Home > Ambiente e salute > Cani: oltre 117 mila quelli restituiti dopo la pandemia

Cani: oltre 117 mila quelli restituiti dopo la pandemia

scritto da: Ufficiostampa@facile.it | segnala un abuso

Cani: oltre 117 mila quelli restituiti dopo la pandemia


Con l’arrivo della pandemia c’è stato un vero e proprio boom di adozioni di cani; secondo l’indagine commissionata da Facile.it a EMG Different*, sono circa 3,4 milioni gli italiani che, fra il 2020 ed il 2021, hanno fatto questa scelta (21,6% dei proprietari). Amore a prima vista, ma non per tutti se si considera che oltre 117 mila proprietari hanno cambiato idea restituendo l’animale al canile o affidandolo ad un’altra famiglia.

Il 28,3% di chi ha preso un cane negli ultimi 2 anni ha detto di averlo fatto appositamente per alleggerire il lockdown e circa 196 mila individui hanno ammesso di averlo preso solo per aggirare i limiti alla mobilità imposti dal Governo in quel periodo (5,7%).

La ragione principale per cui i proprietari hanno rinunciato alla compagnia del cane adottato durante la pandemia è che, una volta finito il lockdown, si sono resi conto che l’animale diventava troppo complesso da gestire e quindi non lo volevano più (63%); in altri casi, invece, la decisione è stata presa a seguito di danni materiali causati da Fido (37%). 

«È un peccato che tanti italiani rinuncino alla gioia della compagnia di un cane o di un gatto per la paura dei danni che l’animale potrebbe causare» - sostiene Irene Giani, responsabile assicurazioni animali di Facile.it - «Oggi esistono tante assicurazioni per cani e gatti che, con poche decine di euro all’anno, non solo mettono al riparo il padrone dai rischi economici legati all’esuberanza dell’animale ma, anche, possono assistere in caso di viaggio con i nostri amici a quattro zampe. In un momento in cui stanno per cominciare le vacanze estive, è importante saperlo per cercare di contrastare sempre di più il terribile fenomeno degli abbandoni.».

Sommando cani e gatti, il numero complessivo di italiani che hanno preso un animale negli ultimi 2 anni sale a poco più di 5 milioni, vale a dire il 23,2% di coloro che hanno un conpagno a 4 zampe (percentuale che arriva al 31,7% tra i rispondenti residenti al Sud). Va detto, però, che la pandemia è stata una leva soprattutto per i residenti nel Nord ovest, dove la percentuale di chi ha dichiarato di aver preso un animale domestico proprio per alleggerire il lockdown è pari al 38,4% (a fronte del 24,5% rilevato a livello nazionale). 

* Nota metodologica: indagine condotta da EMG Different su un campione (1.000 rispondenti) rappresentativo della popolazione italiana dai 18 ai 74 anni per sesso, età, regione, classe d’ampiezza demografica dei comuni. Metodo di raccolta delle informazioni: Rilevazione CAWI Periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: maggio 2022.

 

Immagine (c) jyliagorbacheva

Facile it | animali domestici | cani e gatti | polizze animali | assicurazioni pet |



 

Potrebbe anche interessarti

Mettiamo Le Mani In Pasta!


Legumi: fonte di proteine vegetali


L'onnipresente pomo d'or!


Germogli: nei semi piccoli c'è l'energia buona


BandazZ ESCE IL 20 GENNAIO IL NUOVO SINGOLO “FELLINI” Un omaggio al grande Maestro in occasione del centenario della sua nascita.


Perché acquistare su un sito e-commerce?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Emilia-Romagna +7,5%

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Emilia-Romagna +7,5%
Brutte notizie per gli automobilisti emiliano-romagnoli; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote in Emilia-Romagna occorrevano, in media, 404,92 euro, vale a dire il 7,5% in più rispetto a inizio anno.L’incremento dei premi medi regi (continua)

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Toscana +7,5%

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Toscana +7,5%
Brutte notizie per gli automobilisti toscani; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote in Toscana occorrevano, in media, 476,88 euro, vale a dire il 7,5% in più rispetto a inizio anno.Nonostante l’incremento dei premi medi registrato (continua)

Rc auto: premi medi in aumento in Campania

Rc auto: premi medi in aumento in Campania
Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Campania +8,3% Brutte notizie per gli automobilisti campani; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote in Campania occorrevano, in media, 834,26 euro, vale a dire l’8,3% in più rispetto a inizio anno. Nonostante l’incremento sia leggermente pi (continua)

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: nel Lazio +8,6%

Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: nel Lazio +8,6%
Brutte notizie per gli automobilisti laziali; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote nel Lazio occorrevano, in media, 458,91 euro, vale a dire l’8,6% in più rispetto a inizio anno.L’incremento dei premi medi registrato da gennaio a (continua)

Rc auto: premi medi in aumento in Sicilia

Rc auto: premi medi in aumento in Sicilia
Fine degli sconti ed inflazione fanno risalire i premi Rc auto: in Sicilia +5,5% Brutte notizie per gli automobilisti siciliani; dopo il prezzo della benzina, anche il costo dell’Rc auto è tornato a salire tanto è vero che, come evidenziato dall’Osservatorio di Facile.it*, a luglio 2022 per assicurare un veicolo a quattro ruote in Sicilia occorrevano, in media, 450,92 euro, vale a dire il 5,5% in più rispetto a inizio anno. Il dato emerge dall’analisi di un campion (continua)