Home > Economia e Finanza > Studio Protolabs su auto elettriche e guida autonoma: un mercato da 5.000 miliardi di dollari in meno di 7 anni. Strategico lo studio di nuovi prototipi e componenti

Studio Protolabs su auto elettriche e guida autonoma: un mercato da 5.000 miliardi di dollari in meno di 7 anni. Strategico lo studio di nuovi prototipi e componenti

scritto da: Notiziabile | segnala un abuso

Studio Protolabs su auto elettriche e guida autonoma: un mercato da 5.000 miliardi di dollari in meno di 7 anni. Strategico lo studio di nuovi prototipi e componenti

Protolabs ha presentato lo studio che approfondisce gli aspetti più rilevanti e le sfide più importanti che l’industria dell’auto dovrà affrontare per consolidare un mercato che nel 2030 si prevede sarà di 5.000 miliardi di dollari.


Investimenti per circa 330 miliardi di dollari sono già stati annunciati nel settore automotive, da qui al 2025; di questi, 42 miliardi stanziati dal gruppo tedesco Volkswagen che annuncia l’avvio di 6 Gigafactories in EU entro il 2030 focalizzate sulla produzione di batterie.

Quest’ultime, assieme ai software, sono considerati i maggiori punti di differenziazione nel mercato delle auto elettriche (EV) e a guida autonoma (AV), nonché strategici per ottenere lo switch alla mobilità totalmente green. Investimenti che sono sicuramente in linea con il piano Repowering Europe, presentato il 18 maggio 2022 dalla Commissione Europea in risposta alla crisi energetica attuale, scatenata dagli attuali sconvolgimenti geopolitici ma carsicamente presente da diversi anni principalmente per la dipendenza energetica dalle fonti fossili dei principali paesi europei.

La mole degli investimenti fa ben sperare, sicuramente sta segnando la strada di quelle che saranno le auto del futuro: elettriche e a guida autonoma. La strada, seppur segnata, non sembra essere in discesa, complici i molteplici fattori che si stanno concentrando come in una tempesta perfetta: la scarsità delle materie prime come il litio e dei materiali per produrre i microchip, uniti all’aumento considerevole dei costi di trasporto, alla mancanza di personale qualificato e all’aumento dei prezzi dell’energia che da un lato accelerano la transizione verde ma dall’altro la frenano per i continui aumenti dei costi di produzione. Una tale cambio di paradigma, tuttavia, non si fa dall’oggi al domani: servono infrastrutture di ricarica, batterie, nuovi tipi di sensori, nuove apparecchiature sempre più connesse, radar e videocamere e tantissimo expertise. Non è un caso che nel mondo stanno nascendo centinaia di nuove aziende, spesso start-up che vedono in questa rivoluzione una possibilità di creare nuovi prodotti, molto spesso avendo tempi di immissione ristrettissimi per conquistare velocemente quote di mercato ed essere adottati dai grandi costruttori di auto prima di altri. Tutto questo, sarebbe stato impensabile anche solo una decina di anni fa: basta ricordare i tempi di progettazione, costruzione e messa in produzione di uno stampo per un singolo componente, costi esorbitanti per produrre pochi o tanti pezzi che fossero.

La produzione digitale (quel sottoinsieme delle tecnologie dell'industria manifatturiera che utilizza software di automazione e una rete di macchine connesse, ad esempio le stampanti 3D, le macchine CNC, lo stampaggio a iniezione per produrre componenti, con qualità e tempi spesso inauditi rispetto al settore manifatturiero tradizionale) sarà la protagonista della produzione di auto del futuro. Perché? Perché il settore ha bisogno di estrema rapidità e flessibilità nei volumi, nonché deve poter essere impiegata durante tutto il ciclo di vita di un’auto elettrica e a guida autonoma, dalla prototipazione del componente, alla validazione del design, alla produzione dei pezzi in volumi ridotti destinati ai test meccanici, fino ad per arrivare alla produzione di singoli pezzi di ricambio, evitando decenni di costi di magazzino di singoli pezzi. Come si è capito, non vi è (purtroppo) un’unica soluzione alle nuove sfide che la rivoluzione del settore impongono.

L’indagine di Protolabs fa parte di una serie di studi, approfondimenti e indagini sulle sfide che diversi settori dell’industria manifatturiera mondiale sta affrontando, il primo dei quali incentrato sull’innovazione nel settore automotive, passando per la potenzialità di sviluppo dell’industria dei droni, per arrivare all’indagine sulle soluzioni green che anche l’industria del petrolio sta adottando.

Il report è disponibile sul sito protolabs.com

****

PROTOLABS Protolabs è il produttore più rapido al mondo di prototipi customizzati e pezzi di serie in volumi ridotti realizzati mediante tecnologie digitali. Protolabs si avvale di sistemi altamente tecnologici impiegando processi avanzati di stampa 3D, lavorazione CNC e stampaggio a iniezione per fabbricare i pezzi in pochi giorni. Il risultato è una rapidità di immissione sul mercato eccezionale a disposizione dei progettisti e degli ingegneri di tutto il mondo.



 

Potrebbe anche interessarti

#POLIdesignWeek


Brera's Key: Complesso itinerario artistico, ovvero il percorso filosofico dell'artista


GIULIA PRATELLI: ESCE “TUTTO BENE” IL NUOVO DISCO DELLA CANTAUTRICE TOSCANA CON LA PRODUZIONE ARTISTICA DI ZIBBA


GIULIA PRATELLI ESCE IL 13 GENNAIO “DALL’ALTRA PARTE DELLE COSE”, IL SINGOLO CHE PRESENTA LA GIOVANE CANTANTE E NE DESCRIVE L’UNIVERSO MUSICALE


L’Europa produrrà batterie ultra performanti e sostenibili per rispondere alla domanda in crescita di 14 volte al 2030. I risultati dell’indagine Protolabs “In Charge”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Acquisti online, nel 2021 abbandonati 8 «carrelli» su 10: ecco il report dell’e-commerce globale

Acquisti online, nel 2021 abbandonati 8 «carrelli» su 10: ecco il report dell’e-commerce globale
Il Black Friday fa schizzare le vendite, mentre il sabato è il giorno in cui si compra meno. Continua a crescere il mobile. L’autore dello studio Brad Ward: «La pandemia ha accelerato la trasformazione» Otto acquisti su dieci abbandonati prima del check-out, con una corsa all’affare che esplode negli ultimi giorni del mese e un traffico da mobile che ormai è predominante fino al 70%. E il sabato, al contrario di quanto avviene nel mondo fisico, in rete nessuno fa shopping.Sono alcuni dei dati emersi dal report globale su trend e statistiche dell’e-commerce per il 2022 di SaleCycle, real (continua)

L’algoritmo che fa scouting di bandi a fondo perduto: Eurifinance «conquista» 500 aziende in tre mesi

L’algoritmo che fa scouting di bandi a fondo perduto: Eurifinance «conquista» 500 aziende in tre mesi
La piattaforma nata in Campania automatizza l’accesso ai finanziamenti. Il founder Vinciguerra: «In Europa tornano miliardi. Valutati i requisiti, vinciamo 8 bandi su 10» Una piattaforma gratuita per le imprese per agevolare l’accesso ai fondi messi a disposizione da bandi nazionali ed europei. Con il suo sistema «freemium» Eurifinance è riuscita a raccogliere iscrizioni da parte di più di 500 aziende in soli tre mesi dal lancio, nel periodo compreso tra marzo e giugno 2022.Il modello di business della startup di consulenza finanziaria, lanciata in Campan (continua)

IL GRUPPO SOLOAFFITTI LANCIA LA NUOVA PIATTAFORMA PER L’AFFITTO DIGITALE “SOLOAFFITTIPAY”

IL GRUPPO SOLOAFFITTI LANCIA LA NUOVA PIATTAFORMA PER L’AFFITTO DIGITALE “SOLOAFFITTIPAY”
Attraverso l’equity crowdfunding si concretizza il progetto aziendale di “rivoluzionare nuovamente il mercato dell’affitto sicuro”. Un milione l’obiettivo di raccolta. Partirà il 19 luglio la campagna di equity crowdfunding per il progetto SoloAffittiPAY: si tratta infatti del risultato del lavoro della nuova start-up innovativa Digital Rent, l’ultima nata in casa del Gruppo SoloAffitti.SoloAffittiPAY è la piattaforma dove si può prendere o dare in affitto in sicurezza un immobile ovunque, da dovunque. Un luogo dove creare, firmare, registrare e asseve (continua)

NLH PUBBLICA "HO UN SASSOLINO NELLA SCARPA" VERSIONE TORMENTONE SOCIAL

NLH PUBBLICA
NLH e il suo ‘Sassolino nella scarpa’ NLH pubblica una nuova versione del brano ‘Ho un sassolino nella scarpa’. Il brano originale, datato 1943, è stato scritto da Fernando Vinci e portato al successo nello stesso anno da Natalino Otto. In questa versione dance, rimangono marcati gli accenni swing ed il relativo motivetto della versione originale, creando però allo stesso tempo una incalzante nuova melodia che invita l’ascoltatore a ballare. Su Tik Tok si sono già creati gruppi di ballo sulla canzone! È uscita una nuova versione del famoso brano “Ho un sassolino nella scarpa”. Il brano originale, datato 1943, è stato scritto da Fernando Vinci e portato al successo nello stesso anno da Natalino Otto. In questa versione dance, proposta dal NLH, rimangono marcati gli accenni swing ed il relativo motivetto della versione originale, creando però allo stesso te (continua)

ASENDIA FESTEGGIA IL SUO 10° ANNIVERSARIO

ASENDIA FESTEGGIA IL SUO 10° ANNIVERSARIO
Asendia, joint venture tra La Poste e Swiss Post, festeggia 10 anni di continua crescita e trasformazione. Il 2022 segna un decennio di logistica incentrata sul cliente, aiutando marchi di ogni dimensione a vendere i loro prodotti in nuovi mercati in tutto il mondo. Dopo aver raggiunto la soglia di oltre 2 miliardi di euro di fatturato annuo nel 2021 e aver ottenuto l’obiettivo di diventare 100% carbon neutral, l’azienda festeggia in grande stile. Per l’occasione saranno piantati oltre 2.000 alberi, uno per ogni dipendente in tutto il mondo. Concentrata nel supportare i brand nelle loro ambizioni di crescita internazionale attraverso la tecnologia smart e l’eccellenza logistica, Asendia ha investito nella piattaforma SaaS Anchanto nel 2020 e ha acquisito pienamente ESW nel 2021. Queste acquisizioni hanno permesso ad Asendia di ampliare la gamma delle soluzioni e-commerce che offre a rivenditori e brand. Nel 2020 Asendia ha lanciato e- (continua)