Home > Esteri > Biden arma Taiwan in vista di un eventuale attacco cinese

Biden arma Taiwan in vista di un eventuale attacco cinese

scritto da: EnricoSalvati2 | segnala un abuso

Biden arma Taiwan in vista di un eventuale attacco cinese

Taiwan: gli echi di guerra dall'Europa impensieriscono ancora l'area del Pacifico. A Washington si pensa che Pechino potrebbe presto scatenare le sue forze per prendere Taiwan e mettere fine alla decennale contesa. Biden approva l'ennesimo pacchetto di armamenti e materiali bellici.


Un attacco della Cina a Taiwan viene considerato sempre più probabile dagli analisti americani, che spingono per far sì che il linguaggio di Biden sia meno ambiguo sulla questione, ma più deciso e diretto. E in effetti, in visita a Tokyo alla fine di maggio per un vertice con i partner del Pacifico, “Sleepy Joe” ha fatto dichiarazioni che indicano come gli USA si schiereranno concretamente a fianco di Taipei in caso di aggressione cinese. A Washington si è così passati alla cosiddetta “chiarezza strategica” nella vicenda taiwanese, che presuppone l’invio di armamenti e sistemi difensivi per rendere l’isola inespugnabile. Sta infatti per essere attuato un nuovo pacchetto bellico destinato a Taipei, il quarto dell’amminstrazione Biden, che con Taiwan ha già fatto affari in campo militare per oltre 1 miliardo di dollari. Quello su cui punta Washington è la vendita di armi e materiali che rendano Taipei pronta alla “guerra asimmetrica” contro il di gran lunga più potente e numeroso esercito cinese. L’approccio asimmetrica è infatti reputato il più adatto in questo caso per respingere le varie forme possibili con cui Pechino potrebbe decidere di aggredire Taiwan: forse non uno sbarco anfibio diretto e massiccio, ma anzitutto la presa degli isolotti prossimi alla costa, un cyber-attacco, un blocco navale.


Fonte notizia: https://strumentipolitici.it/biden-armi-a-taiwan-per-la-guerra-asimmetrica/


taiwan | taipei | washington | pechino | guerra | invasione | biden |



 

Potrebbe anche interessarti

agoda.it propone offerte speciali last minute per il Computex Taipei 2011


L'impegno di agoda.it per il Semicon 2011 di Taipei


Il capodanno cinese e l'impatto sulle importazioni


Attacchi web: la “guida alla sopravvivenza” di Imperva


BIOGRAFIA DEL VENERABILE BAGDRO - MONACO BUDDISTA TIBETANO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Soldati ucraini addestrati direttamente nel Regno Unito, il premier Johnson va a trovarli

Soldati ucraini addestrati direttamente nel Regno Unito, il premier Johnson va a trovarli
A breve Johnson non sarà più il premier del Regno Unito, ma intanto si occupa di visitare il centro di addestramento dedicato agli ucraini, arringando questi ultimi alla vittoria contro i russi. Boris Johnson ha recentemente visitato il centro di addestramento nello Yorkshire settentrionale nel quale gli ufficiali di Sua Maestà addestrano centinaia di ucraini, che presto andranno al fronte. Come detto dal ministro della Difesa britannico Ben Wallace, molti di loro tornando in patria "pagheranno con l'estremo sacrificio". Ma intanto Johnson si allena con loro alle armi e alle granate, come (continua)

La Macedonia del Nord cerca soluzioni alla crisi energetica

La Macedonia del Nord cerca soluzioni alla crisi energetica
Skopje potrebbe dichiarare lo stato di emergenza energetica ad agosto. Intanto al Ministero dell'Economia si muovono per trovare soluzioni anche a livello internazionale, con la cooperazione degli Stati dell'Open Balkan. La Macedonia del Nord sta cercando soluzioni al deficit di energia che si sta sempre di più concretizzando come una minaccia al funzionamento del Paese già dal prossimo inverno. Le importazioni di gas provengono interamente dalla Russia, dunque non si ha la certezza esse continuino a lungo, perché l’Unione Europea sembra voler imporre l’embargo definitivo. E allora Skopje rende più semplice ai pri (continua)

Gazprom e NIOC, memorandum di cooperazione che prelude all'accordo fra Russia e Iran

Gazprom e NIOC, memorandum di cooperazione che prelude all'accordo fra Russia e Iran
Il 19 luglio Vladimir Putin è volato a Teheran per il summit con Iran e Turchia sulla Siria, ma insieme al presidente iraniano Ebrahim Raisi ha parlato dell'accordo di cooperazione che potrebbe essere siglato presto fra i due Paesi. Intanto i rispetti colossi energetici hanno firmato un memorandum da 40 miliardi di dollari su progetti congiunti di sfruttamento dei giacimenti iraniani. Poco prima del summit di Teheran fra i leader di Iran, Russia e Turchia, la compagnia petrolifera statale iraniana, la NIOC, ha concluso un accordo da 40 miliardi di dollari con Gazprom, il gigante energetico della Federazione Russa. Con questo memorandum di intesa le due aziende collaboreranno per intensificare lo sfruttamento delle riserve di gas, di GNL e di petrolio dell’Iran, per far cre (continua)

Il progetto del Centro Antartico Internazionale del Cile va avanti nella realizzazione

Il progetto del Centro Antartico Internazionale del Cile va avanti nella realizzazione
Il Cile è in una fase complicata, con un cambio di orientamento politico e forti difficoltà valutarie, ma il progetto del Centro Antartico Internazionale (CAI) non si ferma. Le aziende che competono per l'appalto sono state selezionate e ora presentaranno il dettaglio dei progetti. Il Cile ha appena sta attraversando una fase di profondo cambiamento politico, con un nuovo e giovane presidente insediatosi appena quattro mesi fa, Gabriel Boric, di orientamento completamente diverso dal suo predecessore, mentre si attende l’importante votazione popolare del 4 settembre sulla nuova Costituzione nazionale. Però il progetto del Centro Antártico Internacional (CAI) va avanti: il Mi (continua)

Il Forum del Pacifico perde Kiribati, si sospetta l'influenza di Pechino

Il Forum del Pacifico perde Kiribati, si sospetta l'influenza di Pechino
Ora che la "Micronexit" sembrava scongiurata, ecco che Kiribati abbandona definitivamente il Forum del Pacifico. Qualcuno guarda verso la Cina come la possibile colpevole dell'uscita dello Stato insulare, su cui Pechino allunga la sua influenza. Ha creato sgomento e sorpresa l’uscita di Kiribati dal Foum del Pacifico, il PIF, l’organizzazionale regionale degli Stati insulari alle prese con un lungo periodo di turbolenza e polemiche. È stata accusata la Cina di aver manovrato per togliere un elemento al Forum, vicino come posizioni ad Australia e Nuova Zelanda, e allargare la sua influenza sull’area, dopo aver già concluso un accordo (continua)