Home > Musica > E' di scena l'ORLANDO FURIOSO'

E' di scena l'ORLANDO FURIOSO'

scritto da: Paola Cecchini | segnala un abuso

E' di scena l'ORLANDO FURIOSO'

E’ bastata la prima scena, con l’apparizione della luna sullo sfondo, per far venire alle labbra di tutti gli spettatori l’incipit dell’Orlando Furioso (‘Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto’), capolavoro letterario assoluto, che il poeta ferrarese scrisse nei primi decenni del 1500, in pieno Rinascimento.


Le opere del Settecento sono state poco rappresentate nella storia del Teatro Filarmonico di Verona che pure alla sua nascita è stato determinante nello sviluppo della Baroque Renaissance.
La prima rappresentazione in tempi moderni dell’ Orlando furioso di Antonio Vivaldi (1678-1741) avvenne il 1978 ad opera del M° Claudio Scimone e la regia di Pier Luigi Pizzi con una straordinaria Marilyn Horne nei panni del protagonista : fu un evento eclatante, tanto da essere replicato a grande richiesta la stagione successiva.
 Dopo quarantatré anni di assenza, quello che oggi è tra i più significativi titoli del famoso Prete Rosso (come veniva chiamato per il colore dei capelli) è tornato l’8 maggio sulle scene veronesi con il profumo della riscoperta (repliche 11, 13 e 15 p.v.). 
Le quattro recite hanno visto sul palcoscenico del Filarmonico l’elegante allestimento creato per il Festival della Valle d’Itria (2017) ed il Teatro La Fenice di Venezia (2018)  dalla regia del giovane Fabio Ceresa, grazie alle splendide scene realizzate da Massimo Checchetto, ai costumi firmati da Giuseppe Palella ed al progetto luci curato da Fabio Barettin.
La regia, di straordinaria eleganza, punta su due elementi fantastici che da sempre dominano l’immaginario del capolavoro dell’Ariosto: l’ippogrifo (che grazie ai movimenti mimici di Silvia Giordano sembra una creatura viva) e la luna che presenzia sullo sfondo la scena e che al suo interno racchiude il mondo fatato dell’isola della conturbante maga Alcina.
E’ bastata la prima scena, con l’apparizione della luna sullo sfondo, per far venire alle labbra di tutti gli spettatori l’incipit dell’Orlando Furioso (‘Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto’), capolavoro letterario assoluto, che il poeta ferrarese scrisse nei primi decenni del 1500, in pieno Rinascimento.
 
Giulio Prandi, alfiere del repertorio barocco a Verona, è tornato al Filarmonico dopo il successo del Dido and Aeneas trasmesso in streaming e alcune esecuzioni del Messiah  haendeliano (2021): ha diretto l’Orchestra su strumenti moderni integrandoli ai suoni di due cembali ed una tiorba (strumento musicale a corde pizzicate, della famiglia dei liuti, detto anche chitarrone) ed il Coro preparato da Ulisse Trabacchin.
Per la prima volta a Verona, inoltre, Orlando furioso si esegue nell’edizione critica curata da Federico Maria Sardelli. 

Tutto il cast, specializzato in ambito vivaldiano, è stato all’altezza della situazione e pertanto salutato con vivo successo dal pubblico a partire da Teresa Iervolino (per la prima volta nel ruolo del titolo), previsto sin dall’origine come gli altri ruoli maschili per voci femminili o castrati.
Come lei, nei panni virili si sono calate Sonia Prina (Ruggiero) e Laura Polverelli  (Medoro) affiancando Chiara Tirotta (Bradamante) e Francesca Aspromonte (Angelica).
Completavano il cast Christian Senn ( Astolfo) e Lucia Cirillo nella parte della maga Alcina, vero deus ex machina dell’opera, attorno a cui ruotano gli amori e le passioni dei paladini cavallereschi, veri o frutto di sortilegi e seduzioni che lei gestisce ed alimenta.
Io non riuscivo a togliere gli occhi dalle scene, sontuose ed allo stesso tempo 
funzionali ai movimenti dei personaggi, abbigliati con stupendi costumi colorati ed adorni di luccichii.

La storia di quest’opera (dramma in tre atti) parte da lontano. Nella stagione 1713, presso il piccolo Teatro Sant’Angelo di Venezia, era stata allestita con successo un’opera del compositore bolognese Giovanni Alberto Ristori su libretto di Grazio Braccioli dal titolo ‘Orlando furioso’.
Vivaldi si appassionò al soggetto e chiese al poeta ferrarese di adattargli un nuovo testo, questa volta ispirato maggiormente all’’Orlando innamorato’ di Matteo Maria Boiardo (1495).
L’opera (la prima scritta dal compositore veneziano per Venezia e la seconda dopo l’esordio in teatro con l’’Ottone in villa’ presentata a Vicenza nel maggio del 1713) andò in scena nel novembre 1714 riscuotendo una tiepida accoglienza: per rimediare al fiasco la direzione del Teatro impose il riallestimento del lavoro di Ristori al quale Vivaldi apportò alcuni cambiamenti con l’aggiunta di qualche aria per il nuovo cast.
Dopo un esilio artistico iniziato nel 1718 verso Milano e Roma, Vivaldi rientrò nel 1725 a Venezia e riallacciò i rapporti con il Teatro  che lo assunse ufficialmente come ‘direttore delle opere in musica’ fin dalla stagione autunnale del 1726.  Si trattò di un nuovo slancio per la sua carriera lirica che lo porterà a scrivere in meno di cinque mesi tre capolavori come ‘Dorilla in Temple’  (Teatro Sant’Angelo,  novembre 1726), ‘Ipermestra’ (Teatro della Pergola di Firenze, gennaio 1727) e ‘Farnace’ (Teatro Sant’Angelo, Carnevale, 1727).
Per la stagione autunnale 1727 il Compositore decise di porre rimedio alla defaillance occorsa tredici anni prima musicando nuovamente l’Orlando.
Recuperò la prima versione del libretto di Braccioli (la più fedele all’originale letterario) e - seguendo una prassi allora consueta - inserì alcune arie tratte da precedenti opere nella nuova versione: In questa veste lo ripresentò al pubblico veneziano il 10 novembre successivo, come opera inaugurale, affidando il ruolo di protagonista al mezzosoprano Lucia Lancetti, specialista in ruoli ‘en travesti’.
Il successo che accolse l’Orlando è documentato dal fatto che una decina di arie sono state da Vivaldi riprese – anche se con modifiche – nell'opera ‘Atenaide’ andata in scena a Firenze nel 1729. A parte una ripresa a Bergamo  durante il Carnevale del 1738 l'opera cadde comunque in oblio, come quasi tutte le consorelle dell'epoca barocca, fino alla trionfale ripresa moderna con la regia di Pizzi  e l'interpretazione  della Horne di cui si è detto sopra. E’ stata quindi ripresa a Dallas, Nancy, Parigi e San Francisco  aprendo la via al suo successivo rientro nel repertorio dei teatri lirici internazionali e segnando la rinascita in epoca moderna di un interesse a livello mondiale per le opere del violinista veneziano.
Paola Cecchini

 

Teatro Filarmonico | Verona | Orlando Furioso |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ForlìMusica: L'ARTE E' VITA

ForlìMusica: L'ARTE E' VITA
Due i luoghi deputati alla manifestazione musicale (12 giugno - 5 agosto 2022): -l’Arena San Domenico con i concerti di *Gabriele Mirabassi (clarinetto) e l’Orchestra del Liceo Canova (12 giugno 2022) *Paola Turci, Danilo Rossi (viola) e Stefano Nanni pianista e direttore dell’Orchestra del Liceo Canova e dell’ Orchestra Bruno Maderna (19 giugno 2022) *Extra Liscio e Roberto Molinelli alla guida dell’Orchestra Bruno Maderna (26 giugno 2022) *Alice (30 luglio 2022) *Banda Osiris, Le dolenti note (5 agosto 2022) e -la Fabbrica delle Candele (centro polifunzionale dedicato alla creatività e alla formazione giovanile) con i concerti di *Elisa Citterio (violinista barocca) e l’Orchestra Bruno Maderna (5 luglio 2022) *Mario Brunello (violoncello), Danilo Rossi (viola) e l’Orchestra Bruno Maderna (8 luglio 2022) Nei sette spettacoli che compongono il cartellone le parole si intrecciano con la musica classica, contemporanea, jazz e ‘punk da balera’ abbracciando effetti visivi e computer sound: una vera contaminazione di suoni, immagini ed effetti scenici. Da non perdere! Conosco l’espressione  ‘L’ARTE E’ VITA’ fin dalla sua nascita (aprile 2020): ne ho scritto per prima su una testata giornalistica (Quarto Potere).E’ il titolo di una petizione promossa dal violinista Alessandro Quarta (unitamente al violoncellista Mario Brunello e all’attore Alessio Boni), lanciata da Danilo Rossi (prima Viola Solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala), in occasione della (continua)

MAKE YOUR WISH

MAKE YOUR WISH
Interpreti d’eccezione del concerto sono state “LE DIV4S – Italian Sopranos”, un ensemble vocale che nasce dall’unione di quattro giovani soprani (elegantemente abbigliate con abiti a sirena e tacchi alti) con l’idea di divulgare l’eccellenza della musica italiana attraverso l’interpretazione di celebri pagine d’opera, riviste a quattro voci, nel rispetto della partitura originale. E’ stato il nuovo cross-sound dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini “Make your wish! I tuoi desideri per un nuovo cross-sound”, a chiudere ieri sera Sinfonica 3.0,  la stagione invernale organizzata dall’Orchestra Sinfonica Rossini, assieme all’Assessorato alla Bellezza del Comune di Pesaro ed all’azienda Xanitalia che da 10 anni è al fianco della band nel sostenere l’arte e la cultura sul terr (continua)

Il malato immaginario

Il malato immaginario
Il malato immaginario (Le Malade imaginaire), è una comédie- ballet in 3 atti del drammaturgo francese Molière (nel XVII secolo, in Francia, il termine "immaginario" significava pazzo). La pièce venne rappresentata per la prima volta al Palais Royal il 10 febbraio 1673 dalla Troupe du Roy, con le musiche di Marc-Antoine Charpentier e le coreografie di Pierre Beauchamp. Il 17 febbraio del 1673 Molière, che interpretava Argante, portò a termine la rappresentazione di questa commedia nonostante il suo grave stato di salute, morendo infine poche ore dopo. Il malato immaginario (Le Malade imaginaire), è una comédie- ballet in 3 atti del drammaturgo francese Molière (nel XVII secolo, in Francia, il termine "immaginario" significava pazzo). La pièce venne rappresentata per la prima volta al  Palais Royal il 10 febbraio 1673 dalla Troupe du Roy, con le musiche di Marc-Antoine Charpentier e le  coreografie di Pierre Beauchamp.Il 17 febbra (continua)

In scena Stefan Milenkovich e Enrico Bronzi

In scena Stefan Milenkovich  e  Enrico Bronzi
Ieri è andato in scena il gran finale della stagione 2022 dell’Ente Concerti di Pesaro (presieduto da Marta Mancini e diretto, sotto il profilo artistico, da Federico Mondelci): l’ultimo appuntamento in programma ha assunto connotati di vera eccellenza. Sto parlando del concerto che ha celebrato il ritorno in città del violinista serbo Stefan Milenkovich e del violoncellista e direttore d’orchestra Enrico Bronzi Ieri è andato in scena il gran finale della stagione 2022 dell’Ente Concerti di Pesaro (presieduto da Marta Mancini e diretto, sotto il profilo artistico, da Federico Mondelci): l’ultimo appuntamento in programma ha assunto connotati di  vera eccellenza.Sto parlando del concerto che ha celebrato il ritorno in città del violinista serbo Stefan Milenkovich  e del violoncellista e direttore (continua)

E ti vengo a cercare...

E ti vengo a cercare...
Già autore di analoghi spettacoli teatrali su Gaber, De André, Ivan Graziani e Pink Floyd, Andrea Scanzi (prestigioso giornalista de ‘Il Fatto quotidiano’) ha ripercorso al Teatro Sperimentale di Pesaro la carriera di Franco Battiato nello spettacolo ‘E ti vengo a cercare…’ nell’ambito della rassegna PLaylist curata d a Amat-Platea delle Marche Ieri sera  ho vissuto una splendida serata. Già autore di analoghi spettacoli teatrali su Gaber, De André, Ivan Graziani e Pink Floyd, Andrea  Scanzi (prestigioso giornalista de ‘Il Fatto quotidiano’)  ha ripercorso al Teatro Sperimentale di Pesaro la carriera di Franco Battiato nello spettacolo  ‘E ti vengo a cercare…’ nell’ambito della rassegna Playlist curata d a Amat-P (continua)