altre.I temi caldi per gli investitoriL'andamento di questi giorni conferma un umore oscillante, a causa di un’inflazione aggressiva e di un quadro geopolitico che continua a generare incertezza. Nel frattempo gli (continua)

Profitti raddoppiati malgrado la carenza di chip e la guerra in Ucraina volkswagen può brindare

La situazione del mercato dell'auto rimane molto incerta a causa principalmente della carenza di semiconduttori e delle conseguenze del conflitto in Ucraina. Nonostante questo Volkswagen è riuscito a raddoppiare i propri profitti nel primo trimestre.Volkswagen vendite e profittiIl colosso automobilistico tedesco quotato sull'indice DAX 40 è una delle società che ha alzato il velo sui conti del pri (continua)

Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola

Gli investitori digeriscono il rischio di frenata dell'economia cinese e le mosse preannunciate dalla Federal Reserve Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola L'umore degli investitori è decisamente cambiato negli ultimi giorni. Sui mercati finanziari già da qualche giorno si è abbattuto l'uragano Powell, che con le sue dichiarazioni ha preannunciato una svolta molto aggressiva da parte della Federal Reserve. Ma pesano enormemente anche i timori riguardo alla frenata cinese.Lo scenario sui mercati (continua)

Investitori nei prossimi giorni gli eventi clou saranno le elezioni in Francia e la BCE

La settimana che ci aspetta sarà molto interessante, soprattutto per due motivi. Gli investitori attendono novità dalla Francia, dove sono in corso le elezioni presidenziali. E aspettano notizie da Bruxelles, dove si riunisce in meeting la Banca Centrale Europea. Chiaramente sullo sfondo ci sono le notizie che giungono dal fronte della guerra, che resta il primo driver dei mercati.Gli eventi chia (continua)

Pagamento del gas in Rubli: Putin riceve lo stop anche dal fronte interno

La provocatoria mossa di Putin contro l'occidente, ha segnato il primo momento in cui qualcuno all'interno del Cremlino gli ha dovuto dire la verità. L'idea di pretendere il pagamento del gas in rubli non è praticabile. Gliel'hanno detto, ed è la prima volta che il dittatore russo si è trovato di fronte a un'opposizione interna. Che però ha avuto la meglio, tanto che Putin ha dovuto guadagnare te (continua)