Home > Cultura > IN TRENO VERSO LA MINIERA

IN TRENO VERSO LA MINIERA

scritto da: Paola Cecchini | segnala un abuso

IN TRENO VERSO LA MINIERA



 "Se ricordo il mio viaggio in treno verso il Belgio? Come dimenticarlo!
Sono figlio e fratello di un minatore e questa sorte è toccata anche a me.
Nel 1946 il governo belga e quello italiano guidato da Alcide De Gasperi avevano stipulato il cosiddetto 'Accordo uomo-carbone' a seguito del quale per ogni scaglione di 1.000 minatori italiani impiegati al fondo,  il Belgio avrebbe esportato verso l’Italia un certo numero di tonnellate di carbone che sarebbe aumentato con l’aumento della produzione. Si impegnava, altresì, a vigilare affinché le aziende carbonifere garantissero agli italiani alloggi convenienti, un vitto rispondente, per quanto possibile, alle loro abitudini alimentari, buone condizioni di lavoro, provvidenze sociali e salari pari a quelli belgi. Due i requisiti richiesti: buona salute e giovane età". 

Con il racconto 'In treno verso la miniera' ho ottenuto una segnalazione di merito nell'ambito del XIV Festival Letterario 'IL TRENO' organizzato  a Benabbio (Bagni di Lucca) dall'associazione culturale  'Il Muro Magico' presieduta da Paola Tarantino (patrocinio del Museo Nazionale dei Trasporti di La Spezia, del Comune di Bagni di Lucca, della Federazione Italiana Modellisti Ferroviari e del Gruppo Ferromodellistico Livornese). 
Il racconto narra il viaggio verso la miniera di Charleroi di Ludovico Molari di Novafeltria (PU), figlio e fratello di minatore, attraverso le sue parole.
Porto nel mio cuore il mondo degli emigranti italiani in Belgio che -attraverso interviste e testimonianze - conosco nei minimi particolari.
Ho avuto la fortuna di presentare il mio libro 'Fumo nero-Marcinelle 1956-2006' presso il Parlamento Europeo (foto 2006) e di vedere una rappresentazione dello stesso in alcuni teatri del Friuli Venezia Giulia.
Nel 2013 sono stata premiata presso la Camera di Commercio di Pescara con la 'Lampada del minatore', attribuita a chi ‘ha saputo servire lo spirito dei minatori di Marcinelle’ : è stata conferita nel corso degli anni ai registi Mimmo Calopresti, Antonio Frazzi, Mario Perrotta, Luca Vullo ed al Premio Nobel per la Pace Lech Walesa.

Ludovico Molari | Belgio | miniera | Fumo nero- Marcinelle 1956-2006 | Festival letterario IL TRENO |



 

Potrebbe anche interessarti

Treno merci Cina-Italia: ecco perché agevolerà l'economia italiana


Cibi lenti per lenti paesaggi visti dal "Treno Natura"


Lo sport aggrega e avvicina persone e culture


Vacanze in Sardegna, scegli il trenino verde


Non c'è una modalità o un'età per prendere il treno dello Sport


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Renata tebaldi, artista e donna

Renata tebaldi, artista e donna
Cent’anni fa, il primo febbraio del 1922, nasceva a Pesaro una delle più grandi, famose e amate cantanti liriche di tutti i tempi: il soprano Renata Tebaldi. La sua voce (definita ‘d’angelo’ dal Maestro Arturo Toscanini) fu considerata la più bella voce lirica del dopoguerra: ampia e calda, ‘seppur poco portata alla coloratura e non di ampissima estensione’, era caratterizzata da un timbro sopraffino, frutto di grande musicalità e scuola irreprensibile. Cent’anni fa, il primo febbraio del 1922, nasceva a Pesaro una delle più grandi, famose e amate cantanti liriche di tutti i tempi: il soprano Renata Tebaldi. La sua voce (definita ‘d’angelo’  dal Maestro Arturo Toscanini) fu considerata la più bella voce lirica del dopoguerra: ampia e calda, ‘seppur poco portata alla coloratura e non di ampissima estensione’, era caratterizzata da un timbro s (continua)

TUTTO PRONTO PER IL ROSSINI OPERA FESTIVAL 2022

TUTTO PRONTO PER IL ROSSINI OPERA FESTIVAL 2022
La 43a edizione del Rossini Opera Festival è pronta per il suo debutto che avverrà il 9 agosto p.v. alla Vitrifrigo Arena con ‘Le Comte Ory’. La 43a edizione del Rossini Opera Festival è pronta per il suo debutto che avverrà il 9 agosto p.v. alla Vitrifrigo Arena con ‘Le Comte Ory’ : il venezuelano Diego Matheuz dirigerà l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ed il Coro del Teatro ‘Ventidio Basso’ (preparato da Giovanni Farina) mentre la regia, le scene ed i costumi sono firmati da Hugo De Ana ed il progetto luci da Valerio Alfieri. (continua)

1° Festival Dei Due Mondi 'Gabriela Verban' (Castellamare di Stabia, 30 e 31 luglio 2022)

1° Festival Dei Due Mondi 'Gabriela Verban' (Castellamare di Stabia, 30 e 31 luglio 2022)
Nel 2021 è deceduta a Cracovia Gabriela Verban, molto conosciuta in Romania per l’impegno che ha profuso nella diffusione della cultura del suo Paese (poetessa, scrittrice, editrice) e altresì nella veste di partigiana e dissidente del regime politico e militare di Nicolae Ceausescu.Gabriela fu liberata dal carcere (in cui era entrata nel 1986) alla fine del 1989, poco prima che l’ultimo President (continua)

La figura di Ramakrishna al centro del concerto inaugurale del Festival di Spoleto 2022

 La figura di Ramakrishna al centro del concerto inaugurale del Festival di Spoleto 2022
L’affascinante figura del mistico indiano Sri Ramakrishna è stata al centro del concerto inaugurale con cui la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer (oggi saldamente posizionati ai vertici della musica mondiale) ha aperto - nella splendida cornice di Piazza Duomo - la 65a edizione del Festival dei Due Mondi a Spoleto (24 giugno-10 luglio 2022). Preceduta dalla suite n.4 in re maggiore per orchestra BWV1069 di J. S. Bach (rielaborata dall’autore a Lipsia tra il 1725 il 1730 sulla base di una precedente versione e ritenuta la più magniloquente delle 4 Suites orchestrali oggi sopravvenute), l’oratorio del compositore statunitense Philip Glass (per la prima volta presentato in Europa) descrive gli ultimi giorni di vita e il trapasso di Ramakrishna, il maestro spirituale indiano nato con il nome di Gadadhar Chattopashyay nel 1836 a Lamarpukur, villaggio contadino del Bengala, da una famiglia di bramini di estrema indigenza. L’affascinante figura del mistico indiano Sri Ramakrishna è stata al centro del concerto inaugurale  con cui la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer (oggi saldamente posizionati ai vertici della musica mondiale) ha aperto - nella splendida cornice di Piazza Duomo - la 65a edizione del Festival dei Due Mondi a Spoleto (24 giugno-10 luglio 2022).Preceduta dalla suite n.4 in re ma (continua)

Through the Grapevine

Through the Grapevine
Con Through the Grapevine (2020), presentato al Teatro Romano di Spoleto il 25 e 26 giugno scorso, in seno al 65° Festival dei due Mondi, Alexander Vantournhout è tornato al duetto, eseguito con Axel Guérin, già partner per Red Haired Men (2018). Il corpo è riproposto in modo molto puro e la performance si immerge nel potenziale creativo e cinetico dei limiti fisici, un tema che si riflette in tutto il suo lavoro: un eccentrico pas de deux. Con grande concentrazione i due cercano l’equilibrio e l’armonia non rinunciando all’umorismo. Si sfidano a vicenda attraverso un costante contatto fisico, mentre la dialettica tra toccare ed essere toccati si dispiega come elemento centrale della performance. Uno spettacolo molto particolare, apprezzato da tutti i convenuti. Alexander Vantournhout (1989), tra i coreografi più interessanti della nuova generazione, è fondatore della compagnia ‘Not standing’.Studia circo e giocoleria all’ Ecole Supérieure des Arts du Cirque (ESAC) e danza contemporanea al Performing Arts Research and Training Studios (PARTS) di Bruxelles. Il suo linguaggio fisico subisce l’influenza di una formazione e di contesti lavorativi molto v (continua)