Home > Festival > 1° Festival Dei Due Mondi 'Gabriela Verban' (Castellamare di Stabia, 30 e 31 luglio 2022)

1° Festival Dei Due Mondi 'Gabriela Verban' (Castellamare di Stabia, 30 e 31 luglio 2022)

scritto da: Paola Cecchini | segnala un abuso

1° Festival Dei Due Mondi 'Gabriela Verban' (Castellamare di Stabia, 30 e 31 luglio 2022)


Nel 2021 è deceduta a Cracovia Gabriela Verban, molto conosciuta in Romania per l’impegno che ha profuso nella diffusione della cultura del suo Paese (poetessa, scrittrice, editrice) e altresì nella veste di partigiana e dissidente del regime politico e militare di Nicolae Ceausescu.
Gabriela fu liberata dal carcere (in cui era entrata nel 1986) alla fine del 1989, poco prima che l’ultimo Presidente socialista rumeno venisse giustiziato assieme alla moglie Elena il 25 dicembre di quell’anno.
Per ricordarne la memoria Enrico del Gaudio (avvocato e poeta castellamarese) e Mirella Duma (rumena, stretta collaboratrice della Verban per averla aiutata in tanti progetti culturali) hanno pensato di dar vita ad un concorso,  un Festival dei Due Mondi (Italia e Romania) intestato alla loro grande amica scomparsa (sottotitolo ‘Pace tra i popoli’).

Sette le sezioni in gara: poesia in lingua italiana, poesia in lingua rumena, racconti in lingua italiana, racconti in lingua rumena, poesie in vernacolo, haiku in lingua italiana, haiku in lingua rumena.
Molta l’affluenza di poeti e scrittori provenienti anche da Spagna, Francia, Palestina, USA, Canada, Indonesia, Nepal, Filippine: ‘una raccolta di voci differenti tra loro il cui legame è rappresentato dalla partecipazione ad un Premio che riunifica dimensioni letterarie diversificate, caratterizzato da un’intersezione di lingue e linguaggi provenienti da ogni parte della Penisola (18 le Regioni coinvolte) e dalla Romania. Si tratta di un autentico microcosmo artistico all’interno del quale si concretizza un fresco e fertile humus dal quale lanciare conferme e nuove sfide per la divulgazione della cultura- ha scritto l’editore Massimo Massa nella prefazione dell’antologia che ha raccolto i lavori dei finalisti (Oceano Edizioni).
Il Festival si è svolto nella bella cornice di Castellamare di Stabia (città metropolitana di Napoli), affacciata su un mare stupendo e nota come ‘Metropoli delle acque’, grazie ad un patrimonio idrologico costituito da ben 28 diversi tipi di acque tra minerali, solforose, bicarbonato calciche e medio minerali che sono adattissime per cure e trattamenti.

Ho avuto la soddisfazione di ricevere in quella sede il Premio ‘Castellamare di Stabia’ con il mio racconto ‘Una pagina di solidarietà’ che narra la vicenda (quasi sconosciuta ai più) dei cosiddetti ‘treni della felicità’ che nel dopoguerra hanno trasportato bambini poveri verso le case di operai e mezzadri emiliani (in un primo tempo) per passarvi l’inverno che nelle grandi città settentrionali era particolarmente lungo e rigido. 
Questa operazione, programmata e gestita all’inizio soltanto dall’Unione Donne Italiane (UDI) dirette da Teresa Noce, ha coinvolto in seguito Comuni, Prefetti, Cln, Cgil, Anpi, Centro Italiano Femminile (Cif) di ispirazione cristiana, cooperative e le militanti donne di tutti i partiti,  (Dc, Psi, Partito d’Azione).
Aiuti arrivarono anche dalle Ferrovie, dal Ministero dell’Assistenza postbellica, dall’United Nations Relief and Rehabilitation Administration (un’organizzazione internazionale con sede a Washington,   istituita il 9 novembre del 1943 per assistere economicamente e civilmente i Paesi usciti gravemente danneggiati dalla seconda guerra mondiale), oltre che  da parroci, sindaci, insegnanti, persino dalle dame di carità, sebbene la linea sia quella di sostituire la mortificante beneficenza del passato con una nuova forma di solidarietà.

Impossibile per le militanti dimenticare episodi e storie inerenti i piccoli ospiti:
-la suggestione verso il nuovo paesaggio: campagna piatta e nebbiosa 
-la neve scambiata per ricotta
-la scoperta e l’incanto del mare
-il prosciutto rosa con le palline bianche (la mortadella)
-la meraviglia di dormire in un letto per la prima volta
-il ‘diavolerio’ che hanno combinato ai Bagni Pubblici di Ancona dove ‘dapprima non volevano entrare nelle vasche che non avevano mai visto, poi non volevano più uscirne credendo di trovarsi nel mare!’
L’operazione dei ‘treni dell’accoglienza’ è terminata nel 1948 con la rottura dell’unità antifascista allorché cambiò il clima politico ma sarà in seguito applicata in occasione degli scioperi dei minatori sardi che nel 1948 -’49 combatterono per evitare la chiusura dei pozzi minerari, in occasione dell’alluvione in Calabria (ottobre 1951) o in quella in Polesine (novembre 1951). 
Il totale dei bambini temporaneamente affidati ad altre famiglie tra il 1945 e il 1952 ha sfiorato le 70.000 unità.


Gabriela Verban | Paola cecchini | Enrico Del Gaudio |



 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

TUTTO PRONTO PER IL ROSSINI OPERA FESTIVAL 2022

TUTTO PRONTO PER IL ROSSINI OPERA FESTIVAL 2022
La 43a edizione del Rossini Opera Festival è pronta per il suo debutto che avverrà il 9 agosto p.v. alla Vitrifrigo Arena con ‘Le Comte Ory’. La 43a edizione del Rossini Opera Festival è pronta per il suo debutto che avverrà il 9 agosto p.v. alla Vitrifrigo Arena con ‘Le Comte Ory’ : il venezuelano Diego Matheuz dirigerà l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ed il Coro del Teatro ‘Ventidio Basso’ (preparato da Giovanni Farina) mentre la regia, le scene ed i costumi sono firmati da Hugo De Ana ed il progetto luci da Valerio Alfieri. (continua)

IN TRENO VERSO LA MINIERA

IN TRENO VERSO LA MINIERA
 "Se ricordo il mio viaggio in treno verso il Belgio? Come dimenticarlo!Sono figlio e fratello di un minatore e questa sorte è toccata anche a me.Nel 1946 il governo belga e quello italiano guidato da Alcide De Gasperi avevano stipulato il cosiddetto 'Accordo uomo-carbone' a seguito del quale per ogni scaglione di 1.000 minatori italiani impiegati al fondo,  il Belgio avrebbe esportato v (continua)

La figura di Ramakrishna al centro del concerto inaugurale del Festival di Spoleto 2022

 La figura di Ramakrishna al centro del concerto inaugurale del Festival di Spoleto 2022
L’affascinante figura del mistico indiano Sri Ramakrishna è stata al centro del concerto inaugurale con cui la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer (oggi saldamente posizionati ai vertici della musica mondiale) ha aperto - nella splendida cornice di Piazza Duomo - la 65a edizione del Festival dei Due Mondi a Spoleto (24 giugno-10 luglio 2022). Preceduta dalla suite n.4 in re maggiore per orchestra BWV1069 di J. S. Bach (rielaborata dall’autore a Lipsia tra il 1725 il 1730 sulla base di una precedente versione e ritenuta la più magniloquente delle 4 Suites orchestrali oggi sopravvenute), l’oratorio del compositore statunitense Philip Glass (per la prima volta presentato in Europa) descrive gli ultimi giorni di vita e il trapasso di Ramakrishna, il maestro spirituale indiano nato con il nome di Gadadhar Chattopashyay nel 1836 a Lamarpukur, villaggio contadino del Bengala, da una famiglia di bramini di estrema indigenza. L’affascinante figura del mistico indiano Sri Ramakrishna è stata al centro del concerto inaugurale  con cui la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer (oggi saldamente posizionati ai vertici della musica mondiale) ha aperto - nella splendida cornice di Piazza Duomo - la 65a edizione del Festival dei Due Mondi a Spoleto (24 giugno-10 luglio 2022).Preceduta dalla suite n.4 in re ma (continua)

Through the Grapevine

Through the Grapevine
Con Through the Grapevine (2020), presentato al Teatro Romano di Spoleto il 25 e 26 giugno scorso, in seno al 65° Festival dei due Mondi, Alexander Vantournhout è tornato al duetto, eseguito con Axel Guérin, già partner per Red Haired Men (2018). Il corpo è riproposto in modo molto puro e la performance si immerge nel potenziale creativo e cinetico dei limiti fisici, un tema che si riflette in tutto il suo lavoro: un eccentrico pas de deux. Con grande concentrazione i due cercano l’equilibrio e l’armonia non rinunciando all’umorismo. Si sfidano a vicenda attraverso un costante contatto fisico, mentre la dialettica tra toccare ed essere toccati si dispiega come elemento centrale della performance. Uno spettacolo molto particolare, apprezzato da tutti i convenuti. Alexander Vantournhout (1989), tra i coreografi più interessanti della nuova generazione, è fondatore della compagnia ‘Not standing’.Studia circo e giocoleria all’ Ecole Supérieure des Arts du Cirque (ESAC) e danza contemporanea al Performing Arts Research and Training Studios (PARTS) di Bruxelles. Il suo linguaggio fisico subisce l’influenza di una formazione e di contesti lavorativi molto v (continua)

La Senna festeggiante

La Senna festeggiante
Spoleto. Nel delizioso Teatro Caio Melisso, 18 musicisti della Budapest Festival Orchestra hanno portato in scena il 25 e 26 giugno la serenata per tre voci e strumenti di Antonio Vivaldi La Senna festeggiante, capolavoro del repertorio barocco (libretto del napoletano Benedetto Domenico Lalli, frequente collaboratore di Vivaldi ma anche di Scarlatti, Porpora e Caldara). Come sostiene il musicologo Andrea Penna nelle preziosissime note di sala, ‘non è difficile intuire dal titolo come la serenata vada inserita nel contesto delle relazioni diplomatiche fra la Repubblica di Venezia e il regno di Francia, che erano in piena ripresa attorno al 1723 dopo oltre un decennio di contrasti’. Con ogni probabilità, la Senna Festeggiante deve essere stata eseguita a Venezia nel 1726 in una serata patrocinata dall’ambasciatore francese Jacques-Vincent Languet, conte di Gergy, che nel 1725 aveva già commissionato a Vivaldi una serenata a due voci per festeggiare il matrimonio fra Luigi XV e Maria Leszczynka (per il conte, Vivaldi scriverà nel 1727 anche una serenata e un Te Deum per la nascita delle figlie gemelle della coppia). Spoleto. Nel delizioso Teatro Caio Melisso, 18 musicisti della Budapest Festival Orchestra hanno portato in scena il 25 e 26 giugno la serenata per tre voci e strumenti di Antonio Vivaldi La Senna festeggiante, capolavoro del repertorio barocco (libretto del napoletano Benedetto Domenico Lalli, frequente collaboratore di Vivaldi ma anche di Scarlatti, Porpora e Caldara).Come sostiene il musicologo (continua)