Home > Economia e Finanza > Prestiti per lo studio: erogati oltre 87 milioni di euro negli ultimi 7 mesi

Prestiti per lo studio: erogati oltre 87 milioni di euro negli ultimi 7 mesi

articolo pubblicato da: ufficiostampa@facile.it | segnala un abuso

Prestiti per lo studio: erogati oltre 87 milioni di euro negli ultimi 7 mesi

 

A breve per oltre 9 milioni di studenti suonerà la campanella e molte famiglie dovranno fare i conti con il caro-scuola. Tra costi di iscrizione, rette, acquisto libri e materiale didattico, però, la spesa totale potrebbe essere molto elevata, tanto che, secondo le stime di Facile.it e Prestiti.it nel corso dei primi sette mesi del 2018 sono stati erogati prestiti personali pari ad oltre 87 milioni di euro per pagare i costi legati a studio, formazione e università.

Dall’esame di un campione di oltre 75.000 domande di prestito personale presentate tramite i due portali tra l’1 gennaio 2018 e il 31 luglio 2018*, è emerso che chi si è rivolto ad una società del credito per sostenere i costi legati alla formazione ha cercato di ottenere, in media, 7.664 euro, somma che intende restituire, sempre in media, in 4 anni e mezzo (55 mensilità).

«Le spese legate allo studio possono essere molto elevate; secondo Federconsumatori uno studente universitario fuori sede, ad esempio, arriva a pagare più di 9.000 euro l’anno se si considerano anche vitto, alloggio e trasporti. L’impegno economico sale se ci si iscrive a un master o un corso post-universitario, ma anche chi manderà i propri figli al nido potrebbe dover sostenere esborsi non indifferenti», spiega Andrea Bordigone, responsabile BU Prestiti di Facile.it. «Ricorrere ad un prestito personale per sostenere i costi legati alla formazione può quindi essere una strategia efficace per ridurre l’impatto di queste voci sul budget familiare».

Per calcolare quanto può pesare sul bilancio di una famiglia un tipo di prestito come quello connesso allo studio, Facile.it ha svolto una simulazione analizzando le migliori offerte di finanziamento attualmente disponibili; chiedere oggi un prestito personale per lo studio pari a 7.600 euro, da restituire in 5 anni, equivale a sostenere una rata mensile che varia tra i 149 euro e i 162 euro, con un Taeg compreso tra il 7,10% e l’11,26%.

Dall’analisi delle domande di prestito personale destinato alla formazione e allo studio è emerso un altro dato interessante; quello legato alla percentuale di richieste provenienti da donne, molto più elevata rispetto ad altre tipologie di finanziamento. Guardando alle richieste totali, il campione femminile rappresenta, normalmente, circa un quarto delle richieste; nel caso dei prestiti personali destinati allo studio, invece, il peso percentuale delle donne sale fino ad arrivare al 38%.

 

* L’analisi è stata realizzata su un campione di 77.338 richieste di prestito personale presentate tramite Facile.it e Prestiti.it tra ll’1 gennaio 2018 e il 31 luglio 2018.

** Miglior offerta disponibile su Facile.it in data 27/08/2018

Facile it | Prestiti it | prestiti personali | prestiti per lo studio | scuola | università |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Prestiti personali: il tasso negativo arriva a - 1,5%


Prestiti fiduciari


Prestiti di opinionZine.com dà voce alla tua esperienza


Luigi Ferraris AD Terna illustra i risultati del primo trimestre 2017


I vari tipi di prestiti inpdap


I vantaggi dei piccoli prestiti inpdap facili


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Truffe e telefonia mobile; come non cadere in trappola

 Truffe e telefonia mobile; come non cadere in trappola
Secondo alcuni recenti dati di mercato (Rapporto Digital 2018) l'Italia è il terzo Paese al mondo per penetrazione di telefoni cellulari alle spalle solo di Corea del Sud ed Hong Kong. Gli italiani passano ore a parlare o navigare tramite cellulare, ma non sempre sono contenti del loro operatore e, anzi, secondo un'indagine svolta per Facile.it dall'istituto di ricerca mUp Research i (continua)

RC Auto: in Veneto premi in aumento dell’1,9% a maggio 2019

RC Auto: in Veneto premi in aumento dell’1,9% a maggio 2019
Notizie in chiaroscuro per gli automobilisti veneti; secondo l’Osservatorio RC auto di Facile.it, dopo un primo trimestre positivo, caratterizzato da un calo generalizzato delle tariffe medie RC auto, a partire dal mese di aprile i premi hanno ripreso a salire tanto che, a maggio 2019, per assicurare un’auto in Veneto servivano, in media, 456 euro, vale a dire l’1,9% in pi&ugra (continua)

Prestiti per le vacanze: erogati oltre 72 milioni di euro in 5 mesi

Prestiti per le vacanze: erogati oltre 72 milioni di euro in 5 mesi
  A breve scatteranno le vacanze estive per milioni di italiani; un appuntamento a cui pochi sembrano voler rinunciare e sono sempre di più coloro che, per far fronte ai costi di un viaggio, scelgono di ricorrere ad una società di credito. Secondo le stime di Facile.it e Prestiti.it, nei soli primi 5 mesi del 2019 sono stati erogati oltre 72 milioni di euro in prestiti personal (continua)

RC Auto: nel Lazio premi in calo del 3,6% nei primi 4 mesi

RC Auto: nel Lazio premi in calo del 3,6% nei primi 4 mesi
  Buone notizie per gli automobilisti laziali; secondo l’Osservatorio RC auto di Facile.it nel corso dei primi 4 mesi del 2019 il premio medio nel Lazio è diminuito tanto che, ad aprile 2019, per assicurare un’auto nella regione servivano, in media, 551,81 euro, il 3,6% in meno rispetto a gennaio 2019. Il calo delle tariffe laziali è ancor più significativo (continua)

Bollette luce e gas: ogni anno 120.000 morosi tentano invano di cambiare fornitore

Bollette luce e gas: ogni anno 120.000 morosi tentano invano di cambiare fornitore
Secondo le stime di Facile.it, nel 2018 sono stati più di 120.000 gli italiani che, dopo aver saltato il pagamento di una o più bollette luce e gas, hanno cercato di cambiare fornitore di energia. Il dato arriva dall’analisi realizzata dal comparatore su un campione di oltre 20.000 contratti di cambio fornitura raccolti nel 2018, dai quali è emerso come il 2,8% delle ric (continua)