Home > Libri > Italo Scialdone, sceneggiatore del film Gatta Cenerentola, propone la sua visione di Napoli agli studenti dell'Orientale

Italo Scialdone, sceneggiatore del film Gatta Cenerentola, propone la sua visione di Napoli agli studenti dell'Orientale

scritto da: Renail87 | segnala un abuso

Italo Scialdone, sceneggiatore del film Gatta Cenerentola, propone la sua visione di Napoli agli studenti dell'Orientale


 Italo Scialdone ritorna all'Univesita' Orientale, ma questa volta non nel ruolo di studente, ma salendo in cattedra. Lo sceneggiatore del film Gatta Cenerentola è stato protagonista di uno degli incontri-lezione voluti e organizzati dal docente, regista, videomaker Francesco Giordano, nell’ambito del nuovo ciclo del Laboratorio di Produzioni Audiovisive Teatrali e Cinematografiche all' Università l'Orientale di Napoli, entrato nel vivo con importanti risultati in termini di feedback degli allievi e scambio culturale che tale metodo determina.

Un appuntamento, aperto al pubblico e assai partecipato, molto atteso dagli studenti che stanno mostrando notevole interesse ad incontrare personalità artistiche e professionisti dell'audio-visivo di volta in volta proposti. L'ultimo in ordine di tempo, nella modalita' di un seminario, ha voluto unire e mettere a confronto, in maniera diretta e interattiva con gli studenti, resi partecipi e coinvolti, competenti esperti del settore quali Franco Maione, attore, regista e sceneggiatore teatrale, Pino Sondelli, direttore della fotografia e regista, Vittorio Alberto Dublino, innovatore sociale, VFX film producer, insieme al prof. Giordano, che ha moderato e coordinato la lezione focalizzando l'aspetto della sceneggiatura del film Gatta Cenerentola, un piccolo capolavoro dell'animazione italiana, che ha sbancato con due premi David di Donatello. L'incontro si articola da subito come un dibattito con numerosi interventi e domande da parte degli studenti presenti.

Italo Scialdone racconta da subito la sua esperienza lavorativa di co-autore della sceneggiatura, ma anche modellatore e animatic, sottolineando come scrivere una sceneggiatura sia un lavoro lungo e certosino, che prevede numerosi momenti di revisione. Scialdone ha descritto l'evoluzione di un film, dal soggetto alla realizzazione tecnica: "tutto è basato su un lavoro di gruppo, la squadra nasce dall’incontro di diverse menti e questa unione sinergica ed empatica, unite al talento e alla competenza di ognuno, hanno permesso, attraverso il film Gatta Cenerentola, avanguardia dell'animazione in chiave futuristica e visionaria, di portare alla ribalta internazionale il cinema napoletano". Una sceneggiatura quella di Italo Scialdone, che attualmente vive in Francia, priva di sbavature, che affronta I temi delle metropoli, dalla droga al riciclaggio, alla delinquenza, superando i classici stereotipi su Napoli.

La lettura, da parte di Franco Maione, del soggetto del film suscita interesse nell’animo degli studenti che da subito iniziano ad interloquire ponendo l’attenzione sulla visione di un film che unisce l’aspetto tecnologico dell’animazione a quello onirico. Ecco che emerge una città aperta ad una visione positiva, un messaggio forte rappresentato simbolicamente dalla nave.

L’intervento di Pino Sondelli mette in evidenza l’importanza, nello sviluppare un’idea di sceneggiatura anche dal punto di vista della fotografia, di saper scegliere il modo in cui rappresentarla, commisurato all’aspetto della diversità delle culture, portando agli studenti la sua esperienza fatta in India e suggerendo di dialogare con le persone del luogo, nel quale il film si dovrà rappresentare per afferrare l'anima di cio' che si vuole raccontare.

Scialdone, visibilmente emozionato dal confronto con gli studenti, da cui viene stimolato, affronta poi l’argomento della scelta degli attori basato sullo sviluppo dei personaggi e sulle loro peculiarita' specifiche, supportato delle considerazioni di Franco Maione, che incentra l’attenzione soprattutto sulla differenza degli aspetti tra il ruolo dell’attore nel teatro e nel cinema e sull'importanza sul palcoscenico della comunicazione non verbale, più vicina al cinema muto.

Da ex studente laureato all’Orientale, con una tesi sul film Guerre Stellari, lo sceneggiatore, agli studenti che vogliono avvicinarsi a questo mestiere, consiglia di insistere e non arrendersi alle prime difficoltà, ma soprattutto di non essere individualisti ma far si' che sia una passione condivisa.

Infine Vittorio Dublino ha presentato il progetto “Napoliade”, che parte da un’attività di ricerca, nata proprio all’Università L’Orientale nel 1995, su quello che erano le componenti umanistiche nel campo della sociologia rispetto alle tecnologie emergenti. Attraverso un programma di ricerca applicata con il modello di Business Rebel Alliance, il progetto di ricerca ha portato a costituire ad Hollywood una società di effetti visivi digitali. La sua presenza a Napoli ha lo scopo di dimostrare che nella nostra città, grazie ad esperienze come quelle esposte nel laboratorio, si può fare il cinema ad altissimi livelli, incentrando l’attenzione su un business dell’audiovisivo, del cinema, che non si basi sulla possibilità di fare audience con una narrativa in chiave negativa, ma positiva, avvantaggiando il cineturismo e tutte le ricadute conseguenti in termini di marketing, indotto commerciale, lavoro e immagine.

 

 



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il primo dolce ufficiale in memoria di Maradona a Napoli con Pasticceria Seccia

Il primo dolce ufficiale in memoria di Maradona a Napoli con Pasticceria Seccia
La Pasticceria Seccia, fiore all'occhiello dei Quartieri Spagnoli e da sempre legata al tifo e all'amore per il pibe de oro, lancia nell'ultima domenica di novembre una mignon dedicata alla memoria del compianto Diego Armando Maradona: un bignè craquelin panna e caramello da condividere sui social con l'hashtag #elpibe. La notizia della scomparsa di Diego Armando Maradona ha lasciato tutti sgomenti a Napoli, seconda casa del Pibe de Oro, e le manifestazioni d'affetto che stiamo vedendo in questi giorni ne sono la prova tangibile. Se allo Stadio San Paolo, che presto cambierà nome in suo onore a quanto pare, l’abbraccio di tifosi e appassionati è stato forse il più pittoresco e degno di una rockstar, con le candel (continua)

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano
È già in libreria il racconto “Storia di un (quasi) amore in quarantena”, primo libro del giornalista napoletano Davide Gambardella, edito da Graus e scritto in piena quarantena, quasi un instant book si potrebbe dire. In molti hanno parlato di amori e storie in quarantena, persino di tradimenti, eppure la narrazione di Gambardella è abbastanza insolita e si distingue bene dalle altre pub (continua)

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD
Un progetto ambizioso nasce al Sud, in Campania, e si presenta, con autorevolezza, come un’iniziativa di cui molto probabilmente se ne avvertiva l’esigenza già da mesi, prima del difficile periodo collegato al lockdown. Nasce infatti Gruppo Artisti del Gusto, grazie ad un accentuato spirito di gruppo, ad una coesione tanto visionaria quanto forte tra una quindicina di professionisti, di varia (continua)

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli
A un anno dalla scomparsa di Luciano De Crescenzo i Quartieri Spagnoli di Napoli celebrano l’indimenticabile scrittore napoletano con un’iniziativa artistica a vico Tre Regine (angolo via De Deo): l’inaugurazione sabato 18 luglio alle 11.30 di un mural dal titolo “O pallone miez ‘e macchine”, opera di Michele Quercia e Francesca Avolio. Alla manifestazione, promossa dall’Associazione Quartier (continua)

La proposta del Maestro Pasticcere Gennaro Volpe, la zeppola di San Giuseppe dolce per la festa della Mamma

La proposta del Maestro Pasticcere Gennaro Volpe, la zeppola di San Giuseppe dolce per la festa della Mamma
La Festa della Mamma non ha un dolce simbolo, come il panettone a Natale o la colomba a Pasqua. Perciò Gennaro Volpe, pluripremiato Maestro della storica pasticceria "Volpe" ubicata ai Colli Aminei (Napoli), ha proposto la "Zeppola di San Giuseppe" - già dolce simbolo della Festa del Papà - anche come emblema dei festeggiamenti legati alla Festa della Mamma. Perchè un dolc (continua)