Home > Economia e Finanza > Mercato del petrolio: shock dopo i dati sulle scorte

Mercato del petrolio: shock dopo i dati sulle scorte

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La delusione relativa ai dati riguardanti le scorte, ha finito per penalizzare in modo pesante le quotazioni sul mercato del petrolio. Sui mercati sia il Brent che il WTI sono andati pesantemente in discesa, dopo che il Dipartimento dell'energia americana (EIA) ha reso noto che il calo delle scorte è stato molto meno sostenuto delle previsioni.

I dati sulle scorte e la reazione del mercato del petrolio

mercato del petrolioL'Energy Information Administration ha infatti pubblicato che nell'ultima settimana le scorte strategiche di petrolio sono scese di soli 1,351 milioni di barili. Secondo gli analisti del mercato del petrolio la discesa avrebbe dovuto essere di quasi il doppio, a 2,3 milioni. Sul mercato quindi continua a ciroclare più petrolio, e questo esercita una pressione al ribasso sui prezzi. Pressione che peraltro si fa ancora più forte, tenendo conto che si veniva fuori da una settimana dove addirittura le scorte erano finanche aumentate di 3,8 milioni.

Dopo la diffusione di questi dati, la quotazione dell'oro nero ha accentuato il suo ribasso. Il WTI (consegna a settembre) è precipitato sotto quota 66.96 dollari (-3,22%). Il Brent (consegna ottobre) non ha certo fatto meglio, visto che ha chiuso in ribasso del 3,17%, a $ 72.28 al barile. In quest'ultimo caso, il grafico mosta anche una delle figure di continuazione trading che fa ritenere una prosecuzione della scia ribassista.

Consiglio: se fate trading sulle materie prime, tenete conto delle correlazioni con le valute (specie il dollaro). Osservate in proposito i dati di una qualsiasa piattaforma online trading forex.

L'EIA ha inoltre reso noto che le riserve di benzina sono aumentate di 2,9 milioni, mentre gli stocks di distillati sono cresciuti di 1,23 milioni.

Tensione USA con Cina e Iran

Sul mercato del petrolio continuano a pesare due eventi in particolar modo. Anzitutto l'escalation delle tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti. l timore dei mercati  che potrebbero portare a un rallentamento del ritmo dell'economia mondiale e di conseguenza al calo della domanda di petrolio. In secondo luogo, la tensione USA-Iran potrebbe incidere in modo forte sulle esportazioni di petrolio della Repubblica Islamica.

petrolio | figura di continuazione trading | piattaforma online trading forex |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Recupero SMS Cancellati e Chat da Cellulare, Smartphone e Tablet a Roma


Mercato del petrolio, focus sul meeting OPEC+... che è stato rinviato


Produzione di petrolio, l'accordo OPEC+ rassicura il mercato


Recupero Foto Cancellate da Cellulari e Smartphone a Roma


Recupero Dati a Roma ? Scegli il servizio di Newtechsystem Recupero Dati


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato dell'auto, l'Europa ha vissuto un altro anno flop

Se consideriamo i diversi principali Paesi dell'Unione Europea, l'unica che può sorridere è l'Italia, dov'è stato registrato un aumento del 5,5% In Europa il mercato dell'auto continua a vivere una situazione problematica. La crisi pandemica e la carenza di semiconduttori che blocca i processi produttivi, hanno innescato una nuova frenata nell'Europa occidentale.I numeri negativi del mercato dell'autoIl mercato che raggruppa i paesi della UE, il Regno Unito e l'Efta hanno infatti chiuso l'anno 2021 con un bilancio nuovamente negativo. In b (continua)

Miliardi che vanno in fumo nelle Borsa, penalizzate dalle minute della FED

La diffusione dei verbali dell'ultimo meeting di politica monetaria della FED hanno affossato le Borse. La banca centrale americana si è rivelata più falco del previsto, preannunciando non solo delle strette monetarie ma anche la riduzione del bilancio da 8.800 miliardi di dollari. Dopo il netto calo di Wall Street avvenuto ieri e quello delle piazze asiatiche arrivato nelle prime ore di questa g (continua)

Investimenti, i mercati azionari viaggiano in moderata salita

Giornata di acquisti sui mercati azionari del Vecchio Continente. Anche se comunque si è trattato di sessioni blande, perché il clima vacanziero ha prodotto volumi bassi di investimenti e neppure dal calendario economico arrivavano grandi spunti. Pesa anche la chiusura di Londra, oggi e domani. Nel mondo sono rimaste chiuse anche la Borsa di Hong Kong e quella australiana. A dare una piccola spin (continua)

Fallimento, per Evergrande la srtada sembra ormai tracciata

Evergrande, l’agenzia di rating Fitch ufficializza il default. Pechino lavora per scongiurare un effetto dominoLa crisi del colosso cinese Evergrande è sempre più profonda. Quasi definitiva. Siamo infatti sull'orlo del fallimento, come ha sancito l'agenzia di rating Fitch declassando ulteriormente la società immobiliare del Dragone (e delle sue sussidiarie Hengda Real Estate e Tianji Holding).Ever (continua)

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)