Home > Economia e Finanza > Anche la Bulgaria vuole deroghe alle sanzioni anti-russe, UE in stallo

Anche la Bulgaria vuole deroghe alle sanzioni anti-russe, UE in stallo

scritto da: EnricoSalvati2 | segnala un abuso

Anche la Bulgaria vuole deroghe alle sanzioni anti-russe, UE in stallo

Il sesto pacchetto di sanzioni antirusse è bloccato perché manca l'unanimità. Bulgaria contraria alle sanzioni finché non le saranno concesse deroghe all'abbandono dell'energia russa.


Il vicepremier nonché ministro delle Finanze della Bulgaria Asen Vasilev ha dichiarato alla televisione pubblica BNT che il Paese non accorderà il suo voto al prossimo pacchetto sanzionatorio anti-Cremlino, fino a che Bruxelles non concederà condizioni derogatorie alla transizione dal petrolio russo a quello di un altro fornitore. La Bulgaria infatti vuole che anche ad essa vengano applicate condizioni più favorevoli rispetto agli altri Stati membri, al pari delle deroghe date a Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria. Difficile distinguere le motivazioni politiche da quelle tecniche, ma nel caso di Sofia la presenza della Lukoil Neftohim Burgas, la più grande raffineria dei Balcani, giustificherebbe consistenti proroghe al periodo previsto per il passaggio a nuovi fornitori di petrolio. Abbandonare il petrolio russo da un giorno all’altro non è impossibile, ma metterebbe a rischio anche l’ecologia della regione: gli impianti della raffineria devono essere modificati per tipi diversi di greggio, altrimenti il pericolo di inquinamento è reale. Inoltre i tre Paesi di Visegrad pare otterranno anche delle compensazioni economiche per essere stimolati ad abbandonare le forniture energetiche russe, e le sovvenzioni europee evidentemente fanno gola anche ad altri governi. Sembra che Bruxelles sia disposta ad accontentare la Bulgaria, ma ciò potrebbe generare un effetto a catena su altri Stati. Sta di fatto che per adesso il sesto pacchetto di sanzioni resta bloccato presso il Comitato dei rappresentanti permanenti, il COREPER, composto dai capi e vice-capi delle delegazionei dei Paesi membri.

Fonte: https://strumentipolitici.it/unione-europea-manca-lunanimita-su-sanzioni-al-combustibile-russo-anche-la-bulgaria-vuole-deroghe/


Fonte notizia: https://strumentipolitici.it/unione-europea-manca-lunanimita-su-sanzioni-al-combustibile-russo-anche-la-bulgaria-vuole-deroghe/


bulgaria | neftohim burgas | asen vasilev | coreper | sovvenzioni | compensazioni economiche | pacchetto di sanzioni | sanzioni antirusse |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Shambhala, nuova attrazione in Port Aventura


L’Osservatorio AIDR sullo stato di attuazione del GDPR nella Pubblica Amministrazione


Eleganza aggraziata per gli aspiranti ballerini a Monte Carlo


PNRR e misure di semplificazione in materia di contratti pubblici


L’ADC U3-1402 di Daiichi Sankyo i dati aggiornati presentati a Barcellona


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Portogallo, polemiche sull'inflazione e sui sussidi all’agricoltura

Portogallo, polemiche sull'inflazione e sui sussidi all’agricoltura
Portogallo, polemiche da parte della confederazione degli agricoltori contro il ministero. Le lamentele sono per la situazione di vertigionoso aumento di tutti i prezzi, che porta a una perdita di competitività di cui approfitteranno i concorrenti spagnoli. La Confederazione degli agricoltori portoghesi (CAP) non è rimasta particolarmente soddisfatta dalle modalità con cui verranno distribuiti dal governo i sussidi straordinari agli operatori del settore. Questi aiuti sono stati concepiti nel contesto della crisi dell’agrialimentare data dalle carenze di materie prime e di carburante derivanti dalla guerra in Ucraina e dall’aumento galoppante dei pre (continua)

Biden arma Taiwan in vista di un eventuale attacco cinese

Biden arma Taiwan in vista di un eventuale attacco cinese
Taiwan: gli echi di guerra dall'Europa impensieriscono ancora l'area del Pacifico. A Washington si pensa che Pechino potrebbe presto scatenare le sue forze per prendere Taiwan e mettere fine alla decennale contesa. Biden approva l'ennesimo pacchetto di armamenti e materiali bellici. Un attacco della Cina a Taiwan viene considerato sempre più probabile dagli analisti americani, che spingono per far sì che il linguaggio di Biden sia meno ambiguo sulla questione, ma più deciso e diretto. E in effetti, in visita a Tokyo alla fine di maggio per un vertice con i partner del Pacifico, “Sleepy Joe” ha fatto dichiarazioni che indicano come gli USA si schiereranno concretamente a (continua)

Bitcoin: El Salvador prosegue nell'esperimento nonostante le perdite della criptovaluta

Bitcoin: El Salvador prosegue nell'esperimento nonostante le perdite della criptovaluta
Il Bitcoin ha perso molti punti percentuali. Ma il presidente salvadoregno Nayib Bukele non si demoralizza e anzi celebra su Twitter gli acquisti di nuovi Bitcoin. Crede nel progetto e invita la popolazione a usare la criptovaluta per gli acquisti quotidiani. Lo Stato centroamericano di El Salvador è il primo Paese al mondo che ha reso il Bitcoin valuta a corso legale. La scommessa del presidente Nayib Bukele è stata messa recentemente in difficoltà dalle pesanti perdite subite dalla criptovaluta, che per El Salvador vale oggi la metà di quanto venne pagata. Nonostante ciò, Bukele resta ottimista e fiducioso e pubblica su Twitter gli acquisti di cripto (continua)

Repubblica Ceca criticata per il trattamento dei profughi non ucraini

Repubblica Ceca criticata per il trattamento dei profughi non ucraini
La Repubblica Ceca, proprio come la Polonia, sta cercando il modo di alleggerire il carico gestionale e finanziaria per l'accoglienza dei rifugiati dall'Ucraina. Dando la precedenza a coloro che hanno la cittadinanza ucraina, e' stata accusata di violare i principi europei. Ma Praga non riesce piu' a mantenere tutti i profughi e chiude il suo centro di accoglienza. Come nel caso della Polonia, anche la Repubblica Ceca è al centro delle accuse delle minoranze etniche fuggite dall’Ucraina, le quali ritengono che Praga le stia trattando peggio dei rifugiati di cittadinanza o di etnia ucraina. È ciò che sostengono i portavoce del gruppo romaní (ossia i gitani o zingari) di Brno, che nel corso di una protesta presso il municipio hanno parlato in maniera aper (continua)

Lista grigia dell’antiriciclaggio: esce Malta, entra Gibilterra

Lista grigia dell’antiriciclaggio: esce Malta, entra Gibilterra
Aggiornata la cosiddetta "lista grigia" dei Paesi su cui si intensifica il monitoraggio dell'anti-riciclaggio internazionale: esce Malta, ma viene incluso un territorio d'oltremare della Gran Bretagna, cioè Gibilterra. Una brutta notizia per il territorio d’oltremare della Gran Bretagna: la GAFI, il  Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale, ha deciso di includere Gibilterra nella lista grigia dei Paesi a maggior rischio di violazione degli standard internazionali sul riciclaggio di denaro e sul finanziamento al terrorismo. La “Rocca” è sempre stata considerata un paradiso fiscale, ma negli ultimi anni i (continua)