Home > Lavoro e Formazione > Dimissioni Volontarie: come farle in 5 Minuti

Dimissioni Volontarie: come farle in 5 Minuti

scritto da: Biomeglio | segnala un abuso

Dimissioni Volontarie: come farle in 5 Minuti

Le dimissioni volontarie per la risoluzione di un contratto a tempo indeterminato o determinato in modo consensuale devono essere effettuate esclusivamente in modalità telematica, ovvero online sul sito Inps. In questa guida trovi tutte le informazioni pratiche che ti servono per compilare le dimissioni online velocemente.


Come dare le Dimissioni Online

Questo decreto definisce quali sono le modalità e come è possibile compilare il modulo online per le dimissioni, che permette così la revoca consensuale del rapporto di lavoro.

All’interno di questo documento è possibile rintracciare quali sono gli standard, le regole per compilare un modulo e come sia possibile trasmettere tutta la documentazione prevista al suddetto datore di lavoro e anche all’Ispettorato territoriale del lavoro competente, quest’ultimo ufficio presenta l’ex direzione territoriale del lavoro.

Al momento il decreto legislativo non prevede, che si effettuino le dimissioni online, nel caso questi debbano essere rilasciate nell’ambito del lavoro domestico. Il Decreto legislativo numero 185 entrato in vigore il 24 settembre del 2016 ha confermato che le procedure online è esclusa anche per coloro che si trovano alle dipendenze dell’amministrazione pubblica.

Le dimissioni online possono essere date sia individualmente e sia attraverso altri mezzi come ad esempio: i patronati, il sindacato, presso gli enti bilaterali, attraverso le commissioni di certificazione, inoltre anche i consulenti finanziari e i commercialisti sono abilitati alla compilazione e all’invio delle dimissioni online.

Non vanno date giustificazioni per le dimissioni online, quindi se avete inviato un curriculum ad un’altra azienda e siete stati selezionati per una posizione che vi interessava, potete dare tranquillamente le dimissioni.

Accedere al Portale Inps

Per dare le dimissioni Volontarie bisogna accedere al sito dell’inps. Per procedere però all’abilitazione è necessario comunque avere con sé il pin inps per l’accesso al portale di Inps Online.

Per poter accedere al portale dell’Inps, puoi scegliere o di richiedere il PIN direttamente al portale telematico, attendendo che arrivi il Pin tramite posta e tramite telefono. Se non vuoi attendere tutto questo tempo attraverso questi mezzi, puoi optare anche per la scelta dell’identificazione mediante lo SPID.

Lo SPID è il Sistema Pubblico d’Identità Digitale; per ottenere il SPID devi accedere ai servizi che ti permettono di ottenerlo come: Aruba, Poste Italiane, SpidItalia, Poste ID, Tim ID, Namirial e molti altri.

Una volta che si è entrati in possesso del pin per l’Inps, mediante normale registrazione o attraverso lo SPID, è possibile collegarsi così a www.inps.it e ottenere il modello per la compilazione delle dimissioni online.

Lettera di Dimissioni: serve?

Dopo aver avuto accesso al sito inps dovrai effettuare la trasmissione della lettera di dimissioni. Naturalmente per compilare il form per le dimissioni online è necessario inserire i vostri dati identificativi. Per il rapporto di lavoro instaurato successivamente al 2008 è possibile recuperare in automatico tutti i dati relativi alla posizione lavorativa.

In questo modo si riuscirà ad accedere immediatamente al sistema per la compilazione delle dimissioni online. Per i rapporti che invece sono stati instaurati con il datore del lavoro prima del 2008, allora i dati non saranno presenti in modo automatico.

Nel caso in cui i dati non siano presenti in modo automatico è necessario inserire i dati dell’azienda, il loro codice fiscale, il comune della sede di lavoro, l’indirizzo PEC o email dell’azienda.

Dopo aver selezionato i dati anagrafici aziendali dopo bisognerà selezionare qual è la comunicazione che si vuole dare all’azienda come: risoluzione consensuale, revoca o dimissioni volontarie.

In questo modo è possibile inviare la trasmissione con una marca temporale in tempo reale: non esiste quindi un modello di dimissioni online o un modello di una lettera di dimissioni, perché viene generato tutto online in maniera automatica.

Modulo di Invio Online

Dopo aver inserito i dati del datore di lavoro in modo automatico o per compilandoli manualmente, potete trasformare il documento in formato PDF.

Dopo aver salvato il documento in PDF sarà necessario inviare la comunicazione al datore di lavoro. Questo avviene attraverso il sistema dell’Inps in modo automatico. L’indirizzo evidenziato dal sistema sarà: dimissionivolontarie@pec.lavoro.gov.it.

Se lo si desidera è possibile annullare la procedura, il modello verrà comunque salvato e associato al codice identificato e alla sua marca temporale. Dopo aver inserito i dati, qualora lo si desidera è possibile scegliere di revocare le dimissioni online e la risoluzione consensuale inviata mezzo mail, entro sette giorni dopo l’avvenuta comunicazione.

Nel caso in cui non si riesca a inviare o revocare le dimissioni online, sarà possibile richiedere l’aiuto degli operatori, o leggere direttamente la FAQ di assistenza del sito dell’Inps.

Dimissioni online per giusta causa: differenze

Le dimissioni online possono essere date per volontarietà o per giusta causa. Tra queste sussiste una differenza specifica:

  • Le dimissioni volontarie sono date in concordanza con l’azienda, per motivi personali del lavoratore. Quest’ultimo dunque recede dal contratto volontariamente e non perché costretto dal comportamento dell’azienda o del lavoratore. Infatti, può succedere di dare le dimissioni volontarie perché si è trovato un altro lavoro, oppure perché ci si deve trasferire all’estero oppure in un’altra città. Oppure per motivi familiari, ad esempio per assistere un familiare a casa malato, o perché si vuole fare la mamma o il papà a tempo pieno. Sono tanti i motivi per dare le dimissioni volontarie e queste devono essere date online mediante il portale dell’Inps.
  • Le dimissioni per giusta causa sono invece fornite dal lavoratore al datore di lavoro, per un motivo che esula dalle responsabilità del lavoratore, ma la rescissione del contratto avviene a causa del comportamento dell’azienda o del suo datore di lavoro. Le dimissioni per giusta causa possono essere date a causa del mobbing, oppure nel caso in cui non si venga pagati, in caso di molestie sul lavoro ecc…

Nel caso si diano le dimissioni per giusta causa, bisogna affermare il motivo per il quale si stanno dando e provvedere alla relativa denuncia all’Ufficio Provinciale del lavoro competente e richiedere il sostegno del sindacato. Inoltre, il lavoratore che chiede le dimissioni per giusta causa potrà ottenere tutte le prestazioni sindacali previste dallo Stato come ad esempio: la disoccupazione.

Quindi a differenza delle dimissioni online volontarie, le dimissioni per giusta causa devono essere trasmesse attraverso il supporto del sindacato.

Approfondimenti:


Fonte notizia: https://posizioniaperte.com/dimissioni-online-inps-come-fare/


Dimissioni Volontarie |



 

Potrebbe anche interessarti

L’evoluzione e le prospettive delle norme volontarie per le aziende


ARREDAMENTO: CALABRESI AL TOP PER ORE TRASCORSE IN CAMERA DA LETTO. ULTIMI I LOMBARDI CHE PREFERISCONO SALOTTO


MONSERRATO comune libero dalla droga, l’impegno costante delle volontarie di Scientology


Arresto Marra, Orfini attacca: “Grillo è politicamente responsabile”


A dieta: Orientamenti sull'attività fisica per adulti


Ed è stato subito amore......


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Acqua e Sapone: Nuove Assunzioni in Corso

Acqua e Sapone: Nuove Assunzioni in Corso
Acqua e Sapone ha sviluppato un nuovo sito web di recruiting e sono disponibili nuove Assunzioni in tutte le Regioni d’Italia. Scoprile in questa pagina aggiornata. Dopo 30 anni, Acqua e Sapone è Leader nella vendita e distribuzione di prodotti cosmetici, per la casa e per la bellezza in tutta Italia, con oltre 700 punti vendita. L’Azienda ricerca spesso personale, soprattutto commessi nei vari negozi e personale dedicato alle Vendite: più raro trovare delle offerte di lavoro nel Marketing ma comunque quando saranno presenti le segnaleremo immediata (continua)

Concorsi Pubblici: oltre 400 Posti Disponibili

Concorsi Pubblici: oltre 400 Posti Disponibili
Sono oltre 100 i Concorsi Pubblici indetti nel periodo estivo, con scadenza a settembre, e ben 400 i Posti Disponibili, in tutta Italia per Laureati e Diplomati. I Concorsi Pubblici in Italia nel 2022 sono molti e anche interessanti sia per le Posizioni, per il Ruolo e per lo Stipendio. Ecco perché la nostra Redazione ha deciso di realizzare questa pagina dove potrete sempre trovare i Concorsi Pubblici aggiornati settimana per settimana, divisi per Regione, Titolo di Studio e Città, sperando in questo modo di farvi cosa gradita per la ricerc (continua)

Quali sono le Lauree più Richieste nel prossimo Futuro

Quali sono le Lauree più Richieste nel prossimo Futuro
Avere un’istruzione universitaria è una componente essenziale per rimanere competitivi nel lavoro, ma non tutte le Lauree offrono le stesse opportunità. Questo articolo esamina quali sono le Lauree più richieste dal mercato del lavoro nel futuro e quelle meno interessanti e con le quali è più difficile collocarsi una volta laureato. Avere una laurea può aprire molte porte per avere una carriera stabile e appagante. Tuttavia, non tutte garantiscono un’occupazione costante o prospettive di crescita a lungo termine per il futuro. Esaminando le tendenze in materia di istruzione e lavoro, è molto più facile determinare quali corsi di laurea valga la pena frequentare.Lauree più Richieste = Migliori Lauree?Innovazioni (continua)

Quanto si Prende di Pensione in media dopo 20 Anni?

Quanto si Prende di Pensione in media dopo 20 Anni?
Hai accumulato 20 anni di contributi o li hai quasi raggiunti e vorresti sapere a quanto ammonterà la tua pensione? Vorresti sapere se è obbligatorio superare una certa soglia di contributi per usufruire della pensione? L’importo pensionistico erogato dipende da vari fattori, per cui per stimare una somma è necessario analizzare e prendere in considerazione diversi aspetti. Analizziamo meglio la questione anche dal punto di vista normativo: la legislazione sul tema è in continuo mutamento per via dei cambiamenti in seno ai governi che si succedono. Per poter ottenere la cosiddetta pensione di vecchiaia è necessario maturare 20 anni di contributi e aver compiuto 67 anni di età anagrafica. Questo però vale solamente in alcuni casi specifici. Innanzitutto (continua)

Con uno Stipendio di 900 euro quanto prendo di Disoccupazione?

Con uno Stipendio di 900 euro quanto prendo di Disoccupazione?
Avevi uno Stipendio di 900€ e vuoi sapere quanto sarà la tua Disoccupazione o Naspi? Anzitutto devi sapere che con il DL n. 22/2015 sono state introdotte nuove misure per l’assegnazione dell’indennità di disoccupazione derivante da cessazione involontaria del rapporto di lavoro avvenuta successivamente alla data 1 maggio 2015. La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI), non solo ha così sostituito le precedenti indennità ASpI e MiniASpI, ma ha stabilito anche nuovi criteri per la determinazione della somma spettante calcolata in base allo stipendio percepito negli ultimi 4 anni di lavoro. Se ne deduce che l’indennità non è uguale per tutti, ma varia in base ad una serie di fattori, per capire i quali è necessario operare un semplice calcolo. Come si calcola l’importo della NASpIPer calcolare quanto spetta di disoccupazione si può procedere effettuando un calcolo facile. Per prima cosa bisogna sommare gli stipendi degli ultimi quattro anni, facendo riferimento solo a quelli dai quali siano stati detratti i contributi previdenziali versati all’Inps. Il risultato di questa somma va poi diviso per il numero di settimane con (continua)