Home > News > Napoli’Den İstanbul’A (Da Napoli a Istanbul)

Napoli’Den İstanbul’A (Da Napoli a Istanbul)

scritto da: Mimmo.Media84 | segnala un abuso

Napoli’Den İstanbul’A (Da Napoli a Istanbul)


Gala internazionale per il Calendario Di Meo, 17ª edizione Sabato 17 novembre, ISTANBUL Çiragan Palace Un progetto dell’associazione culturale “Di Meo Vini ad Arte” La cultura e le architetture, le musiche e il caffè, il golfo e il bosforo, i canti processionali lungo le basiliche e le preghiere dei müezzin nei minareti. È l’essenza del Mediterraneo. Napoli’Den İstanbul’A, appunto da Napoli a Istanbul. È questa l’avventurosa navigazione suggerita per il 2019 dall’associazione Di Meo Vini ad Arte presieduta da Generoso Di Meo – già insignito dalla Camera dei deputati dell’Italian Talent Award per il suo ruolo di ambasciatore del made in Italy – che il 17 novembre avrà la sua cerimonia internazionale al Çiragan Palace di Istanbul, la sontuosa residenza voluta dal sultano Abdülaziz. Un gala di valore mondiale a cui parteciperà un parterre di artisti, intellettuali, celebrities, studiosi, durante il quale verrà presentato ufficialmente il calendario che rende concreto, sensibile e elegante il gemellaggio tra Napoli e la città cerniera Europa|Asia. Nel vorticoso viaggio visivo sulla rotta che conduce dai palazzi dei decumani cristiani ai quartieri antichi dell’islam interviene il fotografo Massimo Listri che con occhio sensuale e diligente ritrae in dodici inquadrature ad hoc scene, storie, emozioni e personaggi che riassumono la convivenza, la rivalità, il dinamismo delle due capitali. Dal Topkapi Palace al dipinto dell’Ambasceria turca a Napoli (opera di Giuseppe Bonito custodito nel Palazzo Reale di piazza Plebiscito); dalla Moschea Kilic Ali Pasa al Ballo dell’ape nell’harem conservato nel Museo di Capodimonte. Fino al Palazzo di Venezia (sede dell’ex ambasciata italiana a Istanbul), agli hamam alla Cisterna Basilica di Sultanahmet. Ciascuna fotografia gode di un testo narrativo|emotivo a firma di rare personalità: tra le altre, Ilber Ortayli, Rosita D’Amora, Dinko Fabris, Nedim Gürsel. Un’intesa cosmopolita che nei secoli è stata crudele, per via del business degli schiavi nel Seicento documentato nei carteggi protetti nell’Archivio storico del Banco di Napoli, e però anche comica: prima con la farsa Nu turco napulitano di Eduardo Scarpetta (1888) poi con l’adattamento cinematografico Un turco napoletano (1953), di cui fu protagonista Totò. Che nel suo certificato di nascita riuscì a essere riconosciuto quale Principe di Bisanzio (nonché della risata). E ancora, la relazione espressa nelle canzoni e nel teatro d’opera, e nelle statuine del presepe, e nelle mutazioni dei nomi: Parthènope_Neapolis_Napoli, da un lato. Dall’altro, Bisanzio_Costantinopoli_Istanbul. Reciproche testimonianze millenarie di una familiarità dei territori che il mondo moderno non può trascurare. E che proprio di recente sono state riportate a galla dal lungometraggio Napoli velata diretto da Ferzan Ozpetek. L’edizione numero 17 del Calendario Di Meo – tra le precedenti edizioni si possono ricordare Lisbona, Vienna, Mosca, Parigi, Marrakech, Londra – pone una accanto all’altra due popolazioni che già a tavola trovano simbiosi. Dal caffè al pescato fresco alle evoluzioni della pizza. È, dunque, un esperimento ogni volta elettrizzante, la mission svolta dall’associazione Di Meo Vini ad Arte, che stagione dopo stagione trova partner e sostenitori e aficionados che non vogliono mancare alle serate di lancio internazionale del prestigioso oggetto da collezione. Che è, indiscutibilmente, un ponte privilegiato per la conoscenza e la convivenza culturale contemporanea. A Istanbul, nella cerimonia programmata per sabato 17 novembre, il vortice della danza collettiva avrà quale fonte privilegiata Ayhan Sicimoglu e la sua band di 11 elementi che pulsa un mood turco-latino-cumbia: ne sono sintesi İstanbul pas Costantinople, Birakma Beni (quasi derivasse da Underground di Emir Kusturica), Historia de un amor (hit di Luis Miguel). A seguire, il guru della consolle Dj Ghiaccioli e Branzini, originario di Torino e già autore di remix per Fabi|Silvestri|Gazzè e per Peppe Voltarelli, abilissimo nel frullare beat vintage, atmosfere jazz e polmoni funk.La baia e lo stretto. Le tammurriate e i dervisci. I maccheroni e le dolma. Napoli’Den İstanbul’A. www.dimeo.it | www.dimeoviniadarte.it


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Analyse der Ursache des Wasserhahnversagens


Catapano Giuseppe: La violenza sulle donne


Interoute lancia il nuovo Virtual Data Centre di Istanbul


Din egen stil


Shopping selvaggio? Ad Istanbul c’è lo Shopping Fest


Strage Istanbul: catturato il killer. L'uzbeko confessa: "Ho agito per l'Isis"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Los Angeles Film Awards (LAFA), Paco De Rosa vince il premio come miglior attore

Los Angeles Film Awards (LAFA), Paco De Rosa vince il premio come miglior attore
L’attore partenopeo protagonista del film "Ed è subito sera"  Paco De Rosa vince il premio come miglior attore al “Los Angeles Film Awards (LAFA)”, grazie alla sua interpretazione nel film: "Ed è subito sera".L’attore, dopo aver vinto il premio come miglior attore drammatico al Best Actor Awords, ha ottenuto anche questa nomination per la sua performance nel film che racconta, in chiav (continua)

Giornata Mondiale Ambiente, Turboalgor: “Riduciamo l’impatto della catena del freddo”

Giornata Mondiale Ambiente, Turboalgor: “Riduciamo l’impatto della catena del freddo”
La startup innovativa che impatta sui consumi energetici della refrigerazione industriale e domestica, tra i più nocivi per il Pianeta PERUGIA, 3 GIUGNO 2020«La catena del freddo impatta per il 17% sui consumi energetici del Pianeta e la nostra tecnologia, applicata alla refrigerazione industriale e domestica, consente di recuperare l’energia altrimenti persa, riducendo l’impatto degli impian (continua)

#Swff2019, BELLAFRONTE di Andrea Valentino e Rosario D'Angelo miglior corto nella sezione "Focus" del Social World Film Festival 2019.

#Swff2019, BELLAFRONTE di Andrea Valentino e Rosario D'Angelo miglior corto nella sezione
Sabato 3 agosto, nella splendida cornice di Vico Equense, si è tenuta la serata di premiazione del Social World Film Festival, giunto alla nona edizione. Bellafronte (regia di Andrea Valentino e Rosario D'Angelo), una favola dai toni di dark comedy, ha vinto la sezione Focus dedicata ai cortometraggi. Una piccola favola ambientata al sud Italia, tra mare e montagna con un protagonista sorp (continua)

“Clandestino” di e con Gianfranco Gallo

“Clandestino” di e con Gianfranco Gallo
Uno spettacolo inedito per l'evento prodotto da Subcava Sonora L'impegno civile dell'artista in scena nell'ambito di Estate a Napoli 2019 Porte Aperte alla serata: biglietti gratuiti per le comunità di migranti Sabato 20 luglio, ore 21.00, Maschio Angioino Sabato 20 luglio, dalle ore 21.00 al Maschio Angioino di Napoli la prima assoluta di “Clandestino”, il nuovo spettacolo sc (continua)

Il più giovane Project Manager di Italia è di Secondigliano: Vincenzo Vinciguerra

Il più giovane Project Manager di Italia è di Secondigliano: Vincenzo Vinciguerra
NAPOLI - Il più giovane Project Manager di Italia è di Secondigliano. Vincenzo Vinciguerra, classe 1984, ha conquistato il titolo dopo il superamento dell’esame presso AICQ SICEV di Milano. Vincenzo Vinciguerra è nato è cresciuto nella periferia Nord di Napoli, in anni difficili, attraversati e segnati dalla malavita, e dalle note guerre tra i clan camorristici, raccontate nelle famose pagin (continua)