Home > Cibo e Alimentazione > CALENDARIO GOPPION 2018: UNA DEDICA PER I 70 ANNI DELLA TORREFAZIONE

CALENDARIO GOPPION 2018: UNA DEDICA PER I 70 ANNI DELLA TORREFAZIONE

scritto da: Studiocru | segnala un abuso

CALENDARIO GOPPION 2018: UNA DEDICA PER I 70 ANNI DELLA TORREFAZIONE


 Torna l’appuntamento annuale di Goppion Caffè. Nella nuova edizione l’artista Alex Miles reinterpreta le fotografie più significative della storia dell’azienda

 

Con l’arrivo del nuovo anno ritorna il calendario di Goppion Caffè. Quella del 2018 sarà un’edizione davvero speciale: la torrefazione trevigiana festeggia 70 anni di attività e ha scelto di narrare la sua storia attraverso le pagine illustrate di questo calendario.

Da oltre quarant’anni viene appeso su più di sessantamila pareti e viene realizzato con lo stesso formato e la stessa veste grafica, ma con illustrazioni sempre nuove. “È un oggetto comune - spiega Paola Goppion, responsabile marketing e comunicazione dell'azienda - che utilizziamo ogni giorno e su cui annotiamo i nostri appuntamenti più importanti o i ricordi più belli. In questa edizione parleremo di noi, della nostra torrefazione che da settant’anni è parte integrante della storia del caffè italiano. Una dedica ai fondatori e ai momenti che hanno segnato la nascita e la crescita della nostra azienda”.

Il calendario 2018 è stato affidato all’artista australiana Alex Miles, che per Goppion ha già firmato diversi progetti. Per l’occasione ha rivisitato dodici fotografie provenienti dall’album della famiglia Goppion, le più significative per la storia della torrefazione. Si parte da uno scatto che omaggia il capostipite Luigi Goppion, passando poi agli anni vissuti in Etiopia e in Venezuela di alcuni dei Fratelli Goppion, all’inaugurazione della nuova sede nel 1968 e alle grafiche di locandine e latte che hanno segnato questi primi 70 anni della torrefazione.

La stampa del calendario 2018 è la prima delle iniziative che Goppion presenterà in occasione di questo anno speciale. In cantiere ci sono infatti anche una monografia sulla storia dell’azienda e una miscela in edizione limitata dedicata a Luigi Goppion, che tanti anni fa ha dato il via ad un nome e con esso a questo viaggio nel mondo del caffè.

 

 

 

- -


Goppion Caffè | Oggi l’azienda occupa 35 dipendenti. Il fatturato 2016 è di 11,5 milioni di euro, la quantità di caffè lavorato circa 1 milione e 200mila kg. L’ 85% delle vendite è sviluppato dal mercato Italia e di questo il 60% è rappresentato dal canale Ho.Re.Ca., il rimanente 40% nella Gdo. Le esportazioni rappresentano il restante 15% del fatturato totale aziendale, in rapida ascesa (+13% nel 2016). Esportano nei seguenti paesi: Iran, Dubai, Taiwan, Singapore, Polonia, Germania, Austria, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Slovacchia, Russia, Bulgaria, Bielorussia, Lituania, Lettonia, Paesi Bassi, Ucraina, Belgio, Lussemburgo, Francia, Slovenia, Croazia, Bosnia, Grecia, Turchia, Egitto, Georgia.

Dal 2016 Goppion è certificata FSSC 22000 per la Torrefazione e Confezionamento di caffè in grani e macinato. FSSC 22000 è uno schema di certificazione rivolto ad organizzazioni produttrici di alimenti e ha l’obiettivo di armonizzare i requisiti di certificazione ed i metodi per ottenere sistemi di sicurezza alimentare nella filiera, a garanzia del consumatore finale.

Dal 1997 fa parte di CSC®, Caffè speciali Certificati, un Consorzio nato dall’impegno di dieci Torrefattori italiani ricercatori della qualità all’origine, del caffè di piantagione.

Dal 1997 produce a proprio marchio un caffè speciale (NATIVO) certificato da Fairtrade e da CCPB.

Goppion è tra i fondatori del Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale, candidato al riconoscimento da parte di Unesco come bene immateriale dell’Umanità.

 

 

Press info:

 

Davide Cocco - Carlotta Faccio



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

EDIZIONE LIMITATA DI GOPPION CAFFÈ: 70 ANNI IN TRE LATTE D’AUTORE


GOPPION: UN CAFFÈ BUONO DA 70 ANNI


GOPPION CAFFÈ FA SCUOLA IN CAFFETTERIA


HOST 2017: GOPPION PORTA IN FIERA LA STORIA DEL CAFFÈ


GOPPION CAFFÈ E LA BICICLETTA SI DANNO APPUNTAMENTO A L’EROICA CAFFÈ


GOPPION CAFFÈ, A VIENNA APRE LA PRIMA FILIALE ESTERA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ALESSANDRO BREDA FA RIPARTIRE IL GELLIUS

ALESSANDRO BREDA FA RIPARTIRE IL GELLIUS
Riaprono a Oderzo i locali di chef Breda: prudenza e distanziamento, ma senza rinunciare a coperti. A pranzo il bistrot Nyù, a cena il Gellius, tutti i giorni il bar della piazza centrale Riaprono le porte del Gellius. Da domani sera, venerdì 5 giugno, il ristorante stellato di Oderzo (TV) tornerà ad ospitare appassionati e gourmet di tutta Italia dopo tre mesi di chiusura. Erano infatti i primi giorni di marzo quando, per precauzione, in piena ondata Covid-19 lo chef e patron Alessandro Breda aveva deciso di chiudere il ristorante, l’annesso bistrot Nyù e il bar della piazza (continua)

TRAMIN E LA NUOVA VITA DELLA CUCINA D’AUTORE: QUATTRO RACCONTI DI RESILIENZA GOURMET

TRAMIN E LA NUOVA VITA DELLA CUCINA D’AUTORE: QUATTRO RACCONTI DI RESILIENZA GOURMET
Dall’8 giugno in diretta Facebook Cantina Tramin dialoga con l’alta ristorazione che riparte. Con Schöneck, Il Pagliaccio, Agli Amici e Uliassi A partire dall'8 giugno per quattro lunedì Cantina Tramin incontrerà alcuni protagonisti della ristorazione di qualità nel format Tramin e la nuova vita della cucina d'autore. Appuntamento alle ore 18,00 con chef, titolari e sommelier di quattro ristoranti stellati italiani coinvolti in un ciclo di conversazioni con l'enologo Willi (continua)

ASOLO PROSECCO, AL VIA IL NUOVO PIANO DEL “CRU” DI COLLINA

ASOLO PROSECCO, AL VIA IL NUOVO PIANO DEL “CRU” DI COLLINA
Il rebranding sottolinea il forte legame della tradizione del Prosecco con il territorio di Asolo, uno dei borghi più belli d’Italia, e i consumatori italiani ritengono inscindibile il connubio fra il nome Asolo e il nome Prosecco L’Asolo Prosecco cresce e vara la sua nuova strategia, totalmente indirizzata a mettere in luce, sia nei vini che nella comunicazione, il fortissimo legame fra la tradizione locale del Prosecco, le colline del territorio di Asolo e dei paesi vicini.Dopo aver superato i 17 milioni di bottiglie nel 2019 e aver messo a segno un’ulteriore crescita a doppia cifra nel primo quadrimestre 2020 (+ (continua)

TENUTA SETTE CIELI SVILUPPA LA DISTRIBUZIONE IN ITALIA INSIEME AL PARTNER PELLEGRINI

TENUTA SETTE CIELI SVILUPPA LA DISTRIBUZIONE IN ITALIA INSIEME AL PARTNER PELLEGRINI
La Tenuta toscana tra Bolgheri e Castagneto Carducci si propone nella Penisola con i suoi quattro vini a firma dell’enologa Elena Pozzolini Tenuta Sette Cieli si affaccia sul mercato del vino italiano grazie alla collaborazione con il distributore Pellegrini. L’Azienda vitivinicola, i cui terreni sono situati tra Bolgheri e Castagneto Carducci, ha deciso di destinare il 25% della sua produzione all’Italia, mentre il 75% continuerà a rivolgerla all’estero, in particolare a US, Svizzera, Regno Unito, Benelux, Germania, Russia, (continua)

UNIONBIRRAI: IL PORTALE DEDICATO AL MARCHIO SI RINNOVA IN TEMPO DI COVID-19

UNIONBIRRAI: IL PORTALE DEDICATO AL MARCHIO SI RINNOVA IN TEMPO DI COVID-19
IndipendenteArtigianale.it riunisce oltre 200 birrifici col Marchio che tutela i produttori artigianali italiani. Da oggi anche i pub potranno iscriversi al portale IndipendenteArtigianale.it, il portale dedicato ai birrifici italiani che possono fregiarsi dell’omonimo Marchio, cresce e si evolve al passo con i tempi per stare accanto ai piccoli produttori artigianali e, ora, anche ai locali che trattano le loro birre.Il Marchio Indipendente Artigianale, che il pubblico ha imparato a conoscere nei mesi scorsi ed è sempre più diffuso sul territorio nazion (continua)