Home > Primo Piano > Acaref: la ricerca sull'atassia finanziata grazie agli NFT

Acaref: la ricerca sull'atassia finanziata grazie agli NFT

scritto da: Leorosa73 | segnala un abuso

Acaref: la ricerca sull'atassia finanziata grazie agli NFT

Acaref è tra le prime onlus al mondo a utilizzare gli NFT per finanziare la ricerca scientifica e l'assistenza ai malati. Il progetto ha preso il via questo mese da un'idea del testimonial Rudy Bandiera.


Acaref, Fondazione con sede a Ferrara che sostiene la ricerca, oltre a occuparsi di assistenza a malati e disabili, punta con sempre maggiore convinzione sui mezzi digitali per divulgare le proprie attività nel terzo settore.

L’ultima iniziativa in ordine di tempo è quella relativa alla predisposizione di 70 NFT aventi come oggetto la ricerca su una terribile malattia quale l’atassia spinocerebellare. Si tratta di immagini tratte dai laboratori dell’Università di Ferrara dove si studiano incessantemente possibili cure per contrastare in modo sempre più efficace questa patologia neurologica genetica.

Ai primi donatori che aderiranno all’iniziativa speciale di Acaref sarà inviato un NFT, unico e irripetibile. Un’idea lanciata da Rudy Bandiera, divulgatore di fama nazionale in materia di comunicazione e innovazione, divenuto recentemente testimonial di Acaref, e attuata attraverso il supporto di due professionisti della comunicazione, Leonardo Rosa e Silvia Malacarne.

Giampietro Domenicali, direttore di Acaref, ha così spiegato questa speciale campagna nel campo del sociale.

“Da diversi mesi abbiamo voluto incrementare le attività legate ai servizi digitali. In particolare, abbiamo accolto con vero entusiasmo l’idea di Rudy Bandiera, grande esperto di nuove tecnologie, per fare qualcosa di entusiasmante e originale. Un regalo destinato a chi ci aiuterà a finanziare convintamente la ricerca sull’atassia spinocerebellare, una missione che fa parte della nostra identità sin dalla nascita di Acaref nel 2012, unitamente alle attività assistenziali verso malati, disabili e anziani. Chi crederà in questo progetto riceverà un pezzetto virtuale di ricerca, attraverso un elemento digitale non replicabile. Ci siamo informati su cosa sono gli NFT, notando che a livello globale alcune opere di questo tipo hanno ricevuto quotazioni astronomiche, essendo pezzi unici. Noi non possiamo promettere che un NFT di Acaref sia rivalutato a somme altissime da qua al futuro, ma di certo, il fatto di essere tra le prime Onlus in assoluto a dar vita a un’operazione del genere, garantisce al singolo donatore di aderire a un progetto pionieristico e ambizioso. Al di là di questo – specifica il direttore di Acaref – chiunque dona fa qualcosa di assolutamente pregevole, contribuendo a sostenere gli enormi costi della ricerca per sconfiggere una patologia purtroppo ancora incurabile”.

L’iniziativa è partita a maggio. A essere premiate saranno le prime 70 persone che effettueranno una donazione alla Fondazione di almeno 100 euro, oltre a fornire il codice del proprio wallet elettronico per acquisire un NFT, Non-Fungeble Token, di Acaref.

Per informazioni: info@acaref.org / www.acaref.org


Fonte notizia: https://www.acaref.org


NFT | Onlus | ricerca | ricerca scientifica | terzo settore | innovazione | tecnologia |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il 100% degli studenti della scuola internazionale Smiling ha conseguito il riconoscimento Cambridge B1

Il 100% degli studenti della scuola internazionale Smiling ha conseguito il riconoscimento Cambridge B1
Traguardo prestigioso per la scuola internazionale con sede a Ferrara. Soddisfazione per gli studenti e per lo stesso istituto che recentemente è entrato nell'International Baccalaureate Diploma Programme Prestigioso traguardo per la scuola Smiling International di Ferrara: tutti i candidati delle classi VII (seconda media) hanno superato il livello B1 degli esami di certificazione internazionali di Cambridge che si sono tenuti presso il centro esaminatore ufficiale di Ferrara.Non solo, circa il 40% degli studenti ha conseguito il certificato superiore B2, un livello europeo che viene richiesto, po (continua)

La tecnologia GEZE per il nuovo quartier generale di Furla nel Chianti fiorentino

La tecnologia GEZE per il nuovo quartier generale di Furla nel Chianti fiorentino
Le splendide colline del Chianti fiorentino, presso la località di Tavarnelle Val di Pesa, sono state scelte per far da cornice al nuovissimo head quarter di Furla, celeberrima azienda bolognese che opera nel campo delle borse e della pelletteria. Quello progettato dallo studio di architetti Geza di Udine è un hub creativo, dove opereranno inizialmente 130 dipendenti e in cui si svilupperanno produzione, ricerca, sperimentazione e formazione per un brand che vanta quasi cento anni di storia. Furla Progetto Italia, nome scelto per il nuovo complesso, si estende su 43mila metri di superficie, di cui 18.200 edificati.Il progetto è riuscito a fondere, all’interno di un unico concept, elementi focali quali  industria, natura, tradizione, desiderio di innovazione e sperimentazione artistica.Le facciate degli edifici sono state pensate e realizzate attraverso lamelle filtranti frangisol (continua)

GEZE ha presentato a YED le sue novità in tema di serramenti: chiudiporta avanzati e attuatori di apertura per finestre

GEZE ha presentato a YED le sue novità in tema di serramenti: chiudiporta avanzati e attuatori di apertura per finestre
YED, acronimo di Yellow Expo Days, è la fiera biennale, organizzata da Colfert presso la Fiera di Vicenza, per i professionisti dell’ampio settore legato ai serramenti. YED rappresenta un evento che, nel corso degli anni, è diventato un vero e proprio punto di riferimento in grado di rappresentare sul palcoscenico nazionale tutta la filiera in tema di ferramenta ed accessori, sistemi di oscuramento, protezione e sicurezza, involucro edilizio e schermature. Quest’anno sono stati oltre 4.600 i visitatori registrati e più di 110 marchi espositori. Per tutti que (continua)

Nuovi sistemi di automazione GEZE per porte e finestre: igiene, praticità e design

Nuovi sistemi di automazione GEZE per porte e finestre: igiene, praticità e design
La multinazionale tedesca ha recentemente presentato i suoi nuovi sistemi di automazione abbinati all’innovativo sensore di sicurezza compatto GC 342+, ideali per porte automatiche a battente. Un modello con caratteristiche uniche per design e funzionalità. Grazie alla propria esperienza e ai costanti investimenti in ricerca e sviluppo GEZE è in grado di offrire sempre la soluzione più adatta alle singole esigenze, tenendo conto della complessità dell’intervento e della singola configurazione.I vantaggi dei sistemi Laser Scanner GC 342+ Sono diversi i vantaggi offerti dai sistemi che integrano lo scanner laser GC 342+ a cominciare dal versante d (continua)

Rispetto ambientale, igiene e praticità grazie alle porte automatizzate di GEZE Italia

Rispetto ambientale, igiene e praticità grazie alle porte automatizzate  di GEZE Italia
GEZE, molto tempo prima rispetto alla diffusione della pandemia, ha investito in Ricerca e Sviluppo al fine di mettere a punto prodotti in grado di coniugare la praticità all’uso intelligente degli ambienti, offrendo il massimo dell’igiene. A distanza di due anni dalla comparsa del Covid-19 in Italia l’emergenza sanitaria non può dirsi finita.L’attuale variante predominante Omicron, appare meno pericolosa della precedente Delta, ma, in base alle evidenze esistenti, si caratterizza per una maggiore trasmissibilità.Senza addentrarci negli aspetti scientifici occorre ribadire l’utilità di tutte le misure volte a limitare il più possibil (continua)